Tetto fai-da-te realizzato in cartone ondulato

Sezioni dell’articolo



Grazie al grande formato, il cartone ondulato per coperture consente di eseguire rapidamente coperture anche di dimensioni molto grandi. Anche la durabilità dell’acciaio protetto da polimeri non è messa in discussione. In questo materiale, considereremo le caratteristiche del processo di organizzazione di un tetto da cartone ondulato.

Tetto fai-da-te realizzato in cartone ondulato

Sistema di supporto del tetto

Il foglio di profilo è una copertura del tetto abbastanza leggera che non richiede una guaina continua. Pertanto, il sistema di travi è organizzato con metodi di base secondo la tecnologia corrispondente al tipo di tetto.

Per tetti piani e inclinati, viene assemblato un sistema di capriate inclinate a forma di trapezio rettangolare o triangolo. Il materiale può essere una trave di legno o un tubo d’acciaio sagomato a sezione quadrata. Per dare rigidità, gli accordi di truss sono collegati da una serie di parentesi graffe.

Sistema di travi metalliche per cartone ondulato

Per tetti a due falde con una pendenza fino a 25 °, viene assemblato un sistema di più file di capriate a portale o capannone. Questo design implica l’assenza di uno spazio sottotetto, ma consente una luce significativa..

Per gli edifici residenziali, i sistemi di copertura sopra descritti sono usati raramente; la preferenza è data alle strutture più standard dei tipi attico, timpano o anca. Il materiale delle travi è principalmente assi di legno poste sul bordo. Le costole massicce formano uno scheletro cavo, che consente la costruzione di una soffitta o soffitta, quindi il sistema viene rinforzato con montanti e fili di tiraggio secondo il calcolo del carico di neve e del suo peso.

Tetto fai-da-te realizzato in cartone ondulato

Isolamento e protezione del tetto

Il foglio profilato praticamente non impedisce il deflusso del calore, ma allo stesso tempo trattiene il vapore acqueo. In locali abitabili, il tetto è realizzato sotto forma di una “torta”, che include uno o più strati di isolamento, nonché speciali membrane che proteggono l’isolamento dall’erosione del vento e dall’accumulo di umidità.

Tetto ondulato

La scelta del materiale isolante deve essere affrontata con molta attenzione quando si tratta di copertura da cartone ondulato. La lana di roccia di vari tipi è l’opzione più economica, ma è molto sensibile alla saturazione dell’umidità e richiede una ventilazione adeguatamente studiata dello spazio sotto il tetto con protezione dell’isolamento dal vapore acqueo.

Vari tipi di isolamento polimerico praticamente non assorbono l’umidità e funzionano bene anche al limite di alte e basse temperature. Ma durante le operazioni estive potrebbero sorgere problemi non del tutto evidenti. Quindi, la schiuma plastica (PSB) e il polistirene espanso (PS), familiari a molti, se riscaldati a più di 70 ° C, perdono significativamente le loro proprietà fisiche e meccaniche e sono soggette a una distruzione più attiva con il rilascio di porzioni aumentate di stirene e la formazione di un odore sgradevole.

Tetto fai-da-te realizzato in cartone ondulato

Senza ombreggiatura, il tetto nella calura estiva è abbastanza in grado di riscaldare fino a 90 ° C, quindi, il contatto diretto della copertura con isolamento polimerico dovrebbe essere escluso. In parte, il problema può essere risolto creando uno spazio per soffiare, così come per ventilare i riscaldatori di lana minerale con aria di strada. Ma la larghezza del traferro dovrebbe essere piuttosto alta, circa 120–150 mm, quindi in alcuni casi ha senso separare il tetto e l’isolamento con fibre di gesso resistenti al calore o lastre di magnesite.

Lastre di vetro magnesite per rivestimento sotto cartone ondulatoLastre di vetro in magnesite

I riscaldatori a base di lana di roccia dovrebbero essere azionati in un ambiente esterno, quindi nella maggior parte delle torte sono separati dall’atmosfera interna dei locali da una barriera al vapore – una membrana che consente il passaggio dell’aria, ma trattiene il vapore. La penetrazione dell’umidità residua viene eliminata ventilando l’isolamento, a causa del quale l’acqua evapora rapidamente e non ha il tempo di danneggiare la lana di cotone. Per escludere la formazione di condensa sul lato interno della barriera al vapore, il punto di condensazione del vapore viene spostato nell’isolamento in base ai dati del calcolo dell’ingegneria termica.

Dispositivo di rivestimento per cartone ondulato

Per i motivi sopra descritti, un tetto in lamiera profilata richiede una rara tornitura orizzontale. Per gli edifici non isolati, questo requisito deriva dalla tecnica di installazione di fogli posizionati verticalmente.

In presenza di isolamento, è necessario un piccolo traferro quando si utilizza qualsiasi tipo di isolamento, poiché lo strato esterno, in un modo o nell’altro, è disposto da un materiale igroscopico, resistente al calore, ma sensibile alla saturazione dell’umidità.

Dispositivo per tetto in cartone ondulatoDispositivo per tetto in cartone ondulato. 1. Foglio profilato. 2. Angolo della cresta. 3. Sistema di travi. 4. Guaina. 5. Membrana permeabile al vapore. 6. Contrappeso. 7. Isolamento – lana minerale

La pratica della costruzione di abitazioni dimostra che è ragionevole utilizzare travi di legno di spessore 40-60 mm per la tornitura orizzontale. Ciò semplifica il fissaggio dei fogli ed è utile per compensare l’espansione termica lineare..

La tabella mostra i valori del passo ammissibile della cassa in base alle dimensioni del cartone ondulato utilizzato e alla pendenza del tetto.

Cartone ondulatoPendenza del tettoSpessore del foglio, mmPasso di tornitura
S-8>15 °0.5solido
S-10<15 °0.5solido
>15 °0.5fino a 300 mm
S-20<15 °0.5-0.7solido
>15 °0.5-0.7fino a 500
S-21<15 °0.5-0.7fino a 300
>15 °0.5-0.7fino a 650
NS-35<15 °0.5-0.7fino a 500
>15 °0.5-0.7fino a 1000
N-60non meno di 8 °0,7-0,9fino a 3000
N-75non meno di 8 °0,7-0,9fino a 4000

Se il sistema di copertura e la tornitura sono realizzati con materiali diversi, è necessario il fissaggio rigido di tutte le parti, per le quali vengono utilizzate connessioni bullonate. La differenza di durabilità è dovuta anche all’eterogeneità, pertanto il legno utilizzato deve essere impregnato di composizioni antisettiche e insetticide e dipinto prima dell’installazione.

Come cucire correttamente la copertina

La tecnica di posa del cartone ondulato è per molti aspetti simile alla pavimentazione dell’ardesia con alcune eccezioni. L’installazione viene eseguita rigorosamente in file verso l’alto dalla parte inferiore della pendenza. La prima fila è allacciata con una sporgenza sulle estremità sporgenti delle travi da 10 a 25 cm.

Il fissaggio dei fogli, a differenza di molti materiali ondulati, non viene eseguito nella cresta, ma nell’onda inferiore. Per escludere infiltrazioni di pioggia e acqua di fusione, utilizzare speciali viti autofilettanti con una rondella di gomma che sigilla il sito di puntura. La forza di serraggio deve essere attentamente controllata: la rondella pizzicata si asciuga rapidamente e il supporto perde la sua tenuta.

La seconda e tutte le righe successive sono sovrapposte alla precedente lungo l’onda e con una sovrapposizione corrispondente alla lunghezza del foglio e alla fase di ondulazione. Il valore specifico è indicato dal produttore individualmente per ciascun formato.

Tetto fai-da-te realizzato in cartone ondulato

L’ultima riga richiede spesso un taglio del bordo corto. I fogli vengono tagliati con speciali forbici, poiché il taglio con un disco abrasivo provoca una violazione del rivestimento protettivo fino a 10 cm dal taglio. La rifilatura viene eseguita in modo tale che alla convergenza delle due file superiori vi sia uno spazio per l’uscita della ventilazione del tetto. I fogli della fila superiore sono posizionati con il bordo bordato verso l’alto per nascondere i luoghi di lavorazione con mastice protettivo sotto il profilo del colmo.

Posa del foglio profilatoFissaggio di elementi di copertura in lamiera profilata. 1.la fila superiore e inferiore estrema lungo il foglio profilato è fissata lungo ciascuna cresta inferiore alla cassa. 2. le file intermedie di attacchi sono sfalsate attraverso l’onda. 3. Il profilo del colmo è fissato con bulloni autofilettanti sulla cresta superiore dell’onda profilata del foglio.

Protezione da skate e sporgenza

Per le coperture realizzate in lamiera profilata, viene fornita una vasta gamma di raccordi aggiuntivi, progettati per proteggere le pendenze convergenti sulla cresta, il vento e le sporgenze della grondaia. I raccordi sono realizzati nello stesso materiale del foglio, nel colore del rivestimento principale. Spesso, la piegatura dei raccordi viene eseguita sul posto da una lamiera rivestita di polimero.

Tetto fai-da-te realizzato in cartone ondulatoUna serie di elementi aggiuntivi per coperture ondulate

La maggiore difficoltà nel lavorare con il cartone ondulato è la convergenza dei pendii nelle valli. Prima di rimuovere i fogli, è disposta una cassa continua su cui sono fissati ampi vassoi in acciaio zincato o polimerizzato. Quando si cuce sui fogli, viene mantenuta una distanza di 15-20 mm tra il bordo tagliato e il centro della valle. Il taglio è protetto con mastice bituminoso, Movil o vernice nitro, quindi la giunzione è coperta da un profilo angolare decorativo.

La protezione del pattino viene eseguita con un profilo angolare, il cui giro corrisponde alla pendenza delle piste. Un profilo universale molto comune che ha diverse linee di piegatura. I segmenti di cresta sono fissati con una sovrapposizione di circa 20 cm e un nastro sigillante in polietilene espanso viene posato a 20-30 mm dal bordo. I bordi aperti dei pattini sono protetti con tappi terminali.

Tetto fai-da-te realizzato in cartone ondulato

Sbalzi su cornici e frontoni sono cuciti con prodotti piegati in lamiera polimerizzata, qui si manifestano tutti i vantaggi dell’utilizzo di piegatrici manuali. Sulle sporgenze della grondaia, il metallo è attaccato alle sporgenze delle assi della trave o alla cassa imbottita su di esse, se il gradino non è abbastanza frequente. L’intero archivio è sotto il tetto.

Tetto fai-da-te realizzato in cartone ondulato

Le sporgenze del vento sui timpani sono chiuse con sovrapposizioni a forma di U. Coprono il bordo della copertura del tetto di 10-15 cm, che spesso deve essere tagliato a causa di lievi differenze nella geometria del tetto. La fodera è fissata su entrambi i lati: attraverso il rivestimento e all’interno della cassa, spesso il bordo della parte più lunga viene ripiegato sul frontone per un moncone tecnologicamente più avanzato.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy