Cosa succede all’anima il 9 ° e il 40 ° giorno di morte – perché il defunto viene ricordato e le tradizioni

Il contenuto dell’articolo



Dopo il funerale, un’anima irrequieta è tra cielo e terra; molti parenti, persone strette del defunto pongono la domanda principale, cosa succede all’anima il 9 ° e il 40 ° giorno di morte. Questo è un periodo importante per una persona deceduta, perché si decide dove andrà dopo, dove trascorrerà il resto dell’eternità nell’oblio. Le Sacre Scritture dicono che 9 e 40 giorni dopo la morte sono l’inizio e la fine del sentiero celeste, i propri cari devono aiutare affinché l’anima vada in paradiso, trovi il riposo eterno.

Dove dimora l’anima dopo la morte

Secondo i credenti, le anime dei defunti sono immortali e la loro vita dopo la morte dipende da azioni perfette sulla terra durante la vita – buone o cattive. Nell’ortodossia si ritiene che l’anima di un defunto non salga immediatamente in cielo, ma inizialmente rimanga in quei luoghi in cui il corpo viveva. Dovrà stare davanti alla Corte di Dio, e mentre c’è tempo per vedere la sua famiglia e i suoi amici, per salutarli per sempre, per abituarsi all’idea della propria morte.

Dov’è l’anima del defunto fino a 9 giorni

Il corpo è sepolto in un cimitero, ma l’anima di una persona deceduta è immortale. La Chiesa cristiana ha stabilito che il primo giorno dopo la morte, l’anima è in uno stato di confusione, non può rendersi conto di ciò che sta accadendo, ha paura della separazione dal corpo. Il secondo giorno, vaga per i suoi luoghi nativi, ricorda i momenti più belli della sua vita, osserva il processo di sepoltura del proprio corpo. Ci sono molti posti in cui si trova l’anima dopo la morte, ma sono tutti una volta nativi, vicino al cuore.

Il terzo giorno, è ascesa dagli angeli al cielo, dove si aprono le porte del paradiso. All’anima viene mostrato il paradiso, l’opportunità di trovare la pace eterna, uno stato di pace completa. Il quarto giorno viene calata nel sottosuolo e viene mostrato l’inferno, dove sono ben noti tutti i peccati del defunto e il pagamento della loro commissione durante la vita. L’anima vede ciò che sta accadendo, attende il giudizio finale, che inizia il nono e termina il quarantesimo giorno.

Ragazza tra le nuvole

Cosa succede all’anima il giorno 9

La domanda sul perché celebrino 9 giorni dopo la morte ha una risposta ben motivata. In questo giorno, contato dal momento della morte, l’anima si confronta con il giudizio di Dio, dove solo l’Altissimo deciderà se continuerà a trascorrere l’eternità in paradiso o all’inferno. Pertanto, parenti e persone vicine vanno al cimitero, commemorano il defunto, pregano per la sua penetrazione in paradiso.

Come ricordare

Sapendo cosa succede il 9 ° giorno dopo la morte, i parenti devono ricordare il defunto, e solo il migliore, il più brillante, per ricordare la sua vita e le sue azioni. La commemorazione della Chiesa non sarà superflua, ad esempio, puoi ordinare una gazza nel tempio per il riposo, un requiem o altri riti cristiani. Questo è solo positivo, oltre alla sincera fede dei cristiani ortodossi. Dio dà tormento ai peccatori, e i parenti e le persone vicine non dovrebbero essere fortemente uccisi dal defunto. Per ricordare correttamente, è necessario:

  • parlare dei morti è solo un bene;
  • apparecchiare una tavola modesta, escludere l’alcool;
  • ricorda solo il bene;
  • Non ridere, non divertirti, non gioire;
  • comportarsi modestamente, trattenuto.

Cosa succede all’anima dopo 9 giorni

Dopo 9 giorni, l’anima va all’inferno, può vedere chiaramente tutti i tormenti dei peccatori, pentirsi sinceramente. Deve ricordare tutte le sue azioni sbagliate, obbedire, riconoscere l’errore delle proprie azioni e pensieri. Questa è una fase difficile, quindi tutti i parenti dovrebbero supportare il defunto solo nelle preghiere, nei riti della chiesa, nei pensieri e nei ricordi. Per determinare in modo affidabile cosa succede all’anima defunta il 9 ° e il 40 ° giorno di morte, è necessario ricorrere alle Scritture.

L'uomo va alla luce

Dov’è l’anima del defunto fino a 40 giorni

Molti non capiscono perché commemorano per 9 e 40 giorni. La risposta è semplice – questo è l’inizio e la fine del cammino di Dio che l’anima fa prima di ricevere il suo posto – nell’inferno o nel paradiso. Si scopre che fino al quarantesimo giorno dopo la morte del defunto, si trova tra il cielo e la terra, sperimentando tutto il dolore, il desiderio di parenti, persone vicine. Pertanto, non soffrire molto, altrimenti sarà ancora più difficile per una persona morta trovare la pace eterna.

Perché festeggiare 40 giorni dopo la morte

Questa è una giornata funebre. Significa addio a un’anima irrequieta. In questo giorno, acquisisce il suo posto nell’eternità, trova la pace, sperimenta l’umiltà. L’anima fino a quaranta giorni dopo la morte è fragile e vulnerabile, sensibile ai pensieri, agli insulti e alle calunnie degli altri. Si sta strappando dall’interno dal dolore, ma al 40 ° giorno arriva la calma profonda – consapevolezza del proprio posto nell’eternità. Quindi non succede nulla, solo l’oblio, i piacevoli ricordi della vita vissuta.

Come ricordare

Sapendo cosa succede all’anima il nono e quarantesimo giorno della morte, i propri cari dovrebbero essere compassionevoli e alleviare il suo tormento. Per fare questo, non uccidere molto il defunto, correre al petto del defunto e saltare nella tomba al funerale. Da tali azioni l’anima peggiorerà e sperimenterà un’angoscia mentale acuta. È meglio soffrire nei pensieri, pregare di più e augurare alla sua “Terra, che diventerà una lanugine”. Dobbiamo cercare di far fronte alle emozioni. Dai parenti sono richiesti solo pensieri brillanti e completa umiltà, che Dio così ordinato, nulla possa essere cambiato.

È necessario ricordare correttamente il defunto il giorno 9, 40, ogni anno il giorno della sua morte improvvisa. Questo è un evento spiacevole per tutta la famiglia, che dovrebbe svolgersi secondo tutte le regole. Così:

  1. I giorni commemorativi sono contati dal momento in cui una persona muore (fino a mezzanotte). Il 9 ° e il 40 ° giorno di morte significano l’inizio e la fine del cammino di Dio, quando viene determinato il futuro destino del defunto.
  2. I parenti dovrebbero ricordare il defunto, e sul tavolo modesto è auspicabile la presenza di un benedetto kutya. È necessario mangiarlo almeno su un cucchiaio.
  3. Non è consigliabile ricordare l’alcol (Dio non è permesso) e il tavolo dovrebbe essere modesto, la festa più silenziosa, riflessiva.
  4. È vietato ricordare le povere qualità di una persona morta, imprecare e imprecare, se non ci sono buone parole, è meglio tacere su tutto ciò che accade.

Candele di cera nel tempio

Dov’è l’anima dopo 40 giorni

Dopo il periodo specificato, l’anima del defunto 40 giorni fa, una persona trova la pace, rimossa per sempre in cielo per l’eternità. È possibile che vada all’inferno per l’eterno tormento per le sue azioni. In ogni caso, tutto ciò che le accade dopo è sconosciuto a una persona vivente, e tutto ciò che rimane è credere nel meglio, sperare nella volontà di Dio, la più alta misericordia.

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: