Top cucina in legno naturale

Sezioni dell’articolo



Il legno naturale sembra un po ‘arcaico per i controsoffitti. Tuttavia, la domanda di tali prodotti è ancora elevata e la concorrenza tra i produttori è piuttosto elevata. Sarà difficile scegliere l’opzione migliore tra i prodotti che offrono senza conoscere alcune caratteristiche tecniche..

Top cucina in legno naturale

Dettagli del processo di produzione

La base per la produzione di un piano di lavoro naturale – una tavola per mobili – è una tavola di legno massiccio assemblata da parti più piccole mediante incollaggio dentato. Il prodotto, nonostante la sua elevata resistenza, ha un comportamento piuttosto specifico: cambia le sue dimensioni lineari con i cambiamenti di umidità e temperatura. Pertanto, il primo passo per scegliere un piano di lavoro in legno pregiato e di alta qualità è scoprire i dettagli della sua produzione, a partire dal fornitore di materie prime..

L’ordine di incollaggio delle parti è di interesse primario. Per compensare la deformazione lineare, una buona tavola per mobili è incollata con una direzione del grano reciprocamente perpendicolare delle parti adiacenti. Per questo motivo, le linee di produzione automatizzate sono benvenute: l’influenza del fattore umano per un prodotto con un valore decorativo così elevato può essere disastrosa..

Top cucina in legno naturale

Il secondo punto di produzione è l’estetica del prodotto. Tutto inizia con il legno: deve essere selettivo, non presentare la minima manifestazione di difetti che non possono essere eliminati durante la successiva lavorazione. Piccoli wormhole e formazioni possono essere tollerati se riparati con stucco colorato e levigatura prima dell’applicazione. Il contenuto ottimale di umidità dell’albero non supera il 12%, ovvero il legno deve essere sottoposto ad essiccazione della camera prima di realizzare lo scudo.

Top cucina in legno naturale

L’aspetto visivo del piano di lavoro determina non solo la qualità, ma anche il tipo di legno. I controsoffitti in pino e abete mostrano un aspetto sorprendentemente ricco con una trama audace e pronunciata. I ripiani in rovere, tiglio o betulla sembrano più sobri e nobili. Il produttore può realizzare uno scudo da quasi tutti i materiali, nessuna eccezione sono le specie di legno nobile. Puoi anche essere interessato all’ordine di assemblaggio del pannello: oltre ai soliti, con incollaggio lineare, i piani dei tavoli possono essere il parquet o, ad esempio, il mosaico.

Top cucina in legno naturale

Esiste un modello interessante: maggiore è il valore del piano di lavoro, maggiore è la responsabilità del produttore e, di conseguenza, minore è la probabilità di un difetto nelle mani del consumatore. Inoltre, ponendo domande sul processo di produzione e sulla qualità delle materie prime, si ottiene il pieno diritto di restituire il prodotto se il suo tipo non soddisfa le condizioni concordate..

Installazione, fissaggio, inserimento di attrezzature

Quando si sceglie un produttore di controsoffitti, un ruolo importante è giocato dalla capacità di non acquistare un prodotto standard, ma di coordinare la produzione secondo i propri disegni. In questo caso, sarà molto più semplice stabilire un lavoro congiunto sull’assemblaggio di mobili per mobili e la produzione di controsoffitti per esso. Inoltre, la piastra avrà tutti i ritagli tecnologici necessari con una garanzia di protezione delle estremità di alta qualità.

Top cucina in legno naturale

Ma ciò non significa affatto che il piano del tavolo non possa essere tagliato o elaborato a propria discrezione. Con le giuste attrezzature per la lavorazione del legno, è possibile assumere il controllo dell’intero processo di produzione, figuriamoci adattarsi.

La rifinitura della parte posteriore può essere eseguita con un seghetto elettrico, ma è meglio con una sega circolare con un binario di guida lineare – in questo modo ci saranno meno difetti di lavorazione, il che significa che sarà possibile decorare il moncone con uno zoccolo di spessore minimo. A proposito, l’uso di accessori comuni per controsoffitti (comprese console di uscita e sistemi joker), anche se potrebbe non sembrare del tutto appropriato, è ancora possibile.

Top cucina in legno naturale

Per la sua massiccia massa, il piano del tavolo non richiede un solido attaccamento di gambe o parti del corpo. La densità del legno è elevata, lo spessore del pannello è di solito almeno 25 mm, quindi saranno sufficienti normali viti per mobili anodizzate lunghe 20 mm. Per il fissaggio, puoi anche utilizzare qualsiasi altro metodo, se sono più convenienti: tasselli, colla, fascette / raccordi, sistemi di fissaggio o angoli aerei.

Top cucina in legno naturale

È importante non dimenticare di ripristinare il rivestimento protettivo per garantire che l’albero sia protetto da umidità e funghi. Se il venditore del controsoffitto non ha fornito all’acquirente un kit di riparazione – i resti di vernice dalla produzione – deve essere richiesto, almeno per la selezione della composizione per la successiva riparazione complessa.

Piani per tavoli da isola, da taglio e da pranzo

Il più difficile è la fabbricazione di un tavolo, in cui tutte le estremità sono accessibili per la visualizzazione. Se il piano da taglio per cucina è realizzato, di regola, con una forma arrotondata uniformemente del bordo anteriore, i piani dell’isola o il tavolo da pranzo hanno compagni piuttosto ripidi agli angoli, dove compaiono i principali svantaggi della produzione: la bassa qualità del legno e delle attrezzature di fresatura.

Top cucina in legno naturale

I migliori risultati di lavorazione sono dimostrati da linee controllate da CNC o da fresatrici specializzate con avanzamento manuale. Nella produzione domestica, molto probabilmente le curve ripide dovranno essere gestite a mano fino a quando i difetti non saranno completamente eliminati e livellati con una spatola riccia. Si consiglia di non ridurre gli angoli ad angoli assolutamente retti – in questo caso, il rinculo nei contorni della fresatura sarà completamente evidente e difficile da eliminare.

Problemi pratici, tipi di rivestimenti

Tutti gli aspetti pratici di un piano di lavoro – come percepisce oggetti caldi e taglienti, quanto velocemente la lucentezza svanisce e le sfumature di tonalità – sono determinati dal suo rivestimento decorativo e protettivo. Il legno secco di alta qualità ha una buona adesione, quindi puoi aprirlo con vernice poliuretanica o resina poliestere.

Top cucina in legno naturale

Ma prima, la superficie della parte viene elaborata con cura. Oltre all’eliminazione dei difetti e ai difetti di lavorazione, stucco e carteggiatura accurata, è indispensabile impregnare l’albero con composti antisettici. Dopo l’essiccazione, l’albero viene aperto con una macchia alcolica incolore o con un terreno rinforzante – questo elimina l’assorbimento irregolare della composizione protettiva.

Top cucina in legno naturale

A seconda delle caratteristiche della superficie desiderate, il piano del tavolo può essere semplicemente aperto con vernice oppure la superficie viene periodicamente lucidata durante il processo di applicazione. I primi due strati vengono rimossi con un nastro abrasivo di granulometria elevata (R-120 – R-180) fino alla comparsa di rugosità del legno, che garantisce un’impregnazione di alta qualità dello strato superiore dell’albero. Successivamente applicati da 4 a 10 strati di vernice vengono periodicamente lucidati e sgrassati, grazie ai quali il rivestimento acquisisce una superficie lucida piatta resistente ai danni meccanici.

Top cucina in legno naturale

Tuttavia, la verniciatura del piano di lavoro non fornisce resistenza alle alte temperature. Alcuni tipi di resine poliestere utilizzate nei controsoffitti in pietra naturale possono essere un’opzione di rivestimento per controsoffitti resistenti al calore. In particolare, le resine glyphthal sono in grado di resistere al riscaldamento dell’ordine di 150 ° C.

Top cucina in legno naturale

I controsoffitti impregnati d’olio hanno caratteristiche simili. Non sono perfettamente lisci, ma assorbono perfettamente l’acqua versata e la loro resistenza al calore è limitata alla temperatura che può bruciare e scurire il legno delle specie utilizzate. Il vantaggio principale dell’olio è l’assoluta compatibilità ambientale, pertanto si consiglia di lavorare i controsoffitti della cucina in questo modo..

Top cucina in legno naturale

Manutenzione e revisione di controsoffitti

Quando si sceglie un rivestimento, è ragionevole porre la domanda: vale la pena sceglierne uno di alta qualità e durevole, oppure è meglio dare la preferenza a uno più mantenibile? Piccoli graffi e danni alla vernice sono riparati dalla lucidatura locale. Difetti gravi – scheggiature, graffi profondi – potrebbero richiedere la pulizia dell’intera superficie e l’applicazione di uno, massimo due nuovi strati, seguita da lucidatura. Ma tutto ciò può essere fatto da solo e in un paio di giorni, la situazione è molto più complicata con i rivestimenti polimerici. La tecnologia della loro applicazione richiede una stanza “pulita”, inoltre, durante il processo di polimerizzazione, vengono rilasciate sostanze nocive.

Top cucina in legno naturale

I controsoffitti impregnati d’olio sono facili da riparare, ma richiedono una manutenzione periodica. In particolare, si consiglia di pulirli di tanto in tanto con un agente speciale e di aprirli con cera naturale per aumentarne l’idrofobicità. In una riparazione complessa, il piano del tavolo viene pulito per alleggerire il legno, quindi la superficie pulita viene impregnata.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy