Dispositivo sul tetto e installazione: sistema di travi

Sezioni dell’articolo



Questo articolo fornisce informazioni di base su travi, capriate, torni, soffitte, soffitte, grondaie e abbaini. Le informazioni saranno utili ai clienti delle organizzazioni di costruzione specializzate nell’installazione di tetti.

Dispositivo sul tetto e installazione: sistema di travi

Il tetto non è solo uno spettacolare materiale di copertura che protegge in modo affidabile l’intera struttura dalle precipitazioni. Lo scheletro dell’intera struttura è un sistema di travi: la durata dell’intero tetto dipende dalla sua resistenza e affidabilità. Pertanto, in questa fase della costruzione, dovrebbe essere rafforzato il controllo di qualità delle prestazioni lavorative. Ma per sapere cosa cercare, devi familiarizzare con le proprietà del materiale e studiare le regole di installazione.

Quali carichi subisce il tetto durante il funzionamento

Il sistema di travi è una struttura assemblata da singoli elementi, progettata per distribuire e trasferire uniformemente il carico dal tetto alle pareti e alle pareti divisorie. Le travi sono in acciaio, legno o combinate: la scelta dipende dalla soluzione progettuale. Ma il requisito principale che viene loro imposto è generale: devono sopportare i carichi che i fenomeni atmosferici e il peso dei materiali di copertura esercitano su di loro:

  1. Neve. A differenza di pioggia e ghiaccioli, che le strutture portanti devono affrontare, esercita una forte pressione sul tetto: a seconda delle caratteristiche del clima locale, la massa di neve per 1 m2 la superficie del tetto può variare da 100 a 170 kg. Per le aree con inverni nevosi, il tetto è costruito con pendenze, il cui angolo di inclinazione è di 30 gradi o più: la neve non si attarderà per molto tempo. Con un angolo di inclinazione superiore a 60 gradi, il carico esercitato dalla neve non viene preso in considerazione.
  2. Vento. Forti raffiche possono strappare sezioni del rivestimento impermeabilizzante, ma questo non è il più grande pericolo che minaccia il tetto. Le correnti d’aria che aggirano l’edificio ad alta velocità creano un’area di pressione ridotta sopra il tetto: la forza di trazione può danneggiarlo. Per evitare ciò, il dispositivo di copertura alla base deve essere il più stretto possibile, il fissaggio dei materiali di copertura alla base deve essere affidabile.
  3. Sbalzi di temperatura Possono anche ferire. La compressione e l’espansione degli elementi strutturali che si verificano nel corso degli anni non ha il miglior effetto sulle condizioni dei materiali. Al fine di ridurre l’effetto dannoso di questi processi, cercano di selezionare materiali di copertura che abbiano un coefficiente di dilatazione termica approssimativamente uguale.
  4. Vapore acqueo. Accumulandosi sotto il tetto, viene assorbito in tutti gli elementi strutturali, rendendoli gradualmente inutilizzabili. Questo problema è parzialmente risolto con l’aiuto di un film barriera al vapore che fornisce adsorbimento e rimozione del vapore..
  5. Insetti e microrganismi possono distruggere completamente il sistema di travi in ​​un breve periodo di tempo. Per combattere questi parassiti, vengono utilizzate impregnazioni speciali..

Dispositivo sul tetto e installazione: sistema di travi

Tutti i suddetti fattori hanno un effetto periodico sulle travi (neve, vento forte) e costante (il peso degli elementi strutturali), ma è possibile una combinazione di più contemporaneamente. Pertanto, il calcolo e l’installazione corretti degli elementi portanti è molto importante..

Quali sono le travi

Parleremo dei sistemi più comuni: strutture architettoniche complesse vengono create secondo un principio diverso. Esiste una classificazione delle travi secondo il principio di “lavoro” e dispositivo. Sono di due tipi: il primo include travi a strati, il secondo – sospeso.

Le travi del tetto sono usate più spesso: travi di questo tipo possono essere viste in case con pareti o pilastri portanti interni. Sono travi installate ad angolo, un’estremità della quale è fissata alla trave del colmo (barra orizzontale superiore) e l’altra poggia sul Mauerlat (una barra posata su una parete portante). Il peso del tetto preme sulla trave della cresta e da esso il carico passa al sistema di montanti e montanti. I montanti sono barre verticali e i montanti sono disposti ad angolo. A loro volta, spingono sui pilastri e sulle pareti interne dell’edificio..

Dispositivo sul tetto e installazione: sistema di travi

Questo disegno può essere utilizzato se la distanza tra i supporti o la larghezza delle campate non supera i 16 m (dati ottenuti a seguito del calcolo). Per lunghe distanze (quando la lunghezza della gamba della trave supera gli 8 m), devono essere installati supporti intermedi. Non è sempre possibile aumentare la sezione trasversale di una barra o di un tronco per fornire la rigidità necessaria: l’edificio potrebbe non sopportare il grande peso della struttura della trave.

Con una distanza non superiore a 6 m, possono essere utilizzate travi sospese: possono essere installate in assenza di supporti interni. Come nel caso della struttura a strati, le travi sospese poggiano sulla parte inferiore del Mauerlat e la parte superiore è collegata in mezzo legno o con una punta scanalata. Per un ulteriore fissaggio delle estremità superiori, è possibile utilizzare le graffette (ovviamente, a condizione che vengano utilizzate travi o tronchi di legno per creare travi). La rigidità della struttura può essere data usando una traversa – legame trasversale.

Dispositivo sul tetto e installazione: sistema di travi

Le travi possono essere realizzate non solo da tronchi di legno, travi o assi: i profili metallici sono anche un materiale adatto. Grazie alla loro forma speciale, hanno una rigidità sufficiente e possono essere collegati mediante saldatura.

La distanza tra le travi dipende dal clima nella zona, dal tipo di tetto e dalle caratteristiche del dispositivo di rivestimento: può variare da 300 mm a 1 m.

Informazioni di base sulle capriate del tetto

La migliore soluzione in molti casi sarà un dispositivo di copertura basato su capriate. Sono utilizzati in case con un piano aperto, senza supporti interni. La forma delle capriate è spesso un triangolo (questa è la figura geometrica più rigida), assemblata da parti in legno, metallo o gettata dal cemento. Allo stesso tempo, al centro del triangolo, vengono installati supporti e montanti, progettati per una distribuzione uniforme del carico, e i suoi angoli interni corrispondono agli angoli di inclinazione delle pendenze del tetto. Le capriate del tetto sono poste ad intervalli regolari (entro 1–2 m) e fissate l’una all’altra con ponticelli orizzontali: ecco come si forma il tetto.

Dispositivo sul tetto e installazione: sistema di travi

Oltre alla forma triangolare, le capriate del tetto possono essere poligonali o trapezoidali: esternamente, il loro design ricorda le capriate per la costruzione di ponti. La prima opzione presuppone la presenza di una parte centrale orizzontale e due fratture, mentre la seconda viene utilizzata con una pendenza minima delle pendenze. Questo tetto sembra uguale a uno piano, ma in realtà ci sono pendenze. Le capriate di questo tipo sono ben combinate con le nuove tecnologie di copertura basate su materiali in rotolo che non richiedono (a differenza di altri materiali di copertura) ampi angoli di inclinazione. Le capriate poligonali e trapezoidali non richiedono grandi costi di produzione, poiché sono create da una quantità relativamente piccola di materiali da costruzione: i montanti e i montanti nella loro struttura sono corti. Ma allo stesso tempo, ci sono degli svantaggi, il principale dei quali è l’impossibilità di organizzare una soffitta. Ciò costringe l’uso di tali sistemi principalmente per la costruzione di edifici industriali..

Dispositivo sul tetto e installazione: sistema di travi

Torni: di cosa si tratta e da cosa dipendono i suoi parametri

Sulla parte superiore delle gambe della trave, sono fissate travi, destinate alla posa di materiali di copertura: sono inchiodate a travi di legno con chiodi lunghi. Questi raggi sono collettivamente definiti guaina. Oltre alla funzione di cuscinetto, il tornio svolge il ruolo di irrigidimenti e allo stesso tempo distribuisce uniformemente il carico sulle travi.

La fase del tornio viene selezionata in base al materiale di copertura utilizzato: ad esempio, ogni tipo di piastrella metallica ha un profilo che differisce dal profilo dello stesso materiale di un altro tipo. I loro irrigidimenti si trovano a diverse distanze. Lo stesso vale per qualsiasi tipo di piastrella (ceramica, polimero, cemento-sabbia). Per la posa di materiali di copertura in lamiera, viene utilizzato un tornio rado con un passo di 30-40 cm.

Dispositivo sul tetto e installazione: sistema di travi

Ma alcuni materiali, come ardesia piatta, mica, euroruberoide, tegole bituminose, richiedono una guaina continua. Tale cassa può essere creata da compensato resistente all’umidità o lastre OSB: ciò è dovuto al fatto che l’installazione di piastrelle flessibili ed euroruberoid viene eseguita con il metodo di incollaggio e la tenuta è possibile solo a condizione di una base monolitica. Inoltre, è necessario un solido tornio su cresta, vallate, grondaie e costole..

Quali sono soffitte e piani attico

I pendii ad angolo formano uno spazio sottotetto. Il proprietario della casa deve determinare come verrà utilizzato. I servizi di pubblica utilità possono essere posati lì (sistema di ventilazione e condizionamento d’aria), un magazzino o persino un salone fornito. A seconda dello scopo, l’attico può essere dotato di o senza isolamento. Ma l’attico residenziale, chiamato attico, è necessariamente isolato: lana minerale o di vetro, lastre di schiuma poliuretanica sono poste tra il tetto e la cassa.

Dispositivo sul tetto e installazione: sistema di travi

I lucernari dovrebbero essere progettati per fornire la più grande area utilizzabile sotto il tetto. Per questo, viene fornita una rottura nella sezione trasversale: con il suo aiuto, si forma un soffitto alto dell’attico a causa della parte piatta più piatta delle pendenze e una più bassa più ripida. Va notato che il piano attico deve sopportare carichi significativi, il che significa che deve essere costruito secondo lo stesso principio dei piani dei piani inferiori..

A proposito di cornicioni e abbaini

Le sporgenze delle grondaie sono necessarie per proteggere le pareti esterne dalla pioggia e dalla neve sciolta: rimuovono semplicemente l’umidità per una certa distanza. Inoltre, proteggono l’attico dal soffiare e spazzare la neve. Pertanto, le travi devono necessariamente estendersi oltre le pareti esterne: lo sbalzo minimo è di almeno 0,5 m, il massimo – fino a 2 m. La scelta dipende dalla quantità di precipitazioni che cade all’anno in una determinata area, nonché dalle caratteristiche strutturali del tetto della casa. Nel caso in cui le travi non vadano oltre le pareti, la sporgenza viene formata utilizzando una speciale “puledra”: tavole che sono inchiodate al bordo inferiore delle travi.

Dispositivo sul tetto e installazione: sistema di travi

Le finestre dell’abbaino sono essenziali per fornire illuminazione e ventilazione naturali in soffitta. Possono anche essere una sorta di decorazione del tetto: sono incorniciati con dettagli intagliati e inseguendo, pittura stilistica.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy