Orchidea: condizioni adeguate, cura, trapianto, riproduzione

Orchidea: condizioni adeguate, cura, trapianto, riproduzione

Immediatamente, notiamo che dell’intera varietà esistente di orchidee – 25-30 mila specie e con ibridi tutti i 90 mila – il più delle volte abbiamo la phalaenopsis, come la più adatta per crescere in casa.

Quindi, non potevi passare vicino al negozio di fiori, dove le orchidee ostentavano e compravano il fiore che ti piaceva. O te l’hanno semplicemente dato, decidendo che l’orchidea sarebbe stata un’eccellente decorazione domestica. Questo è vero, ma cosa farne? Il primo passo è scegliere il posto giusto per il vaso.

Orchidea Phalaenopsis

L’orchidea non ama la luce solare diretta, ma anche senza luce si sente male. Pertanto, per una pianta, dovresti scegliere un davanzale rivolto verso est o ovest. In estate, la finestra può essere ombreggiata e in inverno dovrai fornire un’illuminazione aggiuntiva, perché per un’orchidea, le ore di luce del giorno dovrebbero durare almeno 10 ore e meglio – 12 ore.

Proteggere le orchidee dal sole

Illuminazione supplementare delle orchidee in inverno

Per un’orchidea a fioritura lunga, la differenza tra le temperature diurne e notturne è molto importante. In generale, questa pianta preferisce essere più di 18-27 gradi durante il giorno e 13-24 gradi di notte. La differenza di temperatura ottimale è di 5-7 gradi, questo stimolerà la fioritura.

Anche gli abitanti tropicali dell’orchidea amano l’umidità. La pianta dovrebbe essere spruzzata ogni 3-4 giorni, ma dovresti cercare di non salire sui fiori e sui boccioli delicati. Puoi mettere una fontana domestica vicino all’orchidea, solo un contenitore d’acqua o preoccuparti di acquistare un umidificatore se la stanza è troppo asciutta. L’umidità ottimale per un’orchidea è del 50%, in una serra questa cifra raggiunge il 70%, ma stiamo parlando delle condizioni di casa.

Le orchidee adorano anche le docce regolari. La phalaenopsis, ad esempio, può periodicamente fare una doccia calda per circa due minuti. Questo è molto vantaggioso per la pianta, specialmente durante il periodo di fioritura attiva..

Doccia calda per orchidee

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata all’annaffiatura dell’orchidea. Non utilizzare in nessun caso acqua di rubinetto fredda! È auspicabile che la temperatura dell’acqua sia leggermente superiore alla temperatura ambiente, è possibile anche più di 35 gradi, ma non più di 40. Si consiglia di utilizzare acqua non solo stabilita, ma pioggia o neve sciolta. Puoi congelare l’acqua di rubinetto ordinaria, quindi scongelarla, scaldarla un po ‘e usarla per l’irrigazione.

L’irrigazione viene eseguita in questo modo: una pentola con un fiore viene abbassata in un contenitore con acqua preparata per 10-15 minuti. È necessario abbassare la pentola in modo che l’acqua non raggiunga il bordo. Se la stanza è di circa 22 gradi, l’irrigazione viene eseguita non più di due volte a settimana.

Annaffiare un'orchidea per immersione in acqua

Importante! È meglio immergere l’orchidea piuttosto che riempirla! Le radici della pianta per loro stessa natura sono protette dall’essiccarsi dallo strato di sughero superiore, quindi l’orchidea rimarrà tranquillamente senza annaffiare e 10 giorni se dovessi partire.

Alcuni esperti consigliano di annaffiare l’orchidea solo dopo che l’intero substrato si è asciugato, altri – quando non è rimasta condensa sui muri della pentola. In ogni caso, ricorda: solo per immersione, non troppo spesso, usando acqua dolce e sufficientemente calda!

È necessario trapiantare un’orchidea se l’apparato radicale è cresciuto e la pianta ha chiaramente bisogno di un vaso più grande. O nel caso della comparsa di radici morte, quando il fiore si sente male, non getta nuove radici e germogli. Ricorda che le orchidee crescono naturalmente sugli alberi, quindi non hanno bisogno di terra, ma di un substrato speciale, che include:

  1. Corteccia di pino.
  2. Muschio di sfagno (fresco o essiccato).
  3. Perlite, che renderà il substrato più arioso.

Substrato orchidea

Prima di trapiantare, la pianta deve essere annaffiata, quindi accuratamente rimossa dal vaso e tagliare tutte le radici morte. In generale, se l’orchidea sta andando bene, puoi trapiantarla nello stesso vaso semplicemente sostituendo il substrato. E se c’erano molte radici morte, allora è meglio prendere un vaso più piccolo in modo che la pianta possa ricrescere il sistema radicale.

L’orchidea dovrebbe essere piantata in un substrato asciutto. Se ci sono pezzi attaccati alle radici, non è necessario strapparli per non ferire le radici. Immediatamente dopo il trapianto, non dovresti innaffiare la pianta, aspettare un giorno e quindi inumidirla con un flacone spray per qualche altro giorno. È meglio acquistare il substrato già pronto in negozi di fiori specializzati. Se vuoi farlo da solo, la corteccia di pino non dovrebbe essere elaborata in modo da non perdere le sue proprietà benefiche. La corteccia è rotta a pezzi ed essiccata, non può trasmettere alcuna malattia all’orchidea.

Trapianto di orchidea

La riproduzione di un’orchidea a casa è un compito difficile. È quasi impossibile coltivare fiori dai semi, perché per ottenerli, la pianta dovrà essere impollinata. Sono rimaste solo due opzioni: talee e divisione vegetativa. Il secondo metodo prevede la divisione del forte apparato radicale della pianta in modo tale che un germoglio giovane e due o tre bulbi rimangano su ciascuna parte. È necessario tagliare la pianta con molta attenzione, disinfettare il potatore, quindi i tagli devono essere trattati con carbone attivo o polvere di carbone.

Riproduzione di orchidee per divisione (bambini)

Il taglio è un po ‘più difficile: dovresti scegliere uno stelo su cui ci sono radici aeree e tagliare 15 centimetri La procedura viene eseguita solo dopo che la fioritura dell’orchidea è terminata. Il gambo viene trapiantato nel vaso con il taglio verso il basso, devi prenderti cura allo stesso modo di una pianta normale. Il gambo carnoso di un’orchidea senza foglie può essere tagliato a pezzi con uno o due nodi fogliari e piantato in una cassetta speciale, immergendone circa la metà nel substrato. Dovrai aspettare che l’orchidea abbia un nuovo sistema di root, il processo sarà lento.

Propagazione delle orchidee per talea

Per quanto riguarda la fertilizzazione, dovrebbero essere acquistate formulazioni speciali per orchidee; le medicazioni per altri fiori non funzioneranno per lei. In generale, se si cambia il substrato almeno una volta ogni due anni, è possibile fare a meno dei fertilizzanti. Un’alimentazione eccessiva farà solo del male.

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Orchidea: condizioni adeguate, cura, trapianto, riproduzione
Tipi di pendenze delle finestre: vantaggi e svantaggi