Ciò che i fiori perenni devono essere coperti per l’inverno – come scegliere il giusto materiale e metodo di isolamento

Il contenuto dell’articolo



Affinché le piante possano sopravvivere in sicurezza alle gelate invernali, in autunno devono creare rifugi speciali. Alcuni tipi di arbusti sono così senza pretese che possono svernare in piena terra senza pacciamatura e protezione aggiuntiva dal freddo, ma la maggior parte delle piante perenni deve ancora essere avvolta. Ogni giardiniere dovrebbe sapere quali fiori perenni devono essere coperti per l’inverno ed essere in grado di scegliere il giusto materiale di copertura per le piante.

Caratteristiche perenni svernanti

I fiori sono chiamati perenni perché, dopo la stagione vegetativa, le loro radici, e in alcuni casi le parti aeree, non muoiono. Lo sviluppo delle piante si blocca in inverno per iniziare la crescita attiva in primavera. In base al tipo di apparato radicale, le piante perenni sono suddivise in:

  • bulbo;
  • rhizomatous;
  • tubero-cipolla;
  • tuberosa.

Nella stagione calda, la parte fuori terra dei fiori accumula sostanze nutritive per l’inverno, la potatura viene effettuata con l’avvento delle prime gelate, che nella maggior parte delle regioni della Russia cadono alla fine di settembre-ottobre. La potatura dei cespugli perenni è necessaria per:

  • ridurre il rischio di diffusione di malattie fungine e putrefattive, compreso il decomposizione dell’apparato radicale;
  • escludere la conservazione delle larve di parassiti negli steli secchi;
  • rendere più facile la pacciamatura e il riparo per l’inverno.

L’altezza del taglio dipende dalla struttura e dall’altezza delle piante ornamentali. Piccoli cespugli a bassa crescita vengono tagliati a livello del suolo, in esemplari più potenti con rami forti, semi-lignificati, la parte inferiore dei germogli viene lasciata intatta. Con il loro aiuto, in primavera sarà possibile determinare con precisione la posizione del cespuglio / fiore e in inverno serviranno a trattenere ulteriormente la neve, che sarà una protezione naturale contro il gelo. Le piante perenni più resistenti all’inverno, ad esempio aquilegia, Leucanthemum, rudbeckia, astilbe, vengono tagliate, lasciando non più di 5 cm di steli sul terreno.

I delfini e altre piante alte con forti steli cavi sono tagliati a 25 cm, altrimenti l’acqua che entra nei rami causerà il decadimento della parte superiore del rizoma e distruggerà la cultura. Per le iridi, si preparano anche per l’inverno: le foglie a tempo pieno 2 settimane prima dell’inizio della stagione fredda vengono tagliate a un’altezza di 10 cm, mentre i germogli ricci annuali di clematide e colture simili vengono accorciati in modo che le loro parti verdi non si congelino o marciscano nel rifugio. La cura per ogni fiore perenne dipende dalle caratteristiche della regione e dalla sua resistenza invernale..

Muscari profumati

Quali fiori proteggere per l’inverno

L’inizio del tempo, quando è il momento di isolare le piante perenni termofile, deve essere giudicato dal tempo in una particolare regione. Fare questo in anticipo non è raccomandato, poiché a ottobre (dopo il primo raffreddamento serio), a volte viene stabilito un clima molto caldo. Quindi un fiore avvolto prematuramente può vytryat. Le piante perenni devono essere cosparse di terriccio e pacciame da giardino, mentre il terreno è ancora sciolto e i rami tagliati dovrebbero essere coperti con rami di abete, paglia e film dopo l’inizio del freddo stabile.

Rose

I giardinieri inesperti chiedono: “Devo coprire le rose per l’inverno?”. Poiché le varietà di fiori coltivate spesso si congelano, devono essere avvolte per il tempo del freddo. Probabilmente, i cespugli di rose non sono adattati al freddo troppo intenso, ma spesso un debole rifugio invernale è la causa del loro congelamento. La preparazione delle piante di arbusti per lo svernamento dipende dal gruppo a cui appartiene il fiore. Ad esempio, le varietà di tè ibrido di rose e alcuni tipi di arrampicata sono considerate le più tenere.

È possibile non proteggere le rose per l’inverno in un clima temperato? Se nella tua regione la stagione invernale è relativamente calda, mentre il termometro non scende al di sotto di -10, allora le rose in miniatura e le floribunde non possono essere avvolte – normalmente tollerano il freddo. Tra le varietà del parco ci sono anche “trichechi” che non hanno bisogno di essere isolati anche nelle gelate più rigide. Tuttavia, se non sai quali tipi di rose crescono sul tuo sito, è meglio coprirle per l’inverno, quindi salverai i cespugli dall’umidità in eccesso e creerai un microclima stabile senza improvvisi sbalzi di temperatura.

Devi preparare le rose per l’inverno dalla fine di agosto, quando i cespugli smettono di annaffiare e si nutrono di fertilizzanti azotati. A settembre, si rifiutano di allentare il terreno in modo da non svegliare prematuramente i reni, che stanno ancora “dormendo”, e non per stimolare la crescita di nuovi germogli. Tutti i cespugli di rose, ad eccezione dei cespugli del parco e lussureggianti, vengono potati, che viene eseguita all’incirca all’altezza in cui termina la cima del futuro rifugio. Foglie e rami che non hanno avuto il tempo di maturare e hanno un colore verde chiaro vengono tagliati e quelli lignificati vengono tagliati più corti.

Prima di coprire le rose per l’inverno, vengono trattate con liquido bordolese o solfato di ferro al 3%. Sotto ogni cespuglio, le foglie cadute, l’erba e la spazzatura vengono raccolte per prevenire lo sviluppo di spore fungine patogene. Dopo l’elaborazione, ogni cespuglio si rovescia ad un’altezza di circa 20 cm, il che migliora la capacità delle radici di “respirare”. In inverno, il terreno soffice trattiene meglio l’aria, impedendo il congelamento dell’apparato radicale..

L’hilling e la potatura aiutano il raccolto a tollerare più facilmente il gelo ed evitare le malattie fungine. La preparazione delle rose per il ricovero inizia a metà ottobre o più tardi, dopo il completamento delle prime gelate e l’instaurazione di una temperatura negativa stabile (circa 5-6 gradi). Le gelate deboli di rose non sono terribili: grazie a loro, i germogli si induriscono e infine maturano. È impossibile coprire i cespugli prematuramente, poiché la crescita di nuovi rami può iniziare a causa di un aumento della temperatura e le radici germoglieranno a causa della mancanza di aria.

Prima di riscaldare le rose per l’inverno, dovresti aspettare il clima secco, in modo che durante la stagione fredda il terreno mantenga un’umidità moderata e il rischio di sviluppare malattie fungine sia ridotto al minimo. Con qualsiasi tipo di rifugio scelto, il giardiniere deve lasciare uno strato d’aria tra la boscaglia e l’isolamento. Questo è importante perché le rose, di regola, non si congelano in inverno, ma piuttosto si asciugano o si bagnano durante i disgeli prolungati di febbraio a causa del materiale che copre strettamente la pianta, che interrompe il normale flusso di ossigeno.

I giardinieri esperti consigliano di proteggere le colture in modo asciutto e asciutto. Fornisce alle piante una temperatura dell’aria relativamente stabile (da 0 a -4 gradi) e fornisce una buona aerazione. Il lavoro per la creazione di un rifugio a secco all’aria ha la seguente sequenza:

  • una struttura metallica è costruita con un’altezza di circa 60 cm, che è installata intorno alla boccola;
  • l’isolamento (vetrina, carta per isolamento termico o pannelli di cartone) è posato sulla parte superiore del telaio e fissato con spago;
  • il riparo deve essere coperto con un involucro di plastica, che fungerà da agente impermeabilizzante;
  • il fondo del film deve essere cosparso di terra.

Riparo di rose per l'inverno

bulboso

Quali fiori perenni devono essere riparati per l’inverno? La maggior parte delle colture a bulbo piccolo come boschi, muscari, fagiano di monte, bucaneve, peonie erbose, croco, daylilies non si riparano per l’inverno, poiché sono resistenti all’inverno e tollerano facilmente le gelate. I fiori piantati prima di metà settembre riescono a radicarsi bene e non si congelano durante l’inverno. Tuttavia, il successivo radicamento delle piantine richiede la pacciamatura del terriccio.

Le piante bulbose olandesi resistenti all’inverno piantate in autunno (tulipani, gigli, narcisi, flox, primule) sono consigliate per essere protette con rami di abete, che proteggeranno il fiore non solo dal freddo, ma anche dai topi a cui piace viziarsi con le cipolle. In cima ai rami di abete rosso è meglio coprire con un film e germogli ritagliati di piante perenni (cioè, si forma un riparo secco). Si sconsiglia il riparo di fiori per l’inverno con la paglia, poiché ciò creerà condizioni eccellenti per la riproduzione dei topi. Una condizione importante per lo svernamento di tutte le piante bulbose è la non inondazione del sito di impianto nelle acque di sorgente.

Rhizome

In autunno, la crescita delle piante cessa, mentre in alcune colture erbacee muore la parte terrestre. Le foglie e gli steli essiccati vengono tagliati in modo che i funghi non si sviluppino in essi. Altri fiori perenni rizomatosi, in cui le foglie rimangono verdi dopo le gelate (incenso, iris, elleboro), non sono soggetti a potatura completa, ma solo parziale. Hanno bisogno di inverni svernanti in primavera per lo sviluppo. Un esempio di rifugi per i comuni fiori perenni rizoma:

  1. Aquilegia (bacino). In ottobre, le foglie e gli steli vengono tagliati quasi alla base (5-7 cm rimane dal suolo). Aquilegia va in letargo senza riparo, ma le sue radici nude devono essere coperte di humus, terra semplice o torba.
  2. Astilba. I giovani fiori a radice possono svernare senza riscaldarsi, ma sono ancora preparati per l’inverno, tagliando la parte del terreno asciutto nel tardo autunno e riempiendo le radici di torba / humus (lo strato ottimale è di 5 cm). Le vecchie piantagioni di astilbe sono coperte di foglie secche e di un film in modo che le foglie non perdano a causa della pioggia.
  3. Aster Gli aster perenni sono steli potati alla base (rimangono ceppi di 5-10 cm). È necessario coprire la pianta in inverno con tempo asciutto, mentre le radici sono coperte di foglie secche, humus, ricoperte di rami di abete. Gli aster perenni sono in grado di svernare senza riparo, ma indeboliti dalla fioritura tardiva daranno meno tiri nella prossima stagione.
  4. Badan. Le radici della pianta svernano bene senza riparo sotto uno strato di neve. Tuttavia, in modo che su una collina i cumuli di neve non soffino via il vento, è necessario costruire un riparo dai rami secchi.

Materiale di copertura invernale per piante

Quando le parti macinate dei fiori perenni muoiono o nei casi in cui non si è sicuri della resistenza al gelo di una pianta, è meglio coprirlo per l’inverno. Date le dimensioni e il tipo, per proteggere i colori vengono utilizzati:

  1. Rami di abete rosso / pino. I rami dell’ago sono materiale disponibile nelle regioni forestali. Lapnik non si bagna, fornisce un ulteriore spazio d’aria, trattiene perfettamente la neve, proteggendo le piante dal gelo. Inoltre, le spine spaventano i roditori, quindi i rami di abete rosso sono particolarmente apprezzati per proteggere le giovani piantine. All’inizio della primavera, il materiale protegge la pianta dalle scottature solari. Lo svantaggio dei rami di abete è che ossida il terreno, mentre alcune piante preferiscono un ambiente alcalino. A volte gli aghi sono malati e i rami con una fioritura possono infettare fiori sani, quindi, prima di applicare le foglie di abete, ispezionano attentamente.
  2. Uno strato di pacciame o terreno. È efficace sbucciare il terreno nei circoli di torba con la torba per proteggere le radici dal gelo, ma non diventerà un vero e proprio riscaldatore. Inoltre, il terreno non è adatto a tutte le colture, poiché acidifica il terreno e assorbe attivamente l’umidità, a causa della quale si indurisce e protegge i fiori dal freddo peggio..
  3. Trucioli, segatura. Devono solo pacciamare il terreno. Come gli aghi, fungono da agenti ossidanti – questo fatto dovrebbe anche essere preso in considerazione in base alle caratteristiche del cespuglio / fiore. prima di pacciamare la terra, la segatura viene accuratamente essiccata in modo che non si bagnino durante l’inverno, sono ricoperti di polietilene sulla parte superiore. Lo svantaggio di questo metodo è che la segatura può bloccarsi.
  4. Tessuto non tessuto. Spunbond o agrofibre sono realizzati in polipropilene – il materiale è resistente, leggero, comodo da usare, protegge bene dal gelo, lasciando entrare liberamente l’aria. Tuttavia, non può far fronte a forti gelate, quindi non è adatto a regioni con climi instabili. Inoltre, lo spanbond forma un microclima umido, quindi deve essere fissato ai telai per evitare il contatto con i germogli.
  5. Sacchetto. Il tessuto ruvido e denso viene utilizzato per proteggere i tronchi di giovani cespugli e piante perenni amanti del calore. Una custodia in tela non è il miglior metodo di protezione dal freddo, perché si bagna e si congela a basse temperature, simile a una cupola di ghiaccio. Si consiglia di utilizzare tale materiale di copertura esclusivamente nuovo per evitare la comparsa di microbi dannosi sulle boccole..
  6. Lutrasil. Il materiale non tessuto è realizzato in polipropilene, è combinato con altri agenti di copertura, poiché non può proteggere le piante perenni da temperature inferiori a -7 gradi. Lutrasil è altamente traspirante, trasmette perfettamente la luce, previene i danni causati da insetti, uccelli.
  7. Cannuccia. I giardini con piantagioni invernali lo ricoprono e sono utilizzati per la protezione dei fiori perenni. Durante le piogge, la paglia deve essere protetta con polietilene. L’erba secca trattiene bene la neve, ma i topi adorano annidarsi, causando danni alle piante. Inoltre, a volte fiori sotto la cannuccia.

Felce Di Pino

Come coprire i fiori perenni per l’inverno

Affinché le piante possano svernare con successo, in autunno devono creare condizioni speciali. Molti fiori non tollerano il gelo, quindi hanno bisogno di protezione. L’isolamento termico viene creato in più fasi, in modo che i cespugli perenni si abituino gradualmente all’assenza di luce. Tipi di rifugi:

  • asciutto
  • bagnato
  • aria secca;
  • aereo.

Rifugi bagnati

Questo metodo è adatto per giardini con molte colture. I cespugli sono cosparsi di uno strato di terreno di 30-40 cm per proteggere il loro centro. È importante proteggere il nucleo in modo che i fiori si riprendano in primavera. Prima di allora, a settembre-ottobre, gli arbusti vengono tagliati, in modo che la loro resistenza al gelo aumenti. Al posto del terreno non è possibile utilizzare torba o segatura che assorbono attivamente acqua e congelano. Rose perenni, clematide, ecc..

Rifugi aerei

L’isolamento delle piante per l’inverno è necessario per prevenire danni causati da improvvisi sbalzi di temperatura. Gli airbag risparmiano da tale sventura. Per crearli usa lutrasil o film. Un treppiede perenne è disposto intorno a fiori perenni e una copertura di materiale non tessuto è messa in cima. Lo svantaggio di ripararsi con lutrasil / film è il rischio di dibattito o surriscaldamento delle piante durante un inverno senza neve. Quindi i fiori si svegliano in anticipo e presto muoiono a basse temperature.

Per evitare la morte delle colture, i giardinieri costruiscono un riparo di tipo “sgabello” con pareti trasparenti attraverso le quali la luce penetra bene e un piano scuro che protegge dal surriscaldamento. Questa opzione è ideale per rododendri e conifere. Per formare l’isolamento, i picchetti vengono inseriti nel terreno attorno alla boccola, sopra la quale viene posizionato uno scudo di compensato. La struttura è coperta da un film, che scava i bordi nel terreno, mentre i germogli non devono essere in contatto con il rifugio.

Rifugi asciutti all’aria

Oltre all’aria, come scaldabagno viene utilizzato uno strato di segatura di legno, foglie secche e fieno. Intorno ai fiori sono installati blocchi di supporto, in cima formano una passerella, che è piena di terreno mescolato con materiale secco. Tutto questo è coperto con un involucro di plastica. La luce solare non penetra in un tale rifugio di piante per l’inverno, tuttavia, la temperatura rimane sempre allo stesso livello, ottimale per le colture perenni. I riscaldatori ad aria secca sono adatti per piante che difficilmente tollerano le gelate: yucca, rododendri decidui, gingo, ecc..

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: