Miscele secche utilizzate nella costruzione

Il numero di miscele secche attualmente offerte è in centinaia e la quantità di informazioni pubblicitarie su di esse, forse, in migliaia. Tuttavia, non è facile trovare informazioni obiettive sulla qualità delle miscele secche..
Le miscele importate rimangono i leader in termini di qualità e prestigio. Sono anche leader nello sviluppo e nella tecnologia. È vero, ci sono differenze significative tra i produttori importati: la qualità scandinava e tedesca è incomparabile, ad esempio con il turco o il bulgaro.
Le miscele importate sono seguite da prodotti di produttori domestici professionali, ottenuti, di norma, con l’uso di attrezzature e tecnologie importate. Tuttavia, secondo i nostri produttori, queste miscele “non sono in alcun modo inferiori e in alcune caratteristiche addirittura superano” quelle straniere, poiché nella produzione vengono utilizzati additivi importati, tecnologie moderne, controllo di qualità, ecc. Non vi è dubbio che le miscele domestiche siano più a buon mercato. Ma – ahimè, molti costruttori affermano che la qualità delle miscele russe è ancora instabile e dipende in modo significativo dal lotto.

Quindi, per non confondere la qualità del mix secco, dovresti andare in un buon negozio di ferramenta – grande, di lunga durata e rispettabile. È lì che i prodotti subiscono una “selezione naturale”: un’organizzazione commerciale rispettabile che si preoccupa della sua immagine non offrirà beni con i quali gli acquirenti hanno problemi.

Sia che si tratti di pavimenti in parquet, piastrelle in ceramica o linoleum, sono comunque necessari basi piane. È una tale base che viene fornita con l’aiuto di piani autolivellanti autolivellanti. Il principio di un tale pavimento è chiaro dal nome: una soluzione spessa si diffonde entro limiti accettabili e si indurisce, formando una superficie piana.
Per i pavimenti, vengono utilizzate miscele secche su base cementizia con additivi che forniscono la resistenza, la viscosità e il tempo di indurimento necessari. Questi possono rinforzare le fibre che migliorano la resistenza superficiale alla trazione e alla frattura..
A volte i produttori offrono un sistema di diversi tipi di miscele per l’installazione di pavimenti autolivellanti. Questa è una miscela per il livellamento approssimativo: riempire spazi vuoti, cavità, ecc. E un composto di finitura versato su una superficie solidificata già formata, di regola, è più sottile e più costoso. Un’altra opzione per combinare miscele è quella di usarne una per sigillare manualmente cavità e fessure, prima di versare la miscela di finitura. Un caso speciale sono i composti per riparare scale e sigillare crepe, scheggiature, irregolarità, rinforzo nudo. Di norma, tali miscele vengono utilizzate in piccole quantità, si distinguono per la loro forza, resistenza all’usura e un alto grado di adesione alla superficie riparata..
In generale, l’applicazione di miscele secche per pavimenti è la stessa: preparazione del substrato, preparazione dell’impasto, colata e indurimento. Tutte le raccomandazioni e i requisiti – quanta acqua è necessaria, dopo che ora la miscela sarà pronta per l’uso, ecc. – sono indicati nelle istruzioni dei produttori. Il generale in tutte le istruzioni è il seguente. La superficie deve essere priva di polvere, aree esfolianti. A volte si consiglia di utilizzare un primer (primer) per preparare la base per il versamento, che riduce l’assorbimento di acqua dalla base, che aumenta l’adesione alla malta. Allo stesso scopo, si consiglia di inumidire la base con acqua. Se viene utilizzato un vecchio pavimento in doghe come base, è possibile utilizzare una rete di rinforzo..

Le istruzioni includono anche parametri come spessore dello strato raccomandato, temperatura d’uso e durata della malta. Queste raccomandazioni non dovrebbero essere prese alla leggera. Ad esempio, se la miscela da utilizzare in uno strato sottile viene colata in uno strato spesso, la superficie potrebbe indurirsi prima degli strati interni e rompersi quando si tenta di entrare in un’area apparentemente dura. Non è consigliabile utilizzare uno strato sottile di composti “spessi”: si asciugherà troppo rapidamente, il che non contribuisce alla forza. Anche la temperatura dell’aria alla quale è possibile applicare la miscela è importante: di norma si tratta della temperatura ambiente, ma possono verificarsi problemi in ambienti non riscaldati. Non devono esserci correnti d’aria, luce solare e altri fattori che possono portare a un’asciugatura irregolare della miscela e, di conseguenza, a crepe sulla superficie. È anche impossibile surriscaldare l’acqua utilizzata per la miscelazione; quindi in acqua calda la miscela si imposterà più velocemente, senza avere il tempo di distribuirsi correttamente sul pavimento.
Uno dei migliori mix di pavimenti è il mix ABS Grosso, prodotto da Optirok (Finlandia). La miscela viene utilizzata come strato di livellamento per successive finiture di qualsiasi tipo. Un vantaggio importante della miscela è la sua rapida impostazione, che consente di camminare in superficie in 2-4 ore. ABS Grosso è adatto come supporto diretto per la finitura finale e come sottofondo per la malta ABS Pronto finale. Tra i prodotti finlandesi e le miscele per pavimenti Scanfloor (“Scanmix”), possono anche essere usati per sistemare i pavimenti in stanze con requisiti diversi: saranno durevoli, resistenti all’abrasione.
I pavimenti autolivellanti domestici sono rappresentati da una serie di marchi: “Glims”, “Plitonit”, “Petromix” e altri. Le miscele per la riparazione delle scale sono prodotte dall’azienda ANTC “Alit” di San Pietroburgo.
Sbarazzarsi del lavoro di intonaco “bagnato” aiuterà “intonaco a secco” – muro a secco. Ma la tecnologia di intonacatura convenzionale non appartiene al passato. Forse ciò è dovuto in gran parte allo sviluppo della produzione di miscele di gesso. I loro vantaggi nell’intonaco sono innegabili: è possibile regolare la viscosità e il tempo di presa, creare superfici ruvide, ecc..

È inoltre necessario osservare attentamente le istruzioni quando si lavora con miscele secche per intonaco. Va aggiunto che per una riparazione di qualità con intonaci decorativi, è necessario disporre di semplici strumenti speciali per l’applicazione della malta, livellamento. La base per l’intonacatura deve essere asciutta, dura, priva di sporco, polvere, oli, grassi, ecc. Le superfici lisce sono dotate di una “tacca” prima di intonacare. Affinché lo strato di intonaco si distenda qualitativamente, a volte si consiglia di inumidire la base con acqua o innescare.
I cerotti possono essere applicati sia con una spatola che con uno spray speciale (questo deve essere specificato nelle istruzioni). Il primo strato viene solitamente applicato con uno spessore di 4-5 mm, i successivi – fino a 7 mm. Se la superficie della parete presenta irregolarità significative, è possibile applicare diversi strati della composizione (ogni strato successivo viene applicato dopo che i precedenti si sono induriti). Per il trattamento completo della superficie, viene utilizzato un righello in acciaio con il quale viene livellata la superficie. Per rendere la superficie ancora più liscia, lo strato leggermente asciutto può essere rimosso con una spugna umida.
Uno degli esempi di prodotti di alta qualità sul mercato russo è l’intonaco Rotband, prodotto da TIGI Knauf. Il materiale è un intonaco adesivo a base di gesso a uno strato, particolarmente adatto per l’intonacatura a mano di pareti e soffitti. La miscela è destinata all’applicazione su normali substrati duri (mattoni, cemento, ecc.) In interni. Il suo consumo è di 8,0 kg / m2 con uno spessore dello strato di 10 mm. Da un sacco di miscela secca (30 kg) si ottengono circa 38 litri di soluzione pronta.
Interessanti anche i prodotti dell’azienda “Atlas” (Polonia): la composizione in gesso è una buona base per l’applicazione di intonaci, intonaci minerali o acrilici. La malta è resistente al gelo e all’acqua, quindi può essere utilizzata per la finitura in ambienti non riscaldati. I produttori raccomandano di determinare la quantità di acqua in base alla consistenza desiderata della soluzione. Con un pacchetto, puoi realizzare circa 1,6-1,7 m2 di intonaco. La soluzione è utilizzabile entro 4 ore.

Un posto importante nella finitura finale è occupato da intonaci decorativi, che possono essere utilizzati per ottenere varie superfici strutturate. Tali composizioni vengono applicate agli strati di intonaco preparati, quindi strofinate con strumenti speciali: a seconda della tecnica di macinazione e della composizione frazionaria della composizione, è possibile ottenere varie superfici: “scarabeo di corteccia”, “rustico”, grezzo, ecc..
Gli stucchi sono ampiamente utilizzati nei lavori di costruzione e riparazione. È una massa spessa e viscosa progettata per riempire irregolarità e superfici lisce. Di norma, gli stucchi contengono gesso, olio essiccante, cemento o colla come legante. Di solito le miscele di mastice sono confezionate in volumi inferiori rispetto a intonaci e pavimenti autolivellanti: in confezioni da 3 o 5 kg.
La miscela di stucco viene applicata con una spatola perpendicolare l’una all’altra. Lo stucco in eccesso viene rimosso e quindi riutilizzato. Se è necessario allinearlo in più livelli, prima di applicare il livello successivo, assicurarsi che il livello precedente sia completamente asciutto..
Un esempio di stucco per intonaci è Ceresit CT 29, della venerabile famiglia di miscele secche tedesche Ceresit, prodotto da Henkel, Germania. Lo stucco è presentato in confezioni da 5 e 25 kg. Il consumo di materiale è di 1,8 kg / m2 di parete con uno spessore di 1 mm. Lo stucco consente di riparare intonaci cemento-calce, riempire crepe e scanalature su pareti e soffitti.

Per livellare pareti e soffitti in ambienti asciutti, umidi e bagnati, nonché per lavori all’aperto, è possibile utilizzare una miscela di stucco a base di cemento Plitonit-K. Può essere utilizzato su calcestruzzo, calcestruzzo cellulare, su muratura o intonaco di calce-cemento. Viene prodotta una miscela di colori bianco, “super bianco” e grigio.
Una speciale famiglia di stucchi viene prodotta per lavorare con il muro a secco (Gyproc, Knauf): queste miscele consentono di colmare lacune e tracce di elementi di fissaggio nel “muro a secco”, fornendo una superficie perfetta.
In generale, le miscele secche sono un piacere costoso, quindi l’uso di prodotti di qualità in decine di chilogrammi per intonaci o pavimenti autolivellanti non è disponibile per tutti. Miscele più economiche: adesivi a secco, soluzioni per la posa di materiali di rivestimento.
Tra le miscele secche per piastrelle, si possono distinguere due importanti “famiglie”: la posa e la stuccatura di giunti tra prodotti ceramici..

Il parametro più importante della miscela secca per la posa è la capacità portante. Il fatto è che i materiali di rivestimento attualmente utilizzati variano in peso da diversi chilogrammi a decine di chilogrammi e la miscela che trattiene con successo la piastrella può essere impotente di fronte a una lastra di granito di 25 mm di spessore. Si dovrebbe prestare attenzione a tale parametro della miscela di muratura come il tempo di presa. Un’altra importante sfumatura è se la miscela può essere utilizzata per il rivestimento di pareti e pavimenti o “specializzata” solo in una di queste aree.
Quando si lavora con piastrelle di marmo o altre rocce a grana grossa, è necessario utilizzare una miscela speciale, in particolare, che può essere trovata tra le miscele tedesche Ceresit sopra menzionate. Quando si utilizzano miscele convenzionali, sono possibili variazioni di colore e comparsa di macchie sulla pietra.
Quando si posano le piastrelle sulle pareti, la base deve essere solida e piana, priva di polvere, sporco, calce e residui di vernice. Grandi irregolarità devono essere corrette con riempitivi. Se la superficie ha la capacità di assorbire l’acqua, si consiglia di applicare un’emulsione di primer.
Sulla base preparata e innescata, usando una spatola dentata, applicare una soluzione adesiva, se possibile in una direzione. Non è consigliabile applicare la soluzione su una superficie troppo grande, poiché mantiene le sue proprietà adesive, in media, per mezz’ora. Più grande è la piastrella, più grande dovrebbe essere la dimensione dei “denti” sulla spatola.

Per la posa di piastrelle ceramiche, la soluzione adesiva viene applicata sulla superficie di base preparata. Quindi, utilizzando un galleggiante liscio, viene realizzato uno strato sottile a buon contatto con la base. La malta viene applicata allo strato di contatto fresco con una spatola dentata adatta, in modo tale che le piastrelle possano essere posate entro 30 minuti; viene posizionato sulla malta e facilmente pressato alla base. La sfumatura più importante della posa del pavimento è l’assenza di “bolle” d’aria nella miscela adesiva: dopo l’asciugatura, i vuoti sotto le piastrelle si libereranno dalle rotture del rivestimento. Pertanto, di norma, le malte per la posa di piastrelle per pavimento sono diluite più elastiche. Al vertice dell’elasticità sono gli adesivi per piastrelle che consentono di posare uno strato di piastrelle su un vecchio strato di rivestimento. Questi composti hanno un’adesione molto elevata e garantiscono l’adesione del rivestimento anche a superfici lucide..
Le miscele secche per piastrelle sono presentate da quasi tutti i principali produttori – tra “Vetonits”, “Ceresites”, “Atlas” e altri produttori.
Va notato la famiglia Plitonit di miscele secche di San Pietroburgo, nel nome della quale esiste un accenno alla principale “specializzazione” di queste miscele. Nella composizione di Plitonite, oltre a livellare miscele e composizioni per il pavimento, ci sono anche: Plitonite Una miscela – per lavori interni in ambienti asciutti e umidi; La plitonite B è adatta anche per uso esterno, nonché per piscine di fronte; La plitonite C consente di posare piastrelle in pietra naturale su piastrelle in ceramica e superfici verniciate con vernici impermeabili.
Un aspetto importante del lavoro di rivestimento è la finitura di superfici la cui temperatura è in costante cambiamento (caminetti, stufe, ecc.). Senza approfondire le sfumature della differenza tra piastrelle e piastrelle, si consiglia semplicemente di consultare esperti. Per l’informazione dei consumatori: nella famiglia Vetonit viene presentata una miscela secca a base di argilla per la posa di stufe e caminetti.

L’uso di stuccature (giunti) per i giunti tra le piastrelle può aumentare le sue proprietà impermeabilizzanti, migliorarne l’aspetto. È importante sapere quando si sceglie la malta: quale spessore del giunto possono coprire, possono essere utilizzati in luoghi dove è richiesta un’impermeabilizzazione affidabile.
La stuccatura viene eseguita dopo l’indurimento della malta, su cui vengono posate le piastrelle, cioè 1-3 giorni dopo la fine del lavoro di rivestimento, altrimenti potrebbero formarsi microcricche. Quando si applica la malta, le articolazioni devono essere pulite. Dopo che la malta si è asciugata, è possibile carteggiare la superficie risultante con un panno di cotone..
Una delle proprietà importanti delle miscele di stuccatura è il colore che è in armonia con il colore delle piastrelle posate. Nel sistema Sopro (“Stern”, Germania), vengono presentate diverse miscele per il riempimento di giunti di piastrelle. Sopro MFs è adatto per riempire giunti fino a 5 mm di larghezza ed è disponibile in 25 colori. Sopro MFs + b miscela consente cuciture da 3 a 20 mm di larghezza, è disponibile in 10 colori.
Quando si utilizzano piastrelle su supporti elastici, si consiglia la stuccatura elastica. Tali malte vengono utilizzate per la lavorazione di giunti su supporti deformabili, ad esempio su pareti flessibili, “pavimenti galleggianti” riscaldati, ecc., Ad esempio, malta Ceresit CE 37, che consente di unire giunti con una larghezza da 4 a 15 mm.

Per quanto riguarda i lavori a soffitto, probabilmente non ci sono miscele speciali per loro. Per lavorare con i soffitti, vengono utilizzate composizioni murali, che di solito sono indicate nelle istruzioni per loro.
Le miscele utilizzate per il lavoro a soffitto devono avere una buona adesione e una consistenza spessa. Con il loro aiuto, è possibile eseguire lavori di stucco: riparazione di piccoli difetti nel soffitto prima di dipingere o incollare, intonacare, incollare materiali di finitura. Uno dei compiti tipici dello stucco è riempire lo spazio nel giunto tra le lastre del soffitto.
Per intonacare i soffitti con miscele secche, utilizzare intonaci a presa rapida. Uno di questi è la miscela secca M-150 (“Knauf”), che può essere utilizzata per lavorare sia in ambienti riscaldati che non riscaldati. La miscela Rotband dello stesso produttore è un cerotto adesivo a base di gesso a uno strato adatto per l’intonacatura a mano di pareti e soffitti, destinato ad essere applicato su normali substrati duri (mattoni, cemento, ecc.) In interni.
Quando si usano miscele adesive, si dovrebbe prestare attenzione alla loro “capacità portante” in uno stato diluito. Se stiamo parlando di incollare piastrelle in polistirene per soffitti, allora le “prestazioni” della miscela sono facili da verificare empiricamente; se il soffitto è tappezzeria, allora dovrebbe essere utilizzata solo tale colla, le cui istruzioni indicano la possibilità di usarlo per il lavoro del soffitto.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy