Anatomia di una presa elettrica

Sezioni dell’articolo



In questo articolo: come sono nate le prese elettriche; come sono disposte le prese elettriche; quali tipi di prese di corrente ci sono; come scegliere le prese; come determinare e calcolare l’amperaggio per una presa elettrica; come installare una presa elettrica da soli.

Anatomia di una presa elettrica

Le nostre case e appartamenti sono dotati di diversi tipi di comunicazioni, dotati di porte affidabili, apparecchiature elettriche, vetrate impenetrabili al rumore della strada e alla polvere – sicurezza e comfort sono garantiti. Tuttavia, senza questi dispositivi, dal design semplice, il livello di comfort sarebbe lungi dall’essere completo, non è per niente che un paio di decenni fa la disposizione dei mobili negli appartamenti e nelle case dipendeva dalla loro posizione. Una presa elettrica è un dispositivo familiare a tutti, un quadrato di plastica o un cerchio con due fori per una spina. Ma il corretto funzionamento degli elettrodomestici e le condizioni di tutti i collegamenti elettrici dipendono dalla corretta scelta delle prese elettriche.!

Storia delle prese elettriche

Un secolo e mezzo fa l’elettricità veniva utilizzata solo per illuminare strade e case. La concorrenza tra i fornitori di elettricità ha portato a una significativa riduzione delle tariffe per il consumo di elettricità domestica, che ha suscitato interesse tra i produttori di elettrodomestici: i primi erano ventilatori elettrici e aspirapolvere, che apparvero nel 1890, quindi l’elenco degli elettrodomestici fabbricati è cresciuto a cento. Il problema era che qualcuno di questi apparecchi elettrici era collegato direttamente alla rete, ad es. era impossibile spegnere e mettere gli elettrodomestici nella dispensa, come stiamo facendo ora con un aspirapolvere.

Nel 1904, l’inventore americano Harvey Hubbel ricevette un brevetto per la prima presa elettrica. Va notato che la sua invenzione aveva poco in comune con le moderne prese elettriche: la presa Hubbel era avvitata nel portalampada e, in effetti, era un adattatore – la lampadina era svitata, una presa era avvitata al suo posto, a cui un apparecchio elettrico era collegato tramite una spina. L’idea stessa di un tale adattatore plug-in apparteneva a Thomas Edison, che “lo prese in prestito” dal suo principale concorrente Nikolo Tesla – ma Hubbel fu il primo a ottenere un brevetto. I suoi adattatori plug-in hanno goduto di una diffusa popolarità negli Stati Uniti fino al 1920-25..

Inizialmente, tutte le prese erano solo esterne – erano posizionate sul muro, cioè i fori nel muro per loro non sono stati fatti.

La presa euro nella sua forma quasi moderna fu creata nel 1926, inventata dall’ingegnere tedesco Albert Büttner. In Europa, questo tipo di prese e spine elettriche è noto come il sistema Schuko – un’abbreviazione per il nome tedesco “Schutzkontakt”, tradotto in russo “contatto protettivo”. E la prima presa e spina con messa a terra furono inventate dall’americano Philip Labre nel 1927. L’idea di una doppia presa, ad es. progettato per collegare due spine contemporaneamente, apparve al giapponese Kanosoke Matsushita, che lo creò nel 1918 per il mercato giapponese.

Inizialmente, tutte le prese erano solo esterne – erano posizionate sul muro, cioè i fori nel muro per loro non sono stati fatti. Il fatto è che l’isolamento dei cavi elettrici 100 anni fa aveva una durata estremamente breve, l’unico modo per sostituire tempestivamente un filo che era nudo in alcuni punti era di monitorarne costantemente le condizioni. Inoltre, la necessità di inserire i cavi elettrici all’interno del muro ha aggiunto lavoro ai costruttori ed era troppo costosa in quel momento..

Design della presa elettrica

La base di una presa elettrica è un elemento dotato di contatti per il collegamento al cablaggio elettrico, terminali per l’alimentazione dei contatti di una spina. Il supporto in metallo, che è una piastra quadrata con un ritaglio per la base della presa, è dotato di rinforzi laterali che fissano la presa in un foro cilindrico della presa ritagliato nella parete.

Fissaggio dei contatti: vite – le estremità scoperte dei fili sono serrate nei contatti della presa con le viti usando un cacciavite; attraverso l’unità di serraggio rapido – il filo viene trattenuto dai terminali sulle molle. Va notato che entrambi i metodi di collegamento del cablaggio alla presa sono abbastanza efficaci..

Design della presa elettrica

All’esterno, la presa è coperta da una copertura isolante decorativa che copre la presa di installazione sulla parte superiore o copre la presa dall’alto e sui lati – per prese di installazione esterne. Le prese elettriche dotate di messa a terra sono dotate di un contatto di terra aggiuntivo e di terminali che a contatto con i pin di messa a terra della spina quando.

La base della presa è realizzata in ceramica o plastica speciale, che contiene additivi miglioranti che aumentano la resistenza al calore e la resistenza, la resistenza al fuoco e alle radiazioni ultraviolette e riducono l’elettricità statica. Se prima il corpo e la base degli elementi di cablaggio erano fatti di carbolite (fenolica), oggi questa plastica non è popolare – dopo alcuni anni, i suoi prodotti perdono resistenza e si sbriciolano.

Tipi di prese di corrente

A differenza delle sgradevoli prese in stile sovietico, i moderni prodotti di cablaggio non sono solo resistenti ai cortocircuiti e alle sollecitazioni meccaniche sul case, ma hanno anche un design accattivante che non contrasta con il design generale della stanza..

Tipi di prese elettriche utilizzate in diversi paesi

Se hai l’impressione che le prese elettriche di un tipo siano comuni sulla Terra, non è così. Alcuni di loro sono popolari in molti paesi, ma non in tutto il pianeta. A proposito, la tensione della rete elettrica domestica e la frequenza della corrente alternata nei paesi del continente americano differisce da quella adottata nei paesi di Europa e Asia: tensione 100-127 V, frequenza 60 Hz – USA, Canada, Messico, alcuni paesi del Sud America, Giappone, Arabia Saudita; tutti gli altri paesi del mondo – tensione 220-240 V, frequenza 50 Hz. Eccezioni: Perù, Corea del Nord e del Sud, Filippine – tensione domestica 220-240 V, frequenza 60 Hz; Taiwan e Madagascar – tensione 100-127 V a 50 Hz.

Quindi, diamo un’occhiata ai principali tipi di socket:

Tipo A (NEMA 1-15), progettato per 15 A / 125 V – per una spina con due perni piatti, sezione rettangolare senza contatto di messa a terra. Dal 1962, la loro installazione è stata vietata negli Stati Uniti e in Canada, ma sono ancora presenti in vecchi edifici. Prese di corrente esternamente simili sono utilizzate in Giappone (standard locale JIS C 8303, classe II), ma da tali prese non è possibile alimentare apparecchi elettrici di fabbricazione americana con spine simili. la tensione e la frequenza della corrente nella rete elettrica domestica in Giappone è inferiore a – 100 V e 50 o 60 Hz, a seconda della prefettura;

Tipo B (NEMA 5-15), progettato per 15 A / 125 V. I fori in tali prese sono a forma di U – per due perni piatti situati in parallelo e per un contatto di terra semi-ovale situato sopra di essi. Esternamente simili: giapponese JIS C 8303, classe I (15 A / 100 V) e American NEMA 5-20 (20 A / 125 V);

Tipo C (CEE 7/16), progettato per 16 A / 250 V. Sul territorio della CSI, il tipo C è meglio noto come presa euro. Progettato per una spina con due contatti rotondi da 4 mm, amperaggio fino a 2,5 A e tensione di rete fino a 250 V. Esternamente simile: tedesco-francese CEE 7/17 (16 A / 250 V) con fori da 4,8 mm , il più comune in Corea del Sud, così come il russo GOST 7396.1-89 C 1 (6 o 16 A / 250 V) con fori da 4,5 mm;

Tipo D (BS 546), nominale per 5 o 15 A / 250 V – per una spina a tre poli con un diametro da 5,08 mm a 7,06 mm e un perno di messa a terra da 7,06 a 8,71 mm. Questo tipo di socket è progettato per le ex colonie di Gran Bretagna – India (standard locale IA16A3) e Sudafrica (standard locale SABS 164);

Tipo E (CEE 7/5), progettato per 5 o 15 A / 250 V, sviluppato in Francia. Una presa elettrica di questo tipo ha due fori per i contatti con un diametro di 4,8 mm: il perno di messa a terra sporge dal corpo della presa come una spina;

Tipo F (CEE 7/4), progettato per 16 A / 250 V – una modifica moderna della presa Schuko tedesca, dotata di contatti di messa a terra. La presa è dotata di due scanalature, allineate ai fori di contatto, i connettori di messa a terra sono perpendicolari ai fori di contatto;

Tipo E / F (CEE 7/7), nominale per 16 A / 250 V. Questo tipo è una spina universale, adatta sia per le prese di tipo E (con un perno di terra sporgente) sia per le prese di tipo F (con due connettori di terra);

Tipo G (BS 1363), valutato per 13A / 230-240V, progettato nel Regno Unito. La presa ha tre fori rettangolari per i contatti – due di questi sono situati in parallelo, il contatto di messa a terra è verticale. La spina ha un fusibile da 13 A. Questa spina è popolare in Inghilterra e in Asia;

Tipo H (P.32), progettato per 16 A / 250 V, utilizzato solo in Israele. Dal 1989, i tre contatti piatti a Y sono stati sostituiti da quelli arrotondati con un diametro di 4,5 mm. Prese simili sono usate in Tailandia (TIS 166-2549), ma i loro contatti sono più piccoli – 4 mm;

Tipo I (AS / NZS 3112), valutato per 10 A / 240 V. Due contatti piatti sono posizionati l’uno rispetto all’altro a forma di V, il contatto piatto a terra è sopra di essi. Utilizzato in Australia e nelle isole vicine, nonché in Argentina (IRAM 2073). Un tipo simile di prese è usato in Cina (CPCS-CCC) – i suoi contatti sono più larghi di 1 mm e si trovano nella direzione opposta rispetto al tipo australiano;

Tipo J (SEV 1011), progettato per 10 A / 250 V, sviluppato e utilizzato in Svizzera. Tre perni da 4 mm – due sulla stessa linea, uno appena sopra e tra di loro. Questo tipo di spina è a forma di diamante, quindi le prese sono dotate di una presa a forma di diamante;

Tipo K (107-2-D1), nominale per 13 A / 250 V. Due fori di contatto da 4,8 mm, il foro di messa a terra sottostante viene troncato di 1/3;

Tipo L (CEI 23-16 / VII), valutato per 10 o 16 A / 250 V. Tutti e tre i pin, compresa la terra, si trovano sulla stessa linea. Il diametro dei contatti della spina per 10 A è di 4 mm, per 16 A – 5 mm.

Tipo M (BS 546), valutato per 15 A / 250 V, molto diffuso in Sudafrica. Esternamente simile al tipo D, ma i suoi contatti di diametro maggiore – 7,5 mm.

Una tale varietà di tipi di prodotti di cablaggio crea problemi principalmente per i turisti: sarà impossibile utilizzare gli elettrodomestici portati con sé, ad esempio un rasoio elettrico con una spina che non si adatta agli standard locali per le prese elettriche. E se l’uso di un adattatore adattatore aiuta a risolvere il problema con la mancata corrispondenza del connettore a spina, allora una tensione più bassa o più alta nell’alimentazione domestica di un determinato paese è un grave ostacolo. Pertanto, le grandi catene alberghiere stanno cercando di utilizzare solo prese Euro, come le più comuni sul nostro pianeta..

Scelta di una presa elettrica

Prima di tutto, quali sono le spine per gli elettrodomestici di casa tua? Se il modello sovietico, le prese euro non si adatteranno a loro – sono progettate per pin di contatto di diametro maggiore – 4,8 mm, mentre quelle sovietiche hanno un diametro di 4 mm. Anche se sostituire una spina di tipo sovietico con una di tipo C non è difficile.

Il secondo e non meno importante punto è qual è la corrente consumata da questo elettrodomestico? Per la maggior parte degli elettrodomestici, sarà sufficiente una presa elettrica progettata per una corrente di 10 ampere: la corrente massima consentita per ciascun modello di presa è indicata sul retro e sul passaporto. Eccezioni: potente condizionatore d’aria con una potenza attuale di 14 A; forno a microonde, la cui forza attuale è di 12 A; stufa elettrica che sviluppa una corrente di 11 A; una stufa elettrica da cucina, per la quale è necessaria una presa di corrente speciale, poiché la corrente sviluppata da questo apparecchio elettrico raggiunge i 46 A – per questi elettrodomestici, le prese devono essere selezionate separatamente.

Nel caso di potenti apparecchi elettrici, c’è ancora un punto: il cablaggio resisterà al carico da essi? Il cablaggio standard domestico è valutato per una corrente massima di 10 A, ad es. con un carico maggiore, si brucerà semplicemente. Il carico sul cablaggio viene calcolato in totale, in base alla potenza di tutti gli apparecchi elettrici collegati contemporaneamente. Se la corrente totale supera i 10 A, è necessaria una sostituzione completa / parziale del cablaggio elettrico, solo le prese non risolveranno questo problema.

Prese elettriche

In questo modo puoi calcolare la potenza attuale di qualsiasi elettrodomestico: dividi la potenza (W) indicata nel suo passaporto per la tensione della rete elettrica domestica, pari a 220 V nel CIS.

Con o senza messa a terra? Naturalmente, una presa elettrica dotata di messa a terra è molto meglio di una normale: ci sono meno possibilità di scosse elettriche. Ma nella maggior parte degli edifici residenziali in Russia e nella CSI, il cablaggio è realizzato senza un anello di terra, ad es. il filo di terra richiesto non è semplicemente disponibile. E se non c’è, qual è il punto in una presa a terra?

Contatti a vite o a sgancio rapido? A mio avviso, non c’è molta differenza qui – tranne per il fatto che è più facile installare le estremità del cablaggio nei contatti a sgancio rapido. A proposito, se il cablaggio elettrico in casa è realizzato con un filo di rame flessibile a trefoli, è meglio scegliere prese con terminali a vite: non sarà facile inserire un filo flessibile in contatti a serraggio rapido, perché scivolerà fuori.

Le prese e gli interruttori con LED sono buoni al buio: sono più facili da trovare al crepuscolo, il che è abbastanza conveniente. Ma sono adatti solo per i corridoi: non dovresti installare tali accessori di cablaggio nei salotti, perché i punti di luce su di essi attireranno l’occhio come un magnete e interferiranno con il riposo.

Prese e interruttori con LED

Nelle stanze dei bambini, sarà corretto installare prese elettriche con sovrapposizione automatica dei fori di contatto – in assenza di una spina inserita in essi, i fori sono chiusi con una tenda di plastica che si muove solo quando entrambi i contatti della spina sono inseriti. In altre parole, i tentativi del bambino di mettere qualcosa dentro un simile sbocco non avranno successo, il che è positivo.

Esistono modelli di prese dalle quali è facile rimuovere la spina – con la semplice pressione di un pulsante, che è conveniente per gli elettrodomestici che vengono periodicamente utilizzati, ad esempio un forno a microonde o un robot da cucina. Molto spesso, tali prese elettriche sono installate in cucina..

Il grado di protezione contro l’umidità è importante per ambienti con elevata umidità e se installati fuori casa – in questi casi sono necessarie prese di corrente con un IP di almeno 44. In normali condizioni domestiche, sono sufficienti prese IP 22..

Il colore e il design dell’alloggiamento della presa sono abbinati al design generale della stanza in cui verrà installato. I colori standard sono bianco e “avorio” (bianco con una sfumatura crema), nella linea di grandi produttori la gamma di colori è molto più ampia, include sia tonalità pastello che brillanti, ad esempio lo zaffiro. La forma della custodia non deve essere la solita rotonda o quadrata: esplora i prodotti di marchi famosi, hanno molto da scegliere.

Attenzione: indipendentemente dal tipo di punto vendita scelto, deve essere certificato, come evidenziato da una copia cartacea del certificato – affermazioni infondate dei venditori che esiste un certificato, non fidarsi!

Autoinstallazione di prese elettriche

Inizierò con la procedura per l’installazione di un socket di tipo interno o nascosto. Spegniamo l’alimentazione dell’appartamento ruotando la maniglia dell’interruttore del pacchetto nel centralino – un’operazione obbligatoria eseguita prima dell’inizio dei lavori elettrici!

È necessario rimuovere il coperchio esterno svitando la vite che lo fissa alla base in ceramica o plastica e mettere da parte il coperchio inserendo la vite al suo interno. Dopo aver verificato che l’elettricità è veramente spenta, è necessario rimuovere il coperchio dalla presa smontata. Allentare le viti del distanziatore e rimuovere parzialmente la vecchia presa elettrica dalla presa a muro, lasciandola appesa ai fili. Quindi scollegare i fili dai contatti, ricordando l’ordine della loro connessione (se non si è sicuri, scattare una foto!).

Se la nuova presa ha contatti a vite, allentarli con alcuni giri del cacciavite, quindi inserire le estremità scoperte del cablaggio nei corrispondenti fermagli. Dopo aver serrato le viti di contatto o aver inserito le estremità del cablaggio nei contatti a sgancio rapido, è necessario portare la base della presa nel foro previsto nella parete, allineare la posizione – assicurarsi che il supporto metallico non sporga oltre i bordi del foro, altrimenti non ci sarà alcun adattamento stretto della copertura della presa al piano della parete.

Autoinstallazione di prese elettriche

Stringere alternativamente le viti del distanziatore: metà destra, quindi metà sinistra, dopo ciascuna fino al limite, assicurarsi che la base della presa sia fissata saldamente nel foro nel muro. Successivamente, viene installato un coperchio di plastica, avvitato con una vite – la presa è installata. Per essere sicuro che sia installato saldamente, agitare leggermente il coperchio con le dita. Controllare se c’è corrente nella presa – per questo è necessario accendere l’alimentazione e inserire un cacciavite di prova speciale o una spina da una lampada da tavolo in una nuova presa. Se non c’è corrente, disinserire l’alimentazione generale, rimuovere il coperchio dalla presa, allentare le bretelle laterali e verificare che i cavi siano collegati correttamente ai connettori dei contatti e che siano collegati.

Possibili problemi di installazione: le sporgenze esistenti nella presa a muro sono usurate e la fissazione affidabile della presa elettrica non riesce; inizialmente non c’erano sporgenze.

Nel primo caso, un kit di riparazione della fattura sarà di aiuto: è costituito da due semianelli in plastica dura, collegati tra loro. Il diametro dell’anello da loro formato coincide con il diametro del foro standard per la presa (standard sovietico – 80 mm). Teoricamente, gli anelli di plastica dovrebbero essere inseriti nel foro per la presa nello stato assemblato, ma potrebbe non adattarsi: le giunture dei semianelli tra loro spesso sporgono oltre il diametro richiesto. Tagliare i dispositivi di fissaggio con un coltello su entrambi i semianelli, quindi posizionarli all’interno del foro della presa sotto i distanziatori della presa e, tenendoli con le dita di una mano, avvolgere la base della presa elettrica e serrare le viti del distanziatore.

In assenza di sporgenze di montaggio, una scatola di plastica cilindrica viene inserita nel foro della presa, sulle cui pareti sono presenti sporgenze di montaggio per il fissaggio della presa. C’è un foro nella parte inferiore della scatola per le prese di cablaggio – provare sulla scatola nel foro della presa, assicurarsi che i suoi bordi non sporgano dal foro. Quindi collegare la presa di corrente come descritto sopra..

Una presa esterna o, come si suol dire, una presa aerea è installata, in linea di massima, su qualsiasi superficie – se è posizionata all’esterno dell’edificio, quindi solo su un piano verticale. Svitare la vite che tiene il coperchio esterno, rimuoverlo lateralmente. Le estremità scoperte del cablaggio sono inserite nei contatti della base della presa esterna e fissate. Alla base della presa esterna ci sono fori per il fissaggio – se la superficie di montaggio è in legno, lì vengono inserite viti autofilettanti per legno, se in cemento o mattoni – viti autofilettanti per calcestruzzo. Le viti autofilettanti sono serrate, un coperchio esterno è attaccato alla parte superiore della presa. Questo completa l’installazione. Un punto importante: per le prese esterne, montate all’esterno dell’edificio, è meglio usare un cablaggio a doppia treccia e il suo strato esterno (superiore) dovrebbe essere abbastanza spesso.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy