Che stare al caldo

Radiatore olio

Un tempo, quando era molto, molto difficile ottenere qualcosa nel negozio, i riscaldatori si creavano o cavalcavano con ciò che poteva essere preso da qualche parte. I miei amici si stanno ancora salvando dal gelo invernale con una stufa del tram, che il nonno ha raccolto da nessuno sa dove. Tuttavia, la maggior parte dei moderni tipi di riscaldatori esisteva diversi anni fa, ma non è stato facile trovarli. Il tipo più comune di riscaldatore, che ora viene utilizzato in ogni seconda casa, sono i riscaldatori ad olio. Meritano innanzitutto l’amore nazionale con il loro potere..

Un radiatore ad olio è in grado di mantenere una temperatura accettabile in una stanza fino a 30 mq. metri, non in inverno freddo, ovviamente, ma se la temperatura esterna non è inferiore a +10 gradi con un radiatore ad olio, la casa sarà calda e accogliente. In inverno tornerà utile. In totale, un radiatore dell’olio fornisce circa la stessa potenza termica di una batteria di riscaldamento a vapore standard. Questo dispositivo è organizzato in modo abbastanza semplice: all’interno di una custodia metallica sigillata c’è olio minerale, nell’olio c’è una spirale. La spirale si riscalda dalla corrente elettrica, l’olio si riscalda dalla spirale, il corpo dall’olio e l’aria dal corpo. È perché l’olio all’interno di questo radiatore è così pesante.

Un tale dispositivo può essere riscaldato a una temperatura piuttosto elevata. (circa 1500 ° C) – questo è sufficiente per riscaldare la stanza e non abbastanza per accendere un fuoco. Inoltre, questo dispositivo non brucia ossigeno, quindi l’aria nell’appartamento rimane sana. I vecchi modelli di radiatori dell’olio presentano un grosso svantaggio: l’incapacità di regolare la temperatura. Il radiatore potrebbe trasformare una stanza in una sauna e l’unico modo per regolare questo processo è quello di scollegare l’unità dalla rete elettrica. Questa carenza è stata corretta nei moderni riscaldatori di olio. I radiatori con una capacità di circa 1,5 chilowatt hanno 2-3 gradini di potenza. È buono perché può essere utilizzato in ambienti chiusi, indipendentemente dall’area: dopo tutto, per riscaldare una camera da letto di sei metri e un soggiorno di venti metri, sono necessarie diverse modalità operative.

Il termostato consente di impostare la temperatura ambiente con una precisione di 1-2 gradi. Inoltre, il regolatore di potenza consente l’uso di uno scambiatore di calore dell’olio anche quando il cablaggio elettrico lascia molto a desiderare e non può resistere a troppi apparecchi elettrici accesi contemporaneamente. La maggior parte dei moderni radiatori dell’olio sono dotati di un timer di 24 ore. Regola il livello di temperatura ambiente in base all’ora del giorno. Questo è particolarmente adatto per coloro che non vogliono sprecare energia: una tale modalità di radiatore consente, ad esempio, che il dispositivo si spenga dieci minuti dopo la partenza per lavoro e si accende mezz’ora prima di tornare in modo che la casa non ti incontri con il freddo artico.

Ma il radiatore dell’olio presenta anche uno svantaggio significativo: dal momento in cui il dispositivo è collegato alla presa fino a quando la temperatura ambiente raggiunge una temperatura accettabile, sono necessari da 15 minuti a un’ora. Un altro svantaggio di uno scambiatore di calore dell’olio è che nella sua progettazione non è previsto alcun dispositivo per la ventilazione dell’aria. È abbastanza caldo vicino alla stufa, ma in un altro angolo della stanza il suo effetto non si fa sentire fortemente. Tuttavia, c’erano modelli di radiatori ad olio dotati di termoventilatori. Costano molto di più rispetto ai radiatori dell’olio e ai termoventilatori convenzionali..

Pistola termica e termoventilatore

Un soffiatore di calore è anche chiamato una pistola di calore. Quest’ultima definizione si applica a dispositivi particolarmente potenti, a partire da 5 kW. Questo apparecchio è un tradizionale soffiatore ad alta pressione. Lui stesso non lo riscalda, ma lo attraversa attraverso elementi riscaldanti (elementi riscaldanti). Possono essere spirali riscaldate elettricamente o uno scambiatore di calore ad acqua calda.

