Come purificare l’acqua potabile?

Bevi acqua di rubinetto? Non? E stai facendo la cosa giusta: l’acqua che entra nelle nostre case, di norma, richiede un trattamento aggiuntivo. Inoltre, l’acqua non trattata può essere avvelenata. Facile. O rovinare un impianto idraulico costoso. I nostri capelli erano dritti quando abbiamo appreso cosa a volte si può trovare nella riserva d’acqua e a cosa tutto ciò porta. Giudica per te stesso. Quindi, nella nostra acqua puoi trovare …

  • Le particelle meccaniche non sciolte, la sabbia, le sospensioni, la ruggine e le sostanze colloidali portano a un’usura abrasiva accelerata degli impianti idraulici e dei tubi e al loro intasamento.
  • Il ferro e il manganese disciolti nell’acqua lasciano macchie arrugginite sugli impianti idraulici. E in bocca – un gusto ghiandolare. Inoltre, l’acqua di manganese ferroso “a prima vista” non può essere determinata: dal rubinetto versa acqua completamente trasparente esternamente, ma quando si trova in piedi o riscaldata, tale acqua acquisisce un colore marrone giallastro.
  • L’aumento del contenuto di sali di calcio e magnesio disciolti nell’acqua rende l’acqua dura. Con tale acqua, è possibile che si formino sedimenti e strisce biancastre sulla superficie di un bagno, un lavandino, ecc. Questi sali, chiamati anche sali di durezza, causano la formazione di calcare. Ma se il bollitore può essere pulito dalla bilancia, le pareti delle caldaie, delle colonne e dei tubi per l’acqua calda non sono così facili da pulire. Di conseguenza, la bilancia interrompe il processo di scambio di calore e porta al surriscaldamento degli elementi riscaldanti, al consumo eccessivo di elettricità e gas. I depositi di calcare causano fino al 90% degli incidenti con scaldabagno.
  • Sostanze organiche, cloro residuo, acido solfidrico conferiscono all’acqua un sapore, un odore e un colore sgradevoli (questi sono i cosiddetti indicatori organolettici).
  • Alcuni germi e batteri che vivono in acque non trattate possono rappresentare una minaccia per la salute e la vita umana. Inoltre, anche i batteri relativamente sicuri nel processo di vita rilasciano sostanze organiche che non solo influenzano le caratteristiche organolettiche dell’acqua, ma possono entrare in reazioni chimiche (ad esempio con il cloro) e formare composti tossici e cancerogeni.
  • Riesci a immaginare? Inoltre, si scopre che questo non è un elenco completo di problemi con l’acqua. Che cosa si può fare? Come si suol dire, calma, solo calma. Tutti questi problemi possono essere evitati. Ad esempio, utilizzando i sistemi di trattamento delle acque. Esiste un tipico schema di trattamento delle acque per edifici residenziali. La composizione di tale sistema comprende: filtro sedimenti, filtro deferrizzazione, filtro addolcitore, serbatoio di dissoluzione del sale, filtro a carbone, sterilizzatore a ultravioletti e sistema di preparazione dell’acqua potabile. Considera cosa è destinato a cosa in questo sistema.

    Filtri per sedimenti sono necessari per purificare l’acqua da particelle meccaniche, sabbia, sospensioni, ruggine e sostanze colloidali.
    Per rimuovere particelle relativamente grandi (oltre 20-50 micron), vengono utilizzati filtri a maglie grosse o dischi. Ma hanno uno svantaggio, come dicono gli esperti, una capacità di trattenimento dello sporco relativamente bassa. Pertanto, se l’acqua è fortemente contaminata, tali filtri devono essere lavati. E abbastanza spesso.

    L’alluminosilicato principalmente disidratato viene qui utilizzato come mezzo filtrante. E per una pulizia più fine (da 5 a 20 micron), utilizzare un riempimento in ceramica speciale, ad esempio Makrolite.

    Filtri deironing. I filtri di questa classe sono progettati principalmente per rimuovere ferro e manganese disciolti nell’acqua dall’acqua. Varie sostanze contenenti biossido di manganese (Birm, Filox, Greensand, ecc.) Sono utilizzate come mezzo filtrante. Il biossido di manganese funge da catalizzatore per la reazione di ossidazione, in cui il ferro e / o il manganese disciolti nell’acqua si trasformano in una forma insolubile e precipitano. Questo sedimento viene trattenuto nello strato del mezzo filtrante e quindi lavato nello scarico durante il lavaggio.

    Inoltre, durante l’ossidazione del ferro e del manganese, alcuni filtri rimuovono efficacemente l’idrogeno solforato disciolto nell’acqua. Alcuni dei media filtranti richiedono rigenerazione (cioè ricostituzione) con permanganato di potassio.

    Ammorbidenti per filtri sono progettati per ridurre la durezza dell’acqua. Usano speciali riempimenti, con l’aiuto di cui ferro, manganese, nitrati, nitriti, solfati, sali di metalli pesanti, composti organici vengono parzialmente rimossi dall’acqua.

    Questi filtri richiedono rigenerazione con una soluzione salina, pertanto sono dotati di un serbatoio speciale per la preparazione di una soluzione di rigenerazione (il cosiddetto serbatoio della salamoia).

    Filtri a carbone. Il carbone attivo è stato a lungo utilizzato nel trattamento delle acque per migliorare le proprietà organolettiche dell’acqua (cioè per eliminare il gusto, l’odore, il colore estranei). A causa della loro elevata capacità di adsorbimento, tali filtri assorbono cloro residuo, gas disciolti, composti organici.

    Ma, come dicono gli esperti, è difficile rimuovere la materia organica dal carbone stesso, quindi è possibile una rapida evasione dell’inquinamento nell’acqua. Per evitare ciò, è necessario modificare periodicamente il riempimento di carbone attivo..

    A proposito, il carbone attivo proveniente dai gusci di cocco viene utilizzato per aumentare la durata del filtro. Inoltre, la sua capacità di adsorbimento è già 4 volte superiore a quella del carbone ottenuta con metodi tradizionali (dal legno di betulla).

    E inoltre. Per combattere la crescita eccessiva biologica, vengono utilizzati carboni speciali con i cosiddetti additivi batteriostatici..

    Sterilizzatori a ultravioletti. Questo, come si è scoperto, è il metodo più comune per combattere l’inquinamento batteriologico (cioè la presenza di microbi e batteri nell’acqua). In effetti, la pulizia avviene irradiando l’acqua con luce ultravioletta. Questo trattamento garantisce una sterilizzazione quasi completa dell’acqua. Sterilizzare l’acqua con speciali lampade a raggi ultravioletti montate in una custodia rigida, all’interno della quale scorre l’acqua.

    Ma non è tutto. Scopriamo come rendere l’acqua perfettamente bevibile..

    Sistemi di trattamento dell’acqua potabile

    Oggi, i sistemi più avanzati per la preparazione dell’acqua potabile sono chiamati sistemi di osmosi inversa. L’acqua in essi passa attraverso un sistema di cartucce e una membrana semipermeabile, essendo pulita da sali disciolti in essa, impurità meccaniche e batteri. Inoltre, nel processo di pulizia non vengono utilizzati prodotti chimici..

    Come risultato della purificazione, si ottiene acqua potabile pura con un gusto eccellente, che nelle sue proprietà è vicina all’acqua glaciale scongelata. È quest’acqua considerata la più sicura per l’uomo. Il grado di purificazione è del 98–99%. Tali sistemi sono installati, di regola, in cucina e vengono utilizzati solo per ottenere acqua potabile. I sistemi sono installati sotto il lavandino e sono dotati di tutti i raccordi necessari per intercettare la linea dell’acqua fredda. Viene visualizzato un rubinetto separato per l’acqua pulita.

    Quindi, acqua deliziosa per te, cari lettori! E buona osmosi.

    Valuta questo articolo
    ( Ancora nessuna valutazione )
    Aggiungi commenti

    ;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: