Come scegliere un casco per saldatura

Sezioni dell’articolo



In questo articolo ti diremo tutto sui tipi e sui tipi di elmetti per saldatura. Descriveremo in dettaglio le maschere “camaleonte” più popolari con un filtro di luce attiva e imparerai come navigare in esse. Dall’articolo imparerai anche cosa cercare quando scegli una maschera per la saldatura..

Lavorare con la saldatura non è senza motivo considerato uno dei più dannosi. Per escludere incidenti e malattie professionali, il saldatore deve essere protetto in modo affidabile da tutti i fattori avversi. Nessuna parte del corpo può rimanere aperta. Per fare questo, usa abiti, scarpe, guanti, respiratori, cuffie e, naturalmente, maschere speciali..

Come altri prodotti, la maschera protegge una persona dai seguenti fattori:

  • spruzzi di metallo fuso;
  • alta tensione con perdite;
  • alta temperatura;
  • pressione sonora;
  • fumo, gas, polvere;
  • scala e particelle metalliche;
  • radiazione ultravioletta e infrarossa.

Progettazione di caschi per saldatura

Il casco per saldatura è l’attrezzatura più significativa e tecnologicamente più avanzata. Più è conveniente e funzionale, maggiore sarà la sicurezza dell’operatore e la produttività del processo. Esistono diverse soluzioni.

Occhiali protettivi

Tanto per cominciare, questi dispositivi di protezione non sono adatti a nessun tipo di saldatura ad arco elettrico. Gli occhiali possono anche filtrare i raggi nocivi, ma non così intensi, sono progettati esclusivamente per la saldatura e il taglio di gas e laser. L’unico posto in cui possono esserci utili è durante i lavori di preparazione e finitura, quando è necessario tagliare gli spazi vuoti con una smerigliatrice, rimuovere la ruggine o pulire le cuciture saldate dalle scorie.

Come scegliere un casco per saldatura

Scudo

Questa è già una primitiva, ma una maschera, progettata solo per la saldatura elettrica. A differenza degli occhiali, lo scudo protegge in modo affidabile la vista del saldatore dalle radiazioni potenti con il suo filtro luminoso, gli consente di vedere l’area di lavoro durante l’accensione e la manutenzione dell’arco di saldatura. Inoltre, protegge l’intero viso e il collo di una persona..

Come scegliere un casco per saldatura

Lo schermo di saldatura è di norma in fibra, a volte in plastica resistente al calore. Nota che non è piatto, ha una flangia, cioè gira intorno alla testa. Una maniglia è attaccata ad esso dal basso, mediante la quale viene tenuto lo scudo. Il filtro luminoso degli schermi è realizzato in vetro colorato o plastica, che non modifica il grado di ombreggiatura.

Il principale svantaggio dello scudo protettivo è che una mano è sempre occupata dal saldatore. Tuttavia, ci sono ancora fan di questo tipo di protezione, poiché lo scudo è molto facile da manipolare (soprattutto se è necessario cambiare frequentemente le operazioni), è più piacevole per loro lavorare al caldo (rispetto ai caschi), è molto economico.

Maschera filtro oscurata in modo permanente

Una tale maschera, infatti, è lo stesso scudo, fissato solo sulla testa, che consente di liberare le mani del saldatore. A volte la maschera stessa è fissa e il blocco con filtri luminosi è mobile. Prima di illuminare l’arco, devi solo annuire la testa e per esaminare la cucitura o preparare qualcosa nella solita modalità, la maschera / filtro viene sollevata a mano. In ogni caso, qui vengono utilizzati gli stessi materiali, il livello di protezione non è diverso da uno schermo manuale simile.

Come scegliere un casco per saldatura

È impossibile eseguire operazioni ausiliarie in maschere di sollevamento completo; durante la saldatura, è necessario distrarsi costantemente alzando / abbassando la protezione. Ma il problema più grande del filtro passivo (sia lo scudo che la maschera) è la mancanza di controllo visivo dell’area di lavoro al momento dell’accensione dell’arco. Inoltre, quando la maschera viene sollevata, il caposquadra viene privato della protezione, ad esempio, se un altro saldatore sta lavorando nelle vicinanze..

Maschera con un filtro di luce attiva (“camaleonte”)

Questo tipo di protezione, sebbene più costoso rispetto ad altre opzioni, è privo dei principali svantaggi dei suoi concorrenti. “Chameleon” è giustamente riconosciuto come il più conveniente ed efficace. Il “punto culminante” di queste maschere è un filtro ad alta tecnologia a cristalli liquidi che, automaticamente, utilizzando i sensori, riconosce la presenza di un arco e si oscura. Nello stato normale, il filtro della maschera attiva è trasparente: consente al saldatore di vedere tutto. Inoltre, il filtro attivo protegge dalle radiazioni UV e IR anche senza oscuramento.

Come scegliere un casco per saldatura

In questo caso, non è stato necessario rendere la maschera libera, semiaperta. Ora può coprirsi completamente la testa, compresa la parte posteriore della testa. Ecco perché i “camaleonti” sono spesso chiamati “caschi attivi” dai produttori stessi, respiratori e cuffie possono essere utilizzati sotto di essi..

La forma chiusa del casco ha permesso di creare dispositivi di protezione che possono essere cucinati in spazi ristretti, in ambienti tossici e persino sott’acqua. Usa i sistemi ad aria forzata nella maschera. Viene pompato dall’esterno o pulito da elementi di filtrazione situati sulla cintura del lavoratore. A seconda del livello di ossigeno e di aerosol dannosi nello spazio circostante, vengono utilizzati filtri con caratteristiche tecniche diverse (resistenza aerodinamica, capacità di trattenere la polvere, produttività, ecc.)..

Criteri per la selezione di una maschera con un filtro attivo

Qualsiasi maschera camaleonte è realizzata in polimero resistente agli urti. Deve resistere a forti sollecitazioni meccaniche, nonché a schizzi e riscaldamento continuo..

Tutti i modelli sono testati per la conducibilità elettrica al fine di escludere una scossa elettrica per una persona in caso di contatto con elementi conduttivi. A colpo sicuro, il design della maschera viene controllato per la permeabilità di varie radiazioni.

A quale tipo di saldatura è destinata la maschera?

Se non si tiene conto dei caschi per scopi speciali, in cui viene implementata la fornitura d’aria forzata, le origini delle specifiche risiedono esclusivamente nelle caratteristiche dei filtri luminosi. Tutte le maschere protettive ESD sono adatte per la saldatura MMA con elettrodi stick. Questa è la saldatura MMA più comune. Tuttavia, se prevedi anche di cucinare con un dispositivo semiautomatico in gas protettivi (MAG o MIG), non tutte le maschere camaleonte saranno abbastanza efficaci e convenienti..

Come scegliere un casco per saldatura

La maschera più esigente per il filtro è la saldatura con un elettrodo di tungsteno in argon (TIG), qui potrebbero essere necessarie tutte le regolazioni disponibili della finestra a cristalli liquidi e le migliori ottiche (preferibilmente 1/1/1/1 o 1/1/1/2). Si può dire in modo inequivocabile che un casco adatto alla saldatura TIG TIG è universale, può facilmente far fronte a lavori MMA e MIG / MAG.

Specifiche del filtro

Il filtro luce è il componente principale del casco per saldatura. Questo è un dispositivo così complesso che non tutti i produttori di maschere lo fanno da soli, ma li ordinano da aziende specializzate in questo. A volte la stessa maschera viene fornita con display diversi.

Prestazioni ottiche

In questo caso, vengono prese in considerazione le caratteristiche, che sono responsabili della capacità del filtro luminoso di trasmettere adeguatamente l’immagine. Questo è molto importante, altrimenti gli occhi degli utenti si stancano rapidamente e la qualità del lavoro diminuisce in modo significativo:

  1. Classe ottica: indica la possibilità di distorcere la forma degli oggetti, nonché la chiarezza e la messa a fuoco.
  2. Diffusione della luce – la capacità dei cristalli di filtraggio di trasmettere la luce per dare un’immagine trasparente senza effetto appannamento.
  3. Omogeneità: si riferisce all’uniformità del colore del filtro se visto di fronte.
  4. Shadow Shade – mostra quanto uniformemente e in che misura il filtro si scurisce quando viene visualizzato da un determinato angolo.

Il livello di conformità del filtro ai requisiti è indicato da quattro punti (la valutazione viene eseguita da numeri da 1 a 3), ad esempio 1/1/1/1 o 1/2/1/3. Più basso è il numero, migliore è il filtro, migliore è il materiale utilizzato, migliore è il suo assemblaggio.

Gamma di colori del filtro

A seconda della luminosità dell’arco di saldatura, selezionare il grado di oscuramento del filtro luminoso automatico. I filtri camaleonte attivi consentono all’utente di impostare indipendentemente il grado di tonalità, anche direttamente durante la saldatura (se il regolatore è esterno). Ci sono filtri di luce che scelgono automaticamente quanto scurire. Di norma, una gamma di tonalità di 9-13 DIN è sufficiente anche per un saldatore professionale. Ma per saldare a basse correnti, è necessaria una buona trasparenza, quindi ha senso scegliere un filtro che può funzionare nella gamma di colori 5-9DIN. Le maschere più comode sono riconosciute in cui questa regolazione viene eseguita senza intoppi.

Come scegliere un casco per saldatura

È anche importante considerare la trasparenza del filtro nel suo stato originale e completamente illuminato. Più leggero è, migliore è la visibilità. 3DIN è considerato normale per un filtro con un massimo di 13 DIN.

Velocità di risposta

Ovviamente, più velocemente il filtro si attenua quando viene rilevato un arco, meglio è, poiché meno radiazioni entrano negli occhi durante l’accensione. Per un uso domestico non troppo intenso, è adatta una velocità di oscuramento di circa 100 microsecondi, ma i professionisti scelgono maschere con una velocità di 50 microsecondi.

Tasso di chiarimento del filtro

In questo caso, è vero il contrario. È meglio per il saldatore che il filtro non ritorni allo stato trasparente originale immediatamente dopo lo spegnimento dell’arco, poiché il bagno di saldatura rimane ancora acceso per qualche tempo. Buone maschere attive consentono al master di impostare il ritardo necessario per un lavoro confortevole (fino a 1 secondo).

Sensibilità dei sensori

La cosa principale è che i sensori del filtro luce possono essere regolati in sensibilità. Ciò eviterà un oscuramento falso, “non necessario” con qualche riflesso o se sul sito sono ancora presenti saldatori.

Alcuni produttori di camaleonti offrono persino una speciale funzione di “rettifica” o “taglio”, quando la sensibilità è impostata al minimo e i sensori non reagiscono alle scintille: puoi tranquillamente lavorare con una smerigliatrice senza rimuovere la maschera. La saldatura TIG richiede la massima sensibilità.

Numero di sensori

Di solito vengono utilizzati 2 sensori, ma se lavori in condizioni ristrette, le strutture che racchiudono e vari oggetti possono sovrapporsi al bagliore dell’arco e il filtro della luce si aprirà automaticamente – si illuminerà. Alcuni modelli sono dotati di quattro sensori, che elimina il chiarimento accidentale del filtro.

È anche importante quanto sia ampio l’angolo di copertura dei sensori. In modo che non si innescino sul bagliore dell’arco dei saldatori vicini, a volte l’angolo di copertura può essere regolato, ad esempio, da 120 gradi a 60.

Sistema di approvvigionamento

Il filtro a cristalli liquidi deve essere alimentato. Per questo, vengono utilizzati elementi sostituibili incorporati: compresse a batteria al litio, batterie a dito. I pannelli solari, che possono differire nella loro area e, di conseguenza, in termini di efficienza, aiutano a prolungare significativamente il tempo di funzionamento di alcune batterie..

Come scegliere un casco per saldatura

Disponibilità di funzioni aggiuntive

Alcune delle opzioni ausiliarie possono semplificare notevolmente la vita del saldatore, mentre altre rimarranno non reclamate. I produttori possono offrire: autotest, indicazione della luce delle modalità, contatore dei tempi di saldatura, illuminazione a LED dell’area di lavoro, ecc..

Ergonomia e layout della maschera

Quando si sceglie una maschera di saldatura, ovviamente, vale la pena valutare la convenienza e l’affidabilità del suo fissaggio sulla testa, la capacità di regolare la copertura in base alle dimensioni.

Presta attenzione all’ampiezza della vista. L’ampia area visibile consente un migliore “contatto” con l’area di lavoro. Stiamo parlando dell’area della finestra di visualizzazione – il filtro della luce. Più è grande, più comoda è la maschera..

È importante sapere dove si trovano i controlli del filtro. Se le maniglie si trovano all’interno del filtro stesso, le regolazioni possono essere effettuate solo quando il casco viene rimosso. Potrebbe non essere molto conveniente, ma tutti gli interruttori sono ben protetti da possibili danni meccanici. Se vuoi controllare le caratteristiche del filtro luminoso direttamente durante il funzionamento, allora dovresti dare la preferenza alla configurazione in cui le maniglie vengono portate sulla superficie della maschera.

Assicurati di chiedere quanto è facile cambiare il filtro. A volte la maschera può essere completata con filtri di un solo produttore specifico, che di solito causa alcune difficoltà a trovare componenti e un significativo pagamento in eccesso.

Alcuni saldatori sono molto sensibili alla scelta del colore della maschera, poiché è noto che i prodotti lucidi e bianchi si riscaldano meno di, ad esempio, quelli neri..

Tabella comparativa dei caschi di saldatura universali con filtro attivo:

ModelloSaldatura TIGClasse di filtro otticoParalume, DINNumero di sensori, pz.Costo, sfregamento.
TECMEN ADF-700S (Cina)1/1/1/29-1323500
SVAROG AS-4001-F (Russia)1/1/1/29-1343200
OTOS ACE-W i45gw (Corea del Sud)1/1/1/25-9 9-13410500
OPTREL e680 (Svizzera)1/1/1/25-9 9-13221000

I caschi per saldatura con filtri a luce attiva stanno gradualmente diventando più economici e sostituiscono le tradizionali maschere passive. Allo stesso tempo, la qualità e la funzionalità dei prodotti delle aziende nazionali e cinesi è in costante crescita. Probabilmente, non è lontano il tempo in cui i produttori di saldatrici completeranno le loro unità non con modelli di carta inutili, ma con modelli semplici, ma con “camaleonti”.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy