Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Sezioni dell’articolo



Il dispositivo delle aperture è un argomento piuttosto delicato; più di un costruttore si è imbattuto in questa pietra nella sua pratica. Oggi condivideremo informazioni su come calcolare e installare architravi per aperture di porte e finestre a seconda del tipo e del materiale delle pareti..

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Come viene calcolato il carico

Tecnicamente, l’architrave nella parte superiore dell’apertura è una trave ordinaria e il calcolo viene effettuato allo stesso modo. Esistono due requisiti principali che questa parte deve soddisfare:

  1. Le sezioni delle pareti su cui poggia l’architrave devono percepire adeguatamente il carico.
  2. La deformazione residua (deflessione) dell’architrave sotto carico non deve superare i valori ammessi per finestre o porte installate nell’apertura.

Le proprietà autoportanti del muro devono sempre essere prese in considerazione. Molto spesso, durante la costruzione di murature, gli architravi aperti svolgono la loro funzione solo per le prime 2-3 settimane dopo la loro installazione, e quindi rimangono semplicemente inutilmente nelle pareti. Questo vale per quelle aperture sulle quali è conservato un pilastro di muratura, in altezza pari alla lunghezza della campata. Qui non è necessario un ponticello: il muro si sosterrà da solo, mentre più grandi sono i blocchi utilizzati per la muratura, più bassa dovrebbe rimanere l’altezza del pilastro.

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

In altri casi, il calcolo del jumper si basa sul carico applicato, tra cui:

  • proprio peso dell’architrave;
  • il peso del muro, tenendo conto della capacità autoportante (l’altezza della muratura sopra l’apertura);
  • distribuzione del peso della parete (per la muratura estiva, solo 1/3 della larghezza sopra l’apertura viene presa in considerazione, per l’inverno – l’intera parete è completamente);
  • carico dovuto al supporto di travi o solai su una determinata sezione del muro.

Anche le dimensioni lineari dell’architrave sono importanti. La sua larghezza è determinata dallo spessore del muro e la sua altezza è determinata dalla capacità portante richiesta. La lunghezza dell’architrave corrisponde alla larghezza dell’apertura più il doppio del valore della profondità: da 10 cm per i muri di mattoni e fino a 30 cm per i blocchi porosi sfusi.

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Nella maggior parte dei casi, per determinare l’architrave appropriato, è sufficiente scegliere tra le tabelle con prodotti in calcestruzzo standard fabbricati in fabbrica (serie 1.038 per standard e 1.225 per aperture molto ampie). Il prodotto richiesto è determinato dalla larghezza dell’apertura, tenendo conto della profondità del segnalibro. Se il ponticello desiderato è più sottile del muro, è necessario installarne diversi, beh, o almeno due pezzi.

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Naturalmente, nessuno insiste sull’acquisto di prodotti finiti. Sei libero di lanciare architravi in ​​cemento armato e di sostituirli con quelli in legno o in acciaio a tua discrezione, avendo precedentemente calcolato l’architrave per la deflessione.

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Saltare in edifici di pietra

Il modo più semplice per decorare la parte superiore dell’apertura è evitare l’uso di un architrave aumentando l’altezza della finestra fino agli armopoyas stessi. Ciò non è sempre possibile, poiché la lunghezza della campata impone le proprie restrizioni, in particolare per le pareti portanti, e inoltre, è impossibile portare le porte al soffitto. Eppure dovresti sapere che tra l’apertura e la corona rinforzata dovrebbero esserci almeno due file di blocchi di grande formato, o 5-7 file di mattoni, o non dovrebbe esserci nulla.

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Il modo più semplice per sistemare la parte superiore dell’apertura è nelle pareti su cui i soffitti non poggiano. Se l’altezza della muratura sopra l’apertura non soddisfa i requisiti di autoportante, le file superiori sono rinforzate con rinforzo. Tra ogni mattone della fila che copre l’apertura, vengono posate delle “graffette” – morsetti di filo di 4 mm, che sporgono sopra la fila di murature, formando una sorta di orecchie. Il rinforzo longitudinale viene inserito e legato sotto di essi, un’asta da 10 mm per ogni 10 cm di spessore della parete, lasciando 15-20 cm sui pilastri ai lati dell’apertura.

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

È ancora più semplice rinforzare l’apertura di pareti portanti in blocchi di cemento solido e leggero. La muratura sopra l’apertura viene messa in risalto utilizzando un supporto temporaneo dal basso. Successivamente, una scanalatura profonda fino a 20 cm e spessa 25-30 mm viene tagliata al centro dei blocchi sopra l’apertura. All’interno viene inserito un rinforzo piatto: una rete di rinforzo da 12 mm, quindi la scanalatura viene riempita con cemento sabbia. Se è chiaro che un tale rinforzo non soddisfa i requisiti di resistenza, utilizzare vassoi a forma di U in cemento poroso come una cassaforma permanente.

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Gli architravi in ​​cemento armato sono ponti freddi molto essenziali. Il loro uso è richiesto solo in casi eccezionali, quando è prevista un’apertura molto ampia nella parete portante. Tali architravi sono fusi a filo con il muro, facendo cadere la cassaforma del pannello dall’interno, dall’esterno e dal basso. Gli architravi sono rinforzati in due file, un’asta da 12 mm per ogni 60-80 mm di spessore della parete. A seconda della lunghezza della campata, è possibile aggiungere 2-3 più barre di rinforzo alla fila inferiore di rinforzo. Per escludere la migrazione del calore, una coppia di piastre EPSP con uno spessore totale di 50-70 mm è installata al centro della cassaforma, mentre il rinforzo è distribuito per ottenere strati protettivi di 40 mm.

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Quando si installano ponticelli di qualsiasi tipo, è importante essere in grado di preparare adeguatamente le “spalle” su cui poggiano. Di norma, per questo vengono utilizzati legno, mattoni solidi o malta cementizia di grado 300..

Rafforzare le aperture negli edifici a telaio

Per un edificio a telaio, la presenza di ponticelli nella parte superiore delle aperture è strettamente necessaria. I requisiti descritti di seguito sono validi per telai sia in metallo che in legno..

Se la larghezza dell’apertura non supera i due passaggi di installazione dei rack del telaio, gli elementi del rack laterale più vicini sono collegati da due traverse orizzontali, quindi vengono aggiunti due distanziatori verticali tra loro, impostando la larghezza di apertura richiesta.

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Se l’apertura in larghezza è uguale a tre o più distanze tra i montanti del telaio, è decorata con traverse allo stesso modo. Per un supporto aggiuntivo di puntoni corti sopra l’apertura, vengono scaricati su quelli adiacenti usando parentesi diagonali che vanno dal centro verso l’esterno. In tutti i casi, la sezione trasversale delle travi trasversali non deve essere inferiore alla dimensione degli elementi del telaio del telaio.

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Se l’apertura supera di cinque volte la distanza tra i montanti in larghezza, le verticali più vicine ad essa dovrebbero essere raddoppiate. La coppia interna è collegata da un ponticello orizzontale e quella esterna è la stessa, ma più alta della metà dell’altezza di apertura. Lo spazio tra due travi orizzontali è riempito con una griglia di irrigidimento diagonale secondo il principio delle travi del pavimento.

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Come realizzare e rafforzare aperture nelle pareti portanti

Durante la riqualificazione, potrebbe essere necessario effettuare un’apertura nella parete portante. Azioni simili nel settore comunale possono essere realizzate solo in accordo con il patrimonio immobiliare, mentre gli sviluppatori privati ​​possono agire a proprio rischio e pericolo..

Secondo il progetto, i confini della futura apertura sono segnati su entrambi i lati della parete portante. Per assicurarsi della completa coincidenza, dopo aver segnato su un lato, quattro fori rigorosamente perpendicolari vengono praticati negli angoli dell’apertura e collegati con linee.

Lungo il bordo superiore dell’apertura, viene eseguita una rifilatura orizzontale con una larghezza di circa 10 mm e una lunghezza di 20 cm in più rispetto all’apertura in entrambe le direzioni. Un pezzo di acciaio ad angolo viene posato nella scanalatura risultante su ciascun lato. La sua sezione può essere determinata dal calcolo per la flessione, ma più spesso i mutui sono realizzati con una grande forza in eccesso. In generale, un angolo di acciaio 100x100x8 mm sarà più che sufficiente.

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Sopra gli angoli nidificati, viene praticato un foro per ogni 25 cm della larghezza dell’apertura, viene inserito un rinforzo liscio, attraverso il quale gli angoli sono collegati tra loro. Il fascio inferiore è costituito da piastre in acciaio aeree 100×8 mm. Dopo aver installato l’architrave, l’apertura può essere tagliata e rimossa in frammenti..

Nella parte inferiore dell’apertura lungo il piano di ciascuna parete, devono essere posati due pezzi di acciaio ad angolo con dimensioni di almeno 50x50x4,5 mm. Devono essere portati nel muro almeno 50 mm su ciascun lato. Le coperture degli angoli laterali verticali sono inserite tra gli angoli inferiore e superiore. In termini di dimensioni sono generalmente scelti per essere equivalenti al bordo superiore..

Ponticelli per aperture di porte e finestre: calcolo, produzione fai-da-te

Dall’interno, gli angoli laterali sono legati con piastre aeree. Nella parete, la reggetta è fissata con perni di 12 o 14 mm di rinforzo del profilo, che vengono martellati in fori praticati con un angolo di 45 ° rispetto al piano della parete ogni 35-40 cm. I perni sono saldati agli angoli, tagliati a 60-70 mm e quindi saldamente piegarsi sul piano del telaio e accuratamente scottato.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy