Foto: tetti strappati o l’importanza di un tetto affidabile di case private

Foto: tetti strappati

Secondo la scala mondiale Saffir-Simpson, si ritiene che un vento uragano abbia una velocità di 33 m / s. Tuttavia, già il vento con una forza di 20 m / s è in grado di demolire ardesia e materiale di copertura dal tetto, abbattere vecchi alberi e singoli rami. Pertanto, non è necessario dire che solo un uragano può essere distruttivo, il pericolo si verifica anche con una velocità del vento inferiore.

Foto: tetti strappati

Per una persona che, durante un forte vento, era sulla strada, tali detriti che volavano dai tetti degli edifici vicini rappresentano un pericolo particolare. In tali momenti, è meglio stare lontano da alberi ad alto fusto e strutture pubblicitarie traballanti, dovresti immediatamente trovare rifugio e aspettare la tempesta.

Foto: tetti strappati

Sono i tetti delle case che soffrono in primo luogo di forti venti. Gli esperti ritengono che i tetti piani autolivellanti siano i più affidabili in termini di stabilità degli uragani, ma tali tetti sono spesso dotati di aree ricreative che potrebbero essere interessate. E, naturalmente, una piastrella di metallo più pesante e più forte è più affidabile delle normali lastre di ardesia o coperture.

Foto: tetti strappati

Sulla scala Saffir-Simpson, gli uragani sono divisi in cinque categorie. La velocità massima del vento nella quinta categoria è di 70 m / s. Una simile raffica distruggerà non solo le case prefabbricate, ma anche le strutture più forti, diventerà un vero disastro naturale.

Foto: tetti strappati

Nel nostro paese, l’assicurazione contro le catastrofi naturali non è ancora molto diffusa, a differenza, ad esempio, degli Stati Uniti, dove i tornado non sono rari. Di solito, le autorità delle regioni interessate forniscono assistenza a coloro le cui case sono state distrutte, ma ciò comporta costi di bilancio aggiuntivi.

Foto: tetti strappati

Gli alberi ad alto fusto che crescono vicino alla casa con forti venti diventano un fattore molto pericoloso. Per questo motivo, gli esperti consigliano di non piantare alberi che crescono troppo vicino alla casa e di tagliare i rami che pendono su linee elettriche e tetti..

Foto: tetti strappati

È interessante notare che, nonostante il tetto completamente demolito (non sono rimaste nemmeno le travi), la finestra di plastica in questa casa è sopravvissuta durante l’uragano. In generale, secondo gli esperti, le finestre di plastica sono più stabili rispetto ai vecchi telai di legno..

Foto: tetti strappati

Se nelle regioni lontane dalla costa, il vento dell’uragano è pericoloso solo in sé, quindi vicino al mare porta a un forte aumento dell’altezza delle onde, che porta a un’ulteriore distruzione.

Foto: tetti strappati

Gli edifici in legno prefabbricati, prefabbricati e di piccolo diametro sono i primi ad essere colpiti dagli uragani. Inoltre, il vento soffia spesso su edifici agricoli, di solito meno solidi di edifici residenziali..

Foto: tetti strappati

Questa è Haiti, le conseguenze dell’uragano Matthew che imperversò sui Caraibi nel 2017. Gli edifici nei paesi tropicali sono generalmente leggeri, in quanto non è necessario fornire calore in tale clima. Gli edifici fragili sono i primi a soffrire e la distruzione è particolarmente diffusa nelle aree di sviluppo di massa..

Foto: tetti strappati

È consuetudine chiamare una tempesta un vento continuo con una forza superiore a 9 sulla scala di Beaufort. Per confronto – 0 punti – questa è completa calma, cioè nessun vento. Le tempeste possono essere normali, prive di polvere, nonché neve e sabbia, che sono spesso ancora più pericolose per i residenti locali..

Foto: tetti strappati

Con un forte vento, gli esperti consigliano di non avvicinarsi alle finestre, perché il vetro può volare fuori e i frammenti sono molto pericolosi. Il modo più sicuro è nascondersi nel seminterrato, se non c’è – in una stanza senza finestre, ad esempio in un corridoio.

Foto: tetti strappati

Sfortunatamente, i meteorologi non possono sempre prevedere un uragano. Un esempio lampante è stata la situazione a Mosca il 29 maggio 2017, quando i meteorologi hanno dichiarato un livello “giallo” di pericolo naturale, ma in realtà la forza del vento ha raggiunto un uragano.

Foto: tetti strappati

L’umanità non ha ancora imparato a prevenire le catastrofi naturali. Non abbiamo alcun controllo sulla natura e possiamo solo prevedere uragani, terremoti ed eruzioni vulcaniche al fine di adottare misure tempestive per la protezione, ad esempio per evacuare da un’area pericolosa.

Foto: tetti strappati

Speriamo davvero che non si verifichino disastri naturali e che il vento sia una piacevole brezza, rinfrescante nella calda estate e che non interferisca con le passeggiate in inverno!

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: