Auto-calcolo di un singolo sistema di riscaldamento

Sezioni dell’articolo



Di tutte le opzioni attualmente conosciute per il riscaldamento della propria casa, il tipo più comune è un sistema di riscaldamento dell’acqua individuale. Radiatori ad olio, caminetti, stufe, termoventilatori e riscaldatori a infrarossi sono spesso utilizzati come dispositivi ausiliari.

Auto-calcolo di un singolo sistema di riscaldamento

Il sistema di riscaldamento di una casa privata è costituito da dispositivi di riscaldamento, tubazioni e meccanismi di blocco e regolazione, che servono tutti a trasportare il calore dal generatore di calore ai punti finali del riscaldamento d’ambiente. È importante comprendere che l’affidabilità, la durata e l’efficienza di un singolo sistema di riscaldamento dipendono dal suo corretto calcolo e installazione, nonché dalla qualità dei materiali utilizzati in questo sistema e dal suo funzionamento competente..

Calcolo del sistema di riscaldamento

Consideriamo in dettaglio una versione semplificata del calcolo di un sistema di riscaldamento dell’acqua, in cui utilizzeremo componenti standard e generalmente disponibili. La figura mostra schematicamente un sistema di riscaldamento individuale di una casa privata basato su una caldaia a circuito singolo. Prima di tutto, dobbiamo decidere il suo potere, poiché è la base per tutti i calcoli in futuro. Eseguiamo questa procedura secondo lo schema descritto di seguito..

Auto-calcolo di un singolo sistema di riscaldamento L’area totale della stanza: S = 78,5; volume totale: V = 220

Abbiamo una casa a un piano con tre stanze, un ingresso, un corridoio, una cucina, un bagno e una toilette. Conoscendo l’area di ogni singola stanza e l’altezza delle stanze, è necessario effettuare calcoli elementari per calcolare il volume dell’intera casa:

  • stanza 1: 10 m2 2,8 m = 28 m3
  • stanza 2: 10 m2 2,8 m = 28 m3
  • stanza 3: 20 m2 2,8 m = 56 m3
  • corridoio: 8 m2 2,8 m = 22,4 m3
  • il corridoio : 8 m2 2,8 m = 22,4 m3
  • cucina: 15,5 m2 2,8 m = 43,4 m3
  • bagno: 4 m2 2,8 m = 11,2 m3
  • Salotto: 3m2 2,8 m = 8,4 m3

Pertanto, abbiamo calcolato il volume di tutte le singole stanze, grazie al quale ora possiamo calcolare il volume totale della casa, è pari a 220 metri cubi. Si noti che abbiamo anche calcolato il volume del corridoio, ma in realtà non è indicato un singolo dispositivo di riscaldamento, a cosa serve? Il fatto è che anche il corridoio sarà riscaldato, ma in modo passivo, a causa della circolazione del calore, quindi è necessario aggiungerlo all’elenco di riscaldamento generale affinché il calcolo sia corretto e dia il risultato desiderato.

Caldaia a gas a circuito singolo

Eseguiremo la fase successiva del calcolo della potenza della caldaia in base alla quantità richiesta di energia per metro cubo. Ogni regione ha il suo indicatore: nei nostri calcoli utilizziamo 40 W per metro cubo, in base alle raccomandazioni per le regioni della parte europea della CSI:

  • 40 W 220 m3 = 8800 W.

Il dato risultante deve essere aumentato a un fattore 1,2, che ci darà il 20% della riserva di potenza in modo che la caldaia non funzioni costantemente alla massima potenza. Pertanto, comprendiamo che abbiamo bisogno di una caldaia in grado di generare 10,6 kW (le caldaie a circuito singolo standard sono prodotte con una capacità di 12-14 kW).

Calcolo del radiatore

Nel nostro caso, utilizzeremo radiatori in alluminio standard con un’altezza di 0,6 M. La potenza di ciascuna aletta di un tale radiatore ad una temperatura di 70 ° C è di 150 W. Successivamente, calcoleremo la potenza di ciascun radiatore e il numero di bordi condizionali:

  • stanza 1: 28 m3 40 W 1,2 = 1344 W.. Arrotondiamo fino a 1500 e otteniamo 10 bordi condizionali, ma poiché abbiamo due radiatori, entrambi sotto le finestre, ne prendiamo uno con 6 bordi, il secondo con 4.
  • stanza 2: 28 m3 40 W 1,2 = 1344 W.. Arrotondare fino a 1500 e ottenere un radiatore con 10 nervature.
  • stanza 3: 56 m3 40 W 1,2 = 2688 W. Arrotondare fino a 2700 e ottenere tre radiatori: 1 ° e 2 ° con 5 bordi, 3 ° (lato) – 8 bordi.
  • corridoio: 22,4 m3 40 W 1,2 = 1075,2 O. Arrotondare fino a 1200 e ottenere due radiatori con 4 alette.
  • bagno: 11,2 m3 45 W 1,2 = 600 W. Qui la temperatura dovrebbe essere leggermente più alta, risulta 1 radiatore con 4 nervature.
  • Salotto: 8,4 m3 40 W 1,2 = 403,2 O. Arrotonda fino a 450 e ottieni tre bordi.
  • cucina: 43,4 m3 40 W 1,2 = 2083,2 O. Arrotondare fino a 2100 e ottenere due radiatori con 7 bordi.

Auto-calcolo di un singolo sistema di riscaldamento

Di conseguenza, vediamo che abbiamo bisogno di 12 radiatori con una capacità totale:

  • 900 + 600 + 1500 + 750 + 750 + 1200 + 600 + 600 + 600 + 450 + 1050 + 1050 = 10,05 kW

Sulla base degli ultimi calcoli, è chiaro che il nostro sistema di riscaldamento individuale gestirà il carico assegnato ad esso senza problemi..

Selezione del tubo

Una tubazione per un singolo sistema di riscaldamento è un mezzo per trasportare energia termica (in particolare, acqua riscaldata). Sul mercato interno, i tubi per l’installazione di sistemi sono presentati in tre tipi principali:

  • metallo
  • rame
  • plastica

Installazione di riscaldamento da tubi di rame

I tubi di metallo presentano numerosi svantaggi significativi. Oltre ad essere pesanti e richiedono attrezzature ed esperienza di installazione speciali, sono anche sensibili alla corrosione e possono accumulare elettricità statica. Una buona opzione sono i tubi di rame, possono resistere a temperature fino a 200 gradi e una pressione di circa 200 atmosfere. Ma i tubi di rame si differenziano per le specifiche di installazione (sono necessarie attrezzature speciali, saldatura d’argento e vasta esperienza), inoltre, il loro costo è molto elevato. L’opzione più popolare sono i tubi di plastica. Ed ecco perché:

  • hanno una base in alluminio, che è ricoperta di plastica su entrambi i lati, grazie alla quale hanno una grande resistenza;
  • non consentono assolutamente il passaggio dell’ossigeno, il che consente di ridurre a zero il processo di formazione di corrosione sulle pareti interne;
  • grazie al rinforzo in alluminio, hanno un coefficiente di dilatazione lineare molto basso;
  • i tubi di plastica sono antistatici;
  • avere una bassa resistenza idraulica;
  • nessuna abilità speciale richiesta per l’installazione.

Tubi di plastica

Installazione del sistema

Prima di tutto, dobbiamo installare i radiatori sezionali. Devono essere posizionati rigorosamente sotto le finestre, l’aria calda dal radiatore impedirà all’aria fredda di entrare dalla finestra. Per l’installazione di radiatori sezionali, non è necessaria alcuna attrezzatura speciale, solo un perforatore e un livello dell’edificio. È necessario rispettare rigorosamente una regola: tutti i radiatori della casa devono essere montati rigorosamente allo stesso livello orizzontale, la circolazione generale dell’acqua nel sistema dipende da questo parametro. Osservare anche la disposizione verticale delle alette del radiatore.

Installazione del radiatore di riscaldamento

Dopo aver installato i radiatori, puoi iniziare a posare i tubi. È necessario misurare in anticipo la lunghezza totale dei tubi, nonché contare il numero di tutti i tipi di raccordi (gomiti, tee, tappi, ecc.). Per installare tubi di plastica, sono necessari solo tre strumenti: un metro a nastro, forbici per tubi e un saldatore. La maggior parte di questi tubi e raccordi presenta perforazione laser sotto forma di tacche e linee guida, il che consente di eseguire l’installazione in loco in modo corretto e uniforme. Quando si lavora con un saldatore, è necessario rispettare una sola regola: dopo aver fuso e agganciato le estremità dei prodotti, in nessun caso non farli scorrere se non è stato possibile saldare esattamente la prima volta, altrimenti potrebbe fuoriuscire in questo posto. Meglio esercitarsi in anticipo sui pezzi che vanno sprecati.

Saldatura di tubi in polipropilene

Riscaldamento da tubi in polipropilene

Dispositivi aggiuntivi

Secondo le statistiche, un sistema con circolazione passiva dell’acqua funzionerà correttamente se l’area della stanza non supera i 100-120 m2. Altrimenti, devono essere utilizzate pompe speciali. Naturalmente, ci sono un certo numero di caldaie in cui sono già integrati sistemi di pompaggio e essi stessi forniscono la circolazione dell’acqua attraverso i tubi, se non ne hai uno, dovresti acquistarlo separatamente.

Pompa di circolazione nel sistema di riscaldamento

Sul mercato interno, la loro scelta è molto ampia, inoltre, soddisfano tutti i requisiti necessari: consumano poca elettricità, sono silenziosi e di piccole dimensioni. Le pompe di circolazione sono montate alle estremità dei rami del riscaldamento. Pertanto, la pompa durerà più a lungo in quanto non sarà direttamente esposta all’acqua calda..

Impianti di riscaldamento in una casa privata: foto, consulenza di esperti Un esempio di sistema di riscaldamento monotubo a circolazione forzata: 1 – caldaia; 2 – gruppo di sicurezza; 3 – termosifoni; 4 – valvola a spillo; 5 – vaso di espansione; 6 – scarico; 7 – approvvigionamento idrico; 8 – filtro per acqua grossolana; 9 – pompa di circolazione; 10 – valvole a sfera

Da tutto quanto sopra, diventa chiaro che due o tre persone possono facilmente far fronte all’installazione di un tale sistema, questo non richiede particolari competenze professionali, l’importante è poter usare strumenti di costruzione elementari. Nel nostro articolo, abbiamo esaminato un singolo sistema di riscaldamento assemblato utilizzando componenti standard, il loro prezzo e disponibilità consentiranno a quasi tutti di montare un sistema di riscaldamento simile a casa..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy