Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

Sezioni dell’articolo



La tecnologia di costruzione di muri, che verrà discussa oggi, è nota da molto tempo, ma immeritatamente privata dell’attenzione degli specialisti domestici. Allo stesso tempo, la cassaforma fissa presenta numerosi vantaggi e può applicare per una tecnologia che combina bene le funzioni di schermatura termica e portanti..

Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

descrizione generale

I primi sviluppi nella tecnologia di costruzione per casseforme permanenti nella forma in cui è noto ora sono apparsi nello stato sovietico. Quindi è stato un metodo promettente per la rapida costruzione di infrastrutture abitative in regioni che sono state attivamente sviluppate per le esigenze dell’industria o sono state vittime di catastrofi ambientali. Sfortunatamente, lo scarso sviluppo del settore dei materiali polimerici non ha permesso la creazione di una tecnologia completa e integrata e, dopotutto, i potenziali vantaggi le permetterebbero di sostituire la costruzione di case a pannelli, che rappresenta quasi la metà del patrimonio immobiliare comune nella CSI.

Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

L’essenza della tecnologia è estremamente semplice: un guscio di pareti esterne fatte di blocchi di luce è assemblato su una base di cemento. Il loro design garantisce una sigillatura di alta qualità delle giunzioni, mentre tra le pareti interna ed esterna della calotta, lo spazio non è riempito da nulla tranne che dai sottili ponti di collegamento. Mentre il guscio viene assemblato, una gabbia di rinforzo viene lavorata al suo interno, quindi le cavità vengono colate con cemento. Di conseguenza, viene formata un’anima a parete portante monolitica, coperta su entrambi i lati con un materiale a bassa conducibilità termica..

Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

A rigor di termini, volumi di produzione insufficienti di prodotti in polistirene espanso non erano l’ostacolo principale all’introduzione diffusa della tecnologia, perché il materiale della cassaforma permanente può essere sia trucioli mineralizzati (Velox) che arbolite (Durisol). L’ostacolo principale era la necessità di una completa attrezzatura tecnica dei cantieri e la formazione di una nuova generazione di costruttori, che non può essere implementata in breve tempo. Tuttavia, nell’edilizia privata, la cassaforma fissa ha messo radici molto saldamente..

Valore tecnologico e sfide tecniche

Sorprendentemente, praticamente nessuno dei condomini costruiti in epoca sovietica soddisfa i requisiti del moderno standard SP 50.13330-2012, che stabilisce il valore minimo della resistenza al trasferimento di calore per le pareti degli edifici residenziali, vale a dire 2,1 m2* K / W. A metà del secolo scorso, i problemi del risparmio energetico erano irrilevanti, ma ora le tecnologie di costruzione di quei tempi sono diventate irrilevanti. I ricercatori moderni stanno lottando con il compito di creare un materiale che combini senza compromessi proprietà portanti e di isolamento termico. Ma finora l’esempio di maggior successo di questi sviluppi è il calcestruzzo aerato autoclavato..

Cosa può offrire la cassaforma fissa in questo senso? Lo spessore totale del polistirolo espanso nella maggior parte dei blocchi è di 120-130 mm, che corrisponde a una resistenza al trasferimento di calore di 3,25 m2* K / W. Allo stesso tempo, dall’esterno, la protezione dal calore può essere rafforzata quasi indefinitamente: lastre di polistirene espanso sono strettamente incollate alla cassaforma senza fissazione aggiuntiva.

Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

La costruzione di casseforme permanenti è caratterizzata da un’alta velocità di lavoro. Con le stesse dimensioni esterne dell’edificio, tali pareti consentono di guadagnare circa il 5-7% dell’area utile interna e, grazie all’affidabile isolamento termico, i lavori monolitici possono essere eseguiti anche in caso di forte gelo senza utilizzare speciali modificatori di calcestruzzo. Tutto il lavoro viene eseguito senza l’uso di attrezzature per l’edilizia pesante, sono necessari solo ponteggi e fornitura di cemento meccanizzato.

La tecnologia presenta anche una serie di svantaggi, il più importante dei quali è il rivestimento della parete interna con uno strato di polistirene espanso. Per questo motivo, l’inerzia termica dei locali è ridotta a quasi zero, per la cui conservazione è necessario costruire partizioni interne da mattoni pieni. Ulteriori difficoltà sono causate dalla posa di comunicazioni, inoltre, i requisiti di sicurezza antincendio obbligano a utilizzare blocchi solo da PPS riempiti di anidride carbonica.

Nomenclatura a blocchi

Strutturalmente, il blocco della cassaforma fissa è costituito da due lastre in PPS collegate da ponticelli. Questi ultimi sono di tre tipi: corposi realizzati in polistirene espanso, barre di sollevamento e pareti divisorie perforate in plastica per l’intera altezza del blocco. I blocchi con architravi di terzo tipo sono più adatti per la costruzione, forniscono supporto di alta qualità per il rinforzo e impediscono alle pareti di essere schiacciate dalla massa del calcestruzzo.

Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

Secondo il loro scopo, i blocchi sono divisi in blocchi in linea, angolari e di chiusura. La larghezza dei blocchi può variare da 250 a 400 mm per la costruzione di edifici da 6 a 12 piani, ovvero in IZHS vengono utilizzati solo blocchi delle dimensioni standard più piccole. I blocchi di fila sono l’elemento principale della cassaforma, i loro giunti orizzontali hanno una connessione maschio e femmina, quelli verticali sono su maschio e femmina. La nomenclatura dei blocchi in linea comprende prodotti a forma di T e a X per la formazione di abutment di pareti portanti; su richiesta è possibile realizzare anche blocchi radiali con diverse curvature di arrotondamento. I blocchi angolari sono progettati per chiudere la cassaforma negli angoli e nelle curve, ci sono due tipi di questi elementi a 90 ° e 45 °.

Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

I blocchi terminali sono progettati per incorniciare le aperture, possono anche fungere da tappi per sporgere gli elementi del muro. In alcune serie di casseforme, l’elemento finale viene formato inserendo una parete divisoria in polistirene in un blocco di righe; questo blocco può anche essere un elemento separato nella nomenclatura. Particolarmente degno di nota sono i blocchi con un’estremità arrotondata, che vengono utilizzati nella decorazione delle parti esterne della struttura di supporto, ad esempio pareti di sostegno, colonne e contrafforti..

I blocchi di casseforme permanenti vengono acquistati come set, il set comprende tutti gli elementi necessari per la costruzione di pareti. Allo stesso tempo, le differenze minori nelle dimensioni dei blocchi devono essere prese in considerazione in anticipo durante la costruzione della base della casa, perché durante l’installazione, la cassaforma fissa non può essere soggetta ad alcuna lavorazione meccanica, ad eccezione dei blocchi di rifilatura che sporgono nella sezione dell’apertura.

Processo di montaggio a parete

Prima di assemblare la cassaforma lungo il perimetro delle pareti, viene incollato alla fondazione un impermeabilizzazione orizzontale di 1-2 strati di isolamento in vetro. Successivamente, la prima fila viene assemblata secondo il piano del progetto: gli assi principali sono coordinati, le diagonali e le dimensioni esterne della scatola vengono controllate. Prima di fissare la prima fila, vengono praticati dei fori nella fondazione per il rinforzo verticale ad una profondità di 6-8 cm. Le aste sono installate in due file su ciascun ponte del blocco con un rientro dalle pareti interne di 20 mm, il diametro del rinforzo viene determinato in base all’album delle soluzioni tecniche.

Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

Per installare la prima fila di casseforme, è necessario applicare uno strato di malta cementizia all’impermeabilizzazione, il cui spessore consentirà di livellare la curvatura della base. I blocchi vengono installati sulla malta, allineati in un piano orizzontale comune lungo il livello o l’ormeggio, quindi vengono lasciati fino a quando la malta non si deposita. Dopodiché, il rinforzo orizzontale viene posato nelle scanalature dei ponticelli, mentre il mirino è legato con un filo metallico. Quando si lega la fila inferiore, viene inserito un anello cieco su un’asta verticale 20-30 mm sotto il rinforzo orizzontale, le cui estremità sono avvolte attorno alle aste orizzontali.

Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

I blocchi della seconda e delle file successive vengono posizionati sul rinforzo verticale e collegati a quelli inferiori, mentre i giunti verticali devono essere spostati di almeno un terzo della lunghezza del blocco. I giunti a scanalatura e tenone devono scattare in posizione fino a quando lo spazio non viene completamente eliminato. Prima di posare il rinforzo orizzontale, è necessario legare i ponticelli dei blocchi alla fila di rinforzo precedente e serrare il filo con una torsione per impedire la separazione dei blocchi orizzontali tra i blocchi. Dopo l’assemblaggio della fila di blocchi successiva, il rinforzo orizzontale viene posato e legato con la verticale.

Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla formazione del telaio delle aperture. Le facce laterali sono chiuse con tappi o blocchi terminali, ma allo stesso tempo le facce superiore e inferiore non hanno mezzi standard per chiudere il contorno della cassaforma. In tali casi, si consiglia di utilizzare pannelli in PPS con uno spessore di 25-30 mm, che vengono premuti contro la cassaforma da una struttura di supporto assemblata all’interno dell’apertura. Questa costruzione non è altro che un telaio fatto di assi bordate con montanti interni trasversali e diagonali..

Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

Quando la cassaforma viene assemblata per l’intera altezza delle pareti e verificata dalla geodesia, la struttura può essere monolitica. Tipicamente, viene utilizzato calcestruzzo di classe B15 o superiore con dimensioni aggregate 10–25. La miscela viene alimentata dall’alto, mentre l’alimentazione viene eseguita a strati, spostandosi lungo il perimetro. Ogni porzione successiva è compattata con un perno e un vibratore sommergibile.

Finitura superficiale e posa delle comunicazioni

Il polistirene espanso è estremamente sensibile alle influenze atmosferiche; in appena un mese di esposizione alla luce solare, l’adesione della superficie è ridotta in modo critico. Per questo motivo, la decorazione delle pareti esterne deve essere eseguita 1-2 giorni dopo il getto del calcestruzzo. Di norma, viene utilizzata la tecnologia di una facciata bagnata, mentre lo strato di rinforzo di base non viene applicato affatto o ha un valore puramente nominale. Spesso è anche praticato rivestire la casa all’esterno con mattoni faccia a faccia..

Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

La situazione è molto più complicata con i sistemi di facciate ventilate. Sebbene il nucleo in calcestruzzo offra un’elevata resistenza di fissaggio, è necessario rimuovere il PSA nei punti in cui sono installate le console, il che porta inevitabilmente alla formazione di ponti freddi. Questo svantaggio è parzialmente compensato dall’uso di casseri, i cui architravi sporgono dall’esterno, formando piccole aree, alle quali è fissata la base di supporto del telaio.

Molte copie sono state interrotte nel dibattito sul modo migliore di decorazione d’interni. Il contatto del polistirolo espanso con l’aria ambiente è inaccettabile, inoltre, è un materiale estremamente pericoloso per il fuoco, che richiede un’assoluta capacità di localizzazione e resistenza al fuoco dallo strato di finitura. L’unico modo per posare i cavi elettrici nel BTS è all’interno di tubi d’acciaio con connessioni saldate o filettate, che è estremamente costoso. Inoltre, il rivestimento delle pareti interne con isolamento termico provoca forti cali di temperatura quando si cambiano le modalità di riscaldamento, l’edificio è semplicemente privo di inerzia.

Costruzione di pareti su casseforme fisse: tecnologie, comunicazioni, decorazione

Il primo metodo di finitura è l’intonaco di gesso o cemento con uno strato di almeno 30 mm, gettato su una rete zincata. Questa opzione è adatta solo nei casi in cui le partizioni interne sono rivestite con mattoni pieni. Se è richiesto un layout libero con le partizioni del telaio, è meglio sovrapporre le pareti con muratura a metà mattone dall’interno. Entrambi i metodi di finitura consentono la posa libera delle comunicazioni e allo stesso tempo garantiscono la sicurezza antincendio e il rispetto di un regime termico confortevole in ogni stagione.

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: