Riscaldamento di una casa privata: esiste un’alternativa al gas

Sezioni dell’articolo



Oggi il gas naturale è il tipo di combustibile più popolare e conveniente per le esigenze domestiche e il riscaldamento. Tuttavia, le riserve di minerali non sono illimitate, il costo del gas sta crescendo e il collegamento alla conduttura è spesso impossibile o follemente costoso. Questo ti costringe a cercare altri modi meno familiari per riscaldare la tua casa..

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

Motivi per rifiutare il riscaldamento a gas

In Russia, la maggior parte degli impianti di riscaldamento privati ​​sono alimentati a gas naturale. Questo è abbastanza comprensibile: le profondità della Patria contengono un quarto delle riserve mondiali di metano e l’infrastruttura per la sua preparazione e consegna al consumatore è molto ben sviluppata. Eppure, questa situazione non durerà per sempre: secondo varie stime, altre due, un massimo di quattro generazioni saranno in grado di usarla..

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

Tuttavia, l’esaurimento delle risorse fossili è tutt’altro che l’unica ragione per pensare oggi alla ricerca di modi alternativi per procurarsi calore nella stagione fredda. Innanzitutto, questa esigenza è dimostrata dal fatto che l’approvvigionamento di gas centrale non è disponibile in regioni remote e territori recentemente sviluppati per lo sviluppo privato. Anche nella periferia delle grandi città, il costo della connessione a una rete di distribuzione del gas può avere un impatto significativo sul budget e questo non è l’unico elemento di costo per uno sviluppatore.

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

Inoltre, il costo del combustibile bruciato è in costante aumento in proporzione al tasso di produzione, che aumenta sempre di più. Nonostante il fatto che gli edifici moderni abbiano un potenziale di servizio di almeno 50 anni, l’uso di fonti alternative sembra un investimento estremamente redditizio in futuro. Questa affermazione è supportata da una serie di fatti secondari, tra cui:

  • aumento del pericolo di utilizzo di apparecchiature a gas, difficoltà nella sua manutenzione;
  • durata limitata delle apparecchiature di riscaldamento;
  • la necessità di attrezzare il locale caldaie;
  • incoerenza dei parametri della rete del gasdotto con i requisiti necessari per l’installazione di apparecchiature importate ad alta efficienza;
  • inefficienza del riscaldamento a gas di piccoli oggetti.

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

Riscaldamento con combustibile solido

L’alternativa più vicina al gas nelle realtà domestiche può essere definita combustibile solido: legna da ardere, torba, carbone o bricchette. Al costo, le caldaie per il riscaldamento a combustibile solido sono in qualche modo più economiche di quelle a gas, non richiedono un controllo così rigoroso dei sistemi di sicurezza, ma è qui che finiscono i loro vantaggi.

Fondamentalmente, le caldaie oi caminetti a legna sono seriamente considerati il ​​modo principale per riscaldare una casa nei casi in cui, in futuro, per i prossimi decenni, il costo del carburante leggermente più alto non si confronta con il costo della connessione al sistema di approvvigionamento del gas. Tale apparecchiatura di riscaldamento non è priva di inconvenienti: nella caldaia è necessario reintegrare costantemente il carburante, durante la combustione si forma una quantità significativa di fuliggine e cenere, ci sono difficoltà con la regolazione della potenza.

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

Siamo viziati per il comfort, non si può discutere con quello. Dopotutto, ci sono cambiamenti positivi nello sviluppo della tecnologia di riscaldamento a combustibile solido, progettata per aumentare la praticità d’uso. La soluzione più semplice per edifici civili civili può essere definita caldaie a combustione lunga: vengono caricate ad intervalli da uno a diversi giorni, mentre l’intensità di combustione è approssimativamente la stessa sia all’inizio che alla fine del ciclo. Le moderne caldaie a combustibile solido dotate di dispositivi automatici sono in grado di mantenere la temperatura del liquido di raffreddamento con una precisione di 2-3 ° C regolando l’alimentazione dell’aria necessaria per mantenere la combustione.

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

I più tecnologicamente avanzati in questo senso sono le unità di riscaldamento, appositamente progettate per utilizzare un tipo speciale di combustibile: bricchette e pellet. In quest’ultimo caso, è possibile installare una tramoggia, nonché meccanismi per l’alimentazione automatica del combustibile e la rimozione della cenere. In presenza di tali attrezzature, il proprietario della casa dovrà visitare il locale caldaia abbastanza raramente, da 3-4 giorni a diverse settimane, tutto dipende dalla capacità di stoccaggio. Sono esclusi anche i problemi con la formazione di fuliggine e catrame: il carburante preparato ha un contenuto di umidità estremamente basso e non provoca condensa dai gas di scarico.

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

Altri tipi di energia di combustione

Quando si scelgono opzioni di riscaldamento alternative, le caldaie a combustibile liquido vengono escluse per motivi sconosciuti. Nel frattempo, questa opzione è ottimale quando si passa da un’apparecchiatura a gas. Per la maggior parte dei modelli di caldaie esistenti, questa soluzione è limitata alla sostituzione del bruciatore e alla sistemazione del serbatoio del combustibile.

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

La maggior parte delle apparecchiature di riscaldamento di marca è progettata per funzionare con gasolio, ovvero solarium convenzionale. Sono anche possibili varianti con l’uso di cherosene o olio combustibile, il cui potere calorifico è approssimativamente lo stesso. Per coloro che desiderano effettuare una conversione: un litro di carburante liquido equivale a 1,3 m3 gasdotto naturale. Consumo medio anche per una casa con isolamento mediocre di una superficie di 100-150 m2 è di circa 250-300 litri al mese, cioè per l’intero periodo di riscaldamento, sarà sufficiente rifornire di carburante un container con una capacità di 2 tonnellate.

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

Una caratteristica del riscaldamento a combustibile liquido può anche essere chiamata approssimativamente alla stessa efficienza delle unità della caldaia – circa il 92–95%. Gli svantaggi sono la necessità di un camino, attrezzature per un locale caldaia separato, nonché la bassa compatibilità ambientale della combustione di alcuni tipi di liquidi infiammabili.

Problemi di riscaldamento elettrico

I sistemi di riscaldamento elettrico sono attraenti principalmente per la loro alta efficienza. Se, durante la combustione del combustibile, una parte del calore viene trasportata in strada insieme ai prodotti della combustione, tutta l’energia elettrica consumata viene inevitabilmente diretta all’interno dell’edificio riscaldato. Questo è vero per tutte le numerose varietà di apparecchi di riscaldamento elettrico, tuttavia ci sono una serie di svantaggi..

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

Lo svantaggio principale del riscaldamento elettrico è lo stesso del riscaldamento a gas: in molti impianti non è semplicemente possibile fornire energia sufficiente per collegarsi alla rete cittadina. Se con apparecchiature funzionanti a combustibile combustibile, si possono ancora compensare perdite di calore significative bruciando grandi porzioni di carburante, allora non c’è nessun posto dove andare con i riscaldatori elettrici. Il rating di una macchina sigillata o un regolatore di potenza – soffitto pratico.

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

Esistono due modi per uscire da questa situazione, la prima e la più preferibile: ridurre la perdita di calore attraverso le strutture circostanti. L’isolamento degli edifici di alta qualità è un ottimo modo per risparmiare denaro con un rimborso nei prossimi 2-5 anni. Altrimenti, il problema può essere risolto solo autoalimentando la rete elettrica domestica da un generatore autonomo o utilizzando apparecchiature ad alta efficienza su pompe di calore..

Riscaldamento da fonti rinnovabili

Esistono molti metodi di riscaldamento non convenzionali che utilizzano risorse naturali rinnovabili. L’installazione di tali sistemi di riscaldamento è associata a significativi costi iniziali, ma di conseguenza, il basso costo del calore generato consente di riportare il recupero dei costi in tempi abbastanza prevedibili. Tra le fonti più realistiche per generare la nostra energia termica sono:

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

  1. Produzione di gas proprio da rifiuti organici. Lo svantaggio di questo metodo è la complessità piuttosto elevata dell’organizzazione di un impianto di generazione di gas, ma il suo periodo di ammortamento è uno dei più bassi, da 7 a 10 anni.
  2. Installazione di una fattoria solare. Questi possono essere collettori di aria o di acqua collegati al sistema di riscaldamento tramite un accumulatore di calore o pannelli fotovoltaici. Il periodo di ammortamento dell’impianto solare è di 15-30 anni, ma si dovrebbe tener conto del degrado dei pannelli solari e della necessità di espandere la fattoria nel tempo.
  3. Uso di pompe di calore con COP elevato. Prendendo calore a basso potenziale dall’ambiente o dalla crosta terrestre, è possibile moltiplicare l’ingresso di elettricità da 2 a 5 volte. Tali installazioni sono ottimali per l’uso in climi miti o vicino a fonti geotermiche. Un ulteriore vantaggio è la capacità delle pompe di calore di raffreddare l’aria della stanza in estate.

Esperienza di residenti stranieri

L’organizzazione del riscaldamento alternativo richiede prudenza e capacità di gestire in modo competente le vostre finanze. Per coloro che non sono indifferenti alla natura e cercano l’autonomia dai sistemi di alimentazione municipali, si raccomanda di prestare attenzione all’esperienza degli abitanti dei paesi vicini. La loro capacità di salvare merita rispetto: nei paesi baltici, ad esempio, è considerato abbastanza normale mantenere la temperatura generale dell’aria ambiente nell’intervallo 16-18 ° C, riscaldando completamente solo le aree più abitate delle loro abitazioni.

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

Tali estremi spesso contrastano con il desiderio di offrire a se stessi e alle loro famiglie condizioni di vita confortevoli. Un’altra opzione può essere chiamata l’introduzione di tecnologie per la costruzione passiva di edifici residenziali, ma ciò è accettabile solo per le strutture la cui costruzione non è ancora iniziata. Tuttavia, solo l’isolamento di alta qualità di una casa consente di cavarsela con apparecchiature di riscaldamento con una capacità di 2-2,5 volte inferiore rispetto a una casa senza isolamento della stessa area.

Riscaldamento di una casa privata: esiste un'alternativa al gas

La buona notizia è che non è necessario inventare nulla per ridurre i costi di riscaldamento. Le tecnologie per la protezione termica degli edifici sono state a lungo sviluppate e testate nella pratica, resta solo da adottarle e utilizzarle abilmente per fornire calore e comfort alla tua casa..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy