Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Sezioni dell’articolo



L’articolo è rivolto a coloro che vogliono imparare a rendere qualcosa di più complesso dal muro a secco rispetto al rivestimento piatto di pareti e soffitti. Suggeriamo di padroneggiare i metodi tecnologici usando l’esempio delle strutture volumetriche comuni. Troverai molti consigli utili qui.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Il muro a secco è giustamente considerato il materiale più versatile e al momento assolutamente insostituibile, sia per la costruzione che per la riparazione. Consente la finitura, la riduzione dell’enormità delle strutture, la riduzione dei costi di ogni metro quadrato, l’aumento della velocità di attuazione del progetto, l’eliminazione di lavori bagnati e che richiedono tempo. Con l’aiuto di sistemi completi di cartongesso, puoi dare vita a una grande varietà di idee progettuali, allontanarti dal rivestimento meccanico standard e creare uno spazio interno in plastica unico. Semplicemente non si contano le opzioni artistiche, si tratta di nicchie e sovrapposizioni, scatole e false colonne, piloni e console, cupole e archi, elementi volumetrici arrotondati di varie configurazioni. Non dimenticare i prodotti puramente utilitari del cartongesso, che sono scatole che coprono i tubi delle fognature nel bagno, pendenze alle finestre, aperture decorate tra le stanze.

I fogli di cartongesso sono facili da elaborare e possono essere piegati a raggi diversi, il loro piccolo spessore consente di ricreare le minime sfumature di uno schizzo / disegno. Ma la lastra stessa non può diventare la base del prodotto; l’installatore deve selezionare e utilizzare correttamente gli elementi di fissaggio, i profili metallici necessari e i materiali di finitura. Questo lavoro è sempre creativo, ma richiede la conoscenza delle tecniche tecnologiche di base da parte del lavoratore del muro a secco..

Scatole GKL

La scatola è una sovrastruttura allungata di secondo livello, quadrata o rettangolare in sezione trasversale. Di norma, questo elemento è costruito per nascondere comunicazioni ingegneristiche, montare lampade ad incasso, creare ripiani o falsi travi decorative.

Esistono due tipi principali di scatole in base alla progettazione:

  • elemento angolare a forma di L che viene assemblato orizzontalmente tra il pavimento / soffitto e la parete, oppure verticalmente (nell’angolo tra le pareti);
  • Elemento a forma di U (falso raggio) rimosso dall’ostacolo, che è assemblato su una superficie di appoggio.

Le caselle possono essere singole, estese in una riga. Sui soffitti, sono spesso combinati per formare un contorno in tutta la stanza. Le scatole del soffitto intorno al perimetro non hanno sempre una sezione trasversale costante: vicino a pareti diverse possono essere più larghe o più strette, gli angoli del loro reciproco raccordo sono talvolta realizzati sotto forma di un quarto di cerchio. Naturalmente, le strutture orizzontali e verticali sono considerate scatole..

L’installazione di scatole per cartongesso viene eseguita in modo più conveniente su piani allineati orizzontalmente e verticalmente (massetto di finitura, intonaco di finitura, soffitto e parete cuciti sul telaio). Con questa sequenza di lavoro, gli angoli e i bordi della sovrastruttura della scatola per l’intera lunghezza sono resi equidistanti dalle superfici principali, quindi sono disponibili diverse tecnologie per organizzare il telaio per la scatola. È molto più difficile lavorare se la scatola deve essere attaccata a strutture di chiusura ruvide che hanno tutti i tipi di gocce. Ad esempio, una soluzione di design molto popolare è quando una scatola con lampade da infilare è montata attorno al perimetro della stanza e una tela elastica è già attaccata ad essa, coprendo l’area principale del soffitto. Qui, il metallo della sovrastruttura è fissato direttamente al soffitto, mentre la parte inferiore del telaio deve essere accuratamente allineata orizzontalmente lungo un intero sistema di corde, poiché le lastre interfloor giacciono sempre con differenze. I piani monolitici di nuovi edifici moderni della classe d’élite non fanno eccezione..

Quindi, l’installazione di qualsiasi scatola inizia con la marcatura del suo contorno sulle strutture che la racchiudono. La distanza richiesta con l’aiuto di un metro a nastro viene separata dall’ostacolo, che funge da punto di riferimento. Ad esempio, se abbiamo bisogno di creare un elemento a forma di L a soffitto in un angolo con lati di 400 e 150 mm, quindi a una distanza di 38,5 cm dal muro mettiamo due segni sul soffitto che sono distanti tra loro (alle diverse estremità della stanza), a loro volta, su i segni delle pareti saranno a una distanza di 13,5 cm dal soffitto. Si noti che abbiamo sottratto 1,5 cm, poiché il telaio sarà rivestito con pannelli di spessore 12,5 mm e un angolo perforato può aggiungere fino a 2,5-3 mm di spessore. Se stiamo lavorando su un soffitto già cablato e siamo sicuri della qualità del suo assemblaggio, non ha senso usare un livello idrico per ottenere un orizzontale: “danziamo” dal piano finito. Ma quando la scatola è montata sul soffitto, non si può fare a meno di una livella a bolla d’aria, la stessa storia con un filo a piombo per assemblare una scatola verticale.

Colleghiamo i segni nelle linee di lavoro con un filo da taglio (tracciante), la cosa principale in questa operazione è assicurarsi che il filo tinto nel toner non si attacchi a nulla quando si fa clic. Non usare doghe e una matita per ottenere linee di scatole lunghe, nessuna regola, se deve essere riorganizzata almeno una volta, non darà tale precisione come un filo da taglio.

Su linee di lavoro, è possibile impostare immediatamente i profili di UD, che in questo caso sono portatori. Utilizzando tasselli 6×40 o 6×60 “a montaggio rapido”, fissiamo il metallo di partenza su massicci substrati minerali. Si consiglia di effettuare il passaggio minimo tra i tasselli – da 30 a 40 cm.

Se la scatola è realizzata sopra il muro a secco, l’UD è fissato al sottosistema di base con viti metalliche standard lunghe 25 mm (per rivestimento a strato singolo) e 35 mm (per doppio strato).

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Attenzione, quando si imposta e si risolve l’UD, essere guidati dalle linee, ma attaccare sempre la regola ad esse dal lato.

C’è un punto molto importante per quanto riguarda le sovrastrutture sul sistema GK: le viti autofilettanti che fissano l’UD devono cadere nei profili del telaio. Per fare ciò, raccomandiamo che anche durante l’assemblaggio di pareti e soffitti, fornisca elementi incorporati per il montaggio della scatola. Ad esempio, è possibile spostare deliberatamente il profilo del CD (se non è un docking) nel posto giusto di alcuni centimetri, inserire un rack aggiuntivo (anche durante la creazione di una partizione di frame), assemblare una “scala”. Se questa sfumatura è stata trascurata, puoi tagliare i fori tecnologici nella pelle (in modo che vengano quindi chiusi con una scatola), iniziare a tagliare i profili dietro i pannelli di cartongesso e avvitarli con viti autofilettanti, ottenendo la base per le viti della sovrastruttura.

Ora puoi iniziare ad assemblare i profili di sagomatura. L’opzione più potente è quando una struttura completa è assemblata da metallo e solo allora è rivestita con strisce di gesso. Spesso, due UD intrecciati, rivolti in direzione opposta, vengono posizionati lungo l’angolo esterno e molti ponticelli vengono utilizzati per esporre tutto questo. Alcuni installatori usano un telaio del genere ovunque, sebbene tale rigidità sia giustificata solo vicino al pavimento, ad esempio quando si avvolge un tubo di fognatura orizzontale in un bagno (sono possibili pressioni, calci) o quando si crea uno scaffale orizzontale a forma di U (forze di flessione significative agiscono su di esso).

Ottimale in termini di resistenza e consumo di materiale può essere considerato una scatola, in cui è installato un solo UD all’angolo, fissato all’orizzonte dal soffitto sulle sezioni della sala centrale che svolgono il ruolo di smagliature. Gli scaffali possono essere rivolti verso la parete e il soffitto. È conveniente creare prima il lato della scatola, rivestirlo con una striscia di cartongesso e quindi esporre la parte inferiore della sovrastruttura. In ogni caso, alcuni CD saranno inclusi nella CA, mentre altri richiedono un adattamento:

  • avvitare piccoli segmenti all’UD angolare;
  • tagliare le lingue su CD;
  • produzione di ritagli nello scaffale sull’UD in modo che il CD possa entrare.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Alcuni artigiani possono fare a meno di un CD come smagliature, fissano una striscia verticale di cartongesso chiaramente preparata alla base, avvitano un UD o un CD (lungo il bordo) attraverso il corpo, quindi attaccano e fissano una seconda striscia orizzontale con viti autofilettanti. L’allineamento viene eseguito premendo le strisce o tirandole lungo la linea dell’angolo esterno. Il CD viene utilizzato solo per unire diverse sezioni di cartongesso. Con l’apparente “debole”, questo metodo fornisce una rigidità sufficiente al prodotto, in particolare sui soffitti in cui è escluso l’impatto meccanico sulla struttura.

È stato verificato da tempo che anche sulle pareti del cartongesso senza metallo si trasporta perfettamente e resiste bene allo stress meccanico. Esistono tecnologie “dal produttore” che ti consentono di creare scatole senza metallo. Una fresa con utensili conici sul retro del foglio (lungo le linee di curvatura) ritaglia scanalature a forma di V in modo da non danneggiare il pannello frontale del pannello.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Quindi il foglio viene piegato, i punti di piegatura all’interno sono rinforzati con “bloopers” dallo stucco. Il prodotto finito viene avvitato sul cuscinetto UD. È interessante notare che, utilizzando vari tronchesi, è possibile creare non solo una sezione rettangolare della scatola, ma anche angoli acuti e aperti, che è molto problematico eseguire sul telaio.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Si ottengono telai molto veloci e affidabili se si utilizza un profilo di pavimentazione iniziale UW con una larghezza di 50, 75, 100 mm per disporre il lato o UD, se è necessaria una scatola di circa 40 mm di altezza per essere pulita. È diretto “dall’angolo” della scatola e avvitato alla base con una mensola. Questo metodo è un po ‘più costoso, ma molto facile da implementare, poiché l’impostazione problematica è ridotta al minimo.

I bordi di qualsiasi riquadro sono disposti su una riga quando i ponticelli vengono posizionati dal CD. Durante questa operazione, si consiglia di applicare una regola per rack lungo al bordo del prodotto. Puoi anche tirare un filo ad una certa distanza dalla posizione di progettazione dell’angolo esterno della scatola (circa 5 centimetri) e misurare regolarmente la distanza da esso con un metro a nastro. Un indicatore di una scatola ben assemblata è la presenza di 90 gradi in tutti i suoi angoli, quindi, tra la base e i lati è necessario “guidare” un quadrato.

Durante la cucitura di scatole con pannelli in cartongesso, ti consigliamo di raccoglierli con un margine di 3-4 cm di larghezza e già in posizione, dopo il fissaggio, per effettuare il taglio finale e pulire l’estremità con un piano.

Presta attenzione ai luoghi in cui le scatole sono collegate tra loro, l’archiviazione qui deve essere eseguita con un approccio al piano adiacente, cioè dobbiamo fare uno “stivale” di gesso. La medicazione deve essere di almeno 200 mm.

Nicchie in cartongesso

Una nicchia può essere realizzata su qualsiasi superficie rivestita con cartongesso sul telaio. Anche nella partizione, è possibile creare finestre, tuttavia la larghezza non supera la distanza tra i messaggi. Nella maggior parte dei casi, questo elemento svolge una funzione decorativa: può essere una combinazione di più recessi dello stesso o differire per forma e dimensioni. Spesso la loro pendenza inferiore è coperta di vetro, MDF, specchio o altro materiale resistente e utilizzata come ripiano. Le nicchie con la parte superiore arrotondata (ad arco) sembrano spettacolari; è molto popolare ora tagliare piccole lampade nella pendenza superiore, ottenendo così un’illuminazione decorativa. Forse la più pratica e la più utilizzata è la nicchia del radiatore, parliamone più in dettaglio.

La costruzione della nicchia inizia durante la costruzione del telaio a parete. Prima di tutto, i contorni del nostro prodotto devono essere contrassegnati sul muro. Le strutture rettangolari devono essere disegnate rispettando le linee verticali e orizzontali, questo è il raro caso in cui un intonaco per cartongesso utilizza un livello di cremagliera piccolo. Assicurati di controllare le diagonali perimetrali per assicurarti che il disegno sia quadrato..

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Ora il sottosistema del muro viene assemblato. Due rack CD del telaio devono essere installati lungo i bordi delle pendenze laterali della nicchia. La distanza tra loro dovrebbe essere uguale alla larghezza del prodotto con compensazione sulla lastra di gesso. Ad esempio, se abbiamo bisogno di una nicchia larga 1 metro, è necessario che ci siano 1030 mm tra la sala centrale.

Presta attenzione ai “extra” 30 mm: saranno “mangiati” da strisce di muro a secco e angoli forati. Si consiglia di prestare particolare attenzione alla marcatura delle nicchie nei bagni, dove anche tali aperture sono piastrellate (un errore comune è la mancata corrispondenza delle cuciture). Questi rack per telaio sono disposti su un piano insieme all’intera parete, l’unica differenza è che non è installata una sospensione diretta dal lato della nicchia.

Inoltre, si forma la nervatura delle pendenze superiore e inferiore (nelle nicchie del radiatore potrebbe non esserci una inferiore). I ponticelli devono essere installati tra i montanti fissi ed esposti a una certa altezza. È meglio farli da UD, con gli scaffali rivolti verso l’alto e, di conseguenza, verso il basso. Un pezzo del profilo di partenza viene misurato lungo la larghezza della nicchia (dalla casa centrale alla casa centrale) e si aggiungono 20 cm a questa dimensione: su ogni bordo di questo UD, facendo un passo indietro di 10 cm, gli scaffali vengono tagliati e il profilo viene piegato, formando un “bastone”. Lo stick a doppia faccia è avvolto tra i montanti del CD ed è fissato ad una determinata altezza con almeno due viti autofilettanti LN attraverso ciascun occhio risultante.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Nei nostri ponticelli inseriamo i profili della casa centrale, che si troveranno sopra e sotto la nicchia, spostiamo questi elementi del telaio a parte secondo il passaggio dato e rivestiamo il muro con pannelli di gesso. Leggi la creazione di falsi muri nell’articolo “Pareti in cartongesso”.

Quindi, all’uscita abbiamo un’apertura sul piano del muro allineato. Il passo successivo lungo il contorno del disegno sulla parete portante, nelle profondità della nicchia, eseguiamo il drill down dei profili UD. A volte questo viene fatto immediatamente dopo la marcatura, ma è meglio se, dopo aver creato l’apertura, si controlla con un quadrato per vedere se si ottiene un angolo retto sulle pendenze della nicchia. Succede che sia necessario un aggiustamento.

In base alla profondità della nicchia, tagliamo le strisce dal muro a secco, creiamo un margine di circa 3 cm di larghezza, le tagliamo dopo averle avvitate. Riempiamo le pendenze del nostro prodotto con muro a secco, dopo aver fissato ogni striscia su di essa, fissiamo un pezzo trasversale di UD, creando un perimetro metallico completo per ogni pendenza successiva.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Il tocco finale è la finitura superficiale ad incasso. Di norma, affinché la larghezza di tutte le pendenze della nicchia sia la stessa, la sezione della parete interna deve essere allineata parallelamente al rivestimento anteriore, qui è possibile assemblare un mini telaio o attaccare un pezzo di muro a secco sulla colla di montaggio. In ogni caso, gli angoli interni risultanti devono essere incollati con nastro di rinforzo prima del riempimento..

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

È possibile creare qualsiasi nicchia utilizzando questa tecnologia. Se è necessario ricreare forme curvilinee, i profili UD dell’apertura sono dentellati con una smerigliatrice e montati lungo un determinato raggio. Quando si monta la nicchia del soffitto per le tende, c’è solo una differenza: un fastidio, a causa della piccola apertura è impossibile utilizzare un normale cacciavite per avvitare la striscia. Gli artigiani qui si accontentano di trapani angolari o un’estensione flessibile della punta. Poche persone sanno che una vite autofilettante di alta qualità può essere avvitata in un profilo anche con un cacciavite manuale, quindi prendi la più corta, con una croce PH2, e monta l’intonaco anche nei punti più pizzicati. E, naturalmente, scegli i materiali meticolosamente – leggi l’articolo “Scelta di materiali di alta qualità per i lavori a secco”.

Piste GKL

L’installazione di porte e finestre è tecnologicamente in qualche modo simile all’assemblaggio di una nicchia: in realtà, questo è anche un prodotto da incasso sul piano principale.

Se un muro con una finestra è rivestito sul telaio, i rack più vicini alla struttura traslucida vengono posizionati lungo il bordo della pendenza futura. Nella maggior parte dei casi, questi CD formano anche il bordo della nicchia del radiatore, ma, rispetto alle nicchie, le pendenze non sono montate ad angolo retto rispetto ai telai. Ciascuno dei pilastri si trova a circa 1–1,5 cm di distanza dalla finestra per formare un “alba”. Fai lo stesso con le porte..

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Un ponticello è posizionato sopra la finestra con una data alba dal telaio, l’altro è fissato in basso (abbassarlo di 30-40 mm sotto la finestra in modo che sia possibile inserire il davanzale). Raccomandiamo di creare ponticelli dall’UD, questi sono gli stessi “club” che abbiamo descritto sopra. Il telaio a parete è completamente assemblato e rivestito con pannelli.

Ora, dopo aver installato il davanzale della finestra, un profilo di plastica iniziale a forma di U è montato sul telaio della finestra. È avvitato al bordo del sistema di finestre con viti autofilettanti LN da 9 mm. Il profilo può essere incollato su strutture in PVC con “plastica liquida”.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Se l’apertura lo consente, le strisce di pendenza non possono essere unite ai telai e al bottino con l’aiuto della striscia di partenza, ma essere condotte dietro i profili della finestra o il telaio della porta.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

ecco

Tutte le strisce di cartongesso preparate vengono contemporaneamente inserite nella striscia di partenza (quella superiore rimarrà su quelle laterali), dopo di che si sono espanse vicino ai telai, premute contro il telaio dell’apertura e avvolte con viti autofilettanti. Se il muro su cui si trova la finestra o la porta è intonacato, la parte della pendenza più vicina alla stanza viene incollata alla base con la colla di montaggio (i “bloopers” sono posizionati in anticipo sull’apertura).

Arco a secco

Questo prodotto fa parte di un’apertura aperta tra due stanze, sebbene a volte le nicchie arrotondate su una parete di cartongesso lo siano. Il modo più semplice è quello di realizzare un arco per cartongesso su un’apertura in una partizione del telaio, è conveniente assemblarlo in presenza di un rivestimento del muro di profilo, il modo più difficile è quando l’arco deve essere installato in un’apertura di pietra nuda. Considera tutte le opzioni.

1. L’apertura in cui è montato l’arco è volutamente fatta più in alto rispetto al solito rettangolare. Quanto – tutto dipende dal raggio. Di solito 20-30 centimetri.

2. I telai metallici sono assemblati. Posizioniamo i rack CD o UV lungo il bordo dell’apertura.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

3. Su una delle pareti, il muro a secco è fissato con il rilascio di fogli sull’apertura.

4. Disegnare il raggio richiesto sul muro a secco avvitato.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

5. I fogli GKL sono tagliati nella forma della futura apertura. Il modo più conveniente per farlo è con un puzzle, ma puoi anche usare una sega a mano per muro a secco.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

6. Con l’aiuto di una smerigliatrice, due elementi arcuati vengono tagliati da UD. La lunghezza di ogni segmento è di circa 5 cm.

7. Attraverso il corpo del cartongesso, fissiamo il “serpente” risultante lungo il bordo dell’arco. Almeno una vite autofilettante deve essere avvitata in ciascun segmento di metallo.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

8. La parete opposta viene cucita. Allo stesso modo, viene prodotto il muro a secco, il raggio viene disegnato, i fogli vengono tagliati, l’UD intagliato è attaccato.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

9. Le strisce vengono tagliate per le pendenze del rivestimento: fare un margine di tolleranza, che tagliamo dopo il fissaggio. Una pendenza ad arco con un piccolo raggio può essere rivestita con un normale muro a secco senza movimenti inutili, ma con archi più ripidi, è necessario inumidire le strisce per piegare il muro a secco. Anche per questi scopi, puoi applicare una cucitura a due strati con un foglio elastico da 6 mm (chiamato anche “arcuato”).

10. Prima ripariamo la parte arcuata, quindi cuciamo le pendenze verticali. Questo nodo deve essere avvitato con molta attenzione, il passo delle viti sul raggio è meglio prendere a 50–100 mm. Con un coltello e una sega sul muro a secco, tagliare il muro a secco a filo con le pareti. La fine è macinata con un piano.

Arco in un muro di mattoni

Le pendenze dell’apertura in pietra e le pareti adiacenti sono senza dubbio intonacate alla finitura, visualizzate per livello.

Ci ritiriamo dai piani della partizione per lo spessore del muro a secco (13 mm) e fissiamo i profili UD con un perforatore.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Ripetiamo i precedenti punti 3-10.

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Impariamo a realizzare indipendentemente archi, nicchie, scatole e pendenze dal muro a secco

Quando si installa un arco su pareti di pietra, spesso si pone il problema della comparsa di crepe alle estremità dei giunti del muro a secco e di una base minerale. Può essere risolto se i fogli verticali di muro a secco non sono semplicemente avvitati al telaio metallico, ma montati sulla parete e inoltre incollati alla base (alcuni installatori li fissano anche con tasselli attraverso il corpo della piastra). Naturalmente, affinché l’arco sia a filo con il muro, è necessario rimuovere l’intonaco vicino all’apertura. Inoltre, il design dell’arco sarà significativamente più affidabile se le zone di aggancio vulnerabili dall’interno sono riparate con “bloopers” dalla colla di montaggio.

Naturalmente, archi, nicchie, pendenze e scatole sono solo forme di base. Tuttavia, dopo averli padroneggiati, avendo compreso i principi di installazione delle principali strutture spaziali, è possibile combinare tecnologie, affrontare il lavoro in modo creativo e creare prodotti di cartongesso affidabili, unici e incredibilmente belli..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy