Fibra di vetro: domande e risposte

Che cos’è la vetroresina?

La carta da parati in fibra di vetro (o carta da parati in fibra di vetro) è un rivestimento murale decorativo simile nella struttura al tessuto in fibra di vetro. Il materiale di partenza è un vetro speciale, da cui vengono estratte fibre a una temperatura di 1200 C, da cui si formano filati di vari tipi e spessori, quindi il materiale viene tessuto. I disegni strutturati sono tessuti per fibra di vetro – in diverse versioni di applicazione di decori in lino e tessuti per custodi, e per la pittura in fibra di vetro (ragnatele) – solo una tela.

Di cosa è fatto questo vetro speciale??

Si basa su sabbia di quarzo, soda, calce e dolomite, che distingue la fibra di vetro da altri materiali, poiché si tratta di materiali naturali che garantiscono l’assenza di elementi chimici dannosi e un’elevata resistenza all’usura.

Qual è la differenza tra fibra di vetro e altri materiali per i rivestimenti murali?

1) i minerali naturali utilizzati per la produzione di fibra di vetro assicurano che i rivestimenti delle pareti siano ecologici e che non vi siano terreni fertili per microrganismi o parassiti. La fibra di vetro e la tela sono gli stessi materiali ecologici del vetro delle finestre e funghi o muffe non appariranno mai sotto questi sfondi.
2) l’uso di minerali naturali aumenta la resistenza: la carta da parati in fibra di vetro non si strappa, non si graffia, non ha paura delle influenze chimiche con i disinfettanti concentrati. Pertanto, possono essere lavati, inoltre non accumulano elettricità statica e non attirano la polvere..
3) la carta da parati in fibra di vetro è un materiale a maglia come un maglione di lana. E la sua struttura ad anello aperto promuove il movimento del vapore acqueo, che migliora il clima interno.
4) e, infine, non bruciano nemmeno, il che è un requisito importante per la sicurezza antincendio dei locali..

Davvero non bruciare?

Prego! La non infiammabilità della fibra di vetro è garantita secondo le norme svedesi CSN 73 0823, classe B, C1 (corrisponde alla norma tedesca DIN 4102 / A2, B1), inoltre sono certificate in Russia. E, soprattutto, quando viene a contatto con il fuoco, la fibra di vetro, a differenza, ad esempio, del tessuto non tessuto, non emette sostanze tossiche.

Come puoi lavare un tale sfondo?

La fibra di vetro può resistere a quasi tutti i detergenti esistenti. L’unica cosa a cui devi prestare attenzione sono le proprietà della vernice con cui copri la carta da parati in vetro – non tutte le vernici sono in grado di resistere anche all’acqua normale.

Cos’è una ragnatela?

La verniciatura della fibra di vetro, che è anche chiamata ragnatela per la sua somiglianza esterna, è un materiale decorativo e allo stesso tempo di rinforzo per la finitura superficiale in costruzioni a secco. La tela rivestita in vetro è un rivestimento ideale per ambienti in cui è richiesta una combinazione di effetti estetici e di rinforzo, resistenza e facilità di manutenzione e aderenza ai requisiti di sicurezza antincendio.

Quali sono le proprietà di rinforzo?

A causa del riscaldamento e del restringimento delle pareti degli edifici, nell’intonaco possono apparire le crepe più sottili e simili a una rete, che sono invisibili con le superfici delle pareti asciutte. Il rinforzo in fibra di vetro elimina queste crepe e crea una superficie pulita e uniforme.La linea del ragno dà forza alla vernice del rivestimento, chiude le crepe per lungo tempo, non si presta alla combustione, ha un’alta stabilità ed è molto facile da usare.

Dove si usano solitamente le carte da parati in vetro e la pittura in fibra di vetro??

In un’ampia varietà di luoghi: in case, uffici, ristoranti, supermercati, ospedali, ovunque siano necessarie superfici belle e resistenti che non richiedono una manutenzione difficile, nonché requisiti di sicurezza antincendio. Ad esempio, nella rete McDonalds e negli hotel Intourist e Hilton, in cliniche, banche, concessionarie di automobili. Fino agli appartamenti.

Quanto dura la fibra di vetro, ad esempio, negli uffici ad alto traffico??

La durata media della carta da parati in vetro è di 30 anni, a seconda della qualità della colla e della vernice e della frequenza di lavaggio. Allo stesso tempo, il rivestimento può essere rinnovato fino a 20 volte, risolvendo il problema delle modifiche al design e risparmiando denaro.

Qual è il modo migliore per incollare e dipingere vetroresina e ragnatela? E come?

1) la colla viene applicata al muro, non alla carta da parati; utilizzare una colla speciale, ad esempio la colla Oscar;
2) la carta da parati in vetro è incollata end-to-end – durante il taglio, è necessario fare una tolleranza di 5 cm in anticipo per adattarsi al modello; quindi l’eccesso viene tagliato; ma se si incolla una ragnatela o una stuoia, non sono necessarie grandi quote;
3) se usi il secondo grado per la finitura, puoi realizzare un giunto orizzontale, puoi anche incollare qualsiasi vetroresina, se hai un taglio dal rotolo precedente o hai tagliato il materiale in modo errato;
4) è necessario dipingere due volte con un intervallo di almeno 12 ore; tuttavia, quantità eccessive di colla e vernice possono far staccare la carta da parati di vetro dalla parete sotto il peso del rivestimento. Se devi incollare la superficie in un luogo ad alto traffico, scegli la vernice con attenzione – in questo caso hai bisogno di una vernice impermeabile resistente all’abrasione.
5) quando si sceglie una carta da parati in fibra di vetro, tenere presente che una trama debolmente espressa si perde dopo diversi strati di vernice.

Su quale superficie può essere incollata la fibra di vetro? E come preparare le superfici?

Non importa se la superficie è in legno, metallo o plastica. Puoi incollare su calcestruzzo, murature pulite, cartongesso e truciolare. Durante la preparazione, è indispensabile stuccare grandi crepe e adescare le superfici porose (con una soluzione di colla debole). Le piccole crepe saranno rinforzate con fibra di vetro, tenendo conto dell’effetto inerente alla fibra di vetro. Per rinforzare le superfici e levigare, consigliamo anche l’uso di una tela di vetro (ragnatela).

Cosa si consiglia di dipingere?

Quando dipingi, è importante sapere quale risultato vuoi ottenere – e scegliere una vernice con questo in mente. È inoltre necessario tenere conto delle influenze a cui sarà esposta la superficie, con che frequenza verrà toccata, quanto forte può essere il tocco, se verrà lavato; meglio per dipingere con vernici in lattice lucide o semi-lucide.

Qual’è la differenza tra cobweb e cullet?

La ragnatela, o verniciatura in fibra di vetro, è meno densa (35-50 g / m2 e fibra di vetro – da 100 g / m2) e struttura. Lo scopo della ragnatela è di coprire una parete o un soffitto per levigare la superficie, applicare decorazioni, rinforzare piccole crepe e la carta da parati in vetro è un materiale per la finitura. La ragnatela viene utilizzata per ottenere un effetto “marmo” – una parete perfettamente liscia, a questo scopo Wellton è la più adatta per la sua fibra molto fine e la sua struttura di tessitura. Diversi tipi di ragnatele si differenziano per struttura e densità. Pertanto, “Wellton” 45 g / m2 è una ragnatela a trama fitta, ideale per qualsiasi superficie e in particolare per pareti “in marmo”; “Oscar” 50 g / m2 – una ragnatela più economica e una serie leggera “Wellton Light” 35 g / m2, “Oscar Light” 35 g / m2 – un tipo più sottile di ragnatela.

Sfondo della seconda elementare, in che cosa differisce dalla prima?

Tra le serie di carte da parati in vetro per acquirenti economici vengono solitamente offerte carte da parati in vetro di classe economica e carte da parati in vetro di seconda scelta. I rotoli del secondo grado hanno una lunghezza del nastro non standard. Durante la filatura della fibra di vetro, a volte si verificano malfunzionamenti, proprio come con la filatura normale. E i produttori, rimuovendo un pezzo con uno scarto, ottengono rotoli non lunghi 50 m, ma 15 e più. Quando si utilizza il secondo grado, è possibile realizzare un giunto orizzontale. La stessa tecnica può essere utilizzata con il primo grado e se inavvertitamente si taglia un pezzo della lunghezza sbagliata o si danneggia il rivestimento già sul muro, è possibile tagliare questo pezzo e incollarne uno nuovo..

La fibra di vetro non teme danni meccanici?

Bene, ovviamente, se ci provi molto, ad esempio, per toccare un oggetto pesante con un angolo acuto o strofinare per un tempo molto lungo e duro, puoi danneggiarlo. La fibra di vetro non è un muro di cemento, ma puoi romperlo se vuoi. La cosa principale è che, a differenza di altri materiali, sono resistenti ai tocchi quotidiani con mani, piedi, schienale di una sedia ed è possibile sostituire un pezzo di fibra di vetro.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy