Quale stucco scegliere

Quale stucco scegliere

Quando vieni in qualsiasi ipermercato delle costruzioni e vedi un sacco di contenitori con stucco pronto e sacchetti di miscele secche, devi rispondere alla prima e più importante domanda per te stesso: dove lo utilizzerai esattamente. Questo è un criterio molto importante, che non può essere dimenticato..

Esistono due tipi principali di mastice:

  • stucchi per lavori interni – esclusivamente per il livellamento di superfici in ambienti;
  • per il lavoro esterno, tali stucchi sono più resistenti alle influenze esterne.

Importante! È meglio non usare stucchi destinati all’uso all’aperto all’interno della casa, poiché possono contenere vari additivi che aumentano la resistenza alla luce solare e ai cambiamenti di temperatura, ma sono tossici per l’uomo.

Esistono composizioni universali di stucco sia per lavori esterni che interni, ma spesso perdono a causa di specializzazioni.

Quale stucco scegliere

Tieni presente che dovresti anche essere preparato al fatto che dovrai acquistare due tipi di stucco per lavorare sulla stessa parete: base e finitura. Trattiamo questa classificazione:

  • per la preparazione della superficie primaria sono previsti stucchi base o di base– vengono applicati nel primo strato. Di solito richiedono molto di più, lo strato è più spesso, molto spesso vengono venduti a secco e sono leggermente più economici;
  • stucchi per finitura. Con il loro aiuto, viene eseguito il livellamento finale delle superfici, dopo aver applicato un sottile strato di stucco di finitura – non più di un millimetro – è già possibile utilizzare la vernice o la carta da parati su una parete piana.

Importante! Assicurati di prestare attenzione a stucchi specializzati che hanno un focus ristretto. Ad esempio, composti per ambienti umidi, ovvero resistenti all’umidità, antifungini, anticorrosivi, per pavimenti, per sigillare giunti e così via. Grazie a questa specializzazione e alla speciale composizione dello stucco, sono molto più bravi ad affrontare il compito che universali.

Quale stucco scegliere

Gli stucchi vengono inoltre suddivisi in base al componente principale, sulla base del quale vengono creati:

  • Gesso. I mastici, che sono creati sulla base del gesso, si distinguono per la loro plasticità e il colore perfettamente bianco. Il gesso può assorbire l’umidità dall’aria e quindi rilasciarla, quindi l’uso di stucchi di gesso aiuta a migliorare il microclima nella stanza..
  • Cemento. Questo è un tipo più durevole di mastice, possono essere utilizzati sia all’interno che all’esterno dell’edificio. Molto spesso, gli stucchi a base di cemento vengono utilizzati su superfici in mattoni e cemento, nonché in ambienti con elevata umidità..
  • Polimero. Sono divisi in due gruppi: lattice e acrilico. Il lattice viene utilizzato esclusivamente all’interno, ma l’acrilico può essere utilizzato anche sulle facciate, per sgrossare e rifinire le superfici. Inoltre, gli stucchi polimerici vengono spesso utilizzati per sigillare cuciture, giunti, crepe.
  • Adesivo. Contengono una soluzione di colla al 10%, la composizione comprende anche gesso, olio essiccante. Questi filler sono molto facili da applicare sulla superficie e hanno un buon indice di resistenza..
  • Olio. Includono gesso, olio di essiccazione naturale e essiccatori (sostanze ausiliarie che accelerano il processo di essiccazione). Nonostante la presenza di essiccanti, lo stucco per olio si asciuga relativamente lentamente, ma è caratterizzato da una maggiore resistenza. Questo tipo di stucco viene utilizzato per la preparazione di pendenze, ante, davanzali, pavimenti e altre superfici in cui l’umidità non è esclusa..
  • Oil-adesivo. Progettato per lavori interni, contiene plastificanti, acqua, acrilati, olio essiccante. Adatto per calcestruzzo, legno e superfici pre-intonacate.

Quale stucco scegliere

Separatamente, è necessario evidenziare l’astronave. È uno stucco utilizzato per livellare superfici intonacate, riempire battiscopa e posare piastrelle ceramiche in condizioni asciutte. Se lo spacril viene diluito con acqua, otterrai una soluzione adatta per imbiancare soffitti e pareti con un pennello.

Quale stucco scegliere

Lo stucco secco e pronto presenta vantaggi e svantaggi:

  • Mix seccopuò essere diluito in una consistenza conveniente per te, mescolando con un miscelatore da costruzione, un perforatore e un trapano con un accessorio speciale. Inoltre, mantiene più a lungo e migliora. Tuttavia, se si conserva la miscela secca all’interno, dove è esposta all’umidità, si deteriorerà sicuramente. Gli svantaggi dello stucco secco includono ulteriori sforzi che dovranno essere fatti per miscelare la miscela. La composizione dovrebbe essere fatta in piccole porzioni in modo che non abbia il tempo di asciugarsi. Molto spesso vengono venduti stucchi di cemento secco e gesso;
  • Stucchi pronti. Venduto in secchi di plastica o serbatoi. È conveniente che la composizione sia immediatamente pronta per l’applicazione sulla superficie, inoltre, di solito tali stucchi sono più plastici. Tuttavia, le composizioni pronte per la maggior parte appartengono spesso alla finitura e non possono essere applicate con uno strato più spesso di 5 millimetri. Un altro svantaggio è il costo più elevato rispetto alle formulazioni a secco. Gli stucchi pronti vengono tenuti ben chiusi, hanno paura delle basse temperature. I filler in lattice e acrilico sono generalmente venduti in secchi e serbatoi..

Quale stucco scegliere

Dichiariamo: quando si sceglie uno stucco, prima di tutto, è necessario concentrarsi sul suo scopo. Se hai intenzione di decorare la facciata – hai bisogno di una composizione per lavori esterni, per un bagno – resistente all’umidità, l’intonaco per lavori interni è adatto per la carta da parati nel soggiorno.

Inoltre, è indispensabile prendere in considerazione il materiale di superficie, perché ci sono stucchi specifici per la lavorazione di legno, metallo, pietra. Anche la finitura successiva è importante. Ad esempio, ci sono stucchi destinati alla successiva applicazione di uno specifico tipo di vernice..

Abbiamo scritto in dettaglio le marche più famose di produttori di stucco e la fascia di prezzo delle composizioni.

Quale stucco scegliere

Per quanto riguarda il processo stesso di livellamento delle superfici con uno stucco, lo strumento principale è una spatola. I professionisti di solito usano due: più largo e più stretto. Altri due punti importanti: prima di applicare lo stucco, la superficie deve essere innescata e quindi carteggiata per ottenere una base ideale per dipingere o tappezzare.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy