Una meravigliosa creazione di mani umane: parchi e giardini cittadini

Sezioni dell’articolo



La parte integrante e più attraente del paesaggio della città sono, ovviamente, i parchi e le piazze. Questi angoli verdi sono un vero regalo per gli abitanti delle città, spesso l’unico posto per diverse decine di chilometri in cui è possibile rilassarsi in mezzo alla natura.

C’è un parco o almeno una piccola piazza in quasi tutte le città, organicamente intrecciate nell’architettura di una metropoli, esprimono il suo carattere e la sua essenza, spesso diventano un riflesso delle tradizioni e delle caratteristiche architettoniche del paese.

Il contatto con la natura, poiché gli scienziati insistono e dimostrano esperienza, ripristinano la forza umana e migliorano l’umore, camminando nel parco, una persona riceve allo stesso tempo una carica di energia vitale e piacere estetico.

Ecco perché non bisogna sottovalutare l’influenza dei parchi cittadini sull’impressione generale della metropoli, tali “macchie” di verde non solo deliziano l’occhio, riposano dalla monotonia di asfalto, grattacieli e strade grigie, ma hanno anche un effetto benefico sull’atmosfera della città nel suo insieme.

Un’escursione nella storia

È sicuro dire che i parchi e i giardini cittadini sorsero contemporaneamente alle città stesse. Le strade calpestate da migliaia di piedi senza un solo filo d’erba e gli spazi costruiti con case senza alberi sembrerebbero troppo desolati. I nostri antenati, la maggior parte dei quali sono rimasti a cuore gli abitanti del villaggio, hanno creato parchi con grande piacere e amore. Vorrei credere che in questo modo gli abitanti delle prime città hanno realizzato la brama di bellezza, tuttavia, secondo gli storici, i primi parchi erano frutteti ordinari con persino file di cavoli, carote e piante medicinali.

Molto probabilmente, il primo parco europeo sembrava un piccolo pezzo di terra dietro un’alta cinta muraria, diviso in semplici quadrati e rettangoli e piantato con piante estremamente utili che avrebbero permesso agli abitanti di non morire di fame in caso di assedio o di risparmiare denaro per l’acquisto di verdure dai contadini locali. Tali angoli di verde erano decorati con piccoli stagni, vasche da bagno o gazebo, prima di tutto funzionali, e poi belli …

Molto spesso, i giardini sorsero in un castello, fortezza o monastero e non erano luoghi pubblici, diventando proprietà privata e orgoglio del proprietario.

È generalmente accettato che l’arte di creare parchi non per il beneficio, ma per soddisfare gli impulsi estetici sia nata in Cina, tuttavia, anche nell’antico Egitto, in Assiria e in altri stati antichi, apparvero parchi e giardini, la cui bellezza era semplicemente sorprendente. I famosi giardini Semiramis possono servire come vivido esempio di un magnifico giardino, una vera meraviglia del mondo. È interessante notare che questi giardini pensili non furono affatto costruiti per la regina di Babilonia, il cui nome portavano da più di 2000 anni, ma per la moglie di Nabucodonosor II – Amitis. Ci vuole molto tempo per raccontare questa bella storia d’amore di uno zar che ha cercato di creare un angolo della sua terra natale per sua moglie in una strana città. Vale la pena notare solo l’arte dei creatori che hanno costruito un’intera piramide, su quattro livelli di cui c’erano migliaia di piante, piccoli stagni, cascate e pittoresche terrazze.

Giardini Semiramis Questo è esattamente come, a giudicare dalla descrizione, potrebbero apparire i Giardini di Semirami

I sacerdoti dell’antico Egitto padroneggiavano completamente anche l’arte di creare composizioni da piante, serbatoi e pietre; in Oriente l’atteggiamento nei confronti del giardino era sempre riverente, poiché la cura delle piante richiedeva enormi spese associate alla costruzione di canali speciali per l’irrigazione e la consegna dell’acqua. Pertanto, il proprio giardino divenne un segno di prosperità, in Oriente apparve anche un detto: “È troppo povero – non ha ombra”.

L’arte del parco emigrò in Europa dalla Cina e iniziò a svilupparsi rapidamente nel XV secolo. Più tardi, tali tipi di parchi apparvero come:

Giardino alla francese– con una disposizione geometricamente corretta e percorsi rettilinei. Gli alberi qui non crescono come vogliono, ma sono accuratamente tagliati, i cespugli hanno la forma più bizzarra. Un esempio lampante di un giardino alla francese è, ovviamente, il Parco di Versailles.

Parco a Versailles, in Francia Parco a Versailles, in Francia

Il parco inglese è più naturale, simile a una normale foresta o boschetto. Gli inglesi cercarono di rendere il loro parco imprevedibile, pieno di sorprese, meno “elegante” dei francesi.

Giardino inglese a Monaco, uno dei parchi più antichi, più grandi e famosi d'Europa Giardino inglese a Monaco

Il giardino all’italiana si distingue per un complesso rilievo, è caratterizzato da una forma a gradini, la pietra viene spesso utilizzata, principalmente bianca e, ovviamente, scultura.

Giardino all'italiana con sculture antiche e patio Giardino all’italiana con sculture antiche e patio

Giardino giapponese – tutti gli elementi costitutivi dovrebbero essere combinati armoniosamente qui: acqua, pietra e legno. I parchi in stile giapponese sono pensati per essere pacifici, non divertenti, molto spesso non troppo grandi.

Giardino giapponese Giardino giapponese

I parchi cittadini più famosi del pianeta

Hyde Park

Hyde Park è un lussuoso parco davvero reale a Londra, la sua area è di oltre 1,4 chilometri quadrati. Questa pittoresca area verde può essere tranquillamente definita il parco cittadino più antico d’Europa – esisteva anche prima della conquista normanna (11 ° secolo) e apparteneva all’Abbazia di Westminster. Successivamente il monastero fu sciolto e il parco andò al tesoro. Fu aperto al pubblico dal 16 ° secolo e divenne presto un luogo preferito per passeggiare per i londinesi.

Vista dall'alto di Hyde Park Vista dall’alto di Hyde Park

Il giardino della gioia

Yuyuan (così sembra il nome di questo parco cittadino) si trova a Shanghai, circondato dai vecchi quartieri della città. Tutto qui è saturo di filosofia orientale, ogni angolo e frammento è molto simbolico. Pertanto, il “Padiglione delle tre orecchie” simboleggia la prosperità e il “Ponte della luna” separa il mondo superiore dall’umano.

Il clou del parco è un piccolo stagno con fiori di loto e un’isola su cui si trova la casa da tè Heart of the Lake.

“Giardino della gioia”, Shanghai

Gorky Park

Il parco più grande e famoso di Mosca porta il nome dello scrittore più proletario: Maxim Gorky. Fondata nel 1928, occupa un territorio solido – circa 100 ettari. Nel 2011 è iniziata una ricostruzione su larga scala nel parco, tutte le attrazioni obsolete sono state smantellate, sono state attrezzate nuove aree ricreative, tra cui uno skate park, il più grande sandbox di Mosca, un cinema all’aperto, un campo da calcetto, una spiaggia e molto altro..

Ingresso al Parco Gorkij di Mosca Ingresso al Parco Gorkij di Mosca

Giardino estivo

Uno dei luoghi più affascinanti di San Pietroburgo può essere giustamente chiamato il Giardino d’estate, fondato per ordine di Pietro il Grande nel centro della capitale settentrionale. Questo monumento di arte del giardinaggio paesaggistico dei primi del XVIII secolo fu originariamente creato come residenza estiva dello zar; per creare un giardino su terreno paludoso, furono richiesti laboriosi e complessi lavori di bonifica.

Nel giugno 2009 è iniziata la ricostruzione del giardino estivo, che è stata completata di recente – nel febbraio 2012. I lavori di restauro, piantare nuovi alberi, abbattere i morti e creare copie delle statue di marmo originali che andranno al museo, costano alla tesoreria della città 2,3 miliardi di rubli.

Ingresso al giardino estivo, San Pietroburgo Ingresso al giardino estivo, San Pietroburgo

Parco centrale

Il parco principale più prestigioso di New York, un luogo in cui gli abitanti della Grande Mela possono spesso trascorrere l’intera giornata, è Central Park.

L’area totale di Central Park è di 3,4 chilometri quadrati, sembra molto naturale, ma quasi tutti i paesaggi sono stati creati a mano e i laghi sono artificiali. L’Hyde Park di Londra e il Bois de Boulogne parigino sono stati i modelli per la creazione di un parco a New York che è diventato “facile” per Manhattan sovraffollata. La costruzione fu eseguita dal 1857 al 1873, ora Central Park, sopravvissuto alla ricostruzione iniziata nel 1981, funge da luogo di svago e passeggiate per la maggior parte dei residenti di questa parte di New York.

Panorama di Central Park, New York Panorama di Central Park, New York

Al Ain Paradis

Gli Emirati Arabi Uniti sono tradizionalmente considerati un vero paese delle meraviglie: una massa di grattacieli, isole artificiali, enormi centri commerciali e bazar orientali attirano turisti da tutto il pianeta. Non sorprende che fu negli Emirati Arabi Uniti, nella città di Al Ain, situata nel deserto, che apparve un giardino floreale unico, un luogo dove ora fioriscono piante da tutto il mondo..

Il giardino fiorito di Al Ain occupa 20 ettari; al centro c’è una copia della Torre Eiffel, scelta dagli sceicchi, apparentemente per la sua bellezza o per dimostrare simpatia per la Francia. Archi fioriti a forma di cuori e piramidi, pilastri e colonne intrecciati con fiori – i fiori sono letteralmente ovunque qui. Il giardino è circondato da un ruscello artificiale, in cui l’acqua scorre in un ingegnoso circuito chiuso per risparmiare preziosa acqua dolce.

È interessante notare che, subito dopo l’apertura, Al-Ain Paradis è stata seriamente colpita dall’invasione dei visitatori, ognuno dei quali ha cercato di portare a casa almeno un fiore insolito per il deserto. Ora il giardino è stato restaurato ed è ora custodito con più attenzione..

Al Ain Paradis negli Emirati Arabi Uniti Al Ain Paradis negli Emirati Arabi Uniti

Sky Park

La mancanza di appezzamenti di terra gratuiti, che è incredibilmente costosa nel centro di Singapore, ha portato al fatto che le autorità di questo paese hanno deciso di creare un giardino semplicemente sul tetto di un grattacielo, o meglio anche di tre grattacieli.

Sky Park è stato aperto nel 2010 ed è diventato un degno successore dei famosi Giardini Semiramis, situati ad un’altezza del 55 ° piano, su una piattaforma appositamente montata di 340 metri.

La piattaforma sotto forma di una grande barca è supportata dalle tre torri del Marina Bay Sands Hotel. Oltre alle piante, ci sono: il casinò più costoso di Singapore, piscine (la più grande è lunga 150 metri), un ristorante e, naturalmente, un ponte di osservazione incredibilmente bello.

Sky Park a Singapore Sky Park a Singapore

Park Green Lake

Un altro parco straordinario, molto insolito, ma non per questo meno bello, si trova nel comune di Tragoess, tra le vette alpine, in Austria.

Questo parco esiste solo per sei mesi – in autunno e in inverno, quando le cime delle montagne sono coperte di neve, e in estate, quando la neve si scioglie, il territorio del parco si riempie di acqua, che spesso rimane qui fino alla fine dell’estate. Green Lake è un luogo dove nella stagione fredda è così piacevole passeggiare sotto gli alberi e in primavera puoi mettere un aqualung e nuotare sulla stessa panchina su cui ti sei seduto in autunno, ammirando le foglie che cadono.

Lago verde in Austria Lago verde in Austria

Creazione di un parco cittadino moderno

A prima vista, può sembrare che non ci sia nulla di difficile nella creazione di un normale parco cittadino: piantare alberi per te su un’area libera da edifici e attrezzare percorsi. Nel frattempo, non è invano che ci sia una tale specialità come un paesaggista, che, quando organizza una zona verde, deve tener conto di fattori come le caratteristiche del suolo e del suolo, i sistemi di irrigazione, il drenaggio e così via..

Tuttavia, i cittadini comuni non devono assolutamente entrare in tali dettagli, la cosa principale per loro è che il parco è:

  1. Bellissimo
  2. Sarebbe dotato di aree ricreative separate o almeno panchine confortevoli
  3. Ci dovrebbero essere altri divertimenti nel parco oltre al piacere di contemplare la natura: attrazioni, un museo o, in casi estremi, un parco giochi.

Il problema principale dei parchi russi, che sono stati presentati durante l’era sovietica, è la prevalenza dell’intrattenimento sulla natura stessa. Ad esempio, nella parte centrale di Gorkij Park a Mosca ci sono così tanti edifici e strutture che semplicemente non c’è più spazio per le piante..

Il principio principale della creazione di un parco cittadino ideale può essere tranquillamente definito una combinazione armoniosa di aree verdi con aree ricreative, la presenza di elementi quali piste ciclabili, luoghi per passeggiare con gli animali e così via. La multifunzionalità consentirà al parco di svolgere due funzioni principali: fungere da “luce” per la giungla di pietra circostante e un luogo di passatempo piacevole e utile per i residenti locali.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy