Come l’anima lascia il corpo dopo la morte e dove si trova

Il contenuto dell’articolo



La vita sulla Terra di ogni individuo? questo è solo un segmento del percorso dell’incarnazione materiale, inteso per lo sviluppo evolutivo del livello spirituale. Dove cade il defunto, in che modo l’anima lascia il corpo dopo la morte e cosa prova una persona quando si muove in un’altra realtà? Questo è uno degli argomenti più eccitanti e più discussi in tutta l’esistenza dell’umanità. L’ortodossia e le altre religioni testimoniano l’aldilà in diversi modi. Oltre alle opinioni dei rappresentanti di varie fedi, ci sono prove di testimoni oculari sopravvissuti allo stato di morte clinica.

Cosa succede a un uomo quando muore

La morte è un processo biologico irreversibile in cui cessano le funzioni vitali del corpo umano. Nella fase di morte della membrana fisica, tutti i processi metabolici del cervello, le palpitazioni e la respirazione si fermano. Intorno a questo momento, il sottile corpo astrale, chiamato l’anima, lascia il guscio umano obsoleto.

Dove va l’anima dopo la morte?

Come l’anima lascia il corpo dopo la morte biologica e dove si precipita è una domanda che interessa molte persone, in particolare gli anziani. Morte? questa è la fine dell’essere nel mondo materiale, ma per un essere spirituale immortale questo processo è solo un cambiamento della realtà, come crede l’Ortodossia. Ci sono molte discussioni sull’argomento in cui l’anima umana va dopo la morte..

I rappresentanti delle religioni abramitiche parlano di “paradiso” e “inferno”, in cui le anime durano per sempre, secondo i loro affari terreni. Gli slavi, la cui religione si chiama Ortodossia, perché glorificano “Giusto”, sostengono che l’anima possa rinascere. I seguaci del Buddha predicano la teoria della reincarnazione. Inequivocabilmente si può solo affermare che, lasciando il guscio materiale, il corpo astrale continua a “vivere”, ma in una dimensione diversa.

L'anima di una ragazza sale le scale

Dov’è l’anima del defunto fino a 40 giorni

I nostri antenati credevano, e gli slavi viventi fino ad oggi credono che quando l’anima lascia il corpo dopo la morte, sono 40 giorni in cui visse in un’incarnazione terrena. I morti sono attratti da luoghi e persone a cui è stato associato durante la sua vita. La sostanza spirituale che ha lasciato il corpo fisico per l’intero periodo di quaranta giorni “dice addio” ai parenti e alla casa. Quando arriva il quarantesimo giorno, è consuetudine che gli slavi dispongano le anime nell’altro mondo.

Terzo giorno dopo la morte

Per molti secoli c’è stata una tradizione di seppellire il defunto tre giorni dopo la morte del corpo fisico. C’è un’opinione che solo alla fine del periodo di tre giorni ha luogo la separazione dell’anima dal corpo, tutte le energie vitali si interrompono completamente. Dopo un periodo di tre giorni, la componente spirituale di una persona, accompagnata da un angelo, va in un altro mondo, dove sarà determinato il suo destino.

Il giorno 9

Esistono diverse versioni di ciò che l’anima fa dopo la morte del corpo fisico il nono giorno. Secondo le figure religiose del culto dell’Antico Testamento, la sostanza spirituale dopo un periodo di nove giorni dopo il completamento ha superato il calvario. Alcune fonti aderiscono alla teoria secondo cui il nono giorno il corpo del defunto lascia la “carne” (subconscio). Questa azione si verifica dopo che il defunto è stato lasciato “spirito” (supercoscienza) e “anima” (coscienza).

Cosa prova una persona dopo la morte

Le circostanze della morte possono essere completamente diverse: morte naturale dovuta a vecchiaia, morte violenta o malattia. Dopo che l’anima lascia il corpo dopo la morte, secondo le testimonianze di testimoni oculari sopravvissuti al coma, il doppio eterico deve attraversare determinate fasi. Le persone che ritornano dall’altro mondo spesso descrivono visioni e sentimenti simili..

Dopo che una persona muore, non cade immediatamente nell’aldilà. Alcune anime, avendo perso il loro guscio fisico, all’inizio non si rendono conto di ciò che sta accadendo. Con una visione speciale, l’entità spirituale “vede” il suo corpo immobilizzato e solo allora si rende conto che la vita nel mondo materiale è finita. Dopo uno shock emotivo, rassegnato al suo destino, la sostanza spirituale inizia a esplorare un nuovo spazio.

L'anima della ragazza si chinò sul corpo

Molti, al momento del cambiamento della realtà chiamato morte, sono sorpresi di rimanere nella coscienza individuale a cui sono abituati durante la vita terrena. Testimoni sopravvissuti degli inferi affermano che la vita dell’anima dopo la morte del corpo è piena di beatitudine, quindi se devi tornare al corpo fisico, questo è riluttante. Tuttavia, non tutti provano pace e tranquillità dall’altra parte della realtà. Alcuni, tornando dall ‘”altro mondo”, parlano della sensazione di una rapida caduta, dopo di che si sono trovati in un luogo pieno di paura e sofferenza.

Pace e tranquillità

Vari testimoni oculari riportano alcune differenze, ma oltre il 60% di quelli rianimati indica un incontro con una fonte straordinaria che emette luce incredibile e felicità perfetta. Questa persona cosmica sembra essere un Creatore, un altro? Gesù Cristo il terzo? un angelo. Ciò che distingue questa creatura insolitamente luminosa, costituita da pura luce, è che in sua presenza l’anima umana sente l’amore che abbraccia tutto e la comprensione assoluta.

Suoni

Nel momento in cui una persona muore, può sentire un ronzio spiacevole, ronzii, forte suono, rumore come se dal vento, crepitio e altre manifestazioni sonore. I suoni sono talvolta accompagnati da movimenti a grande velocità attraverso il tunnel, dopo di che l’anima entra in uno spazio diverso. Uno strano suono non sempre accompagna una persona sul suo letto di morte, a volte puoi sentire le voci dei parenti defunti o l’incomprensibile “discorso” degli angeli.

L'anima umana passa in un'altra dimensione

Brillare

La famosa “luce alla fine del tunnel” è vista dalla maggior parte delle persone che sono tornate dopo la morte clinica. Secondo i pazienti rianimati, un enorme flusso di puro splendore è sempre accompagnato da tranquillità. Questa luce divina è percepita dall’intera natura della nuova busta eterica dell’anima, in altre parole, dalla visione spirituale, ma al ritorno al corpo fisico, molti immaginano e descrivono chiaramente il bagliore soprannaturale visto.

Valuta questo articolo
( 2 assessment, average 4.5 from 5 )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Come l’anima lascia il corpo dopo la morte e dove si trova
Esercizi facili per la perdita di peso dell’addome e dei lati – come fare a casa uomini e donne