Come coltivare un raccolto abbondante di cavolo sano senza sostanze chimiche

Sezioni dell’articolo



Probabilmente, non esiste un solo orto in cui non viene coltivato un tale ortaggio primordialmente russo come il cavolo. Questo ortaggio è stato portato dalle rive del Mar Mediterraneo, ma, nonostante la diversità del clima russo, ha perfettamente messo radici nelle nostre dacie e trame di fattoria. Non è difficile coltivare un raccolto decente di cavolo, ma per questo è necessario capire a quali malattie è soggetta questa cultura e quali parassiti non sono contrari a “scricchiolare” le foglie di cavolo.

Coltivazione di cavoli in giardino

Nel precedente articolo del ciclo “L’agricoltura biologica: protezione biologica contro parassiti ed erbe infestanti” ha parlato di quali metodi ecologici di lotta contro malattie e parassiti sono utilizzati nell’agricoltura biologica, e nell’articolo “Malattie e parassiti del cetriolo – proteggiamo noi stessi senza chimica” abbiamo capito come prenderci cura di cetrioli senza usare sostanze chimiche dannose. Oggi parleremo della coltivazione del cavolo, prenderemo in considerazione metodi di lotta biologica e controllo delle malattie di questa coltura.

Ci sono molti tipi di cavoli oggi. Queste sono le ben note varietà a testa bianca coltivate ai tempi dell’antica Russia. Il cavolfiore e il cavolo rosso si diffusero in Russia all’inizio del XX secolo. I libri di cucina di questo tempo menzionano anche il cavolo rapa, che era chiamato “cavolo repina”. Varietà come Bruxelles, Savoia e broccoli hanno iniziato a crescere qui nella seconda metà del secolo scorso..

Non è senza ragione che il cavolo abbia messo radici nelle nostre terre con un clima instabile. Una caratteristica di questa cultura è che tollera con calma le gelate fino a meno 3 gradi, e la Savoia diventa ancora più gustosa da meno 5.

Nonostante la varietà di varietà, la tecnica di coltivazione di ciascuna di esse non è particolarmente diversa. Il cavolo ama molto l’acqua. Con un’irrigazione insufficiente, è quasi impossibile coltivare un buon raccolto, inoltre, durante l’irrigazione è necessario osservare l’uniformità, altrimenti la testa di cavolo potrebbe rompersi..

È meglio coltivare cavoli su terreni argillosi ricchi di organici con acidità neutra e, se il terreno è acido, è necessario applicare calce nel tardo autunno o all’inizio della primavera in una proporzione di 4-5 kg ​​per 10 mq. Tale coltivazione della terra è una meravigliosa prevenzione della maggior parte delle malattie fungine, inclusa una malattia così pericolosa come la chiglia di cavolo, le cui spore muoiono in un ambiente alcalino..

Piantare piantine di cavolo

Il fertilizzante più adatto per qualsiasi tipo di cavolo è lo sterco di vacca marcito o il compost ben stagionato. L’uso di compost acerbo o di letame fresco rende le foglie acquose, insipide e instabili a varie malattie. Perché una testa di cavolo diventi grande, deve ricevere molto cibo. Pertanto, anche su terreni molto fertili, è necessario applicare una quantità sufficiente di fertilizzante organico per il cavolo (8-10 secchi di letame o compost per 10 metri quadrati). Qualsiasi tipo di alimentazione con infuso di ortica fermentata, diluito con acqua in un rapporto di 1: 5, risponde bene. La prima alimentazione deve essere effettuata 2-3 settimane dopo aver piantato le piantine e quindi – con un intervallo di due settimane 5-6 volte.

Un gran numero di piatti gustosi e salutari può essere preparato dal cavolo; molte varietà sono notevolmente conservate durante l’inverno e sono una fonte di vitamine e minerali essenziali. Tuttavia, non solo le persone amano il cavolo per le sue succose foglie croccanti. Questa cultura nel giardino ha molti parassiti che devono essere imparati a resistere.

Parassiti di cavolo

Una varietà di insetti volanti e saltanti a volte crea molti problemi al giardiniere. I principali parassiti pericolosi di cavolo includono: cavolo (cavolo bianco), pulci e insetti crocifere, mosca di cavolo e lumache nude.

Cavolo bianco

Questo parassita è diffuso in quasi tutto il territorio della Russia e dei paesi vicini. Belianka mangia non solo cavoli, ma anche tutte le altre culture della famiglia delle crocifere (ravanello, rapa, ravanello, crescione e altri).

Farfalla di cavolo

Il cavolo è una farfalla con ali bianche con un bordo nero. Queste farfalle si nutrono di nettare di fiori, si accoppiano e depongono le loro uova sul lato inferiore di una foglia di cavolo. I bruchi che si schiudono dalle uova sono di colore verde-giallastro con macchie nere, che si nutrono di foglie di cavolo, lasciandone solo le vene centrali.

Un buon effetto nella lotta contro questo parassita è dato dalla spruzzatura di cavolo con una soluzione di cenere di legno al ritmo di: 2 bicchieri di cenere e un cucchiaio di sapone liquido per 10 litri di acqua.

Se le tracce sono poche, possono essere raccolte a mano. Alcuni giardinieri sui letti di cavolo dispongono bastoncini con gusci d’uovo sospesi da loro. Si ritiene che il guscio spaventa il cavolo che sta per deporre le uova. La farfalla prende il guscio per la sua specie e “pensa” che il territorio sia già occupato.

Bruchi su cavolo

Spruzzare i letti di cavolo con infuso di cime di pomodoro o un decotto di bucce di cipolla spaventerà il bianco di cavolo con un odore insolito e non si moltiplicherà nei tuoi letti.

Pulci e insetti crocifissi

Questi parassiti causano danni significativi a tutte le colture crocifere e il cavolo ne soffre soprattutto. Le pulci crocifere sono piccoli coleotteri neri di dimensioni fino a 3 mm con zampe posteriori che saltano. Gli insetti crocifissi sono insetti con un colore brillante: strisce rosse, gialle o bianche, macchie o linee su uno sfondo nero o verde-metallico..

Insetto crocifisso

Pulci e cimici raschiano lo strato superiore delle foglie e succhiano i succhi delle piante, causando ingiallimento, avvizzimento e asciugatura delle piante di cavolo. Questi insetti sono particolarmente pericolosi per le piantine. Un gran numero di parassiti nel giardino può portare alla morte di giovani piante.

Spolverare i letti di cavolo con una miscela di polvere di tabacco con lanugine calce o cenere in un rapporto 1: 1 è un mezzo abbastanza efficace per combattere durante il periodo di comparsa in massa di coleotteri e insetti. Questa procedura viene eseguita più volte con un intervallo di 4-5 giorni. Con un piccolo numero di bug, puoi raccogliere a mano e, per catturare le pulci, metti bandiere di stoffa sui letti, imbrattate di colla non asciutta.

Mosca di cavolo

Questo pericoloso parassita è simile alla mosca comune. Depone le uova nel terreno alla base dello stelo, da cui si aprono le larve bianche, lunghe circa 8 mm. Le larve possono spostarsi da una pianta all’altra, rosicchiando il gambo e andando avanti fino alla radice. Le piante danneggiate diventano di colore blu-lilla, crescono male, appassiscono e muoiono.

Mosca dagli occhi rossi

Il principale nemico della mosca del cavolo e delle sue larve sono insetti predatori come gli scarabei macinati, che si nutrono delle larve del parassita. Abbiamo parlato di come attirare questi insetti benefici nella nostra terra nell’articolo “Protezione biologica da parassiti ed erbe infestanti”.

Il compito principale nella lotta contro la mosca del cavolo è impedire che deponga le uova. Per fare questo, il terreno intorno alla pianta può essere cosparso di cenere o calce (le larve muoiono in un ambiente alcalino), puoi anche costruire una barriera meccanica sotto forma di un collare di cartone di 10 cm di diametro, che viene posizionato sulla base dello stelo. Tale ostacolo impedisce alle larve di raggiungere il cavolo. Il terreno ben trinciato funge anche da scudo contro le mosche del cavolo, ma il pacciame è un ottimo nascondiglio per le lumache ed è pericoloso da usare nei letti di cavolo..

Lumache nude

Le lumache sono molluschi simili a vermi che hanno una lingua affilata con i denti, con cui mordono le foglie e possono mangiarle fino alla base. Le lumache si attivano in caso di pioggia, tempo umido, si nutrono di notte e durante il giorno si nascondono sotto vari rifugi (assi, cumuli di rami, erba). Se ci sono molti parassiti sul sito, tali rifugi possono essere realizzati artificialmente nei letti e usati come trappole, da cui le lumache possono essere raccolte manualmente durante il giorno.

Per combattere le lumache, un’infusione di pepe amaro, preparata secondo la seguente ricetta, aiuta bene: 1 kg di capsico viene schiacciato, versato con 10 litri di acqua e infuso per due giorni. Quindi viene portato a ebollizione e insistito per un altro giorno, quindi il pepe viene macinato, la miscela risultante viene spremuta e filtrata. Questo concentrato può essere usato immediatamente o può essere conservato sigillato in un luogo buio e fresco. Per il trattamento di letti di cavolo, 125 grammi di concentrato vengono diluiti in 10 litri di acqua, vengono aggiunti 40 grammi di sapone da bucato diluito in acqua calda e il terreno viene spruzzato in luoghi in cui si accumulano e si nutrono le lumache.

Lumache sul cavolo

Se spargi il terreno intorno al cavolo con polvere di senape, le lumache non saranno in grado di entrare nel tuo giardino, lime appena macinato e una miscela di cenere e candeggina hanno lo stesso effetto.

Diverse piante piantate vicino al cavolo saranno una buona protezione contro tutti i parassiti sopra descritti. Se pianti l’aglio intorno al giardino, la mosca del cavolo non volerà mai su di esso. Basilico, menta, aneto, coriandolo spaventeranno scarafaggi, cimici e bianchi di cavolo. E l’erba di cetriolo con le sue foglie ruvide non lascerà le lumache andare al cavolo.

Oggi, molti giardinieri usano come copertura dei parassiti volanti la copertura di tessuti non tessuti come il lutrasil, lo spunbond e l’agril. I parassiti semplicemente non possono avvicinarsi alle piante da loro coperte..

Malattie del cavolo

Non meno dei parassiti, il cavolo può soffrire di varie malattie causate da funghi e altri microrganismi del suolo. Queste malattie si verificano durante il tempo piovoso prolungato o a causa di tecniche di coltivazione improprie. Sono considerate le malattie più pericolose del cavolo: keela, giallo (appassimento del fusarium), gamba nera e marciume bianco.

Cavolo Keela

La malattia fungina più pericolosa, che colpisce più spesso il cavolo bianco e il cavolfiore. I primi segni della malattia sono: arresto della crescita, ingiallimento e avvizzimento, escrescenze alle radici di varie forme (sferiche, vescicolari, fusiformi). Keela colpisce più spesso la coltivazione di cavoli su suoli acidi e bagnati, con quantità insufficienti di nutrienti.

La chiglia di cavolo è una malattia insidiosa che è più facile da prevenire che da curare (le piante danneggiate non possono essere salvate). Una volta nel tuo giardino, le spore di questo fungo possono persistere lì per 6-8 anni e sarà estremamente problematico rimuoverle. Puoi mettere la chiglia nel terreno piantando le piantine malate acquistate. Pertanto, al momento dell’acquisto, è necessario considerare attentamente le radici delle giovani piante e cercare di non acquistare piantine da persone a caso sul mercato..

Chiglia di cavolo sulle radici

Per prevenire la malattia, in caso di maggiore acidità del terreno, è necessario limarla in autunno o in primavera al ritmo di 200-300 grammi di lanugine di calce per 1 mq. sbarcare. Per questi scopi, è possibile utilizzare la farina di dolomite nelle stesse quantità..

Piantare presto le piantine aiuterà a prevenire la malattia, poiché il terreno freddo è meno pericoloso – la keela non si sviluppa a basse temperature. Per evitare infezioni, il letame o il compost non devono essere versati nei fori; la cenere di legno introdotta nel terreno durante la semina aiuta a prevenire le malattie.

È importante che se il cavolo è stato interessato dalla chiglia, le piante crocifere non possono essere piantate nel luogo della sua crescita per 6 anni. Le piante malate non possono essere ammucchiate sul cumulo di compost, devono essere raccolte e bruciate.

crumiro

Una malattia fungina che colpisce piantine e giovani piantine. La presenza della malattia può essere determinata dall’assottigliamento e annerimento della base dello stelo con la formazione di una costrizione caratteristica. Lo stelo marcisce ed è facilmente estraibile da terra.

Gamba nera di piantine di cavolo

L’umidità elevata e le forti fluttuazioni della temperatura dell’aria, così come le piante ispessite e la scarsa ventilazione, possono provocare lo sviluppo della malattia. Va notato che la gamba nera si sviluppa più spesso su piantine di cavolo coltivate in serre..

Per prevenire l’insorgenza della malattia, il terreno deve essere trattato con una soluzione di permanganato di potassio lampone-viola prima di piantare semi. Per evitare il ristagno di acqua durante l’irrigazione delle piantine, aiuterai a spolverare la terra con cenere setacciata, uno strato di 1-2 cm. Se noti piante malate, dovresti rimuoverle immediatamente dal giardino..

Giallo (appassimento del fusarium)

Questa malattia molto dannosa è caratteristica delle prime varietà di cavolo bianco e cavolfiore; possono essere infettati anche cavolo rapa, cavoletti di Bruxelles e broccoli. L’agente causale della malattia è un microrganismo del suolo che penetra attraverso le radici o danni alla pianta nella sua parte terrestre. Ciò rende difficile lo spostamento dell’acqua all’interno del raccolto e il garrese del cavolo. Questa malattia è particolarmente pericolosa con tempo caldo secco. In questo momento, l’avvizzimento del fusarium può portare alla morte completa del tuo giardino. La temperatura ottimale del suolo per l’infezione è di 15-17 gradi e la temperatura e l’umidità dell’aria non sono di particolare importanza per questo microrganismo patogeno. Il principale indicatore dello sviluppo della malattia è il colore giallo-verde delle foglie e la loro perdita di turgore. Quindi le foglie malate cadono, la crescita della testa rallenta e si piega.

Fusarium appassito di cavolo

Se vengono trovate piante infette, dovrebbero essere immediatamente rimosse dal giardino. Sfortunatamente, oggi non ci sono misure affidabili per combattere questo flagello, quindi gli scienziati hanno sviluppato varietà resistenti al giallo. Se sai che un focolaio di questa malattia è possibile nel tuo giardino, è meglio usarli per crescere. Le varietà più resistenti di cavolo bianco includono: Kolobok, Extra, Triumph, Novator, Valentina e molte altre; tra quelle colorate, Garantia e Moscow Cannery sono particolarmente resistenti.

Marcio bianco

Una malattia fungina abbastanza comune che colpisce la maggior parte delle varietà di cavolo. Le piante piantate su terreni argillosi pesanti sono particolarmente malate..

Il marciume bianco colpisce principalmente il colletto della radice e le foglie inferiori di cavolo. I tessuti infetti si scoloriscono, sembrano acquosi e sulla loro superficie si forma una placca di micelio bianco simile al cotone. Nel tempo, il micelio si ispessisce, trasformandosi in grandi macchie nere di varie forme. Il marciume bianco è particolarmente dannoso durante lo stoccaggio, questa malattia riduce significativamente gli indicatori di “mantenimento della qualità” – il cavolo infetto da questo fungo non viene conservato per lungo tempo.

Marciume bianco di cavolo

La putrefazione bianca di solito progredisce durante il tempo piovoso o l’umidità elevata nelle serre. Non ci sono misure efficaci per combattere questa malattia oggi e finora non è stato possibile sviluppare varietà resistenti a questa malattia. Pertanto, il modo principale per prevenire lo sviluppo del marciume bianco è osservare la rotazione delle colture e un’adeguata tecnologia agricola durante la coltivazione del cavolo. Le date successive della semina e della piantatura di piantine destinate a scopi di semina contribuiranno a ridurre la vulnerabilità delle piante. La raccolta del cavolo prima del gelo salverà il raccolto dallo sviluppo di malattie durante la conservazione. Se vengono rilevati focolai di infezione, sia nei letti che nelle cantine, in altri negozi di ortaggi, dovrebbero essere immediatamente rimossi e distrutti bruciando.

Altri problemi con la coltivazione del cavolo

Al fine di coltivare un discreto raccolto di cavoli, è necessario osservare il regime di irrigazione e alimentazione ottimale. Se la tecnica di coltivazione viene violata per qualsiasi motivo, diventano possibili problemi come spaccare la testa di cavolo o lo sviluppo di marciume superiore..

Le teste di cavolo si rompono quando il periodo di crescita lenta viene bruscamente sostituito da uno sviluppo più vigoroso, mentre le foglie superiori smettono di crescere e indurirsi e quelle interne iniziano a accumulare massa, a seguito della quale la testa di cavolo si rompe. Questo fenomeno è associato a un brusco cambiamento delle condizioni meteorologiche, quando il clima freddo e secco cambia bruscamente in caldo e umido. Si possono osservare spaccature alla testa con irrigazione irregolare e applicazione irregolare di fertilizzanti organici.

Testa di cavolo screpolata

La putrefazione superiore del cavolo assomiglia alla morte dei bordi delle foglie superiori ed è associata a una dieta irrazionale e sbilanciata. La manifestazione di questo problema significa che c’è un eccesso di azoto e potassio nel terreno, nonché una mancanza di calcio e fosforo. Per risolvere il problema aiuterà l’introduzione di roccia fosfatica nel terreno in una proporzione di 2,5 kg per 10 metri quadrati..

Il cavolo è considerato un prezioso prodotto dietetico contenente una grande quantità di vitamine e minerali necessari per l’uomo. I piatti di cavolo sono utilizzati in varie diete volte a stabilizzare e ridurre il peso, normalizzando il metabolismo. Avendo padroneggiato semplici tecniche agricole, aver studiato metodi naturali di protezione contro parassiti e malattie, puoi abbandonare completamente l’uso di sostanze chimiche dannose, che ti daranno l’opportunità di fornire alla tua famiglia un prodotto ecologico, che ora è particolarmente importante.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy