Anca: regole di progettazione e installazione

Sezioni dell’articolo



Nonostante i punti di forza della struttura dell’anca, è raramente utilizzato nella costruzione del tetto a causa della sua configurazione piuttosto complessa. Tuttavia, se conosci le caratteristiche chiave del sistema di supporto e le regole per effettuare le connessioni, non c’è motivo di non coprire la casa con uno dei più bei tipi di copertura..

Anca: regole di progettazione e installazione

Descrizione della costruzione

Il tetto a padiglione è apprezzato soprattutto per il suo aspetto. A causa dell’assenza di timpani e sporgenze, il tetto appare come un elemento completo dell’insieme architettonico, che consente di realizzare al meglio il potenziale estetico della copertura del tetto. Vi sono altri vantaggi, la cui importanza verrà presa in considerazione lungo la strada..

La struttura del tetto è un sistema di gambe inclinate della trave che convergono in una cima comune per formare quattro pendenze. Il tetto a padiglione è una specie di tetto a padiglione, la parte superiore è allungata in linea, c’è una cresta orizzontale. I tetti a padiglione sono costruiti su edifici rettangolari, tetti a padiglione – su quadrati o con proporzioni fino a 1: 1,3.

Anca: regole di progettazione e installazione

A differenza di un tetto a due falde, un sistema di travi del tetto a padiglione presenta un carico lungo tutti e tre gli assi, il che richiede un’elevata rigidità. In pratica, ciò viene realizzato installando supporti aggiuntivi e utilizzando elementi di rinforzo del telaio nei punti principali in cui il carico è concentrato. Il problema principale con questo tipo di tetto è la complessità dei giunti che convergono ad angoli errati, il che richiede un taglio atipico e la corretta scelta del metodo di connessione..

Anca: regole di progettazione e installazione

Per installare il telaio della tenda, sarà necessario evidenziare il piano orizzontale piatto delle pareti portanti, su cui viene montata la cinghia. Può essere un nastro di cemento armato alto 20 cm o tre file di mattoni rinforzati. Questo elemento ha due funzioni: distribuzione del carico e base per il fissaggio del sistema di supporto alle pareti. È possibile evitare il dispositivo di una cintura solo quando si copre una casa di pietra in cui la muratura ha una densità abbastanza grande da fissare saldamente il Mauerlat.

Anca: regole di progettazione e installazione

Procedura di assemblaggio del sistema di trasporto

Il Mauerlat deve essere installato all’interno delle strutture di chiusura e tirato saldamente su di esse con bulloni di ancoraggio o perni ipotecari. Prima di montare il rivestimento sotto il tetto, l’impermeabilizzazione deve essere posata sulle pareti. Poiché il Mauerlat è fortemente attratto dalla base, non funzionerà per livellare le irregolarità. Pertanto, il piano superiore delle pareti deve essere livellato in anticipo con un massetto o quando si versa un nastro di cemento e solo una trave di spessore calibrato deve essere consentita sulla reggetta.

Anca: regole di progettazione e installazione

Sulla parte superiore del Mauerlat, di norma è disposta una sovrapposizione di un tipo di telaio basato su travi spesse 50–100 mm e alte fino a 250 mm. I bordi delle travi devono essere tagliati in modo tale da non sporgere oltre il Mauerlat e, allo stesso tempo, con il loro bordo inferiore escono a filo con il piano di supporto, il che garantirà un piano quasi uniforme del soffitto grezzo.

Un sistema di supporto del tetto è montato sulla parte superiore della lastra. Di norma, questa è una cornice in cui le travi appartenenti a ciascuna pendenza sono posizionate separatamente in parallelo, le loro cime convergono esattamente sulle linee di accoppiamento tra le pendenze con le travi di pendenze adiacenti.

Anca: regole di progettazione e installazione

Per non confondere, è meglio tirare in anticipo la croce in diagonale, quindi installare puntoni verticali lungo queste linee. La loro altezza deve essere scelta in base all’altezza ottimale della parte superiore del tetto e alla pendenza della pendenza. La distanza tra i pali dovrebbe essere scelta in modo che il fulcro delle lunghe travi sia più vicino al loro centro, nel qual caso la struttura di supporto sarà bilanciata e più stabile. D’altra parte, per alleviare il carico sul pavimento, è ragionevole posizionare i pali di supporto più vicini alle pareti principali. Configurazione finale del telaio di supporto: un compromesso equilibrato.

Innanzitutto, le travi diritte che convergono in un vertice devono essere installate lungo i centri del Mauerlat e le traverse del telaio di supporto. Se in precedenza sono stati commessi errori durante l’assemblaggio e le travi nella parte superiore non convergono, è possibile regolare l’altezza dei rack di supporto. Pertanto, si consiglia di non fissare definitivamente i giunti fino all’installazione finale di tutti gli elementi critici che formano la geometria del tetto. Seguendo questa semplice regola, in questa fase non incontrerai alcuna difficoltà a correggere i difetti..

Anca: regole di progettazione e installazione

Travi prefabbricate angolari sono installate lungo le linee di convergenza delle pendenze. È l’elemento portante del tetto più lungo e pesantemente caricato, che deve avere una maggiore affidabilità. Le travi devono essere assemblate sotto forma di sandwich a tre strati. Gli inserti nel mezzo sono progettati per il rally e sono installati in luoghi in cui le travi poggiano sul Mauerlat, sul telaio di supporto e nella parte superiore.

Quando si installano le travi diagonali, il loro allineamento è richiesto non solo in base alla posizione dei punti di supporto, ma è necessario raggiungere una posizione strettamente verticale, senza la quale non sarà possibile garantire la corretta battuta delle travi intermedie corte. Da un lato, riposano sul Mauerlat, dall’altro, con l’estremità di testa nella parete laterale delle lunghe zampe diagonali della trave. Dopo che le travi intermedie sono state installate con il passo richiesto, sono installati gli elementi di fissaggio principali e gli elementi di supporto aggiuntivi, e quindi tutto accade come in un tetto convenzionale: impermeabilizzazione, contro stecche con tornitura e copertura.

Anca: regole di progettazione e installazione

Il calcolo del numero e della sezione trasversale degli elementi di supporto del tetto a padiglione può essere eseguito nel calcolatore online, che fornirà non solo il passo e la sezione ottimali, ma anche i parametri principali del tetto e tutti i dettagli con schizzi di lavoro. Nel calcolo manuale, si dovrebbe essere guidati da SP 64.13330.2011, tenendo conto dei requisiti di progettazione secondo SP 17.13330.2011. 0 sono considerati travi leggere installate con passaggi frequenti.

Metodi di fissaggio e rally utilizzati

La giunzione delle travi intermedie con le travi diagonali è la più difficile. Il tetto a padiglione nel suo insieme è difficile a causa del fatto che il suo allineamento è difficile a causa della mancanza di punti di attacco dritti, quindi è meglio se la corretta configurazione è garantita dall’accuratezza della fabbricazione delle parti, che, dopo l’incollaggio, formano una struttura di dimensioni corrette garantite.

Anca: regole di progettazione e installazione

Anche la qualità del legname, che deve essere elaborato dopo l’essiccazione e il completamento dei processi di deformazione, significa molto. Al momento dell’assemblaggio, il contenuto di umidità del legno dovrebbe essere di circa il 20%, come in un deposito coperto per un mese. Se le travi hanno acquisito una curvatura fino a 2 mm / m, possono essere utilizzate: grazie alla corretta preparazione delle parti, è possibile ridurre al minimo l’errore cumulativo.

Spieghiamo con l’esempio di fissare travi intermedie a travi diagonali, dove è richiesto il doppio taglio delle estremità. Di norma, viene eseguito localmente, ma questo è possibile solo con esperienza e materiali di alta qualità. Per garantire un taglio corretto, è meglio eseguire il taglio. Innanzitutto, l’angolo in cui sono installate le travi centrali rispetto alla verticale è segnato su tutta la linea. Se le gambe della trave diagonale sono in piano, questo angolo sarà lo stesso in tutti i punti. Se le assi sono curve, premendole contro l’estremità delle travi corte durante il fissaggio, verrà garantito l’allineamento e da entrambi i lati contemporaneamente.

Anca: regole di progettazione e installazione

Dopo aver tagliato le travi, è necessario smussare alla fine. Il suo angolo è anche noto ed è uguale al giro delle travi diagonali rispetto al Mauerlat. Se la base è un quadrato regolare, questo angolo è di 45 °, tuttavia, se il rapporto tra le lunghezze delle pareti è disuguale, questo rapporto può cambiare, quindi i segni dovrebbero essere trasferiti con un piccolo.

Anca: regole di progettazione e installazione

Inizialmente, le travi corte dovrebbero essere allungate con l’aspettativa di un successivo taglio. E per aumentare il punto di supporto delle travi sul Mauerlat, dovrebbe essere fatta una tacca, mantenendo almeno il 60% della sezione originale. Non è inoltre consigliabile contrassegnare il rivestimento in posizione qui, perché la nuca del serif assicura la posizione corretta delle travi diagonali. Pertanto, è ragionevole installare le travi in ​​sequenza lungo ciascuna cinghia di fissaggio, partendo dal basso. Quindi, a causa di quattro parti identiche nella posizione corretta, verranno eliminate eventuali torsioni o inclinazioni delle travi diagonali.

Video collegati:

Un altro nodo problematico è la convergenza delle travi diagonali e trasversali al centro. È conveniente unire prima le travi trasversali in un’estremità diritta, rafforzando il collegamento con piastre a forma di L borchiate o imponendo legami orizzontali a un livello di 40-50 cm sotto la parte superiore. Successivamente, è sufficiente tagliare l’estremità della gamba diagonale prefabbricata nell’angolo di rotazione tra le travi trasversali. Per un tetto quadrato, sarà sempre lo stesso 45 °, con lati disuguali, il valore dell’angolo dovrà essere misurato individualmente su ciascun lato o trasferito con un piccolo.

Anca: regole di progettazione e installazione

Quando si collegano alcuni nodi, è meglio abbandonare le unghie e sicuramente non utilizzare viti autofilettanti nere. Ad esempio, il fissaggio delle estremità delle travi corte alle travi diagonali viene eseguito meglio con viti anodizzate con fori preforati. Per il fissaggio al Mauerlat, utilizzare perni con una filettatura grande con un diametro di 10-12 mm. È consentito l’uso di unghie regolari, a condizione che passino e si pieghino di 25-30 mm, o se il nodo da rinforzare con le unghie è un raccordo con sottosquadro.

Suggerimento: le unghie arrugginite resistono meglio di quelle pulite. Non essere pigro e immergili per un giorno in un barattolo con una forte soluzione di sale da cucina.

Per rafforzare la struttura del tetto e utilizzare materiali con una sezione trasversale più piccola, è possibile installare una serie di elementi aggiuntivi. Ad esempio, rinforzi diagonali del telaio di supporto, traverse tra gambe opposte, capriate negli angoli del Mauerlat e supporti, travi prefabbricate (doppie) trasversali, ecc. Tuttavia, ci affrettiamo a notare che la struttura della tenda stessa distribuisce perfettamente il carico e per affidabilità è necessario solo fabbricare con precisione i pezzi e collegarli correttamente. Pertanto, l’installazione di elementi di rinforzo è necessaria solo per i tetti a padiglione o con una piccola pendenza della pendenza con una lunghezza significativa..

Dispositivo per tetto freddo

Quando la struttura di supporto è completamente assemblata, rimane abbastanza stabile anche senza ulteriori legami, tuttavia, a causa della cassa, può essere fornito un ulteriore margine di sicurezza. Pertanto, i tetti a padiglione sono spesso rivestiti con materiale in lamiera, che consente un passaggio abbastanza frequente di travi.

Anca: regole di progettazione e installazione

In effetti, la guaina continua può essere realizzata solo con legno multistrato di FSF o bachelite o con materiali in fogli speciali per coperture su una base di truciolare. Spesso è più opportuno utilizzare un tornio trasversale della tavola, prima di tutto, quando il rivestimento ha una dimensione grande.

La densità del tornio dipende dal passo delle travi, dalle proprietà di resistenza del rivestimento e dal carico di neve. I requisiti specifici per la resistenza alla flessione sono stabiliti dal produttore del rivestimento, ma esiste un concetto di pienezza della cassa: il rapporto tra l’area dei pannelli e l’area totale del tetto.

Anca: regole di progettazione e installazione

Per garantire il corretto funzionamento della torta fredda del tetto, è necessario utilizzare un reticolo per creare uno spazio tra l’impermeabilizzazione e il retro della copertura. Ciò contribuirà a uno scambio d’aria completo con l’aria esterna, il che significa che eviterà un’elevata umidità e neutralizzerà l’effetto della condensa che cade sul tetto durante improvvisi sbalzi di temperatura.

Tetto all’anca e soffitta calda

Una struttura a forma di tenda è considerata la più adatta per l’implementazione del concetto di un attico caldo. Permette la posa dei condotti di scarico attraverso il soffitto praticamente in qualsiasi punto senza la formazione di zone stagnanti. La rimozione dell’aria dalla soffitta può essere effettuata attraverso un unico sfiato situato nel punto più alto della struttura della tenda.

Anca: regole di progettazione e installazione

Tuttavia, per questo, devono essere soddisfatti alcuni requisiti di costruzione del tetto. Le gambe della trave non devono sporgere oltre il Mauerlat; invece di comprimere gli intradossi, la facciata viene rifinita con una piccola sporgenza del rivestimento. Ciò impone alcune restrizioni alla scelta dei materiali: è adatto solo il formato del foglio.

Anca: regole di progettazione e installazione

Questo requisito è giustificato dalla necessità di sigillare lo spazio della soffitta. Esistono altri metodi per questo, ma comportano l’uso di un isolamento termico più perfetto e costoso, mentre nel caso più semplice è sufficiente inserire lana minerale tra le gambe della trave, avendo precedentemente calcolato il loro passaggio.

Nella sua forma completa, la torta del tetto sopra l’attico caldo è un isolamento scoperto che è supportato da una rete. Per eliminare l’effetto della condensa, è necessario installare una membrana di superdiffusione all’interno invece di impermeabilizzare. Altrimenti, esiste il rischio di formazione di condensa sul retro dell’idro-barriera, inaccettabile per l’isolamento termico minerale. Pertanto, invece di acquistare un costoso isolante che non teme l’umidità e soddisfa i requisiti di sicurezza antincendio, è sufficiente spendere solo per la protezione da vapore e acqua di alta qualità.

Soffitte con tetto a padiglione

Nel caso di un tetto a mansarda, i requisiti per l’isolamento termico del pavimento e del tetto sono diversi. È inaccettabile che l’atmosfera in un salotto sia persino parzialmente formata dall’aria di scarico di altre stanze. Ciò richiede un certo sforzo durante l’installazione della ventilazione, sia interna che interna.

Anca: regole di progettazione e installazione

È inoltre possibile utilizzare lana minerale per questi scopi. Fatta eccezione per il sistema di ventilazione, quindi per trasformare un sottotetto caldo in uno abitabile, è sufficiente solo completare il rivestimento interno, sotto il quale vi è un condotto e una barriera al vapore. Allo stesso tempo, la torta sul tetto rimane localizzata tra i due strati di protezione, è importante solo che il rendimento di quello superiore sia più elevato. Nella versione più semplice, per questo è sufficiente coprire l’attico dall’interno con un involucro di plastica, che limiterà completamente il ricambio d’aria. Questo problema può essere risolto in diversi modi:

  1. Installazione di prese d’aria attraverso la torta sul tetto
  2. Applicazione di una barriera al vapore di alta qualità con una differenza affidabile conosciuta nella capacità di trasmissione del vapore.
  3. Isolamento con materiale spruzzato, che non elimina la necessità di installare la ventilazione, ma mantiene lo spazio utile e non richiede protezione dal vapore dall’interno.

Anca: regole di progettazione e installazione

Lo spazio sottotetto sotto il tetto a padiglione ha una pianificazione limitata, perché letteralmente al centro ci sono gli scaffali del telaio di supporto. Tuttavia, a causa dello spostamento delle porte e delle partizioni non capitali, è possibile battere lo spazio con la formazione di più stanze separate, o una grande stanza, separate da partizioni formali. Tuttavia, è necessario tenere conto in anticipo dello spessore delle cremagliere, in modo che quando si erigono pareti interne, il loro spessore consente di nascondere correttamente gli elementi di supporto, senza utilizzare materiali troppo pesanti..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy