Sistemi antigelo e scioglimento della neve per vialetto e passerelle

Sezioni dell’articolo



Più spazioso è il cortile, più tempo ci vorrà per combattere la neve e il ghiaccio, ed è questa risorsa che è più apprezzata dalla gente moderna. Per risolvere tali problemi, sono previsti sistemi antigelo e scioglimento della neve per il vialetto e i percorsi, che stanno guadagnando popolarità nonostante la tendenza generale del risparmio energetico.

Sistemi antigelo e scioglimento della neve per vialetto e passerelle

Dispositivo e scopo

Sebbene il nome dei sistemi che stiamo esaminando sembra abbastanza ovvio, la loro funzione principale non è affatto quella di sciogliere le derive. La maggior parte dell’inconveniente non è affatto la copertura nevosa, ma il ghiaccio si è formato durante la sua lenta fusione. A volte, a causa delle vicissitudini del tempo, la crosta di ghiaccio copre i percorsi pedonali in poche ore, è in tali casi che la capacità di mantenere una temperatura positiva del manto stradale è inestimabile.

Sistemi antigelo e scioglimento della neve per vialetto e passerelle

I riscaldatori elettrici o i riscaldatori collegati all’unità di riscaldamento fungono da fonte di calore nei sistemi di fusione della neve. Non si deve pensare che il riscaldamento delle aree esterne sia estremamente dispendioso dal punto di vista energetico, infatti il ​​consumo di energia è di circa 250-300 W / h per metro quadrato, inoltre il riscaldamento non è costante e la potenza di picco può essere ridotta organizzando il funzionamento alternato di elementi riscaldanti in diverse aree. Anche l’automazione del sistema e l’uso di sensori di temperatura e umidità contribuiscono ad aumentare l’efficienza del lavoro. Nel segmento commerciale, il riscaldamento dei marciapiedi è spesso più economico che assumere lavoratori con attrezzature speciali o utilizzare prodotti chimici.

Il sistema di rimozione della neve non è solo una rete di elementi riscaldanti. La sua installazione con il rivestimento già posato è impossibile, quindi, tale opzione dovrebbe essere inclusa nel progetto per la sistemazione dell’area locale in conformità con una serie di requisiti tecnici. Va inoltre compreso che gli elementi riscaldanti sono universali nella loro applicazione e possono essere utilizzati, oltre a riscaldare il rivestimento principale, anche su gradini e per scongelare i canali di drenaggio..

Selezione di elementi riscaldanti

I sistemi di fusione della neve più efficienti ed economici sono quelli in cui l’elemento riscaldante è un sistema di tubi attraverso cui circola il liquido di raffreddamento. Ovviamente, l’acqua non dovrebbe essere utilizzata per questi scopi; al contrario, viene utilizzato glicole propilenico o una sospensione speciale con un basso punto di congelamento. Il riscaldamento del liquido di raffreddamento viene solitamente eseguito dall’impianto di riscaldamento attraverso un circuito speciale con uno scambiatore di calore secondario, mentre è richiesta la circolazione forzata del liquido.

Sistemi antigelo e scioglimento della neve per vialetto e passerelle

I sistemi di fusione della neve liquida sono più comuni nelle strutture municipali, nella vita di tutti i giorni sono meno popolari a causa della complessità del dispositivo e della manutenzione. In un ambiente civile, viene utilizzato un cavo scaldante prevalentemente elettrico a resistenza variabile o simile a quello utilizzato per il riscaldamento a pavimento negli ambienti. Tali sistemi sono affidabili e facili da installare, ma allo stesso tempo non economici a causa dell’uso di elettricità più costosa..

La scelta del cavo scaldante deve essere effettuata tenendo conto delle caratteristiche climatiche. Per la fascia media e le regioni meridionali, sarà sufficiente una potenza di 200 W / m2, per quelli settentrionali, dove la temperatura può tranquillamente rimanere a -25 ° C, si consiglia di aumentare la potenza specifica a 350-400 W / m2. In caso di isolamento sotto il rivestimento, la potenza può essere ridotta di circa il 20-25%. Ogni tipo di cavo scaldante ha un indicatore di potenza specifica, che deve essere selezionato in base alla densità di posa 3-4 m / m2. Altre caratteristiche dei cavi come il numero di nuclei, il tipo di elementi riscaldanti e la resistenza dell’isolamento sono determinate dalle condizioni di installazione e funzionamento.

Riscaldamento

È possibile proteggere lo strato riscaldato da terra con uno schermo termoisolante sotto quasi ogni carico operativo, tutto dipende dalla corretta scelta dell’isolamento. Per questi scopi, vengono utilizzati materiali polimerici riempiti di gas, caratterizzati da un’elevata resistenza a compressione, principalmente – PSB di polistirene espanso non pressato economico con uno spessore da 30 a 50 mm. Il compito principale quando si sceglie un riscaldatore è determinare correttamente la sua densità.

Sistemi antigelo e scioglimento della neve per vialetto e passerelle

La densità del polistirene espanso determina la sua resistenza a compressione con una deformazione massima reversibile del 10% rispetto alla dimensione originale. Tale materiale è adatto a scopi il più possibile ottimali, è utilizzato per isolare le fondamenta, dove l’isolamento termico subisce carichi molto elevati. Tuttavia, nelle aree aperte, il compito è complicato dal fatto che la natura dei carichi è a breve termine e concentrata. Non è possibile distribuire il carico sull’area, perché il dispositivo di un massetto a pieno titolo in cemento armato è poco pratico a causa della sua capacità di calore troppo elevata.

La regola generale è che la resistenza a compressione del polistirene espanso dovrebbe essere, in media, 3-4 volte superiore ai carichi operativi, tenendo conto dell’area di supporto. Ad esempio, se una persona pesa 70-80 kg e l’area media di entrambe le suole è di 500 cm2 il carico equivalente sarà di circa 1,5 t / m2, cioè, la resistenza a compressione del PPP dovrebbe essere di circa 5 t / m2, di conseguenza, il materiale del marchio PSB-S-25 è garantito per essere idoneo per l’isolamento di passaggi pedonali. Nelle aree di parcheggio per auto, il carico operativo è di circa 2,5 t / m2, piccoli furgoni – fino a 5 t / m2, quello che è considerato un carico accettabile per i gradi PSB-S-35 e PSB-S-50, rispettivamente.

Sistemi antigelo e scioglimento della neve per vialetto e passerelle

Il compito principale durante l’installazione della protezione termica è quello di creare un piano di riferimento affidabile. Il terreno sul sito viene rimosso a una profondità di circa 25 mm e riempito con materiale igroscopico incomprimibile, come sabbia lavata o scaglie di pietra. Per prevenire l’erosione del cuscino, è separato dal suolo da una geomembrana. Il cuscino deve essere speronato a strati e periodicamente versato con acqua. Dopo l’essiccazione, lo strato superiore viene cosparso con una miscela di cemento secco M400 e sabbia setacciata in un rapporto di 1:10 con uno spessore compattato di 20-25 mm, la tolleranza di allineamento per metro in ciascuna direzione non supera il 5% dello spessore dell’isolante.

Scelta della copertura

Quando l’intera area della zona riscaldata è pavimentata con piastre in PPS, è necessario iniziare immediatamente l’installazione dello strato protettivo superiore per proteggere l’isolamento dagli agenti atmosferici. La scelta del materiale di base dipende dal tipo di rivestimento previsto, ci sono anche diverse opzioni qui.

Per i motivi sopra indicati, materiali come pietre per lastricati o lastre di cemento non sono adatti per aree riscaldate. Per garantire un breve periodo di tempo affinché il sistema raggiunga la modalità termica di funzionamento, è necessario ridurre lo strato di rivestimento sopra gli elementi riscaldanti al valore minimo a cui il cavo è protetto da danni e la schiuma di polistirene espanso è protetta dalla perforazione.

Sistemi antigelo e scioglimento della neve per vialetto e passerelle

L’opzione migliore per le aree pedonali è quella di coprire gli elementi riscaldanti con una miscela secca di cemento e sabbia spessa 30 mm con una buona compattazione. Sulla parte superiore, lo strato protettivo è coperto con 2-3 cm di cemento asfaltato, che viene compattato con un rullo a mano o un rammer.

Sistemi antigelo e scioglimento della neve per vialetto e passerelle

Opzione per parcheggi – un massetto rinforzato con uno spessore di almeno 6 cm in cemento leggero sopra l’isolamento. Ciò aumenterà leggermente l’inerzia del riscaldamento, tuttavia consentirà una distribuzione più uniforme dei carichi. Il rinforzo viene eseguito con una rete di rinforzo da 8 mm con una dimensione della maglia fino a 150 mm, materiale del massetto – calcestruzzo espanso argilloso di classe B5-B7.5 su cemento non inferiore a 400D0. Gli elementi riscaldanti vengono posati sopra il massetto, quindi viene disposto qualsiasi tipo di copertura adatto: massetto di ghiaia eroso, briciola di gomma, asfalto o un massetto di cemento sottile con giunzione.

Sistemi antigelo e scioglimento della neve per vialetto e passerelle

Il compito principale durante l’installazione di una pavimentazione è quello di garantire il corretto sistema di drenaggio della superficie e della pendenza. Dopo lo scioglimento, la neve e il ghiaccio dovrebbero defluire liberamente nel ricevitore attrezzato, altrimenti, dopo aver spento il riscaldamento, l’acqua si congela di nuovo, ma questa volta con una crosta più liscia e scivolosa. Un valore di pendenza sufficiente è considerato di circa 3 mm / m nella direzione del flusso. Se il sito è esteso, è diviso in sezioni, la cui pendenza l’una verso l’altra forma una sorta di grondaie prefabbricate. Queste grondaie dovrebbero essere dirette verso il ricevitore degli scarichi di superficie, mentre la loro pendenza totale dovrebbe essere di almeno 5 mm / m.

Installazione e funzionamento

Per quanto riguarda il collegamento del sistema di elementi riscaldanti, qualsiasi uomo della strada può far fronte a questo compito. Basta acquistare un cavo per acquistare tutto ciò di cui hai bisogno: connettori, giunti ermetici, un sistema di fissaggio temporaneo del cavo e altri accessori specificati nelle istruzioni per il sistema di riscaldamento acquistato.

Per cominciare, un sistema di fissazione viene posato sulla superficie preparata: nastri perforati o rete polimerica. Quindi il cavo viene steso con un serpente o una spirale con un passo di circa 25-30 cm. Man mano che l’installazione procede, gli elementi riscaldanti vengono fissati al sistema di fissaggio: il cavo viene legato alla rete con fascette di nylon o fascette e ai nastri viene fissato piegando i petali perforati. Dopo l’installazione degli elementi riscaldanti, vengono collegati e collegati al cavo di alimentazione secondo lo schema di commutazione e distribuzione del carico. In questo caso, è indispensabile utilizzare raccordi standard e lo strumento appropriato per aggraffarli. Il sistema di supporto e gli elementi riscaldanti non sono fissati alla base, devono solo essere posizionati sullo stesso piano e quindi premuti con gli strati superiori del rivestimento. Naturalmente, prima di installare strati protettivi, è necessario collegare il sistema di riscaldamento alla rete e verificarne le prestazioni per diverse ore..

Sistemi antigelo e scioglimento della neve per vialetto e passerelle

I cavi di alimentazione sono collegati alla rete elettrica domestica immediatamente dopo il dispositivo di commutazione di ingresso attraverso un interruttore di circuito con una caratteristica corrente “B” e un valore nominale corrispondente alla potenza totale e alla tensione operativa con un margine di circa il 10-15%. Nell’interruzione del filo di fase è installato un dispositivo di commutazione: un termostato o un’unità di controllo e, se la potenza supera 2,5 kW, un contattore intermedio. Il riscaldamento viene di solito acceso manualmente dopo la caduta delle precipitazioni, ma il sistema può anche funzionare in modo completamente autonomo se è disponibile un’unità di automazione. In caso di una grande quantità di neve, si consiglia di rimuovere manualmente la maggior parte di essa, altrimenti potrebbe formarsi una crosta di ghiaccio sotto il tappo di neve sulla superficie della strada, poiché l’acqua di fusione non può entrare nei canali di drenaggio coperti di neve, il riscaldamento non sarà sufficiente per riscaldare l’intero spessore del liquido.

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Sistemi antigelo e scioglimento della neve per vialetto e passerelle
Elenco di alimenti che non devono essere consumati durante la perdita di peso