Sostituzione e riparazione della batteria dello strumento fai-da-te

Sezioni dell’articolo



Le batterie degli strumenti spesso si guastano prima delle parti del meccanismo. Questo articolo ci aiuterà a risolvere tale problema, in cui ti parleremo dei segreti della ricostruzione e della riparazione delle batterie con le nostre mani, nonché di alcuni modi per prolungare la durata delle batterie al nichel-cadmio.

Per i professionisti della riparazione che utilizzano strumenti proprietari, le batterie sono solo materiali di consumo. Nel tempo, la capacità della batteria diminuisce e viene semplicemente cambiata, poiché i componenti possono essere trovati abbastanza facilmente. Ma questo non si applica agli strumenti economici: a volte è quasi impossibile trovare una batteria adatta, rimane o addio allo strumento o ricorrere all’auto-riparazione.

Motivi di guasto della batteria

Nonostante l’ampia varietà di batterie, hanno tutte un dispositivo tipico e sono facili da riparare. La custodia in plastica è solo un guscio esterno. Al suo interno è un fascio di batterie da 10, 12 o 15 batterie al nichel-cadmio da 1,2 V collegate in serie per batterie con una tensione totale rispettivamente di 12, 14 e 18 volt. Le batterie, comunemente chiamate “banchi” dalla gente comune, sono disposte su due livelli: di solito ce ne sono due nella parte superiore, le altre sono raggruppate in modo compatto nella parte inferiore.

Sostituzione e riparazione della batteria dello strumento fai-da-te

I guasti della batteria possono essere di natura meccanica o elettrochimica. Il primo tipo comprende la distruzione delle stesse lattine o dei contatti e dei punti di saldatura, nonché un cortocircuito tra le batterie a causa di una violazione della piastra isolante. Tali guasti si verificano a causa di forti urti o inondazioni, la batteria non mostra segni di vita, non c’è tensione all’ingresso. Per effettuare le riparazioni, la batteria dovrà essere smontata.

Il secondo tipo di malfunzionamento si verifica a causa del degrado delle batterie, derivante da un uso improprio, carica e utilizzo impropri, o semplicemente a causa della vecchiaia. La batteria mostra una tensione di 3-5 V, che può aumentare a 8-9 V dopo la ricarica, il che è sufficiente per un tempo di funzionamento molto breve. Se la batteria è in questa condizione da più di un anno, è probabile che sia necessario lo smontaggio. In altri casi, è sufficiente “overcloccare” la batteria con una procedura speciale.

Sostituzione e riparazione della batteria dello strumento fai-da-te

Ripristino “run” della batteria

Per lavorare con le batterie, è consigliabile acquistare un dispositivo di ricarica e bilanciamento (ZBU) con un controller, ad esempio HobbyKing ECO6 o simile. Il suo costo è equivalente all’acquisto di una nuova batteria, è utile anche nella vita di tutti i giorni per caricare e ripristinare vari tipi di batterie, inclusi laptop e telefoni.

Con grande difficoltà, ma anche realistico, utilizzare due multimetri digitali e un alimentatore con un’uscita di tensione regolabile, collegato tramite un reostato. Un multimetro nella modalità di misurazione corrente è collegato in serie con la linea di alimentazione, il secondo è collegato ai terminali della batteria per monitorare la tensione ai poli.

Sostituzione e riparazione della batteria dello strumento fai-da-te

Per “riattivare” la batteria, è necessario applicare una doppia tensione ai terminali di alimentazione e impostare la corrente su un terzo del valore della capacità. Cioè, per una batteria con una capacità di 2 Ah con una tensione di 12 V, è necessaria una tensione di 25 V con una corrente di 600-700 mA. Dopo due o tre minuti di ricarica, la batteria deve essere scollegata e la tensione ai terminali deve essere controllata più volte ad intervalli di 10-15 minuti. Se durante questi periodi non si osserva una caduta superiore a 0,1 V, alla batteria viene nuovamente applicata una tensione maggiore con una corrente del 70% della capacità, questa volta il tempo di ricarica è di 4-5 minuti. Dopo il “funzionamento”, la batteria dovrebbe essere completamente scaricata utilizzando un reostato, impostando la corrente su 0,5-0,7 A e caricata. Il ciclo deve essere ripetuto da 2 a 7 volte per eliminare l’effetto memoria.

Il caricabatterie eseguirà automaticamente tutte queste operazioni, incluso il numero richiesto di cicli di carica / scarica. Se per un motivo o per un altro è impossibile “estrarre” la batteria, il caricabatterie lo notificherà e dovrai smontare la custodia per sostituire una o più lattine.

Come aprire un caso senza romperlo

Le batterie più economiche hanno una custodia pieghevole, le cui metà inferiore e superiore sono serrate con quattro viti autofilettanti. Ma ci sono anche scafi che sembrano solidi al primo esame, le loro metà sono incollate o saldate.

Sostituzione e riparazione della batteria dello strumento fai-da-te

Per aprire un caso del genere, posizionare la batteria su un lato e colpire l’articolazione con un martello di gomma, controllando periodicamente se la giuntura si è rotta. Dopo alcuni minuti di tali manipolazioni, il corpo dovrebbe dividersi o apparirà uno spazio visibile sull’articolazione. È possibile inserire una lama di coltello sezionale in un angolo e martellarla leggermente con un martello più profondo. Se lo fai da 3-4 lati, lo strato di colla si spezzerà e le metà saranno in grado di separarsi.

Quando la custodia viene smontata, il gruppo batterie rimarrà nella parte superiore della custodia. Per rimuoverlo da lì, piegare leggermente le piastre di contatto. Nella parte superiore della batteria potrebbe esserci una testa con una termocoppia; per rimuoverla, è necessario unire le piastre delle batterie più esterne o dissaldarle.

Ci sono due guarnizioni isolanti tra e sotto i livelli della batteria: queste devono essere conservate per il rimontaggio. Dopo che la batteria è stata riparata, viene inserito un cappuccio e reinserito, collegando le due metà della custodia al cianoacrilato.

Sostituzione di lattine o loro restauro

La batteria perde capacità e si scarica da sola a causa della presenza di un solo vaso difettoso nel fascio. Pertanto, è necessario controllare ciascun elemento del circuito applicando le sonde del multimetro ai terminali della batteria con la polarità appropriata. Le batterie “silenziose” non hanno praticamente alcuna tensione, non rispondono al loro “funzionamento” e persino al riscaldamento a impulsi con alta tensione (5-7 V). Tali elementi vengono sostituiti con nuovi (sono disponibili in commercio) o una batteria viene assemblata su due.

Sostituzione e riparazione della batteria dello strumento fai-da-te

Nel 90% dei casi, le batterie si guastano a causa dell’essiccamento e possono essere ripristinate relativamente facilmente. Per fare ciò, è necessario praticare un foro molto piccolo con un diametro di 0,2-0,25 mm alla fine del contatto negativo. Basta versare 1-1,5 cm con una siringa3 acqua distillata e lasciare riposare gli elementi a temperatura ambiente per 3-4 giorni. Successivamente, puoi iniziare a far funzionare ciascuna batteria separatamente, per analogia con un’intera batteria. L’intera batteria può essere caricata e scaricata; non è necessario dissaldarla per funzionare con singoli elementi.

Sostituzione e riparazione della batteria dello strumento fai-da-te

Se la batteria è tornata in vita, aggiungere altri 0,2-0,3 cm3 distillare e sigillare il foro con stagno. È necessario ripristinare il guscio di carta danneggiato con nastro isolante, quindi raccogliere le batterie in un fascio e fissarle insieme con nastro adesivo o colla a caldo.

Segreti di operazioni a lungo termine

Esistono alcuni modi semplici per prolungare la durata della batteria. Soprattutto, non utilizzare lo strumento o conservare la batteria a temperature inferiori a 6–8 ° C. Inoltre, non sovraccaricare la batteria, consentendo il surriscaldamento. Se la potenza diminuisce di oltre la metà, è necessario sostituire la batteria e si devono eseguire 2-3 cicli di scarica completa ogni uno e mezzo mesi di funzionamento attivo.

Le batterie del cacciavite possono essere conservate in uno stato scaricato, ma è meglio farlo con una connessione allo ZBU che funziona nella modalità appropriata. Il dispositivo ti aiuterà anche a eseguire diversi cicli di carica-scarica con i parametri di corrente ottimali per la batteria..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy