Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

Sezioni dell’articolo



Nella costruzione moderna, il legno è generalmente trattato con prodotti chimici. Ma dopotutto, prima erano state costruite case in legno e alcune di esse resistono ancora oggi. Ti invitiamo a conoscere il metodo di lavorazione del legno sparando e scoprire qual è il vantaggio di questo metodo.

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

In che modo la cottura influisce sul legno

Man mano che crescono gli strati subcrustici dell’albero, anno dopo anno, le sue cellule fibrose muoiono a causa dei pori che si formano. L’elevata porosità, in particolare, spiega l’igroscopicità del legno – la sua capacità di assorbire e rilasciare molecole d’acqua, a seconda della differenza tra la propria umidità e il contenuto di vapore acqueo nell’aria ambiente..

La struttura delle fibre di legno è sempre irregolare: nel corso della vita si formano nell’albero polimeri di cellulosa di vari gradi di stabilità, così come zuccheri e resine di ogni tipo. È la presenza di pori e residui di nutrienti organici che determinano i principali svantaggi del legno: infiammabilità e presenza di un mezzo nutritivo per lo sviluppo di batteri e funghi..

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

La capacità di “sigillare” il legno dalle influenze del mondo esterno esiste ancora. Viene utilizzato durante la cottura al creosoto del legno o nel processo di riscaldamento in autoclave (termolisi). Quando riscaldati a 300-400 ° C, quasi tutte le formazioni di emicellulosa instabili vengono distrutte e in realtà fungono da “trampolino di lancio” per l’accensione di un albero (che forma il volume primario di gas infiammabili di pirolisi) e come mezzo nutritivo iniziale per lo sviluppo di colonie di organismi nocivi.

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

A casa, tale lavorazione del legno è incredibilmente difficile da riprodurre. Ma è del tutto possibile intasare parzialmente i pori interni e rimuovere la maggior parte dei polimeri di cellulosa instabili. Anche la cottura superficiale è in grado di riscaldare lo strato esterno (5–20 mm) di legno abbastanza da fondere lignina e resine e formare una crosta inorganica che protegge dalla maggior parte delle influenze esterne. Dopo una corretta cottura, è praticamente impossibile riaccendere la legna senza un riscaldamento intenso e prolungato a 500–700 ° C. Allo stesso tempo, il calore residuo uccide i microrganismi che rimangono nello spessore dell’albero e lo strato esterno sinterizzato impedisce la penetrazione di sostanze organiche patogene dall’esterno..

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

Valore ornamentale del legno bruciato

Molto più interessante è l’effetto visivo della combustione della legna. Fu grazie a lui che la tecnologia di lavorazione delle travi in ​​legno con il nome di fantasia “Shu-Sugi-Ban” è nata in Giappone e la meticolosità dei giapponesi nella progettazione degli interni delle abitazioni è nota a tutti.

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

L’aspetto del legno lavorato in questo modo dipende direttamente dalla tecnica e dalla profondità di cottura e ne esistono tre tipi. Il primo – cottura superficiale – consente di creare una superficie marrone-marrone con una lucentezza dorata, sulla quale la trama del legno appare piuttosto contrastante. La resistenza chimica e biologica di tale legno non è abbastanza elevata, quindi i prodotti a cottura superficiale sono usati, di regola, nella decorazione d’interni. A causa del fatto che l’impatto sulla struttura dell’albero è minimo, poiché la cottura colpisce solo 2–5 mm sotto la superficie, i materiali di finitura possono mantenere la loro leggerezza, cioè è possibile elaborare la normale fodera in questo modo.

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

La cottura profonda del legno viene utilizzata per legname più vecchio, spesso per assi e travi che erano già in uso. Questa tecnica aiuta a “rinnovare” il legno: rimuovere lo strato grigio della superficie secca e riscaldare qualitativamente l’intero spessore del legno. Per questo motivo, la superficie acquisisce un aspetto molto espressivo: dalla grafite iridescente all’imitazione nero carbone di rare rocce nobili. Forse, una tale profondità di colore nero non può essere raggiunta in alcun modo con altri metodi, perché il legno a fuoco profondo è così apprezzato dai designer.

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

Il terzo grado di lavorazione del legno è la sua completa combustione. In realtà, cessa di essere un albero del tutto, trasformandosi, in effetti, in una plastica polimero-carbonio. A casa, sfortunatamente, è quasi impossibile eseguire una cottura completa: durante il periodo di carbonizzazione, il fuoco avrà il tempo di mangiare quasi la metà dello spessore del pezzo. Questo legno viene utilizzato principalmente nella fabbricazione di mobili. La tecnica garantisce l’assoluta unicità di ogni prodotto, poiché il motivo caratteristico e le fenditure formate non possono essere riprodotte di nuovo..

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

Quali specie e che tipo di legno è meglio bruciare

Ogni albero è generalmente adatto per sparare, ma gli intenditori di sottili delizie visive apprezzeranno soprattutto le razze con una trama espressiva e insolita. La tecnologia originale di origine giapponese utilizzava esclusivamente cedro. Il carpino bruciato e le assi di faggio hanno un aspetto interessante: a causa dell’alta densità di un tale albero, solo il suo strato superiore si brucia, grazie al quale si ottengono straripamenti di colore antracite e grigio.

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

Le specie pregiate più popolari, come ontano, acero e pioppo, mostrano una trama allungata dopo la cottura, mentre noce o larice possono formare motivi di trama più piccoli. La betulla bruciata sarà apprezzata dagli amanti dei bagni o delle saune: a causa della cottura, la sua superficie diventa molto porosa e acquisisce una bassa capacità di calore, quindi, dopo il riscaldamento, non brucia la pelle.

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

È anche sorprendente che, a seconda del grado di combustione e dell’origine dell’albero, anche la stessa specie possa manifestarsi in modi completamente diversi. Un approccio approfondito dovrebbe essere adottato per l’uso del legno carbonizzato nelle finiture decorative: fare scorta di campioni di diversi tipi da fonti diverse e, dopo una serie di esperimenti, giungere a una certa scelta.

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

Ricorda anche che il legno deve essere adeguatamente preparato prima della cottura. Dovrebbe avere un basso contenuto di umidità, preferibilmente non più del 12-13%, ed essere anche naturale, cioè senza tracce di pittura e apertura con olio essiccante. Altrimenti, le sostanze resinose assorbite appariranno in modo non uniforme sulla superficie e disturberanno l’aspetto. Certo, molto qui dipende dalla profondità e dal tempo del trattamento antincendio..

Carbone che spara nel campo

Il modo più semplice per eseguire la cottura è più adatto per la cottura profonda. In questo modo vengono elaborate travi decorative, rivestimenti in legno e una casa di blocco per la decorazione esterna. A causa del riscaldamento profondo, il legno diventa immune alle influenze atmosferiche e l’influenza della luce solare su di esso non lo influenza affatto.

Per la cottura a carbone, è necessario scavare una fossa stretta di circa 30 cm di profondità e larghezza corrispondente alle dimensioni del pezzo. Viene creato un incendio nel fossato e, mentre brucia, il legno viene costantemente mescolato, ottenendo il loro rapido carbonizzarsi. Successivamente, il fossato deve essere coperto con una lamiera o una striscia OSB per impedire temporaneamente l’accesso all’ossigeno e fermare la combustione.

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

Prima di posare il pezzo nei carboni, è necessario rastrellare la scanalatura centrale in modo che non solo la parte inferiore venga elaborata durante la cottura, ma anche piccole aree sui lati. L’esposizione del pezzo dipende dallo spessore e può variare da due a tre a quindici minuti. Successivamente, il pezzo viene capovolto sul lato opposto e quindi, dopo aver mantenuto lo stesso periodo di tempo, viene bruciato sui lati.

Sarà più facile rimuovere il pezzo con un paio di ganci in filo d’acciaio. Dopo che l’albero viene rimosso dai carboni, viene immediatamente cosparso di acqua..

Come bruciare la legna con un bruciatore a gas

L’uso di bruciatori a gas è molto più semplice. Possono essere sia lampade da campeggio portatili che ugelli ordinari collegati al cilindro tramite un tubo..

È conveniente usare il gas per trattare il legno solo con bruciature superficiali. Una tenuta al fuoco più profonda non sarà abbastanza uniforme, con conseguente spessore e larghezza variabili. Inoltre, per il riscaldamento profondo è necessario molto gas, mentre i carboni non costano quasi nulla..

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

Per il trattamento superficiale, il legno viene toccato con il bordo stesso della torcia azzurra. I movimenti sono condizionatamente gli stessi della pittura. Allo stesso tempo, è abbastanza facile controllare la profondità di fuoco dal grado di oscuramento.

La cottura è seguita da bagnatura, ma in questo caso sarà sufficiente uno spray manuale convenzionale. È importante che il tempo tra il trattamento antincendio e la spruzzatura con acqua sia lo stesso per tutte le aree di ciascuna parte, quindi trattare in sequenza.

Finitura di legno carbonizzato

Dopo che il legno si è raffreddato, i depositi di carbonio e la fuliggine vengono rimossi da esso. Per questo vengono utilizzate spazzole metalliche in ottone, in modo da non staccare l’eccesso. Nel corso della lavorazione meccanica, può anche essere effettuata la fatturazione o il cosiddetto invecchiamento artificiale del legno..

Legno bruciato per la decorazione: vantaggi e fai-da-te

I prodotti puliti possono essere montati immediatamente. Sono necessarie ulteriori elaborazioni non tanto per proteggere la struttura dell’albero, ma per preservarne il colore e l’aspetto in generale dopo anni, nonché per eliminare lo sporco. Per la decorazione interna, il rivestimento è coperto con olio di semi di lino o di canapa in diversi strati. Il legno per la facciata e altri lavori esterni viene coperto 1-2 volte con una vernice nitrocellulosica incolore con l’aggiunta di cera sintetica: o con un pennello lungo il grano o con una pistola a spruzzo.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy