Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Sezioni dell’articolo



Oggi parleremo del principale strumento di lavoro di qualsiasi maestro. Qual è la differenza tra pinze e pinze, qual è la differenza tra strumenti con una differenza di dieci volte in termini di costi e come scegliere le pinze giuste per il tuo laboratorio – analizzeremo queste e altre domande nei minimi dettagli.

“Pinze” piatte e altre

Le pinze classiche nell’assortimento di negozi di utensili sono ora piuttosto rare. Tuttavia, questo è il tipo più semplice e più semplice di “presine” per fabbro, e vale la pena iniziare la tua conoscenza con il gruppo pinza-cerniera con uno strumento con ganasce piatte.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

La differenza principale tra le pinze è la massima superficie delle ganasce per il bloccaggio più affidabile del pezzo con il minimo sforzo. Le pinze non sono progettate per contenere oggetti voluminosi, il loro compito è fornire una fissazione fissa e allo stesso tempo non danneggiare la superficie della parte. In apparenza, le pinze classiche sono molto facili da distinguere: ganasce, cerniera, maniglie e niente di più – nessun tagliente, nessuna tacca di presa.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Esiste un’ampia varietà di tipi speciali di pinze, che differiscono principalmente nella forma delle mascelle. Un gran numero di varietà è dovuto alla necessità di lavorare in luoghi difficili da raggiungere ed eseguire compiti speciali. Le più popolari sono le pinze con restringimento delle mascelle al bordo, questa è una sorta di pinzette rinforzate.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Le mascelle possono essere curve, rotonde o affusolate. Quest’ultimo tipo di strumento viene utilizzato per attorcigliare i conduttori dei cavi in ​​anelli di dimensioni diverse. Si noti che anche lo strumento di punta viene spesso definito come casuale, chiamando pinze con pinze e viceversa. I prodotti di Knipex, YATO e FORCE si sono rivelati i più vicini alla forma classica dello strumento. È importante comprendere la differenza tra questi strumenti e avere un paio di pinze solo per l’uso previsto..

Qual è la differenza chiave tra le pinze

Le pinze sono progettate per una gamma più ampia di attività. Fondamentalmente, è uno strumento enorme per contenere saldamente parti di grandi dimensioni, anche se ci sono anche rappresentanti in miniatura per lavori delicati, come l’elettronica. Le pinze hanno una tacca dentellata, le tacche sulle mascelle sono più grandi, a volte di dimensioni diverse in parti diverse, ci sono bordi taglienti e morsetti laterali per prigionieri o piccoli dadi.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Le varietà e le configurazioni di questo strumento sono semplicemente incredibili. Non ha senso descriverli: vai al catalogo elettronico dello stesso STANLEY e scegli in base ai tuoi gusti. L’aspetto dello strumento offre una rappresentazione visiva delle funzioni che è in grado di eseguire. Dovremmo anche menzionare pinze curve e rinforzate, in alcune operazioni sono semplicemente insostituibili.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Si noti che le pinze di solito non vengono risparmiate durante il lavoro. Non hanno uno scopo tale da preservare la superficie intatta e sicura. Ma questo è il massimo che non è nemmeno il cavallo di battaglia di nessun fabbro o artigiano domestico.

Tipi di maniglie

La forma delle ganasce e la parte di lavoro della pinza è sempre selezionata per compiti specifici. Ma ci sono una serie di altre caratteristiche che sono ugualmente importanti per pinze, pinze e altri rappresentanti del gruppo.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

La prima cosa da cercare quando si sceglie un tale strumento è la maniglia. La sicurezza del trauma dello strumento e la comodità di lavorare con esso dipendono direttamente dalla loro forma, struttura e altre caratteristiche. Se si confrontano le pinze ANT più economiche (con coperchi in plastica dura blu) e gli strumenti GROSS con manici in 3 pezzi, la differenza sarà evidente, anche se non si maneggiano entrambi. La presenza di impugnature a due e tre componenti svolge un ruolo importante, migliorano la presa, riducono la pressione dolorosa sul palmo e ti consentono di maneggiare con sicurezza lo strumento senza paura di scivolare fuori anche se tenuto in mani o gambali sporchi.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Altre caratteristiche includono arresti che impediscono alla mano di scivolare verso la parte e la presenza di anelli all’interno delle maniglie per l’installazione della molla. La forma delle maniglie gioca un ruolo primario, quasi sempre deve essere scelta individualmente, tenendo conto delle caratteristiche anatomiche del palmo. Naturalmente, l’aderenza delle maniglie dovrebbe essere stretta usando la colla epossidica, il solito dal calore delle mani si ammorbidirà nel tempo e le coperture inizieranno a scivolare via dalle maniglie metalliche.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Infine, la lunghezza delle maniglie gioca un ruolo. Le dimensioni più comuni sono 130 mm per lavori di precisione e 200 mm per lavori di sgrossatura. Esistono serie di utensili estesi con lunghezze fino a 400 mm (FORCE) e talvolta anche di più. Un tale strumento è particolarmente popolare tra i lavoratori del servizio auto, in un’officina domestica ne ha pochi benefici.

Materiale di fabbricazione

La qualità dell’acciaio da cui sono realizzate le pinze determina la sua durata e la probabilità di rotture improvvise sotto carico. Oltre al fatto che le impugnature in acciaio devono resistere a volte a una forza di bloccaggio molto impressionante, la durezza e il limite elastico determinano la risorsa della cerniera e delle superfici di lavoro – ganasce, morsetti, taglienti.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

I gradi di acciaio più popolari per uno strumento di altissima qualità sono S2, Cr-V e Cr-Ni, nel segmento economico prevale il solito acciaio inossidabile – INOX. Produttori seri come GROSS o Knipex hanno i loro segreti sulla lega di additivi e leghe esotiche ad alta resistenza. I gradi di acciaio da loro brevettati non sono indicati nella descrizione dell’utensile, essendo limitati solo dal valore della durezza, di norma, secondo Rockwell. Per le pinze, i valori di durezza nell’intervallo 55–70 unità sono considerati ottimali..

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Per la resistenza all’usura delle ganasce, la durezza dell’acciaio è fondamentale, ma non l’unica. Inoltre, i bordi e le tacche possono essere induriti mediante tempra, principalmente mediante induzione con tempra morbida in atmosfera inerte. La durata delle articolazioni è influenzata dalla tenuta e dal valore di rugosità. Tuttavia, più stretto è l’adattamento, maggiore è l’effetto negativo della corrosione sull’utensile. Il rivestimento più resistente è considerato nichelatura nera, fosfatazione o cromatura, tale acciaio non arrugginisce in quasi tutti gli ambienti.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

In pratica, è molto facile controllare la qualità delle pinze. Se metti un trapano (non in metallo duro) attraverso le tacche tra le ganasce e poi colpisci le pinze con un martello, non accadrà assolutamente nulla a loro. Uno strumento di altissima qualità ha maggiori probabilità di lasciare ammaccature sul trapano che di danneggiarsi, lo stesso vale per il controllo dei bordi di taglio con un chiodo di ardesia. Tuttavia, in una famiglia di spugne di così alta qualità di solito non sono necessarie, è sufficiente che semplicemente non si lecchino le labbra quando provano a tirare fuori un chiodo dal cappuccio, tutto il resto può già essere considerato un pagamento in eccesso.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Cosa devono sapere gli elettricisti

Per le persone che lavorano in installazioni elettriche, esiste una categoria separata di pinze. La principale caratteristica distintiva è la presenza di impugnature dielettriche testate per una tensione di 1000 V. Ciascuno dei rappresentanti di questa serie viene sottoposto a test di laboratorio, i cui risultati sono registrati nella documentazione di certificazione.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Vi è, tuttavia, un’eccezione: uno strumento cinese economico in apparenza assomiglia a uno dielettrico con una gamma di colori giallo-rosso tradizionale e ha persino un marchio “1000V”. Tuttavia, il vero test per la resistenza elettrica viene applicato alle maniglie dell’utensile che costano da 2000 a 2500 rubli. Se si è dipendenti di un’organizzazione di installazione elettrica in cui vengono forniti test periodici dello strumento per motivi di sicurezza, è molto probabile che uno strumento economico non li superi..

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Anche una caratteristica dello strumento per l’installazione elettrica è la presenza di fermi più grandi sulle maniglie. Le pinze e le frese di alta qualità hanno non solo l’isolamento elettrico delle impugnature, ma anche cuscinetti isolanti sulla superficie posteriore e laterale delle ganasce. Con un tale strumento, la probabilità di cortocircuitare parti in tensione ravvicinate è estremamente ridotta..

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Quale strumento scegliere per te

Riassumendo: quale strumento dovrebbe essere in un laboratorio a casa? Innanzitutto, un paio di pinze di dimensioni diverse, che non svitano i dadi, non piegano il metallo, ma vengono utilizzate esclusivamente come pinzette rinforzate. Il posto adiacente nella scatola è occupato da una pinza grande (160-200 mm) e piccola (120 mm) per una vasta gamma di compiti. Questo sarà sufficiente per la maggior parte degli artigiani domestici, ma se sei un amante della casa o sei impegnato nella riparazione di attrezzature, l’arsenale delle pinze dovrebbe essere espanso..

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Come minimo, avrai bisogno di pinze con ganasce lunghe e affusolate, pinze a becco tondo con ganasce affusolate e un paio di pinze a becco lungo curve di diverse dimensioni. Per la lavorazione dei metalli, sono indispensabili pinze rinforzate, con nervature di rinforzo sulle maniglie e loro articolazione con la cerniera. Le pinze regolabili sono adatte per svitare i dadi leccati, si consiglia inoltre di avere una pinza con una cerniera libera per pezzi di grandi dimensioni.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Uno degli strumenti più utili per l’officina saranno i morsetti manuali, altrimenti chiamati pinze fisse. Questa cosa è davvero utile e trova molte applicazioni in diversi tipi di lavori idraulici. Bene, se lavori sulla strada e non vuoi portare costantemente con te un sacco di strumenti, ottieni un multitool di alta qualità con una forma a mascella universale, chiavi a bussola e cacciaviti pieghevoli.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Una cosa si può dire della qualità: il fatto che ci siano delle pinze davvero “indistruttibili” non è un mito. Pertanto, almeno una copia di pinze di alta qualità e costose per 140-160 mm dovrebbe essere sicuramente nell’arsenale di ogni maestro, sarà sufficiente per la maggior parte dell’attività professionale. Ma tutti gli altri rappresentanti della famiglia delle pinze per cerniere usati per lavori speciali dovrebbero essere più economici, ma sempre con maniglie multicomponente di alta qualità e acciaio di qualità più o meno decente.

Pinze e pinze: la differenza tra pinze e pinze

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy