Come saldare con un saldatore: istruzioni per i manichini

Sezioni dell’articolo



L’arte della saldatura deve essere appresa gradualmente. A partire dai fili di saldatura e passando ai circuiti stampati – ciascuno dei metodi ha le sue sottigliezze, sia nella selezione dei materiali di consumo per la saldatura che nella tecnologia. Oggi condivideremo con i nostri lettori le basi della saldatura e le competenze di base del lavoro.

Qual è l’essenza della saldatura

La saldatura utilizza la capacità di alcuni metalli allo stato fuso di diffondersi efficacemente sulla superficie di altri sotto l’influenza della gravità e della moderata tensione superficiale. La connessione di saldatura è un pezzo unico: le due parti da unire sono, per così dire, avvolte da uno strato di saldatura e rimangono immobili dopo che si sono solidificate.

Dal momento che prenderemo in considerazione la saldatura nel contesto della saldatura dei metalli, i parametri più importanti saranno la resistenza della meccanica e la conduttività della connessione elettrica. Nella maggior parte dei casi, si tratta di valori direttamente proporzionali e se due parti sono strettamente afferrate, anche la conduttività tra loro sarà elevata. Tuttavia, la saldatura ha una resistività superiore a quella dell’alluminio, quindi il suo strato dovrebbe essere il più sottile possibile e il potere coprente – il più alto possibile.

Fili di rame per saldatura

Perché la saldatura sia possibile in linea di principio, ci sono due condizioni. La prima e più importante cosa è la pulizia delle parti nel punto di saldatura. La saldatura aderisce alla superficie del metallo a livello atomico e la presenza anche del minimo film di ossido o contaminazione renderà impossibile un’adesione affidabile.

La seconda condizione è che il punto di fusione della saldatura debba essere significativamente inferiore alla temperatura delle parti da saldare. Sembra ovvio, ma ci sono saldature con un punto di fusione superiore all’alluminio, per esempio. Inoltre, se la reale differenza nelle temperature di fusione non è abbastanza elevata, quando la saldatura si solidifica, il restringimento della temperatura delle parti può interferire con la normale formazione del reticolo cristallino della saldatura..

Flussi e saldature: come scegliere quello giusto

Per i motivi sopra descritti, la scelta corretta del flusso e della saldatura è quasi la metà del successo nel settore della saldatura. Fortunatamente, ci sono marchi abbastanza universali adatti alla maggior parte dei compiti. Il settore di applicazione di quasi tutti i flussi e le saldature è chiaramente indicato sulle etichette, ma è ancora necessario conoscere alcuni aspetti della loro applicazione.

Cominciamo con i flussi. Sono utilizzati per incidere parti, rimuovere e dissolvere il film di ossido con un’ulteriore protezione del metallo dalla corrosione. Finché la superficie è coperta di flusso, puoi essere sicuro che sia pulita e che lo stagno fuso si bagnerà e si diffonderà bene..

I flussi si distinguono per il tipo di metalli e leghe delle parti da unire. Si tratta principalmente di miscele di sali metallici, acidi e alcali, che reagiscono attivamente se riscaldati con un saldatore. Bene, poiché ci sono molte forme di ossido e impurità, il cocktail dovrebbe essere appositamente selezionato per un tipo specifico di metalli e leghe..

Flusso attivo per saldatura Flusso attivo per saldatura

Convenzionalmente, i flussi di saldatura sono divisi in due tipi. I flussi attivi vengono creati sulla base di acidi inorganici, principalmente perclorico e cloridrico. La loro mancanza nella necessità di lavarsi immediatamente dopo il completamento della saldatura, altrimenti i residui acidi causano una corrosione piuttosto forte della connessione e hanno una conduttività sufficientemente elevata che può causare un corto circuito. Ma quasi tutto può essere saldato con flussi attivi..

Il secondo tipo di flusso viene creato principalmente sulla base della colofonia, che può essere utilizzata nella sua forma pura. Il flusso di liquido è molto più conveniente da applicare, contiene anche alcool e / o glicerina, che evaporano completamente quando riscaldati. I flussi di colofonia sono i meno efficaci durante la brasatura dell’acciaio, tuttavia, per i metalli non ferrosi e le leghe, vengono utilizzati principalmente loro o altri composti di chimica organica. Anche la colofonia richiede un risciacquo, poiché a lungo termine si corroderà e può diventare conduttiva raccogliendo umidità dall’aria..

Colofonia liquida e solida Colofonia liquida e solida

Con le saldature, tutto è un po ‘più semplice. Fondamentalmente, le saldature al piombo-stagno del marchio POS sono utilizzate per la saldatura. Il numero dopo la marcatura indica il contenuto di stagno della saldatura. Maggiore è, maggiore è la resistenza meccanica e la conduttività elettrica del giunto e, allo stesso tempo, minore è il punto di fusione della saldatura. Il piombo viene utilizzato per normalizzare il processo di solidificazione; senza piombo, lo stagno può rompersi o diventare coperto di aghi.

Saldatura POS-61 con colofonia interna Saldatura POS-61 con colofonia interna

Esistono tipi speciali di saldature, principalmente prive di piombo (BP) e altre non tossiche, in cui il piombo viene sostituito da indio o zinco. Il punto di fusione di BP è superiore a quello di quelli convenzionali, ma la connessione è più forte e più resistente alla corrosione. Esistono anche leghe a basso punto di fusione, che si diffondono già a 90-110 ° C. Questi includono leghe di legno e rosa, utilizzate per saldare componenti sensibili al surriscaldamento. Le saldature speciali vengono utilizzate principalmente nella saldatura di apparecchiature radio.

Lega di rosa Lega di rosa

Potenza e tipi di saldatori

La differenza principale tra lo strumento di saldatura è il tipo di alimentazione. Per la gente comune, i più familiari sono i saldatori a rete alimentati a 220 V. Sono utilizzati principalmente per i fili di saldatura e le parti più massicce, perché è quasi impossibile surriscaldare un filo di rame, con l’eccezione, forse, della fusione dell’isolamento.

Saldatore

Il vantaggio dei saldatori a rete è la loro elevata potenza. A causa di ciò, viene fornito un riscaldamento di alta qualità e profondo della parte, oltre a un ingombrante alimentatore per il funzionamento. Tra le carenze, si può individuare la scarsa praticità del lavoro: il saldatore è piuttosto pesante, la punta si trova lontano dalla maniglia e un tale strumento non è adatto per un lavoro eccellente.

Stazione di saldatura

Le stazioni di saldatura utilizzano il controllo termico per mantenere un livello di temperatura stabile. Tali saldatori non hanno una potenza significativa, di solito 40 W è già il soffitto. Tuttavia, per l’elettronica sensibile al calore e la saldatura di piccole parti, questo strumento è più adatto.

Selezione e cura delle punture

Le punte del saldatore si distinguono per forma e materiale. Con la forma, tutto è semplice: il più primitivo e allo stesso tempo universale è la puntura del subulato. Le variazioni sono possibili sotto forma di una spatola, un cono con un’estremità smussata, con uno smusso e altri. Il compito principale quando si sceglie una forma è quello di raggiungere la massima area di contatto con un tipo specifico di parti saldate, in modo che il riscaldamento sia potente e allo stesso tempo di breve durata.

Punte di rame per saldatore Punte di rame per saldatore

In termini di materiale, quasi tutte le punture sono in rame, ma possono essere rivestite e senza di essa. Le punte in rame sono rivestite con cromo e nichel per aumentare la resistenza al calore ed eliminare l’ossidazione della superficie del rame. Le punte rivestite sono molto resistenti, ma leggermente meno bagnate con la saldatura e richiedono un’attenta manipolazione. Per pulirli, utilizzare trucioli di ottone e spugne di viscosa..

Lame nichelate Lame nichelate

Le punte non patinate possono essere correttamente attribuite ai materiali di consumo per saldatura. Durante il funzionamento, una tale puntura viene periodicamente coperta con uno strato di ossidi e la saldatura cessa di aderire ad essa. Il bordo di lavoro deve essere pulito e stagnato di nuovo, quindi, con un uso intensivo, la puntura viene macinata abbastanza rapidamente. Per rallentare il bruciore della puntura, si consiglia di forgiarla prima, quindi macinarla per dare la forma desiderata.

Saldatore con punta in rame

Fili per saldatura

I fili sono i più facili da saldare. Le estremità delle vene vengono immerse in una soluzione di flusso e trasportate lungo di esse con un saldatore, la cui punta viene abbondantemente inumidita nel flusso. Nel processo di stagnatura, è consigliabile scrollarsi di dosso la saldatura fusa in eccesso. Dopo aver applicato mezza torsione, si forma una torsione dai fili, quindi viene accuratamente riscaldata con una piccola quantità di saldatura, riempiendo lo spazio libero tra le vene.

Fili per saldatura a trefoli

Un altro metodo è anche possibile quando, prima di torcere, i fili vengono semplicemente inumiditi a fondo con il flusso e saldati senza stagnare preliminare. Questo metodo è particolarmente popolare quando si saldano conduttori a trefoli e fili di piccolo diametro. Se il flusso è di alta qualità e il saldatore fornisce un riscaldamento sufficientemente forte, anche torcendo 3-4 nuclei “soffici” di 1,5 mm2 ben impregnato di stagno e sarà saldato in modo affidabile.

Fili per saldatura a trefoli

Si noti che nel cablaggio elettrico, cioè all’interno delle scatole di giunzione, non è consuetudine saldare il cablaggio. Innanzitutto, a causa dell’inseparabilità della connessione, oltre al tutto, il picco ha una resistenza di transizione significativa e c’è sempre un alto rischio di corrosione. I fili vengono saldati esclusivamente quando si effettuano collegamenti all’interno di apparecchi elettrici o per stagnare le estremità dei conduttori a trefoli prima di serrarli con morsetti a vite.

Lavorare con componenti elettronici

L’elettronica di saldatura è l’argomento più ampio e complesso, che richiede esperienza, abilità e attrezzature speciali. Tuttavia, un dilettante può anche sostituire un elemento difettoso su un circuito stampato, anche se esiste solo un saldatore di rete..

Gli elementi di output (che sono con le gambe) sono i più facili da saldare. Sono preliminarmente fissati (con plastilina, cera) con cavi nei fori della scheda. Quindi, sul retro, il saldatore viene premuto saldamente contro la coda per riscaldarlo, dopo di che un filo di saldatura contenente flusso viene inserito nel punto di saldatura. Non è necessaria troppa latta, abbastanza per farla fluire nel foro da tutti i lati e formare una sorta di tappo allungato.

Saldatura di componenti elettronici

Se l’elemento di uscita pende e deve essere tenuto a mano, il luogo di saldatura viene prima inumidito con il flusso. Ha bisogno di una quantità molto piccola, qui è ottimale usare bottiglie di smalto per unghie, pre-lavate con acetone. Con questa tecnica di saldatura, lo stagno viene raccolto su un saldatore in una piccola quantità e una sua goccia viene portata delicatamente sul terminale dell’elemento 1-2 mm dalla superficie della scheda. La saldatura scorre lungo la gamba, riempiendo uniformemente il foro, dopo di che il saldatore può essere rimosso.

Connessione saldata di alta qualità

È molto importante che le parti da unire rimangano fisse fino a quando la saldatura non si è completamente raffreddata. Anche la minima violazione della forma della latta durante la cristallizzazione porta alla cosiddetta saldatura a freddo – frantumando l’intera massa della saldatura in molti piccoli cristalli. Un segno caratteristico di questo fenomeno è una forte torbidità della saldatura. Deve essere riscaldato e attendere un raffreddamento uniforme in completa immobilità.

Saldatura a freddo Scarsa qualità, saldatura a freddo

Per mantenere lo stagno in uno stato liquido, è sufficiente che il saldatore entri in contatto con la superficie stagnata della punta con qualsiasi punto dell’area bagnata. Se il saldatore si attacca letteralmente alle parti da saldare, ciò indica una mancanza di energia per il riscaldamento. Per la saldatura di elementi a semiconduttore sensibili al calore e microcircuiti, la normale saldatura può essere miscelata a basso punto di fusione.

Saldatura di parti solide

Infine, parliamo brevemente di parti di saldatura con un’alta capacità di calore, come pressacavi, pentole o utensili. Il requisito per l’immobilità della connessione è molto importante qui, le parti di grandi dimensioni sono precollegate con morsetti, piccole parti – con grumi di plastilina, prima di saldare la connessione, viene afferrata in modo puntuale in diversi punti e le clip vengono rimosse.

Le parti solide vengono saldate come al solito – prima mezza giornata al giunto, quindi riempiendo la giuntura con una saldatura liquida. Tuttavia, viene utilizzata una speciale saldatura per questo scopo, solitamente refrattaria e in grado di mantenere un’elevata tenuta, oltre a resistere bene al riscaldamento parziale..

Alluminio di saldatura

Con questo tipo di saldatura, è estremamente importante mantenere le parti ben riscaldate. Per questi scopi, la giuntura di saldatura viene riscaldata con una torcia a gas direttamente davanti al punto di saldatura e invece di un tradizionale saldatore elettrico, viene utilizzato un enorme ascia di rame. Inoltre viene costantemente riscaldato in una fiamma del bruciatore, bagnandolo contemporaneamente con la saldatura e quindi riempiendo il giunto, fondendo parzialmente la cucitura precedente di alcuni millimetri.

Una simile tecnica di saldatura riscaldata può essere utilizzata anche quando si lavora con un saldatore convenzionale, ad esempio quando si saldano nuclei di cavi spessi. La puntura in questo caso funge solo da strumento operativo per un’attenta distribuzione della latta e la principale fonte di riscaldamento è un bruciatore a gas.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy