Fascio termico: know-how efficace o materiale inutile

Sezioni dell’articolo



Dalla recensione puoi scoprire di più su materiali come il fascio termico, le sue proprietà e le possibilità di applicazione nella costruzione. L’aspetto periodico di nuovi materiali da costruzione sul mercato è dovuto ai tentativi di neutralizzare le proprietà negative di quelli esistenti e testati.

Costruire una casa dal fascio termico

Perché il raggio termico?

Gli svantaggi del legno massiccio e persino delle travi incollate sono evidenti per quegli sviluppatori che preferiscono le case in legno. Proprietà ingegneristiche a basso calore del legno e la sua forza ad alto costo nella ricerca di soluzioni alternative, che in alcuni casi sono espresse nell’uso di materiali da costruzione con una struttura composita. Anche i produttori di termo-travi hanno seguito questo percorso, incollando un nucleo in polistirolo espanso tra due lamelle di legno.

Legno lamellare incollato con isolamento

Un problema è stato risolto in questo modo: il contenuto di legno nel prodotto finito è stato dimezzato, rispettivamente, il costo del materiale è diminuito in modo abbastanza evidente. Se si confronta il costo per metro cubo di legname di prima qualità e XPS di qualità (o anche PUR), la differenza sarà molto chiara. Il costo totale degli edifici in legno massiccio e composito raggiunge 1,5 volte. Inoltre, non si può contestare il fatto che la conducibilità termica del materiale è più volte inferiore a causa della rottura termica. Secondo un principio simile, gli architravi in ​​cemento armato corretti sono disposti sopra le aperture, che, senza un separatore, rimangono pronunciati ponti di freddo.

Altrettanto importante, quando si utilizza un fascio termico, la limitazione sullo spessore delle pareti di una casa in legno cessa di applicarsi. Se nel caso di legno lamellare incollato supera raramente 150 mm, il materiale composito può avere una sezione trasversale di almeno 300 mm, mentre la differenza di costo diventa ancora più significativa.

Costruire una casa dal fascio termico

Un fatto interessante è che le case in legno termosaldato non richiedono da tempo un’esposizione alle condizioni atmosferiche. Non è del tutto chiaro cosa contribuisca esattamente a ridurre al minimo il restringimento: una diminuzione della proporzione di legname segato nelle strutture chiuse o l’assenza di una connessione diretta tra i lati esterno e interno, operando in varie condizioni. Tuttavia, il risultato è ovvio: anche con un insediamento istantaneo nella casa costruita, non vi è alcuna discrepanza tra i giunti tra le corone e gli incroci..

Tenendo conto di quanto sopra, una casa fatta di termo-fascio può essere considerata come un analogo di un edificio fatto di pannelli di filo isolante autoportanti con la differenza che non è necessaria una costosa finitura interna ed esterna, il contenuto di legno nelle strutture che la racchiude è maggiore, il rilascio di composti volatili dalla composizione adesiva nell’atmosfera è garantito.

Ci sono degli svantaggi?

In breve, ce ne sono molti, ma alcuni possono essere livellati con misure speciali, mentre alcuni sono caratteristici solo di legname di bassa qualità. Ma prima le cose principali:

  1. Alta infiammabilità del nucleo termoisolante. I produttori che forniscono al mercato un fascio termico riempito con poliisocianurato (PIR), l’unico materiale in grado di avere una classe di infiammabilità G1 e una bassa capacità di generare fumo, sono un’eccezione rara. Si noti che stiamo parlando del materiale nella sua forma originale, perché il poliuretano espanso può anche avere proprietà simili in presenza di speciali additivi. Tuttavia, quali sono le caratteristiche del riempitivo in un particolare fascio termico – è meglio controllare in modo sperimentale in modo indipendente.
  2. Lo stucco espanso non presenta plasticità, mentre le lamelle di legno sono costantemente in movimento e cambiano forma con fluttuazioni di umidità e temperatura. Di conseguenza, potrebbero apparire delle crepe nel nucleo, che di per sé non è così spaventoso, così come la delaminazione del legno, che diventerà un grave difetto di costruzione. Tecnologicamente, tale inconveniente può essere eliminato usando connessioni tra lamelle o una selezione di scanalature a forma di T sul lato interno della lamella, che non consentono al prodotto di perdere la sua integrità strutturale..
  3. Le caratteristiche di resistenza del legno composito sono lontane da quelle dei materiali solidi o incollati. Nel caso di una casa di tronchi, ciò non svolge un ruolo decisivo, poiché le pareti sono soggette a carichi di compressione rigorosamente lungo l’asse verticale. Sorgono problemi in caso di eccentricità dei carichi, che può essere il risultato di un errore di progettazione, di un cambiamento nella geomorfologia o dell’impatto sulla costruzione di vari cataclismi.
  4. Ci sono difficoltà con la corretta esecuzione delle giunzioni. Nei bordi – con l’attacco della finestra, alle estremità degli sbalzi – con la chiusura dell’isolamento nudo. Non si può dire che questi problemi siano insolubili in linea di principio, tuttavia l’adozione di misure aggiuntive richiede una grande attenzione durante lo sviluppo del progetto, nonché elevate qualifiche e coscienza del personale che lavora..
  5. Le lamelle di una trave composita sono incollate insieme da piccoli frammenti con la fresatura del giunto con un pettine. Da un lato, ciò riduce al minimo la torsione e la deformazione del legno, ma influisce negativamente sulle qualità estetiche. La direzione della fresatura gioca un ruolo: con un pettine longitudinale non sarà visibile sul lato anteriore, ma solo un giunto diritto nella trama, che è considerata l’opzione migliore.
  6. Nel processo di indurimento del riempitivo del nucleo in schiuma, spesso si verifica un restringimento, durante il quale si forma una cavità nella parte centrale delle superfici di contatto. Questo non si applica ai prodotti che si formano incollando sotto una pressa, con scanalature sagomate sulla superficie posteriore delle lamelle o con una tecnologia di produzione comprovata che garantisce il ritiro durante l’indurimento..

Casa del raggio termico

Caratteristiche del processo di costruzione

Dal momento che il fattore di forma di una trave termica è standard, in generale, la tecnologia di costruzione da essa derivata è ereditata dalle regole per l’utilizzo di una trave di profilo e si basa sul principio dell’assemblaggio di un kit di casa pronto fabbricato in fabbrica. Vi è, tuttavia, una certa specificità dell’applicazione associata all’eterogeneità strutturale e al comportamento materiale sotto l’influenza di influenze esterne. In particolare, la costruzione di una casa di tronchi da una trave senza sporgere è categoricamente inaccettabile: una struttura di questo tipo non ha resistenza strutturale e si piega quando si verifica la minima eccentricità.

Non sarà possibile costruire un’intera casa dal solo fascio termico: i singoli elementi strutturali devono essere fatti di legno massiccio o incollato. Prima di tutto, questo vale per il cappello, che, idealmente, dovrebbe essere presentato non solo in legno massiccio, ma stabilizzato. Tale corona non solo funge da barriera nel percorso di migrazione dell’umidità, ma funge anche da una sorta di spina, proteggendo il nucleo isolante del muro dalle influenze atmosferiche.

La prima corona della casa fatta di termo raggio

Le corone, su cui sono supportate le lastre e Mauerlat, devono anche essere solide, senza percorso e senza particolari elaborazioni. Ciò è necessario per evitare l’eccentricità del carico e distribuirlo uniformemente su entrambe le file di lamelle. In questo caso, le corone monopezzo si trasformano in ponti a temperatura solida, il che significa che, secondo il progetto, dovrebbero essere posizionati interamente nell’area della sezione trasversale della cintura di protezione termica interna. Per la flangia, questo viene realizzato sollevando il pavimento isolato, per corone di sostegno – utilizzando strutture a traliccio, grazie alle quali lo spessore del telaio viene aumentato sotto il piano di supporto per posizionare una protezione termica rinforzata nella cavità del soffitto.

Elementi di strutture portanti: telai per pavimenti, travi, legami rigidi devono essere realizzati in legno di alta qualità che non presenta difetti. Altrimenti, nel calcolo dei carichi e degli stati limite, è necessario utilizzare coefficienti per compensare la presenza di difetti nel legno..

Costruire una casa dal fascio termico

Poiché l’uso di tasselli standard per il fissaggio di corone è impossibile, nella costruzione del fascio termico viene utilizzato un rinforzo in plastica composita. Il suo diametro non deve superare i 12 mm in modo che vi sia abbastanza corpo nella lamella da 40 mm. I raccordi sono installati su lamelle sia esterne che interne con incrementi di 1 metro, sfalsati. Idealmente, il rinforzo dovrebbe cucire l’intera casa di tronchi, ma in pratica questo può essere ottenuto solo eseguendo additivi precisi sull’attrezzatura di fabbrica, quindi, cucire almeno 3-4 corone è considerata la norma.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alle estremità aperte del legname. Sul taglio, il nucleo deve essere tagliato a una profondità di 20–25 mm e le spine devono essere inserite. Se l’obiettivo è preservare l’aspetto autentico della casa di tronchi, i tappi sono realizzati con tagli circolari, altrimenti è possibile utilizzare una tavola accuratamente montata. Si consiglia il fissaggio con perni o viti autofilettanti, in quest’ultimo caso, i cappucci di fissaggio possono essere nascosti da sovrapposizioni angolari.

Casa del raggio termico

Quando si installa una finestra nelle aperture, viene utilizzata una tecnica simile, invece di tagliare l’isolamento per l’intero spessore, viene selezionata solo una scanalatura con una larghezza fino a 60 mm, che viene successivamente fissata con perni passanti. Ciò è necessario per prevenire la formazione di un ponte freddo continuo e per isolare l’isolamento termico del blocco finestra dagli elementi strutturali dell’edificio..

Il fascio termico non richiede tempo per il restringimento e il restringimento, quindi è meglio se la lavorazione protettiva e decorativa del legno viene eseguita immediatamente dopo l’assemblaggio del telaio. È impossibile risparmiare su pitture e vernici: maggiore è la qualità della protezione, minore è il rischio di ritiri anche minimi. Dall’esterno, si consiglia di utilizzare un antisettico per vetri, che conferisce al legno un’ulteriore idrofobicità, un rivestimento in vernice poliuretanica e un mastice sottile con la tecnologia della “cucitura calda”. All’interno, è meglio usare macchie idrosolubili e nascondere le tracce di incollaggio delle lamelle – con composizioni con un profondo grado di tonificazione.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy