Trasferimento di locali residenziali in locali non residenziali

La ricerca di un locale non residenziale gratuito e più o meno dignitoso per un ufficio, un punto vendita o un magazzino, oggi, per i rappresentanti del pubblico russo, si trasforma spesso in un vero problema. Molto spesso, l’unica soluzione possibile a questo problema è l’uso di appartamenti residenziali per i suddetti scopi. Ecco perché abbiamo l’opportunità di osservare come gli appartamenti situati ai primi piani di vecchi edifici residenziali, nel tempo, si trasformino in parrucchieri, lavanderie, negozi di alimentari o persino filiali bancarie..

Immagine

Molti imprenditori che decidono di utilizzare i locali residenziali per scopi commerciali, a causa della mancanza di esperienza in tali questioni, commettono gravi errori durante la pianificazione del processo di conversione di un appartamento in un ufficio, a seguito del quale subiscono gravi perdite finanziarie. Di solito si presenta così: un imprenditore decide di attrezzare i propri metri quadrati o acquistati di recente per un ufficio e inizia a capire “come farlo ora”. Inoltre, è soprattutto preoccupato per due domande: come farlo legalmente con competenza (cioè senza violare la legislazione attuale) e passare un minimo di tempo? La raccolta di informazioni porta inevitabilmente alla conclusione dell’imprenditore: c’è un processo piuttosto problematico, noioso e, soprattutto, molto lungo, e la data prevista per l’avvio di uno spazio commerciale in funzione viene posticipata con almeno 3-4 mesi di anticipo.

Quindi, non pensare che il problema del collocamento in ufficio possa essere risolto solo acquistando un appartamento..
Secondo la legislazione russa (clausola 3 dell’articolo 288 del codice civile della Federazione Russa), l’uso di alloggi a fini commerciali è consentito solo dopo il trasferimento di questi locali allo stato di non residenziale.
In generale, la procedura per il trasferimento di un locale residenziale in un fondo non residenziale si presenta così:

1. Determinazione della possibilità di trasferire locali residenziali a non residenziali.
Secondo l’attuale legislazione russa, i locali non residenziali devono soddisfare i seguenti requisiti:
– i locali non residenziali devono avere un ingresso isolato dalla parte residenziale dell’edificio;
– i locali devono essere situati al primo piano (se i locali residenziali si trovano al secondo e al terzo piano, il suo trasferimento a locali non residenziali sarà possibile se i piani inferiori sono occupati da locali non residenziali (negozi, uffici, banche));
– è necessario che la casa in cui si trova l’abitazione non rientri nei piani per importanti riparazioni e non sia riconosciuta come emergenza;
– nessuno dovrebbe essere registrato nell’appartamento;

2. Preparazione e raccolta dei documenti necessari.
In questa fase, il proprietario deve visitare una serie di servizi pubblici (PIB, Gossanepidemnadzor, Goszharnadzor, KGIOP, KGA, servizio passaporti del dipartimento di polizia distrettuale, ecc.), Raccogliendo un pacchetto di documenti, nella seguente composizione:
– una domanda di trasferimento di un locale residenziale separato a un fondo non residenziale (secondo il modello stabilito) con l’indicazione dello scopo funzionale previsto di tale locale;
– una fotocopia del passaporto del proprietario;
– documenti notarili di titolo;
– copie autenticate di documenti costitutivi di una persona giuridica;
– passaporto tecnico ITV, spiegazione dei locali, planimetrie (PIB);
– certificato di assenza di cittadini registrati in questo locale;
– il consenso del passaporto e del servizio visti pertinenti alla domanda del proprietario di terminare la registrazione nei locali residenziali trasferiti al fondo non residenziale;
– conclusione basata sui risultati di un sondaggio tecnico da parte dell’organizzazione del servizio;
– conclusione di KGiOP;
– la conclusione della Vigilanza sanitaria ed epidemiologica statale;
– conclusione dell’ispezione antincendio statale;
– conclusione tecnica di un’organizzazione autorizzata per lavori di progettazione e rilevazione;
– progetto di riqualificazione dei locali;
– conclusione sulla possibilità di un dispositivo di ingresso separato;
– un certificato dell’amministrazione distrettuale secondo cui la casa non rientra nei piani di riparazione del capitale e non è riconosciuta come emergenza;

3. Presentazione di un pacchetto preparato di documenti alla commissione per la politica abitativa.
In questa fase, la commissione interdipartimentale della città sull’uso del patrimonio immobiliare decide in merito alla possibilità di utilizzare i locali residenziali dichiarati come non residenziali, considera la possibilità di riqualificazione e coordina la soluzione progettuale proposta.

4. Registrazione dei diritti del proprietario su locali non residenziali.
Questa è la fase finale, durante la quale, direttamente nella camera di registrazione, vengono registrati i diritti del proprietario sui locali non residenziali. Ciò richiede i seguenti documenti:
– economico;
– ricevuta del pagamento del dovere statale;
– documenti che descrivono l’oggetto della legge (documenti ITV);
– documenti che descrivono l’oggetto della legge (documenti costitutivi, certificato TIN, codici Goskomstat, ecc.);
– documenti di proprietà (ordine del comitato municipale per l’edilizia abitativa, verbale della CIA sul trasferimento dei locali, ordine del prefetto con permesso di modificare lo scopo funzionale dei locali, certificato di proprietà);
– un estratto dall’ordine della commissione per la politica abitativa con un estratto del verbale della commissione interdipartimentale della città sull’uso del patrimonio abitativo della città sulla questione del trasferimento dei locali residenziali a quelli non residenziali;
– una decisione sull’approvazione di un progetto per la ricostruzione e (o) riqualificazione dei locali e il permesso di eseguire lavori di riparazione e costruzione (ordine del governatore);
– un ordine di autorizzazione a modificare lo scopo funzionale dei locali;
– un documento che conferma che il diritto del richiedente a un’abitazione è registrato nel registro delle entità giuridiche dello Stato unificato o in un atto di proprietà di un’abitazione acquisita prima del 1998;

Quindi, vediamo che la procedura per il trasferimento di locali residenziali in locali non residenziali è un processo piuttosto laborioso e lungo. Inoltre, va notato che questo articolo presenta solo un algoritmo generale di azioni che non tiene conto di un numero enorme di sfumature e, per la maggior parte, è applicabile alle grandi città (Mosca, San Pietroburgo). Va anche tenuto conto del fatto che il lavoro dell’amministrazione in ciascuna regione separata ha le sue specificità..
Nella maggior parte dei casi, un imprenditore semplicemente non ha l’opportunità di affrontare autonomamente questo problema. Pertanto, al fine di risparmiare tempo, fatica e denaro, consiglio vivamente di ricorrere immediatamente all’aiuto di professionisti, poiché oggi ce ne sono più che sufficienti.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy