Caratteristiche del versamento delle fondamenta in inverno: metodi di riscaldamento del calcestruzzo

Sezioni dell’articolo



Le temperature inferiori allo zero influiscono negativamente sull’idratazione della miscela di calcestruzzo. Il compito principale del calcestruzzo invernale è mantenere l’umidità e mantenere il regime di temperatura desiderato per un’impostazione ottimale del calcestruzzo. Oggi considereremo semplici tecniche che ti consentono di eseguire lavori concreti in inverno..

Riscaldare il cemento in inverno

La posizione geografica del nostro paese impone le proprie regole e tecnologie per tutti i tipi di lavori di costruzione eseguiti durante la stagione fredda. Con un aumento delle temperature negative, il lavoro sul calcestruzzo è possibile solo in quei siti in cui è prevista la possibilità tecnica di riscaldamento elettrico o di un altro tipo di riscaldamento della miscela di calcestruzzo. Come avrai intuito, stiamo parlando di grandi cantieri, dove, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche, il calcestruzzo deve essere versato entro termini rigorosamente definiti..

Le temperature sotto lo zero influiscono negativamente sull’idratazione (tempo di indurimento) della miscela di calcestruzzo. Ricordiamo in cosa consiste: cemento, sabbia, acqua e ghiaia. L’acqua è un catalizzatore per la reazione chimica del processo di presa del calcestruzzo. A temperature negative, l’umidità si congela, il che è estremamente necessario per il processo di indurimento, la perdita di resistenza del calcestruzzo mette a rischio tutti gli altri tipi di lavoro. Il compito principale del calcestruzzo invernale è mantenere l’umidità e mantenere il regime di temperatura desiderato per un’impostazione ottimale del calcestruzzo. Se l’umidità nella miscela di calcestruzzo si è cristallizzata, questo calcestruzzo non può più essere salvato e non dovresti aspettare un disgelo – questo processo è irreversibile.

Riscaldare il cemento in inverno

Standard raccomandati per l’inverno:

  1. Temperatura ottimale per l’impostazione del calcestruzzo + 10 … + 20 ° C.
  2. A una temperatura di -20 … + 10 ° C, devono essere prese misure per garantire la normale idratazione del calcestruzzo.
  3. Quando la temperatura scende al di sotto di -20 ° C, tutti i tipi di lavori in calcestruzzo sono vietati.

Metodi per il riscaldamento del calcestruzzo a casa

A una temperatura di 0 … + 10 ° C, è consentito lavorare con calcestruzzo, a condizione che vengano aggiunti plastificanti, che non consentono alla miscela di perdere il set di resistenza desiderato. A seconda della temperatura ambiente, l’additivo viene diluito rigorosamente nella proporzione indicata nelle istruzioni allegate. È possibile acquistare un additivo antigelo in qualsiasi negozio di ferramenta.

Lo svantaggio dei plastificanti è un insieme lento di resistenza, se a +17 ° C il calcestruzzo guadagna la sua resistenza a marchio in 7 giorni, quindi a +7 ° C usando i plastificanti il ​​processo può richiedere fino a 30 giorni. Per accelerare l’impostazione del calcestruzzo, dopo averlo versato deve essere isolato con mezzi improvvisati che puoi trovare facilmente nella tua famiglia. Se viene versata una lastra di cemento, è consigliabile coprirla con segatura, che quasi dimezzerà il processo di idratazione..

Riscaldare il cemento in inverno

Polistirolo e penoflex sono perfetti come isolante, ma acquistarlo per un riempimento non è molto conveniente. È molto più economico acquistare briciole di schiuma e riempire la lastra con essa, in modo che la briciola leggera non venga spazzata via dal vento, deve essere coperta con una tela cerata o un telone, premendola lungo il perimetro della lastra da versare.

Colonne e pareti sono protette da casseri, ma non sarà ancora superfluo coprire aree aperte di calcestruzzo con la stessa tela cerata o tela cerata. Durante l’indurimento del calcestruzzo, si verifica una reazione chimica, a causa della quale la stessa miscela di calcestruzzo emette una certa quantità di calore, che deve essere trattenuta con un isolamento aggiuntivo.

Se il termometro scende sotto lo zero, il calore generato non è più sufficiente. Nei cantieri industriali, speciali trasformatori vengono utilizzati per riscaldare il calcestruzzo a temperature inferiori allo zero, per mezzo del quale il calcestruzzo viene riscaldato con fili di riscaldamento.

Riscaldare il cemento in inverno

L’acquisto di un trasformatore speciale per versare un paio di cubetti di cemento nel gelo non è una buona idea. Come tale trasformatore, è abbastanza realistico utilizzare un trasformatore di saldatura convenzionale per 150-200 A. Di seguito è riportato un elenco di materiali necessari per riscaldare una piccola piastra con una saldatrice:

  1. Saldatrice 150-200 ampere.
  2. Cavo PNSV 1,5 mm.
  3. Filo singolo in alluminio AVVG 1×2,5mm.
  4. Nastro isolante HB (nero).
  5. Morsetto corrente.

Prepararsi al riscaldamento

Il filo di riscaldamento PNSV deve essere tagliato in pezzi lunghi 17-18 metri. I segmenti risultanti (anelli) sono disposti uniformemente e legati lungo l’intera gabbia di rinforzo della struttura versata. Posiamo le cerniere in modo che dopo averle versate siano appena sopra la metà della lastra, se viene versata una colonna o un muro, lo strato di cemento sopra le cerniere dovrebbe essere di almeno 4 cm. È meglio legare il filo di riscaldamento con un filo di alluminio isolato. Non dovrebbe andare in un tratto, idealmente dovrebbe essere organizzato in un ordine ondulato. La distanza tra i circuiti, a seconda della temperatura dell’aria, varia da 10 a 40 cm. Più bassa è la temperatura di congelamento, minore è la distanza tra i circuiti. Il numero di circuiti di riscaldamento dipende dalla potenza della saldatrice. Un loop consuma 17-25 ampere, il che significa che 6-8 loop di riscaldamento è il massimo che tirerà la saldatrice di 250 ampere.

Riscaldare il cemento in inverno

Quando si posano gli anelli, è importante contrassegnare le estremità, come opzione, avvolgere una striscia di nastro elettrico su un’estremità di ciascun anello e lasciare l’altra estremità libera.

Dopo che le cerniere sono state posate e legate, è necessario costruire delle estremità in alluminio su di esse, che sono quindi collegate al dispositivo. La lunghezza delle estremità fredde è determinata dalla posizione della saldatrice stessa, ma non più di 8 metri. Giuntare il passante e l’estremità fredda usando una torsione lunga 4-5 cm. Isolare con cura la torsione con nastro HB e posizionarla in modo tale che dopo il versamento rimanga nel calcestruzzo, poiché la torsione si brucerà in aria. La marcatura con nastro isolante deve essere trasferita sull’estremità fredda del circuito.

Connessione e riscaldamento

Dopo il getto, tutte le estremità fredde devono essere collegate alla saldatrice, le estremità con e senza marcatura vengono posizionate su diversi poli della macchina. Dopo aver collegato tutto, controlliamo l’intero circuito di riscaldamento e accendiamo il dispositivo al carico minimo del regolatore di potenza. Con una pinza amperometrica, misuriamo ogni loop separatamente, la norma è 12-14 ampere. Dopo un’ora aggiungiamo metà della riserva di carica del dispositivo, dopo due ore svitiamo completamente il regolatore. È molto importante aggiungere uniformemente gli ampere ai circuiti di riscaldamento, non dovrebbero essere mostrati più di 25 ampere su ciascun circuito. A -10 ° C, 20 amp per loop fornisce la temperatura normale necessaria per il polimerizzazione del calcestruzzo. Man mano che il calcestruzzo cala, l’amperaggio del circuito cala, il che rende possibile aumentarlo gradualmente sulla saldatrice. Prima di aumentare, osserviamo se il valore sui loop stessi è diminuito o meno. Se l’amperaggio non è cambiato dall’ultimo controllo, aspettiamo che diminuisca di almeno il 10% e solo dopo aumentiamo la corrente.

Riscaldare il cemento in inverno

Il tempo di riscaldamento dipende dal volume di riempimento e dalla temperatura ambiente. Oltre a cementare con additivi, isoliamo ulteriormente la struttura versata. In caso di gelo fino a 10 gradi, sono sufficienti 48 ore per la normale idratazione del calcestruzzo. Dopo lo spegnimento dei circuiti di riscaldamento, l’isolamento aggiuntivo rimane per almeno altri 7 giorni. Non surriscaldare il calcestruzzo, poiché questo è irto di eccessiva evaporazione dell’umidità, che successivamente porterà alla formazione di crepe e alla perdita di resistenza del calcestruzzo. La lastra sotto l’isolamento dovrebbe essere un po ‘calda e niente di più. Il riscaldamento del calcestruzzo con una saldatrice a casa richiede maggiori misure di sicurezza elettrica e deve essere eseguito solo se si dispone delle conoscenze necessarie di ingegneria elettrica e competenze professionali per lavorare con la saldatrice.

Riscaldare il cemento in inverno

In assenza di una saldatrice, è possibile utilizzare il vecchio metodo di riscaldamento – “tenda termica”. Quando si versano piccole strutture, sopra di esse viene eretta una tenda in tela cerata o compensato, in cui l’aria viene riscaldata con l’aiuto di pistole termiche o stufe a gas. Con questo metodo di riscaldamento, le “Stufe a miracolo” funzionanti a gasolio si sono dimostrate efficaci. Con un consumo di carburante economico (2 litri per 12 ore), un forno riscalda 10-15 metri cubi di aria dalla tenda termica alla temperatura desiderata di idratazione del calcestruzzo.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy