Martini Bianco: cosa bere

Il contenuto dell’articolo



I famosi Vermut Bianco e Rosso in molti paesi sono un simbolo della vita bohémien e delle feste alla moda. La bevanda fu introdotta per la prima volta nel mondo nel 1863 dal commerciante Alessandro Martini e dall’erborista Luigi Rossi. Il duo avventuroso ha rilasciato il vermouth Rosso inizialmente rosso. Solo 50 anni dopo, apparvero molti amati vermouth Martini Bianco, che veniva prodotto sulla base del vino bianco. Il Martini si innamorò immediatamente di molti dei suoi sottili aromi di spezie e assenzio, nonché di un sapore dolciastro con note di erbe, frutta, bacche.

Cos’è Martini Bianco

Il Vermouth Martini Bianco è una bevanda a base di vino bianco d’uva con aggiunta di zucchero, che è aromatizzato con una varietà di spezie ed erbe. La leggera bevanda alcolica di colore giallo paglierino è un classico aperitivo. Ha preso il nome dalla distilleria situata a Torino.

Il più popolare è il vermouth Martini Bianco, che si distingue per il suo ricco bouquet di erbe e additivi piccanti. Il bianco si distingue dalle altre varietà di bevande da questo vitigno, da cui viene prodotto il vino per la base di un aperitivo, una percentuale di zucchero e un elenco di spezie, erbe, frutta, bacche. L’azienda che produce bevande gourmet è impegnata nella produzione di oltre 5 tipi di vermouth, esclusi gli spumanti..

Varietà di MARTINI:

  1. Rosso – una bevanda a base di vino rosso naturale, ha un ricco colore marrone ambrato. Al gusto si percepiscono note di caramello, zenzero, menta e altre piante locali. Si beve non diluito o come parte di cocktail. Il succo d’arancia o di limone si abbina perfettamente al Martini Rosso.
  2. Rosato – Vermouth, che vide la luce per la prima volta all’inizio del 1980, combinò vino rosso e bianco. La bevanda rosa con un delicato aroma di erbe ha il sapore di noce moscata, cannella, chiodi di garofano, limone, estratti di corteccia di conifere, assenzio di Artemisia amara e altre piante.
  3. Riserva Ambrato – Vermouth color ambra dorato a base di vino bianco Moscato. Ha un bouquet ricco, un sapore dolce e una dolce amarezza, caratteristica del wormwood.
  4. Riserva Rubino: la bevanda si distingue per il suo colore rubino intenso e l’aroma unico, ricco di fragranze di erbe e bacche italiane. Il gusto del vermouth è complesso con note di frutti di bosco in cui è possibile indovinare il gusto di lamponi, ribes nero, fragole.
  5. Extra Dry: vermut secco di colore paglierino con un brillante aroma di iris, lampone e limone, presentato alle masse all’alba del 1900. La bevanda è povera di zucchero e ricca di alcool. Spesso utilizzato nei cocktail, ma può essere consumato da solo con ghiaccio e olive..
  6. Fiero – diverso colore brillante e aroma di arance rosse. È stato prodotto nel 1998 soprattutto per i cittadini dei paesi del Benelux..
  7. D’Oro – il vermouth con una sfumatura di caramello dorato è stato creato personalmente per i residenti di Danimarca, Germania, Svizzera nello stesso anno di Fiero. Aroma saturo di agrumi intrecciato con note di vaniglia, noce moscata, miele, coriandolo.

Martini Bianco

Di cosa sono fatti

Per ottenere il leggendario vermouth Martini Bianco, i produttori utilizzano come materia prima uve bianche bianche coltivate nella vasta provincia piemontese. Il vino secco prodotto con il metodo classico, che servirà successivamente come base per il vermouth bianco, viene invecchiato in via preliminare da 7 mesi a 1 anno in botti di rovere.

Tecnologia di produzione del vermouth bianco:

  1. Ottenere la base del vino di una bevanda alcolica.
  2. Selezione dei componenti in base alla ricetta. La composizione può includere fino a 40 ingredienti, tra cui non solo estratti di erbe e spezie, ma anche frutta, bacche, spezie. I produttori mantengono l’elenco di tutti i componenti con la massima riservatezza, sull’etichetta sono visualizzati circa 10 ingredienti principali.
  3. Macinazione di tutti i componenti in polvere e miscelazione con alcool diluito con acqua, che è essenzialmente vodka. Il processo di infusione dura 15-20 giorni a una temperatura da 16 a 22 gradi Celsius.
  4. La miscelazione continua si ottiene con la produzione automatizzata di vermouth. In questa fase, nella porzione alcolica si formano estratti di erba e l’acqua è satura di zuccheri e sali. Durante il periodo di infusione, il liquido acquisisce un aroma molto ricco, un colore ambrato traslucido e un sapore amaro piccante.
  5. La filtrazione viene effettuata facendo passare il vino attraverso i filtri di carta multistrato per ottenere la perfetta trasparenza della bevanda..
  6. La miscelazione accurata di tutti gli ingredienti del vermouth viene effettuata in grandi contenitori ermetici con l’osservanza esatta della sequenza. Innanzitutto, viene aggiunto zucchero cristallino, che viene agitato fino alla completa dissoluzione. Quindi, un flusso sottile viene versato nell’alcool con un grado multiplo di purificazione in proporzioni, in modo da ottenere una bevanda della forza desiderata di 16-18 gradi. Quindi, gli estratti di erbe vengono aggiunti alla soluzione per mezzo di una pompa speciale e tutto viene miscelato fino a una consistenza omogenea.
  7. Il processo di stabilizzazione del vermouth combina 4 fasi: dal congelamento a? 9 gradi per un periodo di 10 giorni; filtrazione a freddo attraverso la cellulosa; pulizia calda tramite filtri a membrana; “Riposo” della bevanda finita per circa 7 giorni.
  8. Imbottigliamento Martini Bianco.

Struttura

L’esatta composizione del Martini Bianco è nota solo ai produttori e ai familiari dei creatori della bevanda. È noto per certo che l’assenzio alpino domina l’elenco delle erbe, la sua quota può raggiungere il 50%. Conferisce all’aperitivo il famoso amaro appena percettibile nel retrogusto e un effetto tonico. La profumata base di erbe speziate Martini Bianco combina diverse decine di componenti che compongono un lussuoso bouquet di vermouth:

  • menta;
  • Iperico
  • camomilla;
  • angelica
  • cannella;
  • vaniglia;
  • elecampane;
  • Zenzero;
  • Chiodi di garofano;
  • coriandolo;
  • semprevivo;
  • achillea;
  • ginepro;
  • melissa;
  • buccia d’arancia;
  • noce moscata e altri ingredienti.

Noce moscata

Come bere Martini Bianco

Coloro che desiderano osservare le tradizioni associate a questa bevanda devono essere consapevoli del fatto che l’etichetta Martini Bianco dovrebbe essere servita nei classici bicchieri a fondo spesso Old Fashioned o Rocks. Sono anche progettati per rum o whisky, differiscono nella forma. Nel primo caso, il vetro ha pareti dritte, nel secondo – conico. L’ampia forma del bicchiere aiuta a rivelare un ricco bouquet di erbe e spezie.

Coloro che sono interessati a come bere correttamente il Martini Bianco per godere appieno del magnifico sapore leggermente aspro della bevanda dovrebbero sapere che il nobile vermouth viene bevuto lentamente, assaporando ogni sorso. Dato che Martini Bianco è un aperitivo, è ideale per cocktail party e ricevimenti che non includono feste lussureggianti. Tali eventi sono organizzati nel pomeriggio nel tardo pomeriggio, quindi i martini sono un attributo frequente di appuntamenti romantici..

Il vermouth Martini Bianco viene servito raffreddato, ma può anche essere raffreddato direttamente nel bicchiere aggiungendo alcuni cubetti di ghiaccio, frutta congelata o bacche. La temperatura più accettabile per bere questa bevanda alcolica varia da 10 a 15 gradi. A questa temperatura, il gusto squisito e il ricco aroma speziato a base di erbe dell’aperitivo si rivelano al massimo..

Con cosa beve Martini Bianco

Il vermouth bianco viene bevuto puro, diluito o in cocktail. I fan del vermouth hanno controllato il tempo con cui il succo di Martini Bianco beve per completare il suo gusto poliedrico: arancia, pompelmo, ananas, ciliegia, nettare di melograno. È meglio se i succhi vengono spremuti immediatamente prima di bere una bevanda alcolica, quindi i benefici del vermouth aumenteranno molte volte.

Che diluire

Per ridurre il grado di alcol, puoi diluire Martini Bianco con succhi naturali o industriali, tonico, limonata, soda o acqua potabile fredda con l’aggiunta di una fetta di limone o di arancia. In alternativa ai succhi naturali, le bevande ai frutti di bosco o un sottaceto di olive possono talvolta essere aggiunti ai cocktail a base di Martini Bianco..

Cocktail “Laguna”

Mescolare tutti gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio tritato, filtrare attraverso un colino, guarnire con una ciliegia e una cannuccia decorativa.

Struttura:

  • Martini Bianco – 60 ml;
  • vodka – 10 ml;
  • cognac – 10 ml;
  • Campari amaro – 5 ml.

Cocktail Genie Martini

Mescolare accuratamente gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio, versare in bicchieri da cocktail e guarnire con olive.

Struttura:

  • Martini Bianco – 50 ml;
  • gin Beefeater – 50 ml.

Sbattitore per liquori Campari

Cosa mangiare

Il vermouth è facile da bere anche nella sua forma pura, quindi non è necessario mangiare Martini Bianco. Ma spesso vengono serviti cracker salati, mandorle, formaggi piccanti, ciliegie, fragole, kiwi, ananas, olive, olive. Gli aperitivi vengono serviti all’aperitivo, tagliati a fette e ben disposti sui piatti. Tradizionalmente, è consuetudine aggiungere un’oliva infilata su uno spiedino e una cannuccia per bere comodamente in un bicchiere triangolare chiamato “martinka”.

Prezzo per Martini Bianco

Una bottiglia da un litro di ottima bevanda costerà ai suoi intenditori nei punti vendita al dettaglio da 800 a 1000 rubli. Le promozioni si svolgono spesso prima delle vacanze del Vermouth, questo ti permette di acquistare un piacevole aperitivo alcolico in anticipo, risparmiando significativamente finanze. Nei ristoranti di Mosca, una porzione di un vermouth bianco d’elite da 50 ml avrà un costo da 120 a 240 rubli, mentre nei bar della categoria di prezzo medio è possibile acquistare la stessa quantità di Martini Bianco per 60-70 rubli.

Valuta l'articolo
( 1 assessment, average 5 from 5 )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy