Riparazione del soffitto dopo una perdita – restauro della finitura

Riparare il soffitto dopo una perdita

Speriamo che non tutto sia così male come nella foto sopra, ma in ogni caso, le conseguenze di una perdita devono essere eliminate. Se vivi in ​​una casa privata, prima di tutto, ovviamente, dovresti prenderti cura del tetto, perché mentre il tetto perde, è inutile fare riparazioni. Nel caso di un appartamento, prima di tutto, devi scoprire il rapporto con i vicini o la società di gestione, se hai l’ultimo piano. Solo dopo aver eliminato le cause dell’inondazione, è possibile avviare le riparazioni.

Decidiamo immediatamente quale tipo di finitura hai sul soffitto, che in primo luogo soffre di perdite dall’alto. Se si dispone di un soffitto teso in pellicola, di solito si risparmia il resto della riparazione, “prendendo il colpo” su se stesso. Naturalmente, il soffitto si allungherà sotto il peso dell’acqua, ma puoi anche abbassarlo da solo e il rivestimento riacquisterà il suo aspetto precedente. In questo caso, le pareti e il pavimento molto spesso non hanno il tempo di soffrire, tutta l’acqua viene raccolta in un film allungato.

Riparare il soffitto dopo una perdita

Consigliamo vivamente di non impegnarsi in spettacoli amatoriali, non perdere la garanzia del soffitto e chiamare specialisti che dreneranno accuratamente l’acqua e restituiranno il rivestimento al suo aspetto originale.

Riparare il soffitto dopo una perdita

Se hai un intonaco sul soffitto, sopra il quale viene incollato lo sfondo o c’è uno strato di vernice, dovrai eseguire lavori su larga scala. Nella prima fase, è necessario eliminare il rivestimento che ha sofferto irrimediabilmente e non può essere ripristinato: con una spatola, strappare lo stucco bagnato insieme a uno strato di vernice e carta da parati. Il soffitto deve essere pulito letteralmente a terra, di solito lo strato bagnato viene facilmente rimosso, è pronto a cadere da solo.

Riparare il soffitto dopo una perdita

Riparare il soffitto dopo una perdita

Ora devi aspettare fino a quando le superfici bagnate, i pavimenti si asciugano completamente. In estate è più facile: puoi organizzare un tiraggio e la temperatura nella stanza è alta, l’umidità è bassa. Nelle piogge e nelle stagioni fredde, puoi accelerare il processo con un asciugacapelli da costruzione, una pistola termica o un termoventilatore convenzionale.

Importante! Qualsiasi perdita nei luoghi in cui sono in funzione i collegamenti elettrici, le lampade installate, è irta di un corto circuito. Pertanto, è necessario prima diseccitare la stanza.!

Molto probabilmente, non dovrai pulire l’intero soffitto, ma solo le aree interessate. I giunti tra la superficie pulita e il rivestimento intatto devono essere levigati con carta vetrata. Il problema di preservare la superficie non toccata dalle inondazioni è che i resti di carta da parati o il colore desiderato di vernice non sono sempre conservati in casa. In questo caso, dovrai rimuovere l’intero rivestimento superiore in modo che il soffitto sia decorato allo stesso modo. Tuttavia, non è necessario pulire l’intonaco nei punti non interessati, è sufficiente staccare la vernice e la carta da parati.

Riparare il soffitto dopo una perdita

Importante! Le superfici che hanno subito e sono state liberate dal rivestimento finale devono essere preparate dopo l’asciugatura. Ciò rafforzerà il rivestimento portante che è già stato danneggiato dall’acqua e migliorerà l’adesione del nuovo primer alla superficie pulita..

Lo strato di intonaco e mastice nell’area pulita deve corrispondere in spessore alla finitura rimanente. Dopo che lo stucco è asciutto, puoi iniziare a tappezzare o dipingere..

Riparare il soffitto dopo una perdita

Caso speciale se il cartongesso è installato sul soffitto. Molto spesso, il muro a secco normale viene utilizzato per la finitura del soffitto, per cui l’umidità è distruttiva. A causa di una perdita, il rivestimento può essere gravemente danneggiato e il muro a secco dovrà essere rimosso. L’area danneggiata può essere accuratamente tagliata con un coltello affilato appositamente progettato per lavorare con il muro a secco.

Riparare il soffitto dopo una perdita

Se hai un isolamento sotto lo strato esterno, dovrai estrarlo, rimuovendo tutte le parti danneggiate dall’acqua. Non affrettarti a chiudere il buco del taglio: lascia asciugare tutto all’interno.

Importante! Puoi verificare se il muro a secco ha conservato le sue proprietà dopo una perdita dal suono – toccando l’area allagata e adiacente ad essa. Un suono che squilla indica che il rivestimento in gesso non ha sofferto all’interno.

Riparare il soffitto dopo una perdita

Dopo aver sostituito l’isolamento e l’area danneggiata del muro a secco, è possibile procedere al normale lavoro di finitura: sigillare i giunti usando nastro di rinforzo, stucco, pittura o carta da parati..

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: