Che cos’è lo screening della gravidanza? Quante volte e per quanto tempo viene sottoposta a screening una donna incinta

Il contenuto dell’articolo



Per tutte le donne in gravidanza, hanno iniziato a introdurre lo screening come procedura obbligatoria 20 anni fa. Il compito principale di tali analisi è identificare anomalie genetiche nello sviluppo del nascituro. I più comuni includono la sindrome di Down, Edwards, una violazione della formazione del tubo neurale.

Screening – che cos’è

Tutte le giovani madri dovrebbero sapere che lo screening – questa parola è tradotta dall’inglese come “setacciatura”. Secondo i risultati dello studio, viene determinato un gruppo di persone sane. A tutti gli altri vengono assegnati test che aiutano a determinare la malattia. Un esame completo consiste in diversi metodi, ad esempio:

  • MRI
  • ultrasuono
  • mammografia;
  • screening genetico;
  • tomografia computerizzata, ecc..

Tutte le tecnologie sopra descritte aiutano a identificare le malattie nelle persone che non sono ancora consapevoli della presenza di patologia. In alcuni casi, tali studi influenzano lo stato emotivo di una persona, non tutti vogliono sapere in anticipo sullo sviluppo di un disturbo grave. Ciò deprezza l’esame, soprattutto se il paziente non sarà sottoposto a trattamento. Nella medicina moderna, gli esami di massa vengono effettuati solo se esiste un reale pericolo per la salute di un gran numero di persone.

Screening della donna incinta

Screening della gravidanza

Che cos’è lo screening per le future mamme? In questo caso, è necessario un esame completo per monitorare lo sviluppo del feto, valutare la conformità con la norma dei principali indicatori. Quando parlano di screening prenatale, stiamo parlando di ecografia e esame biochimico, per i quali viene campionato il sangue venoso. Deve essere assunto a stomaco vuoto al mattino presto in modo che le sostanze fornite con il cibo non cambino la composizione. Il test di screening mostrerà i livelli di A-globulina fetale, ormone della gravidanza, estriolo.

Lo screening in gravidanza include l’ecografia, che consente di determinare visivamente le anomalie dello sviluppo del bambino. Sull’ecografia sono visibili i principali indicatori del tasso di crescita: l’osso nasale, la zona del colletto. Per ottenere i risultati più affidabili dello studio, la futura mamma deve seguire rigorosamente e chiaramente tutte le regole dell’esame perinatale.

Come viene fatto lo screening della gravidanza

I genitori che sono preoccupati per la genetica e il rischio di sviluppare la malattia di un bambino sono interessati a come viene fatto lo screening. Nella prima fase, il medico deve determinare il periodo esatto. Ciò influenza la norma, i parametri biochimici del sangue, lo spessore dello spazio del colletto varierà notevolmente a seconda del trimestre. Ad esempio, TVP a 11 settimane dovrebbe essere fino a 2 mm e a 14 settimane – da 2,6 mm. Se la scadenza non è impostata correttamente, lo screening ecografico mostrerà un risultato inaffidabile. La donazione di sangue dovrebbe avvenire lo stesso giorno quando si esegue un’ecografia in modo che i dati corrispondano.

La donna incinta consulta un medico

Screening biochimico

Il modo più accurato per ottenere una risposta alla presenza di malattie cromosomiche è attraverso lo screening biochimico. Il sangue viene prelevato lo stesso giorno di un’ecografia, a stomaco vuoto. È molto importante rispettare questi requisiti per ottenere un risultato di studio affidabile. La recinzione viene eseguita da una vena, il materiale viene esaminato per la presenza di una sostanza specifica che segreti la placenta. Valutata anche la concentrazione, il rapporto nel plasma delle sostanze marker, le proteine ​​specifiche.

È importante evitare disturbi durante la consegna in laboratorio, la conservazione per la ricerca. Alla reception, alla ragazza verrà rilasciato un questionario in cui ci sono domande:

  • la presenza nella famiglia del padre del bambino o della sua gente con anomalie genetiche;
  • se ci sono già bambini, se sono sani;
  • se alla futura madre viene diagnosticato il diabete mellito;
  • una donna fuma o no;
  • dati su altezza, peso, età.

Screening ad ultrasuoni

Questa è la prima fase dell’esame della futura mamma. L’ecografia di screening non è diversa da qualsiasi altra ecografia. Durante la procedura, lo specialista valuta le condizioni generali dell’embrione, il tasso di sviluppo del bambino in base all’età gestazionale, la presenza di gravi malformazioni e qualsiasi altra deviazione esterna. L’assenza di quest’ultimo non indica la piena salute del feto, pertanto viene eseguito un esame del sangue biochimico per uno studio più accurato.

Donna che tiene un'istantanea di un'ecografia di screening

1 trimestre di screening

Questo è il primo screening durante la gravidanza, che dovrebbe essere effettuato a 11-13 settimane di gestazione. È molto importante scoprire in anticipo l’età gestazionale. Il primo passo include necessariamente una ecografia. A volte il laboratorio richiede risultati a ultrasuoni per eseguire calcoli accurati. Viene eseguito anche un esame del sangue su proteine ​​e ormoni: PAPP-A e b-hCG libero. Questo test si chiama “doppio”. Se viene rilevato un livello basso del primo, ciò può indicare:

  1. La probabilità di sviluppare la sindrome di Down, Edwards.
  2. La possibilità di sviluppo di anomalie a livello cromosomico.
  3. La gravidanza ha smesso di svilupparsi.
  4. C’è la possibilità di avere un bambino con la sindrome di Cornelia de Lange.
  5. Vi è il rischio di aborto spontaneo.

Un’ecografia aiuterà il medico a valutare visivamente il corso della gravidanza, se ci sia stata una concezione ectopica, il numero di feti (se ce ne sono più di 1, allora i gemelli o i gemelli identici possono dirlo). Se la postura del bambino ha successo, il medico sarà in grado di valutare la pienezza del battito cardiaco, esaminare il cuore stesso, la mobilità del feto. Il bambino in questo momento è completamente circondato da liquido amniotico, può muoversi come un piccolo pesce.

Screening di 2 trimestri

Il secondo screening durante la gravidanza viene effettuato nell’intervallo a 20-24 settimane. Viene nuovamente prescritto un esame ecografico, un’analisi biochimica, ma questa volta il test viene eseguito per 3 ormoni. Il test b-hCG è integrato con un controllo delle percentuali di ACE ed estriolo. Un indicatore aumentato del primo indica una determinazione errata del termine o una gravidanza multipla o può confermare il rischio di sviluppare disturbi genetici, patologia fetale.

I futuri genitori guardano l'immagine di un'ecografia

3 trimestre di screening

Il terzo programma di screening della gravidanza è tra 30-34 settimane. Quando i medici eseguono un’ecografia, valutano la posizione del feto, la presenza o l’assenza di anomalie nella formazione degli organi interni del bambino, sia che si tratti di entanglement con un cordone ombelicale, sia che ci siano ritardi nello sviluppo del bambino. Durante questo periodo, gli organi sono chiaramente visibili, il che aiuta a determinare con precisione e offre l’opportunità di correggere le deviazioni. Gli specialisti valutano la maturità della placenta, la quantità di liquido amniotico, in grado di dire il sesso del bambino.

Decodifica di screening

Ogni fase della gravidanza ha alcuni indicatori della norma di sviluppo del bambino, la composizione del sangue. Ogni volta che il test mostrerà conformità o deviazioni dagli indicatori standard. La decodifica dello screening viene effettuata da specialisti che valutano i principali indicatori. I genitori stessi non sono tenuti a comprendere i valori di TBP o i livelli di ormoni nel sangue. Il medico che controlla la gravidanza spiegherà tutti gli indicatori nei risultati dello studio..

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: