Usando l’energia della corrente magnetica

Sezioni dell’articolo



Usando l'energia della corrente magnetica

Usare l’energia in modo familiare è facile. È sufficiente riempire il serbatoio del carburante o collegare il dispositivo alla rete elettrica. Inoltre, tali metodi sono generalmente i più costosi e hanno gravi conseguenze per la natura: risorse naturali colossali vengono spese per la produzione e il funzionamento dei meccanismi..

Per far funzionare gli elettrodomestici, non hai sempre bisogno di 220 volt o di un GHIACCIO rumoroso e voluminoso. Prenderemo in considerazione la creazione di dispositivi semplici ma utili con un potenziale illimitato..

Le tecnologie per l’uso di potenti magneti moderni vengono sviluppate con riluttanza – le industrie di estrazione e raffinazione del petrolio sono a rischio di rimanere senza lavoro. Il futuro di tutti gli azionamenti e gli attivatori sta proprio nei magneti, la cui efficacia può essere verificata assemblando dispositivi semplici basati su di essi con le proprie mani.

Video visivo dell’azione dei magneti

Ventilatore motore magnetico

Per creare un tale dispositivo, avrai bisogno di piccoli magneti al neodimio – 2 o 4 pezzi. È meglio utilizzare un dispositivo di raffreddamento di un computer come ventola portatile, poiché ha già quasi tutto il necessario per creare una ventola autonoma. Le parti principali – bobine di induzione e magnete elastico sono già presenti nel prodotto di fabbrica.

Per far ruotare l’elica, è sufficiente posizionare i magneti di fronte alle bobine statiche, fissandoli agli angoli del telaio più freddo. I magneti esterni interagiscono con la bobina per creare un campo magnetico. Un magnete elastico (bus magnetico) situato nella torretta dell’elica fornirà una resistenza uniforme costante e il movimento sarà supportato da solo. Più grandi e potenti sono i magneti, più potente sarà la ventola..

Questo motore è convenzionalmente chiamato “eterno”, poiché non vi è alcuna informazione che il neodimio sia “esaurito” o che la ventola sia guasta. Ma il fatto che funzioni in modo efficiente e stabile è stato confermato da molti utenti..

Video su come assemblare un ventilatore con magneti

Generatore di ventole magnetiche

Una bobina di induzione ha una proprietà quasi miracolosa: quando un magnete ruota attorno ad essa, viene generato un impulso elettrico. Ciò significa che l’intero dispositivo ha l’effetto opposto: se facciamo ruotare l’elica da forze esterne, possiamo generare elettricità. Ma come far girare la torretta dell’elica?

La risposta è ovvia: con lo stesso campo magnetico. Per fare ciò, posizionare piccoli magneti (10×10 mm) sulle lame e fissarli con colla o nastro adesivo. Più magneti, più forte è l’impulso. I magneti in ferrite ordinaria saranno sufficienti per ruotare l’elica. Colleghiamo il LED ai precedenti cavi di alimentazione e diamo un impulso alla torretta.

Generatore da un dispositivo di raffreddamento e magneti – istruzioni video

Tale dispositivo può essere migliorato posizionando in aggiunta uno o più pneumatici magnetici dalle eliche sul telaio più freddo. Puoi anche collegare ponti e condensatori a diodi alla rete (davanti alla lampadina) – questo ti permetterà di raddrizzare la corrente e stabilizzare gli impulsi, ottenendo una luce uniforme e costante.

Le proprietà del neodimio sono estremamente interessanti: il suo peso ridotto e la sua energia potente danno un effetto evidente anche su imbarcazioni a livello domestico (dispositivi sperimentali). Il movimento è reso possibile dal design efficiente della torretta dei cuscinetti dei dispositivi di raffreddamento e degli azionamenti: la forza di attrito è minima. Il rapporto massa / energia al neodimio fornisce facilità di movimento, il che offre un ampio campo per gli esperimenti a casa.

Energia libera su video – motore magnetico

Il campo di applicazione dei ventilatori magnetici è dovuto alla loro autonomia. Prima di tutto, si tratta di veicoli, treni, gatehouse, parcheggi remoti. Un altro indiscutibile vantaggio – la silenziosità – lo rende comodo in casa. È possibile installare un dispositivo come ausiliario nel sistema di ventilazione naturale (ad esempio, in un bagno). Qualsiasi luogo in cui è necessario un flusso d’aria basso costante è adatto per questo ventilatore.

Torcia con ricarica “perpetua”

Questo dispositivo in miniatura sarà utile non solo in un caso di “emergenza”, ma anche per coloro che sono impegnati nella prevenzione di reti di ingegneria, ispezione dei locali o più tardi ritorno a casa dal lavoro. Il design della torcia è primitivo, ma originale: anche uno scolaro può gestirne il montaggio. Tuttavia, ha anche un proprio generatore di induzione..

Usando l'energia della corrente magnetica 1 – ponte a diodi; 2 – bobina; 3 – magnete; 4 – batterie 3×1,2 V; 5 – interruttore; 6 – LED

Per lavoro avrai bisogno di:

  1. Pennarello spesso (corpo).
  2. Filo di rame Ø 0,15-0,2 mm – circa 25 m (può essere prelevato da una vecchia bobina).
  3. Elemento luminoso – LED (idealmente una testa di una torcia convenzionale).
  4. Batterie di 4A standard, capacità 250 mA / h (dalla “Krona” ricaricabile) – 3 pezzi..
  5. Diodi raddrizzatori tipo 1N4007 (1N4148) – 4 pezzi.
  6. Attiva / disattiva interruttore o pulsante.
  7. Filo di rame Ø 1 mm, piccolo magnete (preferibilmente al neodimio).
  8. Pistola per colla, saldatore.

Processo lavorativo:

1. Smontare il marker, rimuovere il contenuto, tagliare il supporto dell’asta (dovrebbe rimanere un tubo di plastica).

2. Installare la testa della torcia (elemento di illuminazione) nel cappuccio della lampadina rimovibile.

3. Saldare i diodi secondo lo schema.

4. Raggruppare le batterie in modo che possano essere collocate nel corpo del marker (corpo torcia). Collegare le batterie in serie, su una saldatura.

5. Contrassegnare l’area della custodia in modo da poter vedere lo spazio libero non occupato dalle batterie. Una bobina di induzione e un generatore magnetico saranno disposti qui..

6. Avvolgimento della bobina. Questa operazione deve essere eseguita osservando le seguenti regole:

  • La rottura del filo non è consentita. Se si rompe, riavvolgere nuovamente la bobina.
  • L’avvolgimento dovrebbe iniziare e terminare in un punto, non rompere il filo nel mezzo dopo aver raggiunto il numero richiesto di giri (500 per ferromagnete e 350 per neodimio).
  • La qualità dell’avvolgimento non è critica, ma solo in questo caso. I requisiti principali sono il numero di giri e la distribuzione uniforme sul corpo.
  • Puoi fissare la bobina sul corpo con un normale nastro.

7. Per testare il funzionamento del generatore magnetico, è necessario saldare le estremità della bobina: una al corpo dell’apparecchio, l’altra al terminale LED (utilizzare acido di saldatura). Quindi posizionare i magneti nella custodia e scuoterli più volte. Se le lampade funzionano e tutto viene eseguito correttamente, i LED reagiranno alle oscillazioni elettromagnetiche con lampi deboli. Queste oscillazioni saranno successivamente corrette dal ponte a diodi e convertite in corrente continua, che si accumulerà nelle batterie..

8. Installare i magneti nel vano del generatore e coprirlo con colla a caldo o sigillante (in modo che i magneti non si attacchino alle batterie).

9. Porta le antenne della bobina all’interno della custodia e saldale sul ponte a diodi, quindi collega il ponte con le batterie e le batterie con la lampada attraverso la chiave. Tutti i collegamenti devono essere saldati secondo lo schema.

10. Installare tutte le parti nel corpo e proteggere la bobina (nastro, involucro o nastro termoretraibile).

Video come realizzare una torcia eterna

Una tale torcia si ricaricherà se la scuoti: i magneti devono muoversi lungo la bobina per generare impulsi. I magneti al neodimio si trovano in un DVD, un’unità CD o un disco rigido del computer. Sono anche disponibili in commercio: una variante adatta di NdFeB N33 D4x2 mm costa circa 2-3 rubli. (0,02-0,03 unità convenzionali). Il resto delle parti, se non disponibili, non costerà più di 60 rubli. (1 unità standard).

Esistono generatori speciali per l’implementazione dell’energia magnetica, ma non hanno ricevuto un uso diffuso a causa della forte influenza delle industrie di estrazione e lavorazione del petrolio. Tuttavia, i dispositivi basati sull’induzione elettromagnetica difficilmente entrano nel mercato e sul mercato libero è possibile acquistare forni a induzione altamente efficienti e persino caldaie per riscaldamento. La tecnologia è ampiamente utilizzata anche in veicoli elettrici, generatori eolici e motori magnetici..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy