Perché una lavatrice o elettrodomestici da cucina scuotono?

Sezioni dell’articolo



Le reti elettriche della maggior parte degli oggetti immobiliari residenziali raramente si vantano di essere disposte nel pieno rispetto delle norme PUE e degli impianti elettrici. Per questo motivo, una scossa elettrica dal corpo di una lavatrice o di altre attrezzature da cucina è un fenomeno completamente naturale, ma allo stesso tempo è abbastanza facilmente rimovibile.

Perché la lavatrice colpisce?

Cause di potenziale pericoloso sul caso

Lavatrici, lavastoviglie, scaldabagni elettrici, forni a microonde e persino una cappa aspirante convenzionale sono tutte potenziali fonti di pericolo a causa del potenziale elettrico sull’armadio. Di norma, le conseguenze di una scossa elettrica causata da elettrodomestici sono limitate a sensazioni spiacevoli, tuttavia sussiste il rischio di gravi lesioni elettriche e pertanto tali fenomeni devono essere esclusi in ogni modo possibile..

Esistono quattro principali fonti di potenziale elettrico per gli elettrodomestici:

  1. Rottura dell’isolamento del proprio circuito di alimentazione. Questo è tipico dei vecchi elettrodomestici, molti dei quali non sono stati progettati pensando alla sicurezza elettrica..
  2. Contatto elettrico di apparecchiature con comunicazioni conduttive: tubi metallici, condotti di ventilazione, accessori di costruzione (lasceremo dietro le quinte le ragioni dell’emergere del potenziale nelle comunicazioni stesse, le daremo per scontate e combatteremo da sole le conseguenze).
  3. Tensione nel conduttore neutro di protezione, combinata con quella di lavoro senza messa a terra del punto medio.
  4. L’elettricità statica che appare a seguito della distribuzione delle cariche è un caso assolutamente sicuro, sebbene piuttosto spiacevole, di formazione di tensione sull’alloggiamento degli elettrodomestici.

Tensione sui tubi dell'acqua

Indipendentemente dalla fonte di carica accumulata, l’eliminazione dei malfunzionamenti associati al pericolo di scosse elettriche è uno degli obiettivi principali della progettazione di sistemi di elettrificazione. Se durante l’installazione della rete elettrica non sono state previste misure protettive adeguate, la responsabilità di garantire la sicurezza ricade interamente sulle spalle degli utenti..

Misure di protezione di base

Esistono due modi per proteggersi dalle scosse elettriche. Uno di questi è quello di diseccitare le apparecchiature quando l’elettricità passa attraverso il corpo umano, l’altro è quello di costruire un percorso di bypass lungo il quale l’elettricità verrà scaricata nel terreno. Il primo tipo di misure di protezione prevede l’installazione di dispositivi di protezione differenziale. Confrontano il valore quantitativo della corrente che fluisce attraverso entrambi i fili del ciclo fase zero e disconnettono l’alimentazione se questi valori non sono equivalenti..

Il dispositivo e il principio di funzionamento dell'RCDIl dispositivo e il principio di funzionamento dell’RCD

Questo metodo è abbastanza efficace in termini di sicurezza, ma non sempre conveniente. Se la tensione sulla custodia del dispositivo è dovuta alla rottura dell’isolamento, il dispositivo di protezione semplicemente non consentirà l’alimentazione. Bene, poiché il controllo dal lato del dispositivo viene effettuato solo nell’ambito della rete dell’appartamento, la protezione differenziale non salva dalla potenziale emergenza dal lato delle comunicazioni e dell’elettricità statica.

Schema di collegamento RCDSchema di collegamento RCD: 1 – macchina introduttiva; 2 – contatore; 3 – RCD tipo S; 4 – macchine; 5 – bus zero; 6 – RCD al consumatore; 7 – bus di terra; 8 – filo a tre fili

Il secondo modo per garantire un uso sicuro è quello di costruire un sistema di messa a terra, a cui sono collegate tutte le parti conduttive dei dispositivi, su cui non dovrebbe esserci potenziale elettrico. L’essenza del funzionamento di questo sistema è estremamente semplice: quando una persona si tocca, chiude il corpo del dispositivo e la terra, cioè, funge da conduttore. Se esiste un altro conduttore la cui resistenza a terra è molto più bassa, la corrente elettrica passerà già attraverso di essa. Allo stesso tempo, il fatto stesso che la corrente passa attraverso il corpo umano non è escluso, è solo che questa corrente assume un valore estremamente insignificante e non si sente fisicamente in alcun modo. Naturalmente, la messa a terra elimina l’influenza dell’elettricità statica e di fonti di terze parti, anche se in quest’ultimo caso si consiglia comunque di garantire connessioni dielettriche delle parti.

Messa a terra della caldaia di riscaldamento

Passaggio a una rete elettrica a tre fili

L’inclusione di un sistema di messa a terra nella rete elettrica richiede la presenza di un terzo conduttore nella maggior parte delle sezioni, chiamato zero di protezione. A differenza dello zero di lavoro, il filo di terra non partecipa direttamente al funzionamento della rete elettrica, serve solo per equalizzare il potenziale pericoloso tra il telaio dell’apparecchiatura e la terra. In questo caso, le correnti di dispersione fanno parte del carico totale che agisce sulla rete principale.

La capacità di lavorare utilizzando il sistema di messa a terra è prevista dalla progettazione della maggior parte degli elettrodomestici che hanno parti metalliche aperte, una potenza superiore a 1 kW, nonché quelle in cui il rischio di contatto delle apparecchiature elettriche con l’acqua è implicito nel processo. È facile distinguere questi dispositivi: la loro spina ha un terzo contatto in aggiunta ai due pin principali. Questo contatto è direttamente collegato al corpo del dispositivo, rispettivamente, il contatto di accoppiamento della presa deve essere collegato direttamente al sistema di messa a terra.

Spina e presa di messa a terra

I sistemi di alimentazione con conduttore di protezione neutro utilizzano cavi costituiti da tre conduttori. La potenza (fase e zero) viene selezionata in base al carico previsto. Il terzo nucleo può avere una sezione trasversale più piccola, viene calcolato in base alla lunghezza del conduttore e al valore di resistenza consentito tra il sistema di messa a terra e, di fatto, la Terra. Non è necessario che il conduttore di protezione scorra all’interno del cavo. Abbastanza spesso viene posato separatamente, per il quale i metodi di posa esterna sono abbastanza adatti: nel canale del battiscopa, aperto sulle basi, nella cavità delle strutture di finitura o con mattoni in uno strato di intonaco.

Messa a terra del quadro elettrico

È vietato utilizzare comunicazioni di ingegneria in metallo, come tubi di riscaldamento o sistemi di approvvigionamento idrico, come conduttore di protezione neutro. Il filo di terra deve essere in rame e nella rete di distribuzione interna è consentita una sezione trasversale di 1,5 mm2, e per il collegamento di sistemi di alimentazione e messa a terra – almeno 6 mm2. Nella rete elettrica delle imprese, è consentito sostituire i conduttori in rame con quelli in acciaio, tuttavia la loro sezione trasversale deve essere di almeno 80 mm2, in questo caso, la lunghezza massima è limitata a seconda della classe di tensione applicabile.

Cavo tripolare in rame con messa a terra

Dispositivo di loop di massa

Il punto finale di qualsiasi sistema di messa a terra artificiale è il circuito dei conduttori di terra principali. Collega il sistema di conduttori di protezione alla falda acquifera più vicina, in cui l’umidità è satura di ioni e, in effetti, è un elettrolita eccellente.

Per garantire una bassa resistenza elettrica tra la parte superiore e il conduttore di protezione, sono necessarie un’area di contatto sufficiente e una bassa resistenza dei conduttori. I principali interruttori di terra sono spesso rappresentati da prodotti laminati realizzati in acciaio di grado 3 o parti metalliche di servizi sotterranei. In quest’ultimo caso, la ricevibilità dell’utilizzo di elettrodi di terra naturali in quanto tali è determinata dal PUE.

Contorno di messa a terra della casa privata

Il sistema di messa a terra può essere montato con un metodo hammer-in o organizzato con i lavori di scavo di accompagnamento. Nel primo caso, vengono utilizzati prodotti in metallo laminato con nervature di rinforzo: angolo in acciaio, canale, Tavr. Tali prodotti possono essere spinti verticalmente verso il basso senza deformazioni, inoltre hanno una superficie esterna ben sviluppata. Quando viene interrata la messa a terra, è possibile utilizzare una lamiera di acciaio, una striscia e in generale qualsiasi oggetto metallico che sia abbastanza massiccio da esistere nello strato del suolo per diversi decenni.

Entrando a terra nella casa

L’installazione del sistema di messa a terra può essere eseguita in modo indipendente, tuttavia, il calcolo del numero, del grado di immersione e della sezione trasversale degli elettrodi principali deve essere eseguito da specialisti. Il metodo di calcolo si basa sia sul tipo e sulla resistività del suolo, sia sulla posizione del circuito principale e sulle condizioni del suo funzionamento. Ma puoi andare in un modo più semplice: inizia con 3-4 elettrodi perforando lo spartiacque di 50–70 cm, quindi aggiungili se, in base ai risultati della misurazione, la resistenza di contatto del circuito non è abbastanza bassa.

Messa a terra in condizioni di appartamento

La questione di come organizzare una rete a tre fili in strutture abitative secondarie, dove di solito l’alimentazione viene effettuata secondo un circuito a due fili, è rimasta irrisolta. Naturalmente, l’opzione migliore è quella di rinnovare la rete elettrica durante la prossima riparazione. Durante questo evento, il cablaggio a due fili nei punti giusti viene cambiato in tre fili, in parallelo, sono in corso lavori per introdurre il conduttore di protezione nell’appartamento. Ci sono due opzioni per quest’ultima..

Collegamento di terra nella schermatura

Il primo è quando il progetto di costruzione prevede la presenza di un sistema comune di messa a terra della casa. Con questa opzione, gli alloggiamenti metallici di tutti i vialetti sono collegati da un enorme bus o elementi in acciaio di strutture edili. Nel seminterrato di una casa, questo sistema contatta uno o più anelli di massa. È sufficiente collegare un conduttore aggiuntivo all’alloggiamento del deflettore nell’ingresso, quindi collegare la sua estremità opposta alla rete ramificata di conduttori neutri protettivi nella propria casa. Tuttavia, la presenza di una messa a terra locale deve essere nota in modo affidabile, altrimenti il ​​conduttore di lavoro di protezione è collegato a zero, che è solo uno dei prerequisiti per gravi scosse elettriche..

Anello a terra per un appartamento in un edificio a più piani

In alcune case non esiste un anello di massa comune, l’unica opzione è installare il proprio sistema di protezione contro le scosse elettriche. Uno dei modi migliori è quello di impostare il circuito dei principali conduttori di messa a terra utilizzando un metodo hammer-in nell’area locale di fronte a una delle finestre del tuo appartamento. Innanzitutto, è necessario ottenere l’approvazione per l’esecuzione di lavori di terra sul sito selezionato, in modo che quando gli elettrodi vengono inseriti, i servizi sotterranei non vengano danneggiati. Prima di entrare nell’appartamento, il filo viene posato lungo la parete esterna dell’edificio con un fissaggio diretto, mentre è possibile utilizzare conduttori in acciaio e rame nudo della sezione appropriata. Non è necessario tirare il filo di terra comune sul pannello dell’appartamento, è fortemente collegato al sistema di conduttori di protezione in qualsiasi momento utilizzando una scatola elettrica convenzionale.

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Perché una lavatrice o elettrodomestici da cucina scuotono?
Paesaggistica: escursione fotografica allo splendido Miracle Garden di Dubai