Tetto fai-da-te: tetto in ardesia

Sezioni dell’articolo



Nonostante la distribuzione attiva degli ultimi materiali di copertura, l’ardesia rimane popolare per la sua facilità di installazione e basso costo. Seguendo le nostre istruzioni, è possibile coprire il tetto con ardesia da soli o controllare la qualità del lavoro svolto dall’appaltatore.

Tetto fai-da-te: tetto in ardesia

Scelta dell’ardesia

Esistono diversi tipi di ardesia: ardesia naturale, policarbonato, bituminoso, ma oggi parleremo del più popolare – cemento ondulato amianto. Questo materiale di copertura è disponibile in diversi formati, che differiscono per dimensioni e spessore. Informazioni complete sulle caratteristiche dell’ardesia e parti aggiuntive per coperture in ardesia sono disponibili in GOST 30340-95.

Tetto fai-da-te: tetto in ardesia

Il foglio di ardesia può avere da sei a otto onde. La forma d’onda è definita come un modulo – parte del segno 40/150, ovvero altezza / larghezza. Di tutti i formati, l’ardesia a sei colonne è la più spessa – 6 e 7,5 mm, l’onda ha un modulo di 54/200, la larghezza del foglio è 1125 mm, cioè una delle onde nel foglio è di copertura incompleta. I fogli a sette e otto onde hanno uno spessore di 5,8 mm e una larghezza di 980 mm e 1130 mm, rispettivamente. Pertanto, le liste a sei e otto onde sono praticamente equivalenti in termini di formato, ma la prima è quasi due volte più pesante. La lunghezza dell’ardesia prodotta secondo GOST è standard – 1250 mm, ma ci sono anche fogli di grande formato lunghi fino a 2,5 m.

Tetto fai-da-te: tetto in ardesia

La stragrande maggioranza dell’ardesia è prodotta sotto forma di fogli non trattati, a cui è associato il principale svantaggio di questo rivestimento: sporcizia con muschio e oscuramento a causa dell’accumulo di polvere nei pori. L’ardesia dipinta non ha un tale difetto, ma è un po ‘più costosa. Tuttavia, il rivestimento protettivo può essere applicato in modo indipendente: pulire l’ardesia con una spazzola metallica, spolverarlo e aprirlo con primer pentaphthalic PF-020 o PF-010M. Se vuoi dare un colore al rivestimento, il secondo strato viene applicato allo smalto alchidico universale PF-115. Il rivestimento protettivo su ardesia svolge non solo una funzione estetica, ma aumenta anche l’idrofobicità e la durata del tetto.

Installazione di tornitura

I tetti di configurazioni completamente diverse possono essere coperti con ardesia – dal timpano ordinario all’anca, compresi quelli con convergenza interna delle pendenze. Allo stesso tempo, il sistema di supporto è tradizionalmente formato da gambe di travi, a cui viene inchiodato un tornio orizzontale per il fissaggio di fogli di ardesia.

Tetto fai-da-te: tetto in ardesia

Per il tornio, puoi persino usare una tavola non tagliata, ma sempre dello stesso spessore – almeno 25 mm, la larghezza consentita è di 100 mm. La fase di tornitura è determinata dalla lunghezza dei fogli utilizzati. La prima tavola inferiore è inchiodata a filo con il bordo inferiore della gamba della trave. Tutti quelli successivi in ​​modo che ciascun foglio di ardesia sia fissato su tre linee: 100-150 mm dai bordi inferiore e superiore, nonché al centro. Pertanto, tenendo conto della sporgenza dell’ardesia di 50-100 mm sopra le gambe della trave, le prime due tavole sono posizionate con una distanza assiale di circa 40 cm, il resto – 50 cm ciascuna.In questo caso, la terza tavola dovrebbe essere posizionata in modo che il foglio sporga di circa 50 mm sopra di essa. Quando gli elementi principali della cassa, a cui verrà fissata l’ardesia, vengono inchiodati, gli spazi tra loro vengono riempiti con legname di seconda classe, che serve da supporto per l’ardesia per una distribuzione più uniforme dei carichi.

Tetto fai-da-te: tetto in ardesia

Il fissaggio della cassa alle travi non dovrebbe essere fatto con viti autofilettanti; è molto più corretto usare chiodi da 100 mm a questo scopo, ancora meglio se i chiodi sono ruvidi. L’ardesia è molto sensibile alla curvatura del tornio, quindi, prima del fissaggio finale, non sarà superfluo tirare il cavo e allineare le assi su un piano comune, posizionando trucioli di legno o brandelli di materiale di copertura sotto di essi. Sulle linee di convergenza delle piste, dove verranno successivamente disposti i pattini, è necessario inchiodare le schede incorporate per fissare i cuscinetti protettivi.

Impermeabilizzazione del tetto

La copertura in ardesia richiede un dispositivo impermeabilizzante obbligatorio per proteggere dalle perdite quando il manto nevoso si scioglie o in caso di distruzione del rivestimento. Questa parte del tetto può avere due realizzazioni, a seconda della presenza di isolamento.

Tetto fai-da-te: tetto in ardesia

Per tetti non isolati, è consuetudine utilizzare materiale di copertura, euroruberoid o isolamento in vetro in uno strato. L’installazione dell’impermeabilizzazione viene eseguita orizzontalmente dal basso verso l’alto. Ogni tela è attaccata alla cassa con pulsanti speciali, che sono chiamati pulsanti di copertura. Le tele superiori coprono quelle inferiori con una sovrapposizione di 100-120 mm, mentre la piega viene riscaldata e pressata per formare un giunto sigillato. Sui pattini, l’impermeabilizzazione viene tagliata lungo la linea di convergenza delle piste, quindi viene posato un foglio solido sulla parte superiore, che è anche saldato allo strato sottostante. Allo stesso modo, il circuito di impermeabilizzazione è chiuso nelle valli..

Tetto fai-da-te: tetto in ardesia

Se una cintura di protezione a forma di lana minerale viene inserita nel sistema di travi, l’impermeabilizzazione viene eseguita con membrane di superdiffusione. L’ordine della loro installazione è simile all’impermeabilizzazione “a freddo” con l’unica differenza che la sovrapposizione viene eseguita in base a marcature speciali sul bordo del materiale del rotolo. Inoltre, la sigillatura tra le tele non viene eseguita, l’impermeabilizzazione è fissata solo nella parte superiore, quindi il fissaggio è coperto con uno strato superiore. Un prerequisito per la posa delle membrane da superdiffusione è il loro corretto orientamento: il lato su cui è presente la copertura flessibile deve essere rivolto verso l’alto.

Posa di rivestimento in ardesia

L’installazione dell’ardesia può essere eseguita in due modi. Sui pendii, in cui la larghezza è molto maggiore dell’altezza, i fogli sono disposti a distanza con un offset di 2-4 onde rispetto alla riga precedente. Questa disposizione aiuta ad evitare la formazione di quattro strati di ardesia sui giunti trasversali, che si verificano durante la posa senza spostamento..

Tuttavia, il posizionamento diretto dei fogli ha anche il diritto alla vita, questo metodo è ottimale per coprire pendenze elevate di larghezza ridotta. In questo caso, prima di installare un foglio adiacente in una riga, è necessario tagliare l’angolo sul foglio inferiore in base alla larghezza dell’onda di copertura e all’altezza della sovrapposizione tra le file. Agiscono allo stesso modo quando si installa la fila superiore: l’angolo del foglio inferiore viene tagliato nella direzione opposta, a causa della quale non ci sono aree con una sovrapposizione a quattro strati nel rivestimento.

Tetto fai-da-te: tetto in ardesia

La prima fila di ardesia è allineata orizzontalmente, per cui il cavo di ormeggio viene tirato lungo la linea di fondo. Ogni foglio ha nove punti di attacco, tre in ciascuna riga. I punti estremi non devono trovarsi più vicini della seconda ondata dal bordo del foglio. L’ardesia è fissata con chiodi speciali, la cui testa è protetta da una copertura in alluminio o plastica. L’unghia viene posizionata nel punto più alto dell’onda, quindi l’ardesia viene sfondata con un colpo forte e l’unghia viene martellata nella cassa fino a quando la testa non viene premuta saldamente contro il rivestimento. Dal lato seamy, le unghie non possono essere piegate, ma possono essere tagliate con una smerigliatrice, lasciando “canapa” 5-7 mm.

Tetto fai-da-te: tetto in ardesia

L’installazione di un tetto in ardesia è un lavoro pericoloso, il fattore di altezza è aggravato dal peso significativo dei materiali. Pertanto, i lavori devono essere eseguiti con un cavo di sicurezza, che viene lanciato sul tetto e legato a un oggetto fisso sul retro dell’edificio. È più conveniente sollevare l’ardesia sul tetto lungo due tubi paralleli come lungo le guide, raccogliendo il foglio dal basso con un gancio su una corda. Un fattore di rischio non del tutto evidente è la polvere generata durante il taglio, quindi l’elaborazione dell’ardesia dovrebbe essere eseguita solo con un respiratore e occhiali. È la polvere di amianto generata durante il taglio che provoca il famigerato pericolo dell’ardesia cemento-amianto, quando il rivestimento è fissato sul tetto, è assolutamente innocuo.

Disposizione e protezione della giunzione

Qualche difficoltà è l’appiattimento della copertura sulle linee di convergenza delle piste – pattini e valli. La cresta superiore viene tagliata in modo abbastanza semplice: viene tirato un cavo orizzontale lungo il quale viene applicata una linea di taglio all’ardesia nel sito di montaggio. Puoi farlo su pattini inclinati, è importante solo calcolare in anticipo l’altezza del rivestimento sopra l’impermeabilizzazione. Uno dei lati del moncone in tali casi è tagliato lungo il cordoncino, il contrario è contrassegnato da una matita dal lato posteriore lungo il profilo del rivestimento già posato.

Tetto fai-da-te: tetto in ardesia

Nelle valli non è possibile provare l’ardesia localmente, quindi procedere come segue:

  1. Una linea di sovrapposizione è contrassegnata sul foglio solido estremo;
  2. Dalla marcatura, la distanza dal centro della valle viene misurata nella parte inferiore e superiore.
  3. I valori ottenuti vengono trasferiti su un foglio di ardesia e tagliati in diagonale, facendo un rientro di 20-30 mm.

GOST 30340–95 prevede la fabbricazione di prodotti speciali in cemento amianto per la protezione dei monconi: gli elementi inferiori e di copertura della cresta, le parti del vassoio per le valli e le strisce angolari per proteggere gli sbalzi del vento. Tuttavia, questi prodotti sono estremamente rari, quindi la cresta e le valli dei tetti di ardesia sono ricoperte da elementi protettivi in ​​ferro per coperture con rivestimento galvanizzato o polimerico e le gronde del vento sono cucite con scatole di assi.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy