Panoramica e selezione di dimmer per diverse sorgenti luminose

Sezioni dell’articolo



I dimmer sono diventati abbastanza familiari con i non addetti ai lavori, ma il loro uso nasconde ancora molte insidie. Nell’articolo, riveleremo l’essenza e il principio di funzionamento di questi dispositivi, che ti aiuteranno a decidere sul tipo di dimmer che stai acquistando e su come installarlo..

Panoramica del dimmer per diverse fonti di luce

Negli ultimi anni sono state apportate molte modifiche al dimmer e le loro funzioni non si limitano più al semplice dimmer. Un moderno dimmer è un mezzo eccellente per automatizzare la rete di illuminazione, con lo sviluppo dell’elettronica, il loro lavoro è diventato quasi impeccabile e gli svantaggi sono stati ridotti al minimo. Per comprendere meglio la portata e il funzionamento di questi dispositivi, è necessario prima familiarizzare con la loro evoluzione.

Cosa devi sapere sul dispositivo dimmer

I primi tentativi di variare la luminosità del bagliore delle lampade presupponevano l’uso di resistori variabili convenzionali per questo. Aumentando la sua resistenza, è stato possibile limitare la corrente e ridurre il riscaldamento della spirale. Il problema è che tale dimmer stesso funge da consumatore e la potenza termica dissipata da esso deve essere sufficientemente elevata (40-60 W).

Per eliminare l’inconveniente, si è deciso di controllare la tensione nel circuito, che richiede un interruttore a semiconduttore. Invece di un reostato, hanno iniziato a utilizzare potenziometri meno potenti, ma più precisi che regolano la corrente di controllo del tiristore. Ciò consente di “tagliare” l’onda sinusoidale ai picchi di tensione e di compensare lo smorzamento della lampada durante l’assenza di corrente nel circuito, il dimmer era dotato di un condensatore.

Panoramica del dimmer per diverse fonti di luce

La potenza degli elementi a semiconduttore è rimasta piuttosto elevata, motivo per cui il dimmer ha creato interferenze, il cui effetto sulla trasmissione del segnale radio (ricevitori FM, Internet wireless) è stato negativo e piuttosto tangibile. Per ridurre le interferenze, sono stati utilizzati strozzatori sugli anelli di ferrite (filtri), quindi i moderni dimmer praticamente non influenzano il funzionamento delle apparecchiature radio..

Selezione del dimmer per tipo di lampada

Questo approccio è ottimo per pilotare la resistenza del resistore, che è essenzialmente una spirale della lampada. Ma per gli alimentatori a commutazione, come i reattori elettronici delle lampade fluorescenti, inclusi i “governanti”, questo sistema non è adatto.

Cercare di controllare la tensione alla base di una lampada a risparmio energetico non funzionerà affatto o ridurrà la durata della lampada e del dimmer a circa 200 ore. Per poter controllare in modo innocuo la luminosità del filamento, il dimmer deve essere incluso nel circuito elettronico del reattore, pertanto, le lampade speciali con contatti di controllo o i reattori sono sempre fornite con i regolatori.

Panoramica del dimmer per diverse fonti di luce

Per controllare la luminosità delle lampade a risparmio energetico, vengono utilizzati microcircuiti piuttosto complessi: driver a mezzo ponte che hanno la funzione di illuminare la lampada e mantenerne la luminosità in un determinato intervallo. Ma i microcircuiti standard supportano solo la regolazione a gradino: ad esempio, utilizzando il driver più semplice, è possibile impostare due livelli di luminosità per la lampada. Per aumentare la precisione, i microcircuiti sono installati in cascata: due per 4 posizioni di commutazione, tre per 8 livelli, quattro per 16 livelli, ecc. Di conseguenza, più uniformemente un dimmer regola la luminosità, più è costoso..

Nel caso delle lampade a LED, tutto è un po ‘più semplice: speciali tipi di dimmer possono cambiare la corrente di alimentazione, rispettivamente, anche la corrente di trasformazione cambierà. Ma per controllare la luce RGB sono necessari 4 fili di controllo e tre diversi dimmer. Pertanto, il regolatore viene spesso installato dopo i trasformatori di potenza o combinato con essi in un cosiddetto driver. Il principale svantaggio di tali dispositivi è la bassa tensione del circuito di controllo, quindi la distanza dal driver al regolatore dovrebbe essere minima. I dimmer utilizzati per questo sono contrassegnati con R – resistivo, L – induttivo e C – capacitivo per l’uso con i corrispondenti tipi di carichi e trasformatori.

Panoramica del dimmer per diverse fonti di luce

Dimmer meccanici resistivi

Nonostante l’introduzione attiva di lampade a risparmio energetico, i filamenti convenzionali sono ancora popolari a causa della temperatura più naturale della luce emessa. Quindi è troppo presto per cancellare i dimmer meccanici. Sono ottimali per lavorare con lampade a incandescenza a causa del loro basso costo e prevalenza..

Panoramica del dimmer per diverse fonti di luce

Secondo il metodo di controllo, i dimmer sono suddivisi in pulsante, rotativo e rotativo. Il vantaggio di quest’ultimo è che hanno una memoria: l’accensione del dimmer è possibile in qualsiasi posizione della maniglia, mentre quelle rotanti iniziano solo con una luminosità minima.

I dimmer a pulsante sono meno convenienti, ma l’uso di pulsanti al posto di un potenziometro rende la manopola più resistente e meno costosa. Dovresti essere consapevole che i dimmer meccanici hanno una soglia elevata (20-40 W) della potenza minima di commutazione e questo deve essere preso in considerazione se ci sono lampade collegate in parallelo nella rete: se una di esse si brucia, l’intera catena smetterà di funzionare. Inoltre, i dimmer prolungano in qualche modo la durata delle lampade a incandescenza: eliminano l’afflusso di corrente attraverso la lampada in quel breve periodo in cui la bobina non è riscaldata e la sua resistenza è molto bassa.

Panoramica del dimmer per diverse fonti di luce

Dimmer elettronici multifunzione

La comodità di usare l’attrezzatura è molto importante per una persona moderna. I dimmer elettronici avanzati hanno una serie di fantastiche funzioni:

  1. I dimmer hanno un comodo controllo con pulsanti o sensore mnemonico.
  2. La funzione di avvio graduale consente di abbassare automaticamente la luce all’accensione e allo spegnimento. Sembra molto attraente e confortevole nell’uso domestico.
  3. Le preimpostazioni di scena consentono di impostare più livelli di luminosità e passare da una all’altra con un clic di un pulsante.
  4. È anche possibile accendere e spegnere automaticamente secondo un programma giornaliero, la cosiddetta imitazione della presenza. Parlare dei vantaggi del timer di spegnimento automatico sarà superfluo..
  5. Il trasferimento digitale dei dati tra i componenti del sistema riduce i costi di organizzazione di più punti di controllo dell’illuminazione, utile in ambienti grandi e di passaggio. Diverse linee possono essere controllate da un singolo pannello, tutti gli elementi della rete funzionano indipendentemente l’uno dall’altro.
  6. I circuiti elettronici avanzati significano alta efficienza (oltre il 90%) e basso consumo energetico. Per questo motivo, è diventato razionale utilizzare i dimmer per l’auto-conversione dell’illuminazione in modalità luce notturna..

Panoramica del dimmer per diverse fonti di luce

Dimmer modulari: perché ne hai bisogno

Esiste una classe separata di dispositivi utilizzati nella costruzione di reti di illuminazione controllate centralmente. Installare un driver multicanale è molto più economico rispetto all’acquisto di più dimmer per linea. Ma a un carico superiore a 200-300 W, le dimensioni del dispositivo e il rilascio di calore non consentono l’installazione nel quadro elettrico, inoltre, è ovvio che il dispositivo di commutazione deve essere installato il più vicino possibile al consumatore, risparmiando il cavo.

Panoramica del dimmer per diverse fonti di luce

Se è presente uno schermo ASU sufficientemente capiente, il dimmer può essere posizionato al suo interno e può essere organizzata la connessione con i pannelli di controllo con un filo più sottile, ad esempio una coppia intrecciata. Se il progetto di alimentazione prevede schermi per gruppi di ambienti, in essi sono installati dimmer per controllare solo 1-3 linee di illuminazione.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy