Come realizzare un tetto o una visiera su un balcone all’ultimo piano

Sezioni dell’articolo



La vetratura dei balconi ai piani superiori è una procedura molto specifica. L’installazione di un piccolo tetto richiede un approccio attento, la scelta corretta della copertura e la corretta esecuzione dei nodi della giunzione della visiera alla parete. Vogliamo condividere con te i principali segreti dell’installazione del tetto del balcone all’ultimo piano..

Come realizzare un tetto su un balcone all'ultimo piano

Prima di tutto, la classificazione: i tetti dei balconi sono generalmente divisi in strutture dipendenti, cioè parzialmente incorporate nella parete dell’edificio e indipendenti – fissate alla parete con l’aiuto di vari tipi di mezzi di montaggio. Questa divisione è rilevante solo per i lavori di costruzione. Quando si riparano e vetrano i balconi, è quasi impossibile disporre un tetto dipendente, e non c’è semplicemente alcun motivo per farlo: è più facile usare strutture a cerniera leggere. Pertanto, sarà corretto classificare il tetto del balcone superiore per la presenza di vetri su di esso..

Sicurezza sul lavoro in quota

Si noti che svolgere questo tipo di lavoro da soli senza formazione e attrezzature professionali può avere conseguenze disastrose. Non tentare di organizzare da soli la protezione anticaduta o il lavoro dal lato del tetto. Per escludere la possibilità stessa di cadere, tutte le installazioni devono essere eseguite dall’interno del balcone, tranne nei casi in cui ciò non può essere fatto a causa delle caratteristiche del design..

Come realizzare un tetto su un balcone all'ultimo piano

Di queste eccezioni, le più comuni sono la posa e il fissaggio della copertura del tetto, l’installazione di riflussi e la protezione dei punti di giunzione. Questo lavoro scrupoloso è difficile per una persona impreparata, essendo all’altezza. Sarebbe più corretto rivolgersi ai servizi degli scalatori industriali: se tu stesso hai montato il telaio e la cassa, hai tutti i materiali necessari (compresi i materiali di consumo) e uno schema pre-preparato e la tecnologia di posa, i servizi degli scalatori costeranno un minimo.

Il dispositivo del telaio accoppiato con i vetri

Il tetto su balconi non vetrati è costituito da capriate triangolari saldate da un tubo quadrato 40×40 mm. Tutta la complessità della produzione si riduce al calcolo della pendenza richiesta della pendenza (in media – 30 cm per 1 m), della lunghezza della sporgenza della grondaia (25-35 cm) e del passo ottimale di installazione delle capriate (70-100 cm).

Nel caso di balconi vetrati, è necessario fornire spazio per l’isolamento di posa, quindi la capriata dovrebbe avere la forma di un trapezio con una lunghezza di base inferiore all’interno di almeno 50 mm. La lunghezza delle capriate dovrebbe essere tale da appoggiarsi al telaio del vetro. Naturalmente, per il corretto isolamento dell’abutment in questo punto, è necessario smaltare ancora prima di posare la copertura.

Come realizzare un tetto su un balcone all'ultimo piano

A causa del pilastro diretto dei telai delle finestre sulle capriate, è garantita la resistenza assoluta ai carichi del vento frontale. I carichi del vento inverso vengono compensati collegando il telaio alle capriate con piastre in acciaio di almeno 3 mm di spessore. I montanti laterali sono resistenti alle raffiche di vento fissandosi direttamente al muro e mediante un profilo angolare al telaio anteriore.

Installazione di stecche

Per fissare la copertura del tetto, è necessario riempire travi o assi di legno con uno spessore di almeno 40 mm sopra e attraverso le travi metalliche. La lunghezza della pendenza di solito non supera 1,5–2 metri, quindi nella maggior parte dei casi sono sufficienti solo tre binari, ma devono essere solidi. Il compito di risolverli è abbastanza banale, ma sul balcone ha i suoi dettagli.

Come realizzare un tetto su un balcone all'ultimo piano

Innanzitutto, il tornio viene posato sopra le capriate e temporaneamente fissato con morsetti o filo. Il fissaggio viene effettuato utilizzando angoli di metallo, che sono imbullonati attraverso il tubo della capriata e l’altro lato è attratto dalle barre con due viti autofilettanti. Dopo che le traverse sono state fissate temporaneamente con due doghe, quindi la cassa viene rimossa dai supporti e le funi vengono sollevate sul tetto.

Copertura del tetto

Il tetto del balcone superiore non ha quasi accesso per la manutenzione, quindi il rivestimento deve essere resistente alle precipitazioni, alle variazioni di temperatura e alle sollecitazioni meccaniche. L’aspetto, al contrario, non è importante, quindi è meglio coprire il balcone con normali fogli di profilo. Il rivestimento dovrebbe avere la massima riflessione possibile, quindi sono preferiti bianco opaco e argento metallico..

Come realizzare un tetto su un balcone all'ultimo piano

Ora puoi riparare comodamente e in sicurezza la copertura del tetto e quindi l’isolamento. I fogli sono posizionati con il bordo tagliato verso la cima del pendio, il foglio esterno è posto in un unico pezzo e con una grande sovrapposizione. Quindi la struttura assemblata viene restituita e imbullonata alle capriate.

Abutment e pattini

Quando si organizza il tetto, è di fondamentale importanza eseguire nodi di abutment di alta qualità, escludendo infiltrazioni di umidità all’interno. Una delle aree più problematiche è l’angolo esterno tra il tetto e il muro. Accade spesso che l’acqua che scorre giù dall’edificio cada sotto la cresta protettiva e satura l’isolamento o scorra ulteriormente lungo la parete interna.

Il problema può essere risolto con certezza: è necessario eseguire un taglio nel muro con un disco diamantato a una profondità di 50-60 mm, riempire completamente lo spazio con sigillante e inserire la cresta a forma di Z per il foglio profilato al suo interno. Questo metodo di sigillatura mantiene i giunti angolari ed è garantito per proteggere dalle perdite anche nei muri di mattoni adiacenti, dove i giunti spessi non possono sempre essere sigillati con sigillante..

Come realizzare un tetto su un balcone all'ultimo piano

Gli sbalzi frontali e laterali del tetto sono orlati da una cresta angolare per il foglio profilato. Lo spazio tra la finestra e la copertura non dovrebbe avere un unico spazio: è riempito di schiuma, che, dopo l’indurimento, viene tagliato lungo il telaio. Un taglio aperto di schiuma è abbondantemente coperto con copertura o normale mastice bituminoso, quindi la striscia angolare è fissata alle viti autofilettanti.

Dall’interno, è necessario rielaborare tutti i giunti e le componenti secondarie sulle pareti e sui vetri con l’aiuto di schiuma poliuretanica; negli angoli, deve essere lasciato un lato con uno spessore di almeno 40 mm. Se le console del telaio sporgono oltre la linea di smaltatura, devono essere bordate con lo stesso bordo metallico, tagliato su un lato lungo lo spessore del bordo della console. Anche lo spazio stretto nell’angolo sotto la grondaia deve essere completamente riempito di schiuma.

Come realizzare un tetto su un balcone all'ultimo piano

Limatura del tetto del balcone

L’isolamento sotto il tetto del balcone non viene posato per preservare il calore. Il balcone, in linea di principio, non può essere caldo: le tre pareti esterne non possono essere completamente isolate senza una significativa perdita di spazio interno. Tuttavia, anche su balconi non isolati, ma vetrati, è necessario posare uno strato di isolamento termico sotto il tetto.

Come realizzare un tetto su un balcone all'ultimo piano

Questo viene fatto per mantenere un clima salubre balcone in estate. Nei giorni caldi, il tetto inevitabilmente si riscalda fino a 50-60 ° C, riscaldando notevolmente l’aria all’interno. Per evitare ciò, sarà sufficiente un rotolo di lana di roccia. L’isolamento viene spinto nello spazio tra il tetto e le capriate, riempiendo strettamente lo spazio tra le stecche e rompendo i grumi risultanti di cotone idrofilo.

Non è sempre conveniente collegare rivestimenti o altre finiture direttamente alle capriate, quindi vengono eliminate dal basso con blocchi di legno di spessore minimo. È possibile disporre un soffitto grezzo realizzato in OSB o compensato, in questo caso è necessario riempire accuratamente le giunture con schiuma poliuretanica, che, dopo il taglio, è ricoperta da uno strato protettivo di vernice alchidica.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy