Come scegliere il sigillante giusto: tipi e applicazioni

Sezioni dell’articolo



Nella riparazione, è necessario prestare particolare attenzione alla corretta selezione dei materiali. Uno dei più versatili e comunemente usati è un sigillante. Cosa sono, quali tipi ci sono, dove e come vengono utilizzati, nonché come scegliere il sigillante giusto, lo diremo nel nostro articolo.

Che cos’è un sigillante nel senso più ampio della parola? Materiale da costruzione a base di polimeri, vulcanizzante a temperatura ambiente, utilizzato per incollare, sigillare, riempire piccole fessure e lacune e conservare le proprietà elastiche dopo la completa asciugatura. I sigillanti sono venduti in tubi. Nel primo caso, il sigillante viene schiacciato a mano nel luogo della sigillatura, nel secondo – usando una pistola speciale.

Sigillanti. Tipi e campi di applicazione

Tipi di sigillanti

Acrilico

Il componente principale sono le resine acriliche. Dopo l’asciugatura, diventano leggermente elastici. Hanno una buona adesione alla maggior parte dei materiali da costruzione porosi (cemento, mattoni, legno, ecc.). Poiché non resistono a basse temperature (inferiori a -20 ° C), vengono spesso utilizzati in ambienti chiusi per sigillare le giunture di porte e finestre, riempiendo le crepe. Dopo completa asciugatura, può essere verniciato con colori acrilici per abbinare il colore della superficie. Sono resistenti all’umidità – più rispettosi dell’ambiente, inodori, ma distrutti dall’acqua e resistenti all’umidità – possono resistere all’ingresso di una piccola quantità di acqua. In ogni caso, le proprietà chimiche dei sigillanti acrilici non ne consentono l’uso in luoghi costantemente a contatto con l’acqua..

Sigillante acrilico

Silicone

Il componente principale è il silicone (almeno il 45%). Altamente elastico anche dopo la completa asciugatura. Buona adesione a quasi tutti i materiali, compresi quelli non porosi: ceramica, vetro, alluminio e simili. Resistente all’acqua. Sono utilizzati per sigillare eventuali cuciture e giunti. Poiché il silicone non può essere tinto da solo, è disponibile sia in trasparente che già verniciato in vari colori. Diviso in:

  • sigillanti siliconici per uso generico – contengono almeno il 45% di gomma siliconica e almeno il 45% di riempitivo idrofobo;
  • sigillante siliconico sanitario – contiene additivi antifungini che impediscono la formazione di muffe, che spesso si verificano nei bagni;
  • sigillante per acquari – da un lato, non è soggetto agli effetti negativi dell’ambiente biologico dell’acquario, dall’altro non emette sostanze nocive in sé;
  • sigillante per finestre: contiene additivi che impediscono la formazione di muffe e aumentano la resistenza all’esposizione ai raggi ultravioletti alla luce solare.

Silicone sigillante

poliuretano

Sono realizzati sulla base di poliuretano. Le proprietà ad alta resistenza e allo stesso tempo elastiche di tali sigillanti consentono di utilizzarli in qualsiasi lavoro. L’unico inconveniente è l’elevata tossicità fino a completa asciugatura. Pertanto, è meglio utilizzare sigillanti poliuretanici per uso esterno ed assicurarsi di utilizzare dispositivi di protezione individuale durante il lavoro..

Sigillante poliuretanico

Bituminoso

Sigillanti a base bituminosa. Sono utilizzati principalmente per le riparazioni del tetto. Hanno un’ottima adesione a qualsiasi materiale di copertura. Resistente agli agenti atmosferici e all’umidità. Sono applicati solo a temperature positive, ma dopo l’essiccazione resistono a valori negativi fino a -50 ° С.

Sigillanti. Tipi e campi di applicazione

Sigillanti per connessioni filettate

Un tipo separato di sigillanti altamente specializzati. Come suggerisce il nome, vengono utilizzati per sigillare fili insieme a lino sanitario, nastro fumi e materiali simili. Va sottolineato che, a differenza di altri tipi di sigillanti, che hanno diverse aree di applicazione, questo è il più specifico. È usato solo per filettature e, altrettanto importante, nessun altro sigillante funzionerà per questi scopi.!

Sigillanti. Tipi e campi di applicazione

Puoi anche evidenziare le opzioni ibride per i sigillanti: acrilico-lattice, silicone-polimero (polimero MS), ma oggi, a causa del prezzo elevato, non hanno guadagnato molta popolarità.

Come scegliere il sigillante giusto

La prima cosa da decidere è la quantità di lavoro. Come già accennato, i sigillanti sono disponibili in tubi. Il volume dei tubi è compreso tra 40 e 150 ml, il prezzo è di 150 rubli. Il volume del tubo è di circa 250 ml, il prezzo è di 150 rubli. Inoltre, un sigillante di tale imballaggio viene utilizzato solo in combinazione con una pistola speciale, il cui prezzo minimo è di 100 rubli. Pertanto, se il volume di lavoro è piccolo, ha senso acquistare un sigillante in tubi. Il prezzo totale di un tubo e una pistola è di almeno 250 rubli, che è molto più alto del prezzo di un tubo, ma se prevedi di usare più di 250 ml di sigillante, allora ha senso spendere soldi in una pistola per tubi. Inoltre, tale acquisto sarà giustificato dal fatto che viene utilizzato non solo per sigillanti, ma anche per qualsiasi altro materiale in imballaggi simili (chiodi liquidi, adesivi, ecc.), Ovvero può essere ancora utile in azienda.

Sigillanti. Tipi e campi di applicazione

Il secondo è il produttore. In generale, nei negozi è possibile trovare sigillanti di vari produttori. Il più famoso: “Moment” (Henkel), Titan, Cerezit, “Bison”. Oltre a loro, ci sono un numero enorme di quelli poco conosciuti, che non ha senso elencare. Il costo unitario può variare in modo significativo. Cosa scegliere: marchio o non nome? Il nome costituisce una grande percentuale del prezzo dei sigillanti di marca, quindi, acquistando un tale prodotto, si ottiene una qualità garantita, ma allo stesso tempo, per definizione, si paga più del dovuto. Acquistando un sigillante da una società sconosciuta, risparmi denaro, ma rischi di inciampare su un prodotto di scarsa qualità. In linea di principio, il più delle volte non vi è praticamente alcuna differenza nella qualità del marchio e dei sigillanti senza nome. Pertanto, se hai già acquistato i prodotti di un’azienda poco conosciuta e ti si addice, puoi tranquillamente utilizzarli in futuro. Se in vendita ci sono solo sigillanti di produttori completamente non familiari, quindi per ridurre al minimo il rischio, è necessario prestare attenzione a due punti.

Data di produzione e data di scadenza – Mantenere il sigillante il più fresco possibile. In questo caso, la data di fabbricazione e la data di scadenza devono essere applicate al corpo del tubo o della vernice con vernice indelebile o strizzate. Se stanno cercando di venderti un sigillante, in cui la data e la data di produzione sono indicate su un adesivo di carta adesiva, molto probabilmente vogliono ingannarti e far scivolare un prodotto scaduto.

Sigillanti. Tipi e campi di applicazione

La lavorazione del caso. Anche se il sigillante non è scaduto, ciò non significa che sia buono. Sfortunatamente, non c’è modo di guardare all’interno del tubo prima di acquistare, ma puoi prestare attenzione alla confezione stessa, a quanto è fatta bene. Inoltre, non esitare e annusa il prodotto. I tubi devono essere completamente sigillati e quindi non devono avere odore. L’odore di ammoniaca è un segno sicuro di perdite nella confezione, il che significa che il prodotto è di scarsa qualità in generale. I tubi hanno un pistone mobile sul lato posteriore: è lui che, come in una siringa, spreme il sigillante. Pertanto, i tubi non possono vantare una tenuta assoluta. Per questo motivo, sarà sempre presente un lieve odore, ma è debole e non acuto.

Sigillanti. Tipi e campi di applicazione

Il terzo è l’ambito. Questo è già stato scritto sopra, la cosa più importante è, se non sai quale sigillante è meglio usare nel tuo caso particolare, consulta uno specialista. Inoltre, ha senso descrivergli esattamente il problema che deve essere risolto, e ti dirà come e con quali mezzi può essere fatto.

Ad esempio, la tubatura dell’acqua perde. La maggior parte delle persone crede che per riparare i tubi, sia sufficiente ungere l’esterno della perdita con un sigillante e basta, dimenticando completamente che la pressione dell’acqua dall’interno del tubo strapperà semplicemente un tale cerotto. Lo specialista segnalerà immediatamente una tale sfumatura e consiglierà di utilizzare una benda di tubo insieme al sigillante, o suggerirà un altro modo per eliminare la perdita e quindi risparmiarti da spese inutili.

In conclusione, alcune parole su strumenti e strumenti per lavorare con il sigillante.

pistole.Sono manuali, pneumatici ed elettrici, a seconda di come viene messo in moto il pistone. Pneumatico ed elettrico sono utilizzati solo da professionisti. Per scopi domestici, le pistole a mano sono sufficienti. Sono di tipo scheletrico (in alto) e semicorpo (in basso) aperto. Oltre alle pistole di tipo aperto, esistono pistole tubolari o di tipo chiuso. Sono utilizzati per lavorare con sigillanti che non hanno imballaggi individuali (tubi). Questo strumento è utilizzato solo a scopo professionale..

Sigillanti. Tipi e campi di applicazione

Spatola.Spatole di gomma o di plastica vengono utilizzate per livellare lo strato di sigillante applicato. Tuttavia, la maggior parte del lavoro può essere eseguita usando solo le mani. In questo caso, tuttavia, non dimenticare la protezione individuale. Per questo sono sufficienti guanti di gomma usa e getta..

Sigillanti. Tipi e campi di applicazione

Rimozione del sigillante.In primo luogo, prima di iniziare il lavoro, ha senso incollare strisce di nastro adesivo (carta) lungo le linee di applicazione del sigillante. Ciò renderà il lavoro finito più accurato e proteggerà le superfici dalla contaminazione con materiale in eccesso. Se, tuttavia, il posto di lavoro è stato macchiato, ci sono due modi per rimuovere il sigillante dalle superfici:

  1. Meccanico. L’eccesso viene rimosso con qualsiasi raschietto. Oltre alla necessità di pulire i luoghi di contaminazione, va ricordato che il sigillante viene sempre applicato in eccesso, che viene rimosso con un dito o una spatola prima dell’asciugatura o tagliato con un coltello dopo l’asciugatura.
  2. Chemical. Laddove non è possibile pulire meccanicamente il sigillante, vengono utilizzati agenti chimici speciali, ad esempio Silicon-Entferner, Sili-Kill, Soudal Sealant Remover e simili. Sono anche ottimi per ammorbidire strati spessi di sigillante indurito. I prodotti chimici sono adatti solo per la rimozione di silicone. I sigillanti acrilici e di altro tipo possono essere rimossi solo meccanicamente.

Va ricordato che uno strato nuovo di sigillante siliconico praticamente non aderisce a un vecchio strato già vulcanizzato, pertanto, in tali casi, è necessario prestare particolare attenzione alla rimozione di tracce di materiale essiccato..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy