La scelta del compensato per il pavimento

Il compensato come finitura o rivestimento di pavimenti grezzi presenta una serie di vantaggi: un prezzo accessibile, semplicità e velocità di installazione, la capacità di dipingere. Il nostro sito di suggerimenti scoprirà quale compensato può essere utilizzato per livellare il pavimento e direttamente come pavimentazione.

La scelta del compensato per il pavimento

Per quanto riguarda le classi e le caratteristiche dell’uso del compensato nella costruzione e nella decorazione nel nostro paese, GOST 3916.1 è in vigore dal 1996, che non ha perso rilevanza. Secondo questo documento, ci sono le seguenti categorie di fogli di compensato:

  • E è il compensato perfetto, senza deformazioni e imperfezioni, una classe d’élite.
  • I – potrebbero esserci lievi violazioni e crepe sul foglio con una lunghezza non superiore a 20 millimetri.
  • II – possono esserci inserti in legno piccoli ma evidenti, crepe più lunghe di 20 millimetri.
  • III – per un metro quadrato di tale compensato possono esserci fino a 10 wormhole e un massimo di 9 difetti, la cui sezione trasversale non supera i 6 millimetri.
  • IV – prodotti di bassa qualità con numerosi difetti, nodi intrecciati, wormhole fino a 45 millimetri di diametro.

Compensato di prima scelta con impiallacciatura frontale

Importante! Se il compensato viene utilizzato per livellare il pavimento prima di posare il laminato su un substrato, linoleum, parquet, è possibile utilizzare fogli di classe II e III, sono più economici e abbastanza adatti a questo scopo. E se il compensato servirà come finitura del pavimento, allora devi usare un’opzione decorativa, a cui il portale ha già dedicato un articolo. Questo compensato è esclusivamente di classe I ed E..

Per il pavimento del bagno e della cucina, scegliere un compensato resistente all’umidità. Inoltre, vale la pena prestare attenzione ai fogli scanalati che presentano giunzioni dentate. Sono più facili da installare, senza bisogno di chiodi e viti, puoi riparare singole sezioni del pavimento. Distingue separatamente il compensato laminato, che non ha assolutamente paura dell’umidità e sembra più attraente.

Compensato per laminato

Esistono i seguenti gradi di compensato:

  • FBA – ecologico, ma solo per ambienti asciutti.
  • FSF – contiene formaldeide, quindi viene utilizzata più spesso in campo industriale, non adatta ai salotti.
  • FC – contiene colla all’urea. Sicuro, resistente, utilizzato nella fabbricazione di mobili. Adatto anche per il pavimento.
  • FB – l’uso di vernici a base di bachelite nella produzione conferisce a tale compensato eccellenti proprietà idrorepellenti. Adatto per l’uso in cucine e officine.
  • BS: in questo caso viene utilizzata la colla a base di bachelite. Questo è compensato per barche e aeroplani. Durevole, ma si piega bene.
  • BV – anche compensato di bachelite, resistente, ma con meno capacità di respingere l’acqua.

Compensato in bachelite rivestito con film

Per il sottofondo, scegliere un compensato con uno spessore di almeno 12 millimetri in modo che la base sia solida. Se la posa viene eseguita su tronchi, lo spessore del compensato dovrebbe essere aumentato di almeno 18 millimetri, perché ci sono vuoti sul fondo e il pavimento può piegarsi sotto il peso. Le dimensioni dei fogli possono essere diverse, lo standard è 157×152,5 centimetri. Se necessario, il compensato non è così difficile da tagliare, puoi lavorarci in diversi modi.

Pavimento su tronchi di compensato

Quando si sceglie il compensato per la disposizione dei pavimenti, è necessario essere guidati dai seguenti principi:

  • Per i salotti, scegli materiali esclusivamente ecologici e sicuri senza formaldeide, ad esempio il marchio FK.
  • Scegli uno spessore e dimensioni adeguate, guidati dalle caratteristiche della stanza.
  • Il contenuto di umidità dell’impiallacciatura non deve superare il 15%.
  • Assicurati di verificare con il produttore la disponibilità di certificati di qualità.
  • Ricorda che puoi risparmiare denaro sulla finitura ruvida scegliendo fogli di classe II e III, ma non sulla finitura.
Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy