L’isolato è il posto in cui viviamo

Sezioni dell’articolo



Secondo la definizione del dizionario esplicativo di Efremov, un quarto è una parte di una città delimitata da diverse strade, spesso quattro. In effetti, è da tale, a volte abbastanza grande, a volte costituito da tre o quattro o anche due “pezzi” di grattacieli, separati dal resto delle aree da autostrade, che si forma il paesaggio urbano complessivo.

Se componi una catena – appartamento – casa – cortile – quartiere – città, allora spesso è convenienza, architettura di una parte così integrale e unificata di una zona residenziale, poiché un quarto risulta essere l’indicatore principale di quanto l’ambiente urbano sia pensoso e confortevole per vivere.

Come nascono gli isolati?

Sfortunatamente, il più delle volte, costruire nelle nostre città è caotico, cioè le case vengono erette dove c’è spazio libero, senza riferimento al paesaggio circostante e all’architettura delle case vicine. Questo è il motivo per cui non è raro trovare quartieri dove edifici di vecchi edifici e nuovi grattacieli sorti sul sito di un ex campo sportivo o per bambini si trovano nelle vicinanze..

Il vecchio quartiere della città che ci è familiare sono di solito diversi edifici residenziali, la cui logica della posizione spesso non viene catturata, un piccolo parco giochi, un paio di aiuole all’ingresso e, in effetti, tutto.

La tendenza a costruire non singoli complessi residenziali, ma interi blocchi con un’infrastruttura sviluppata nel nostro paese sta appena iniziando ad apparire. E molto spesso questi sono solo complessi residenziali d’élite, sul territorio di cui c’è davvero tutto ciò di cui hai bisogno, tuttavia, l’ingresso al territorio di sicurezza recintato, chiuso, aperto 24 ore su 24 è ordinato da estranei. E un appartamento in un paradiso come, ad esempio, il complesso residenziale del quartiere italiano a Mosca è accessibile solo per una certa, molto piccola categoria di acquirenti immobiliari.

Complessi residenziali di classe economica, grattacieli monolitici ordinari con facciate inespressive, di solito non possono vantare un territorio adiacente raffinato e infrastrutture sviluppate – tali spese dello sviluppatore semplicemente non pagheranno.

Nel frattempo, come notano gli esperti, un approccio integrato allo sviluppo delle aree urbane consente di risolvere due problemi principali contemporaneamente:

  • crea un ambiente di vita completo e confortevole;
  • aumenta l’efficienza degli investimenti degli investitori.

Quindi, teoricamente, lo sviluppo complesso, cioè la costruzione di non un edificio multipiano separato, ma un intero blocco in una volta, è vantaggioso per gli acquirenti di appartamenti, i cittadini ordinari e gli sviluppatori, tuttavia, nonostante tali evidenti vantaggi, per qualche motivo nuovi, accoglienti alloggi creati secondo un unico, ben ponderato progetto architettonico il progetto è ancora una rarità.

Problemi urbani

Di solito, il quartiere della città ha il suo piccolo “minimarket” – un minimarket di generi alimentari, idealmente dovrebbe esserci anche un asilo, un’area verde per passeggiare, un parco giochi per cani da passeggio, fare sport e un piccolo complesso per i residenti più piccoli – un’altalena, una vasca della sabbia, uno scivolo e così via, e, soprattutto, un posto per parcheggiare le auto, che sono diventate un attributo indispensabile di qualsiasi cortile di un condominio.

Tuttavia, tali quartieri ideali sono estremamente rari. È tutt’altro che sempre possibile prevedere un posto per tutte le infrastrutture di cui sopra, perché il terreno in città è molto costoso. O forse non si tratta delle dimensioni del sito assegnato per la costruzione di un nuovo quartiere o per la ricostruzione di uno vecchio, ma per la ponderatezza del progetto, l’approccio stesso alla creazione di un ambiente urbano?

Parcheggio

Se conduci un sondaggio tra i residenti di un determinato quartiere, la maggior parte dei residenti si lamenterà proprio della mancanza di parcheggio e ci sono sempre più automobili..

Come risolvere questo problema? Organizzare parcheggi a pagamento nelle vicinanze? Non è una soluzione, perché, in primo luogo, devi trovare un posto per loro, e in secondo luogo, quasi la metà dei proprietari di auto semplicemente ignorerà questa opportunità: il “cavallo di ferro” è già troppo costoso, dato il costo della benzina, delle gomme e dei pezzi di ricambio, perché pagare anche per il parcheggio notturno?

Nei nuovi complessi residenziali, questo problema è spesso risolto dalla costruzione di un parcheggio sotterraneo. Eppure, se visiti uno dei cortili di un edificio di recente costruzione con un parcheggio situato nel seminterrato o nel piano sotterraneo, puoi vedere tutte le stesse file di macchine. La spiegazione è abbastanza semplice: l’acquisto di un appartamento in un nuovo edificio spesso non garantisce la disponibilità e lo spazio per un’auto. Spesso per un posto in un comodo parcheggio sotterraneo caldo, un nuovo occupante della casa deve pagare separatamente 10, 15, 20 e anche più di mille dollari. Sembrerebbe che per una persona che ha già pagato molti più soldi per nuovi alloggi, tale importo dovrebbe sembrare abbastanza accettabile, tuttavia, come dimostra la pratica, la maggior parte degli acquirenti di metri quadrati decide di risparmiare denaro, sostenendo: “Perché non parcheggiare la mia auto, ho ancora riparazioni in un nuovo edificio fare, comprare mobili e poi tali spese “. E parcheggiano, “per la gioia” dei vicini, guidando su marciapiedi, marciapiedi, campi sportivi, mettendo le auto vicino all’ingresso …

L'isolato è il posto in cui viviamo Nuovo cantiere a San Pietroburgo, fonte skyscrapercity.com

Apparentemente, il punto non è solo nella presenza e nell’assenza di posti auto, ma anche nell’atteggiamento degli stessi residenti nei confronti del comfort degli altri abitanti della casa..

landscaping

È interessante che le cosiddette norme di inverdimento esistano ancora e siano ufficialmente in vigore, calcolate separatamente per un residente di una piccola, media, grande città di villeggiatura, per la prima fase di costruzione, per quartieri urbani e residenziali. Quindi, per una persona che vive in una normale zona residenziale di una grande metropoli, dovrebbero esserci almeno 7 metri quadrati di spazio verde. D’accordo, non poco.

E le autorità riportano allegramente che, rispetto alla Mosca pre-rivoluzionaria, gli indicatori di inverdimento sono aumentati in modo significativo e non sono diminuiti affatto, come potrebbe sembrare: nel 1913, un moscovita (allora c’erano circa 1,6 milioni di persone nella capitale) rappresentava solo 12,7 metri quadrati. metri di spazio verde, e ora – circa 14 metri quadrati.

Tuttavia, è necessario capire che tali calcoli sono qualcosa di molto, molto nella media, poiché vengono presi in considerazione i parchi per abitante della capitale, incluso il parco intitolato a Gorkij, Kuzminki, Tsaritsyno, Sokolniki e così via. Ma i normali moscoviti vanno a fare una passeggiata in zone così verdi (e anche allora non tutti i giorni), ma vivono nel loro quartiere separato della città, dove l’intero grado di inverdimento può essere in un’aiuola all’ingresso e due alberi stentati che cercano di crescere su un pezzo di terra tra vialetti di asfalto.

Nei cantieri di nuovi complessi residenziali, dove la costruzione è appena terminata, non è necessario parlare di vegetazione in linea di principio: tutto ciò che è cresciuto qui prima è stato tagliato in sicurezza, e quello nuovo non è ancora stato piantato, non è cresciuto o non è previsto dal progetto. Un parco giochi al sole è uno spettacolo comune per i nuovi cantieri.

L'isolato è il posto in cui viviamo Parco giochi nel cortile del nuovo edificio

Infrastruttura

È molto conveniente se è possibile effettuare acquisti e risolvere altri problemi quotidiani senza uscire dal proprio quartiere. Pertanto, l’infrastruttura sviluppata è molto apprezzata, ovvero la presenza di negozi, filiali di banche e istituzioni per l’infanzia. Di solito, tali stabilimenti si trovano al primo piano di edifici residenziali, il che è abbastanza comune e spesso si trova in quartieri costruiti negli anni sovietici..

E anche se il progetto iniziale, ad esempio, in un blocco costruito negli anni ’60, non implicava la presenza di negozi e altri locali commerciali, ora quasi tutti i primi piani di “Krusciov”, in particolare quelli situati su strade trafficate o nei quartieri centrali delle piccole città, sono stati rimossi da magazzino immobiliare e trasformato in una varietà di boutique, negozi, centri di assistenza e così via.

E i residenti non sono sempre contenti di un quartiere così nuovo. Ad esempio, un negozio di alimentari che si è aperto al piano terra, ovviamente, è molto conveniente, ma allo stesso tempo, le persone che non sono sempre attraenti nell’aspetto appaiono nel cortile, bevendo birra su panchine, immondizia e una porta appena rotta nella parete portante dell’edificio possono causare crepe nel precedente appartamenti.

A proposito, il problema dello sviluppo urbano esiste quasi ovunque, nell’architettura occidentale esiste persino il termine “Bruxellesizzazione”, che significa un approccio caotico alla ricostruzione delle città, con una demolizione massiccia incontrollata in corso incontrollata di edifici storici. Il termine ebbe origine negli anni ’60, quando i vecchi edifici furono massicciamente demoliti a Bruxelles, al posto del quale sorsero moderne scatole di cemento.

Fortunatamente, gli sviluppatori europei hanno realizzato in tempo tutta la perniciosità di questo approccio per l’apparizione delle vecchie città europee, e ora gli sviluppatori russi, che vogliono mostrare quanto sia successo e di alta qualità il nuovo edificio, indicano nei loro opuscoli pubblicitari – “un vero quartiere europeo”.

Esempi di successo

Tuttavia, nel nostro paese ci sono esempi piuttosto riusciti di sistemazione delle aree urbane (anche se ora questi sono ancora solo progetti). Ad esempio, il centro etnografico e commerciale e artigianale “Rybnaya Derevnya”, che è apparso a Kaliningrad nel 2007, è molto bello. Tuttavia, questo fenomeno non può essere definito un tipico isolato (anche se qui ci sono anche edifici residenziali). In primo luogo, questo è ancora un centro etnografico, e in secondo luogo – la stilizzazione sotto l’architettura tedesca del Konigsberg prebellico, cioè il solito prestito.

Inoltre, il “Fish Village” è circondato dagli stessi nuovi edifici monolitici e sembra attraente sullo sfondo generale, ma in qualche modo troppo artificiale.

L'isolato è il posto in cui viviamo Quartiere “Rybnaya Derevnya” a Kaliningrad

Un altro progetto interessante per la costruzione di nemmeno un isolato, ma una piccola città, come parte separata di una grande metropoli, è ora in fase di attuazione a San Pietroburgo. È interessante notare che la costruzione della “Perla baltica” sulla costa sud-occidentale del Golfo di Finlandia è sotto il controllo di una consociata della Shanghai Foreign United Investment Company a San Pietroburgo.

“Baltic Pearl” si chiama “un allontanamento dallo sviluppo delle foche” e il primo progetto su larga scala nella capitale del Nord, un nuovo approccio globale all’edilizia urbana.

Questo progetto è ancora lungi dall’essere implementato e solleva molte domande, che sono legate, in particolare, alla necessità di creare un nuovo interscambio di trasporto e, secondo l’opinione di molti esperti, al costo gonfiato di metri quadrati. Inizialmente era stato pianificato di completare la costruzione entro il 2013, ma a causa della crisi del 2008, i petali del “loto” – la torre di osservazione, la decorazione principale di South Square, che gli investitori cinesi intendevano presentare al pubblico nel 2007, non sono stati ancora completati. Tuttavia, il progetto sembra molto attraente nel diagramma..

L'isolato è il posto in cui viviamo Progetto Baltic Pearl

Un altro progetto unico per la costruzione di un’intera città è il Piano generale Skolkovo, che non può essere definito tipico. Il progetto è posizionato come la prima città con un ambiente attentamente pensato e confortevole per gli scienziati e le loro famiglie..

L'isolato è il posto in cui viviamo Piano generale della città di Skolkovo sviluppato da AREP-Ville

Un progetto a lungo termine può anche essere chiamato la costruzione del Garden Quarter a Mosca, che dovrebbe diventare un quartiere urbano ideale (almeno, è così che viene posizionato dai creatori del progetto – Sergey Skuratov e il suo studio Sergey Skuratov Architects). Uno spazio ecologico per la vita, con un lago, una scuola, asili e sette parcheggi sotterranei: “Garden Quarters” dovrebbe diventare una zona completamente pedonale e senza auto nel centro della capitale. Il costo degli appartamenti per ora parte da 15 mila dollari al metro quadrato (questo è lontano dal limite).

L'isolato è il posto in cui viviamo Progetto Garden Quarters a Mosca

Mi sembra che la ragione principale per cui tali progetti su larga scala per la costruzione di aree urbane siano ancora una rarità per la Russia (e per altri paesi della CSI) è la mancanza di finanziamenti mirati. È molto più facile per uno sviluppatore trovare fondi per costruire una casa indipendente che può essere spremuta tra vecchi edifici da qualche parte nel centro della città e vendere appartamenti a un prezzo più alto solo a causa di una posizione prestigiosa piuttosto che implementare un progetto complesso per la costruzione di un intero blocco con edifici commerciali e aree verdi.

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

L’isolato è il posto in cui viviamo
Xiaomi Jimmy JV71