Tuttavia, non è facile trovare un termoventilatore, ma quelli elettrici sono prodotti da quasi tutte le aziende che sviluppano elettrodomestici.

I termoventilatori vengono utilizzati come termosifoni domestici, anche in ambienti in cui non è previsto alcun altro riscaldamento, nonché in locali industriali. La loro distribuzione popolare è per l’essiccazione di pareti e soffitti durante la ristrutturazione. Un termoventilatore è un tipo di asciugacapelli utilizzato per un appartamento. Un termoventilatore domestico si differenzia esternamente da un normale ventilatore da tavolo. Il dispositivo ha due o tre modalità di funzionamento: fornitura di aria fredda, calda e calda (alcuni modelli non hanno possibilità di riscaldamento con aria calda). In modalità aria fredda, questo apparecchio funziona come un normale ventilatore: gli elementi riscaldanti sono spenti.

Le modalità di fornitura di aria calda e calda differiscono poco l’una dall’altra: nel primo caso, il riscaldatore riscalderà la stanza per lungo tempo, a bassa potenza, nel secondo, rapidamente ad alta potenza. Inoltre, i termoventilatori sono dotati di un termoregolatore: il dispositivo riscalda l’aria a un certo livello, impostato dall’utente e si spegne. Dopo che la temperatura nella stanza cala, si riaccende, senza il tuo intervento, e riscalda di nuovo la stanza … È particolarmente conveniente mantenere la temperatura in questo modo durante la notte – non sarai né troppo caldo né troppo freddo. La potenza standard di un ventilatore di calore domestico è di 1,5-2 kW. Per coloro che non hanno familiarità con i dettagli tecnici, posso fare un esempio: con un termoventilatore a novembre fuori città, in una casa senza stufa, non solo non congelerai, ma penserai anche più di una volta che sarebbe bello abbassare la temperatura del riscaldatore. Questo è verificato dalla mia esperienza..

I termoventilatori sono a pavimento, a parete, a soffitto. (tutti questi sono dispositivi fissi) e portatili. Nella vita di tutti i giorni, vengono utilizzati principalmente termoventilatori portatili, in locali industriali – fissi. Il vantaggio principale dei termoventilatori è il continuo movimento dell’aria che creano, grazie al quale viene stabilita una temperatura uniforme in tutta la stanza. Quando si utilizza, ad esempio, il radiatore dell’olio descritto sopra, si riscalda solo l’aria più vicina al dispositivo, che quindi inizia a circolare sotto l’influenza della differenza di temperatura. La ventola intensifica e accelera questo processo.

Per mantenere una temperatura accettabile in una stanza con un’area fino a 35 metri, sarai abbastanza soddisfatto di un termoventilatore da 2 kW. Se vuoi riscaldare grandi stanze, prendi una pistola termica. Questo dispositivo è in grado di attraversare diverse migliaia di metri cubi d’aria all’ora e raggiungere una potenza di 70 kW. Se non ti piace un forte flusso d’aria, installa diverse ventole meno potenti nella stanza. È possibile combinare questi dispositivi in ​​una rete, in modo che la modalità operativa di un riscaldatore stabilisca il ritmo per tutti gli altri. Il tipo di pistola termica industriale più raccomandato dagli esperti è un ventilatore a soffitto, soprattutto se l’altezza del soffitto è di almeno 3,5 metri. A casa, quasi sicuramente ne userete uno portatile: i termoventilatori fissi a bassa potenza sono prodotti da poche aziende..

termoconvettore

I convettori moderni assomigliano molto vagamente alle “piastre” e ai caminetti elettrici che ci sono familiari fin dall’infanzia. E non è solo il design. Gli ultimi modelli non bruciano la polvere, non mangiano ossigeno e persino i vigili del fuoco li hanno eliminati dalla lista dei loro nemici..

Questo effetto è stato ottenuto sostituendo la tradizionale spirale a incandescenza con un tubo alettato: l’area dell’elemento riscaldante è aumentata in modo significativo e la sua temperatura è diminuita altrettanto bruscamente. Ecco perché il corpo di un convettore moderno non è più così caldo..

La maggior parte degli apparecchi non può riscaldarsi oltre i 90 gradi Celsius, e per un certo numero di modelli, la temperatura dell’involucro decorativo viene generalmente mantenuta a 55 gradi Celsius. Questo è significativamente inferiore a quello di molti dispositivi di riscaldamento, e quindi i convettori moderni sono una buona soluzione per un asilo nido. Basti pensare che le “batterie” del riscaldamento dell’acqua hanno una temperatura di 90 gradi e che i radiatori dell’olio sono riscaldati a 110-150 gradi.

Inoltre, per una protezione al cento per cento, molti dispositivi sono dotati di una protezione aggiuntiva contro il surriscaldamento.. Se la temperatura superficiale sale al di sopra del normale (ad esempio, se il proprietario ha deciso di asciugare un asciugamano sul termoconvettore), l’automazione disecciterà immediatamente l’elemento riscaldante. Lo stesso accadrà se si fa cadere il termoconvettore sul pavimento o si chiude l’uscita dell’aria riscaldata. Non appena la causa del surriscaldamento è stata eliminata, il dispositivo continuerà a funzionare. Un altro vantaggio dei convettori di nuova generazione sono le loro piccole dimensioni. Un dispositivo che emette 2 kW, di solito pesa 6-8 kg e ha uno spessore non superiore a 7 cm. È semplicemente appeso alla parete in un appartamento, negozio o ufficio, cioè installato in modo permanente.

Tutti i convettori moderni hanno un termostato incorporato, a causa della quale la temperatura nella stanza può essere mantenuta a un determinato livello e il dispositivo stesso non funziona costantemente, ma nella modalità di accensione breve. Se fuori fa più freddo, le pause di lavoro vengono ridotte. Questa disposizione non solo consente di risparmiare energia, ma allunga in modo significativo la durata dei convettori. Molti convettori possono essere dotati di una speciale unità di controllo che consente di programmare il funzionamento di più dispositivi contemporaneamente. Questo è fantastico in un grande ufficio. Ad esempio, per risparmiare calore, è possibile impostare la temperatura notturna a +15 gradi Celsius e un’ora prima dell’arrivo dei dipendenti, riscaldare completamente i locali. E tutto ciò è completamente automatico.

Riscaldatori a raggi infrarossi

Un altro tipo di riscaldatori sono i riscaldatori a infrarossi. Funzionano secondo lo stesso principio a cui il sole stesso obbedisce, riscaldando la terra: i raggi infrarossi trasferiscono il loro calore agli oggetti nella stanza e gli oggetti lo trasferiscono nell’aria. Ora questo particolare tipo di riscaldatore sta diventando di moda..

I venditori sottolineano il minimo di svantaggi: un emettitore a infrarossi consente di appianare la differenza di temperatura vicino al pavimento e al soffitto (come ricorderete, l’aria fredda scende, l’aria calda sale), per fornire il riscaldamento spot (ad esempio, per installare l’emettitore direttamente sopra il luogo di lavoro e non sprecare energia) e altre delizie di questo dispositivo … È vero, non è ancora facile trovare un riscaldatore a infrarossi in un negozio: hanno appena iniziato a diventare di moda..

Naturalmente, oltre ai riscaldatori sopra elencati, ci sono altri tipi di dispositivi simili, questi sono: condizionatori d’aria che offrono il massimo comfort in una o più stanze; convettori che sostituiscono le brutte batterie e riscaldano l’aria in modo molto più forte; sistemi di riscaldamento a pavimento in grado di mantenere una temperatura perfettamente uniforme sia a pavimento che a soffitto nella stanza; riscaldatori a parete, attivamente pubblicizzati ora e molti altri elettrodomestici. La struttura di un materiale, purtroppo, non ci consente di coprire completamente i vantaggi e gli svantaggi di tutti questi dispositivi. “BN” ne ha parlato in dettaglio in alcuni numeri precedenti e alcuni torneranno in futuro..

livello di potenza

La potenza richiesta del termoconvettore, del termoventilatore o del radiatore dell’olio è stimata come segue. Con un’altezza del soffitto non superiore a 3 metri per 1 mq. il metro da terra deve avere almeno 70 W.
Se stiamo parlando di riscaldare una casa di mattoni con “falegnameria” di alta qualità, o ancora meglio con finestre in PVC, puoi prendere queste cifre come guida all’azione. In tutti gli altri casi, è consigliabile giocare in modo sicuro e aumentare il trasferimento di calore a 100-120 W per metro quadrato.
Quando il dispositivo viene acquistato per aiutare il sistema di riscaldamento centrale, è possibile cavarsela con meno energia: per una normale stanza di città, è sufficiente un dispositivo da 1 chilowatt.

Testo: bulletin.spb.ru, potrebitel.ru

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy