L’ultima settimana di aprile: responsabilità reciproca nella Duma di Stato e repressione in atto

Sezioni dell’articolo



L’ultima settimana di aprile ha confermato in una certa misura le ipotesi secondo cui Vladimir Putin ha deciso di testare l’immagine del “sovrano popolare”. Questa idea è stata suggerita dal presidente stesso, dimostrando la sua nuova immagine durante la “linea retta”. Come parte della nuova strategia, il capo dello stato assicura di non influenzare i processi dell’opposizione e, nel frattempo, i dissidenti sono già in prigione, sotto processo e inchiesta. Nessuno ha bisogno dell’opposizione. Anche i deputati sono occupati solo con i loro problemi: la guerra con gli avversari, l’amicizia con gli animali domestici, la mutua garanzia e l’occultamento delle entrate.

Belousov ha anche affermato che il governo intende aumentare le spese nella sfera sociale: infrastrutture, istruzione e assistenza sanitaria. La fonte di denaro per tale manovra di bilancio sarà una diminuzione del sostegno finanziario per le attività delle società statali..

La leadership del paese non ha ancora preso un’unica decisione efficace che ritarderebbe il catastrofico declino della crescita economica russa..

A sua volta, il ministro delle finanze Anton Siluanov ha informato la stampa che in questa riunione hanno anche discusso di tali possibili misure per aumentare la crescita economica, come l’uso di fondi da pensioni e altri fondi al fine di riscattare le obbligazioni per l’attuazione di progetti infrastrutturali. Vladimir Putin ha condiviso la sua opinione, affermando che l’economia russa è piuttosto forte per rimanere relativamente indipendente dall’influenza dei processi mondiali..

Allo stesso tempo, durante quattro ore di discussione sulla crisi della crescita economica, è stata presa una sola decisione: risolvere il problema della possibilità di ridurre il margine delle banche di proprietà statale, poiché è troppo elevato, anche rispetto all’Unione europea in crisi. Il settore bancario statale è l’unico modo per ricevere un afflusso di debitori.

L’incertezza del futuro dell’economia domestica si osserva in quasi tutte le sue sfere. I fenomeni di crisi coprono persino i fondi sociali, il cui tasso di riempimento sta rallentando drasticamente. Almeno, almeno per correggere la situazione con soldi per articoli sociali, il governo prenderà misure drastiche.

Lunedì 22 aprile un certo numero di media ha riferito che il Ministero del Lavoro aveva iniziato a elaborare un disegno di legge che avrebbe introdotto la responsabilità penale per il mancato pagamento dei premi assicurativi. I non pagatori dei contributi dell’assicurazione sociale e sanitaria, i debitori sui contributi ai fondi pensione saranno ora classificati come criminali. Questa procedura era in vigore prima – fino al 2010, quando l’imposta sociale unificata è stata sostituita da premi assicurativi.

Quasi la metà della popolazione in età lavorativa della Russia preferisce non pagare i premi assicurativi – ignora la necessità di contributi ai fondi sociali.

Il vice primo ministro Olga Golodets ha spiegato la necessità di introdurre misure severe contro i trasgressori a causa della bassa disciplina di pagamento tra la popolazione in età lavorativa. Secondo il Ministero del Lavoro, solo 47 milioni di persone su 87 milioni di persone abili effettuano pagamenti..

L'ultima settimana di aprile: responsabilità reciproca nella Duma di Stato e repressione in atto

Roman Terekhin, presidente del Presidio dell’Associazione dei giovani imprenditori, ha parlato dell’iniziativa del governo, che ha osservato che la riduzione dei ricavi assicurativi è dovuta principalmente all’aumento regolamentare della quantità di contributi, che ha causato un deflusso di 300 mila imprenditori dalle imprese.

Terekhin sottolinea che sarebbe economicamente più conveniente per i non pagatori di contributi, poiché l’azione penale può causare una perdita di popolarità dell’attività imprenditoriale e un deficit ancora maggiore di fondi.

La Duma di Stato ha funzionato

È troppo presto per parlare dell’efficacia delle misure proposte dal presidente e dal governo volte a migliorare la situazione economica e ad aumentare il livello di sicurezza sociale. Come si suol dire – il tempo lo dirà. Ma i russi, come si è scoperto, hanno da tempo formulato la loro opinione sulla produttività e sul patriottismo dei parlamentari..

Gli esperti del Centro russo per lo studio dell’opinione pubblica sono giunti a conclusioni deludenti, che hanno condotto un sondaggio sociologico, cercando di scoprire dai russi ordinari la valutazione dei deputati della Duma di Stato. Pertanto, il 20% del numero di intervistati ritiene che i parlamentari siano coinvolti in corruzione e appropriazione indebita di fondi pubblici. L’11% non si fida dei rappresentanti delle persone. Il 9% dei principali incentivi per il lavoro dei deputati si riferisce all’avidità, e il 4% li ha chiamati parlatori ordinari.

I russi medi riconoscono le straordinarie capacità imprenditoriali dei deputati, ma allo stesso tempo è abbastanza ragionevole notare che i parlamentari non si preoccupano del loro popolo.

D’altra parte, l’11% degli intervistati ha parlato rispettosamente dei parlamentari, il 5% li considera difensori degli interessi del popolo e il 4% li ha addirittura definiti leader del popolo. Solo il 2% degli intervistati si fida dei deputati e li considera persone istruite e intelligenti. Per quanto riguarda le qualità personali dei parlamentari, i russi includono egoismo (60%), indifferenza verso gli altri (57%), mancanza di principio (45%), professionalità (42%)..

L'ultima settimana di aprile: responsabilità reciproca nella Duma di Stato e repressione in atto

Secondo Valery Fedorov, direttore generale del Centro russo per lo studio dell’opinione pubblica, questi risultati indicano che i cittadini della Federazione Russa classificano i parlamentari come un’élite istruita e ricca, ma credono che i deputati si preoccupino esclusivamente del proprio benessere e siano assolutamente indifferenti alla gente. I frequenti scandali nella Duma di Stato caratterizzano anche i deputati del popolo non dalla parte migliore.

Uno di questi scandali, che è diventato l’evento della settimana della Duma, è il secondo round della guerra tra il deputato Vladimir Burmatov e il ministro dell’istruzione Dmitry Livanov. Un membro della fazione della Russia unita, Vladimir Burmatov, ritiene che la leadership dell’Istituto di acciaio e leghe di Mosca abbia speso 1,8 miliardi di rubli in fondi pubblici nel 2008, quando l’attuale ministro dell’istruzione Dmitry Livanov era il rettore dell’università..

Burmatov ha già inviato un appello corrispondente al procuratore generale Yuri Chaika. Nel 2008, MISiS ha ricevuto lo status di un’università di ricerca di importanza nazionale, dopo di che la direzione dell’università ha richiesto l’assegnazione di 3,4 miliardi di rubli da fonti di bilancio per la costruzione di un campus a Kommunarka vicino a Mosca.

Stanziati da fonti di bilancio 1,8 miliardi di rubli per la costruzione di un campus studentesco sono scomparsi in una direzione sconosciuta.

Si presumeva che fossero costruiti edifici scolastici, biblioteche e laboratori, nonché complessi residenziali per studenti e professori. L’università ha ricevuto 1,8 miliardi di rubli dall’importo richiesto, ma il suddetto lavoro non è mai stato eseguito e il denaro è stato presumibilmente inviato allo sviluppo dell’università.

Burmatov e un certo numero di altri deputati intendono inoltre avviare un audit dell’università da parte della Camera dei conti. Il vice capo della fazione della Russia Unita, Mikhail Yemelyanov, e il suo collega del Partito Comunista della Federazione Russa, Nikolai Kolomeitsev, hanno già annunciato il loro sostegno alla proposta del parlamentare. Secondo Rostislav Turovsky, capo dell’Agenzia per gli studi regionali, infatti, la domanda è stata avviata perché Burmatov rappresenta una squadra presidenziale interessata alle dimissioni di Livanov..

L'ultima settimana di aprile: responsabilità reciproca nella Duma di Stato e repressione in atto

Allo stesso tempo, l’iniziativa di Vladimir Burmatov è in una certa misura un attacco di ritorsione. Ad esempio, il programma Antiplagiat, precedentemente introdotto con l’aiuto di Dmitry Livanov, ha rivelato che la tesi del candidato di Burmatov è stata parzialmente riscritta da altre fonti, con la quale quest’ultima non era categoricamente d’accordo e apparentemente nutriva rancore.

Un’altra indagine relativa ai deputati sembra inizialmente senza speranza, dal momento che nessuno vuole occuparsene. Quindi, secondo il vicepresidente Vladimir Vasiliev, capo della fazione della Russia Unita, alla vigilia della dichiarazione dei redditi, non trenta, come riportato dai media, divorziarono, ma solo sette deputati.

Vasiliev prese questi dati dal dipartimento del personale. Sebbene il deputato abbia rifiutato di nominare i parlamentari divorziati, sulla stampa sono apparse informazioni secondo cui erano, oltre a Vladimir Zhirinovsky, un membro del Partito Democratico Liberale della Russia Denis Vochek, a capo della direzione dei media nella fazione, un rappresentante della Russia unita, Vitaly Efimov, un comunista Alexander Potapov, membro del comitato di fazione sulla politica economica e il suo membro del partito Sergei Sobko, capo del comitato dell’industria.

Nessuna commissione parlamentare ha osato indagare sui casi di divorzio dei deputati, che potrebbero aver nascosto le loro entrate in questo modo..

La Commissione Etica non prenderà in considerazione la questione del divorzio dei parlamentari per motivi egoistici dei parlamentari, incluso l’eventuale occultamento del reddito. Il vice capo della commissione Andrei Andreev ha inoltrato l’assegno a un’altra commissione – per il controllo delle entrate e delle proprietà.

Il capo di quest’ultimo, Nikolai Kovalev, ha anche affermato che la questione non rientra nelle competenze della commissione. Kovalev ha sottolineato che non vi è alcuna violazione della legge nel divorzio dei deputati e che l’analisi del lato etico del problema è al di là dei poteri della commissione. Pertanto, la questione di nascondere i dati sul reddito dei deputati, che, forse, hanno frettolosamente copiato alle loro mogli due mesi prima di dichiarare i loro guadagni, non sarà mai divulgata..

Non una singola commissione, nemmeno un singolo parlamentare voleva affrontare una questione così sfuggente e scomoda. Perché il precedente creato può girare contro il suo iniziatore in qualsiasi momento..

Guerre con opposizione

A differenza delle loro stesse mogli, con le quali i deputati divorziano con straordinaria facilità, c’è un uomo che non lasceranno mai. Vladimir Pekhtin sarà sempre la figura più ambita della Duma. Il suo valore per la Duma di Stato è così alto che il partecipante allo scandalo del settore immobiliare americano è nuovamente chiamato a lavorare in parlamento..

Il portavoce Sergei Naryshkin ha invitato Pekhtin, attualmente nel consiglio di amministrazione di RusHydro, a diventare consigliere del presidente della Duma di Stato in materia di energia idroelettrica. L’opinione della fazione della Russia Unita secondo cui l’ex deputato è insostituibile è confermata anche dalle parole del Vice Presidente Sergei Neverov, Segretario del Consiglio Generale della Russia Unita, che affermava che qualsiasi mandato vacante sarebbe stato immediatamente trasferito a Vladimir Pekhtin.

L'ultima settimana di aprile: responsabilità reciproca nella Duma di Stato e repressione in atto

Nel frattempo, l’amore dei parlamentari non lusinga l’orgoglio di Pekhtin, che non si ritirerà dalle sue intenzioni per punire il popolare blogger Alexei Navalny per lo scandalo immobiliare di un ex deputato a Miami.

Vladimir Pekhtin farà causa a Alexei Navalny per aver divulgato i dati sui lussuosi appartamenti del deputato a Miami.

Durante una visita a una riunione della fazione della Russia Unita, Vladimir Pekhtin venne con un avvocato Alexander Minakov, il quale assicurò alla Russia Unita che l’ex parlamentare non aveva proprietà immobiliari negli Stati Uniti. Nello stesso incontro, Pekhtin disse che avrebbe fatto causa a Navalny..

Ricorderemo, il 15 marzo, Pekhtin è stato privato dei suoi poteri parlamentari a causa del fatto che ha deciso di ritirarsi dalla Duma di Stato. Navalny ha accusato Vladimir Pekhtin di aver nascosto proprietà immobiliari americane per un valore di $ 1,8 milioni appartenenti al deputato e ha fornito copie di documenti come prova. Pekhtin si dimise dal parlamento, apparentemente per non minare la reputazione della fazione, ma negò completamente le accuse di Navalny.

L’opponente ritiene che Pekhtin abbia già registrato nuovamente la proprietà a nome di suo figlio e ora l’ex deputato ha la mano libera. L’ex parlamentare ha affermato che in tribunale avrebbe chiesto un risarcimento dell’importo del reddito annuo di Alexei Navalny. Secondo la dichiarazione di Navalny, circa la metà delle sue entrate è costituita da aiuti finanziari da parte di privati ​​per un importo di 8,5 milioni di rubli, che il blogger, secondo lui, ha immediatamente trasferito al fondo anticorruzione RosPil..

L’opponente, a quanto pare, è probabilmente più interessato a un processo completamente diverso. La corte di Kirovsky continua a considerare il caso Kirovles, in cui i principali imputati sono Alexei Navalny e l’imprenditore Pyotr Ofitserov.

L'ultima settimana di aprile: responsabilità reciproca nella Duma di Stato e repressione in atto

Gli imputati sono accusati del furto di 10 mila metri cubi di foresta nel 2009, a seguito del quale Kirovles è stato presumibilmente danneggiato per un importo di 16 milioni di rubli. Lunedì 24 aprile è iniziata un’audizione giudiziaria durante la quale la difesa di Navalny ha chiesto di rinviare la causa per ulteriori indagini, ma l’appello è stato respinto.

Alexey Navalny ritiene che il principale testimone del caso Kirovles stia calunniando l’opponente, poiché ha concordato con le indagini.

Il testimone principale nel caso è Vyacheslav Opalev, che in precedenza era a capo di Kirovles. Quest’ultimo è già stato condannato a una condanna a quattro anni. Dal punto di vista di Navalny, Opalev testimonia contro il blogger al fine di ottenere il perdono delle forze dell’ordine in altri casi penali intentati contro l’ex capo di Kirovles.

Inoltre, anche l’appello della difesa riguardo alla possibilità di trasferire il caso alla Corte Bassmanny di Mosca non ha trovato sostegno. Il giudice Kirov ha chiarito che 37 su 40 testimoni nel caso vivono a Kirov e nella regione, quindi sarà semplicemente più conveniente completare l’esame del caso a Kirov.

L’unica cosa che i servitori di Themis hanno permesso a Navalny era di riposare durante le vacanze di maggio nella regione di Astrachan ‘. Anche Officerov fu autorizzato a partire fino al 5 maggio. Trascorrerà del tempo a casa, a Kaluga. Secondo il blogger, il caso è stato avviato esclusivamente per motivi politici. L’opponente ritiene che la corte sia un’operazione deliberata volta a privarlo dell’opportunità di prendere parte al processo elettorale.

Il 26 aprile Vladimir Putin ha espresso la posizione ufficiale del Cremlino sul “caso Navalny”, affermando di aver focalizzato personalmente l’attenzione della Procura generale sulla necessità di una sua considerazione obiettiva.

Ora, conoscendo l’atteggiamento equo e neutrale del capo di stato nei confronti dei processi contro i suoi oppositori ideologici, possiamo solo sperare che la condanna a un altro combattente contro le autorità, Konstantin Lebedev, che è stato condannato il 25 aprile alla reclusione per 2,5 anni, sia stata dettata esclusivamente dalla legge. non motivi politici. Lebedev è stato condannato dal tribunale della città di Mosca per l’organizzazione delle rivolte di Mosca in piazza Bolotnaya nel maggio 2012 e per la pianificazione di nuove azioni di massa illegali.

Durante l’indagine, Konstantin Lebedev ha tradito tutti i suoi associati, nonché le connessioni e i piani cospiratori dell’opposizione.

Il verdetto, che è stato riconosciuto piuttosto indulgente, contiene informazioni che Lebedev ha concordato un accordo preliminare, fornendo agli agenti delle forze dell’ordine tutte le informazioni a cui erano interessati. Quindi, Konstantin Lebedev ha detto all’indagine i nomi di tutti i suoi complici, ha parlato dei metodi di cospirazione. Il leader di Lebedev, Sergei Udaltsov, è attualmente agli arresti domiciliari. Un’altra persona coinvolta nel caso, Leonid Razvozhaev, secondo quanto riferito dai media, era a Kiev l’anno scorso, dove, secondo i media, è stato arrestato da servizi speciali russi e portato a Mosca, secondo la versione ufficiale, è tornato da solo nella capitale.

L'ultima settimana di aprile: responsabilità reciproca nella Duma di Stato e repressione in atto

Per quanto riguarda Lebedev, è stato personalmente condannato ai sensi degli articoli 30 e 212 del codice penale – per l’attuazione e la preparazione di scontri di massa avvenuti con l’uso della violenza. Oltre agli eventi in Piazza Bolotnaya, è stato accusato di aver organizzato campi di addestramento in Lituania, Kazan, Volgograd, Nizhny Novgorod, Yaroslavl e Ivanovo, dove erano previsti i preparativi per nuove rivolte..

La corte ha rilevato che le attività dell’imputato e dei suoi complici hanno portato al fatto che lo stato ha subito danni per un importo di 28 milioni di rubli. La testimonianza di Konstantin Lebedev durante la sessione del tribunale, che si è svolta a porte chiuse, è stata classificata.

Buon re

Parlando di obiettività e dell’assenza di meccanismi repressivi in ​​relazione alle forze di opposizione, Vladimir Putin ha preso una posizione che si inserisce abbastanza armoniosamente nella nuova immagine del leader del Cremlino. Questa immagine è stata chiaramente dimostrata dal Presidente durante la “linea diretta”, che ha avuto luogo giovedì 25 aprile.

Quindi, giovedì, Vladimir Putin ha battuto il suo record per la lunghezza di una “linea retta”, che questa volta è stata di 4 ore e 47 minuti. Il record degli anni precedenti è la “linea retta” del 2011, in cui il presidente è durato per 4 ore e 30 minuti. I giornalisti dall’estero hanno cercato di analizzare le dichiarazioni di Putin e di conseguenza sono giunti alla conclusione che il leader sta cercando di formare una certa immagine per sé tra le masse – vicino ai russi ordinari, ma allo stesso tempo un sovrano severo.

L'ultima settimana di aprile: responsabilità reciproca nella Duma di Stato e repressione in atto

Pertanto, un tentativo di formare l’immagine di un combattente contro la corruzione è stato notato nel Financial Times (Gran Bretagna) e nel Suddeutsche Zeitung (Germania). Nell’ultima edizione, le ipotesi sono andate ancora oltre e sostengono che Vladimir Putin ha risposto alle domande che erano state preparate in anticipo. Molto probabilmente, anche i suoi interlocutori sono stati appositamente selezionati..

I media stranieri considerano la “linea diretta” di Vladimir Putin uno spettacolo messo in scena con cura e notano che il presidente russo sta provando l’immagine di un “buon zar”.

I giornalisti tedeschi ritengono che l’ingresso nell’arena della “linea diretta” degli interlocutori di Putin – l’ex ministro delle finanze Alexei Kudrin, un insegnante che ha criticato il sistema educativo, una grande famiglia in Estremo Oriente e un lavoratore medico con uno stipendio scarso – è stata una mossa attentamente pianificata..

Lo svizzero Le Temps ha generalmente caratterizzato l’immagine del presidente sulla “linea retta” come “il padre della nazione” che mantiene la situazione politica nella Federazione Russa sotto il completo controllo. Le nouvel Observateur (Francia) ha notato il tentativo di Putin di prendere le distanze dall’immagine di un tiranno durante la sua storia sulle differenze tra il regime stalinista e la situazione nella Russia moderna.

Il Wall Street Journal (USA) ha criticato il discorso del capo di stato non solo per il nuovo formato “amichevole”, ma anche per l’essenza delle dichiarazioni. Quindi, il particolare oltraggio dei giornalisti americani è stato causato dalla frase di Vladimir Putin, che nel plasmare la visione del mondo dei fratelli Tsarnaev, che hanno organizzato l’attacco terroristico a Boston, ha accusato gli Stati Uniti, ma non la regione del Caucaso settentrionale.

L'ultima settimana di aprile: responsabilità reciproca nella Duma di Stato e repressione in atto

Inoltre, la pubblicazione sottolinea che per la maggior parte, Vladimir Putin ha aderito alla linea accusatoria nei casi in cui non poteva rispondere a una domanda senza danneggiare la propria immagine. In effetti, le parti colpevoli dei problemi russi non erano solo funzionari irresponsabili, ma anche forze di opposizione e persino altri stati..

I giornalisti stranieri possono commettere errori, interpretare soggettivamente i cambiamenti nel comportamento pubblico di Vladimir Putin o semplicemente adempiere agli ordini delle loro autorità. Eppure, dopo aver visto la “linea retta” non si lascia un’impressione duratura: la leadership del paese sta cambiando la sua strategia, e quindi la Russia dovrà affrontare un altro cambiamento politico, e forse significativo. Sembra solo un cambio di maschere, le facce sotto le quali sono ancora le stesse.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy