Aria nel sistema di riscaldamento di una casa privata

Sezioni dell’articolo



Anche piccole sacche d’aria possono interrompere il funzionamento del sistema di riscaldamento idraulico di una casa privata. Rimuovere l’aria è un compito abbastanza semplice, tuttavia richiede un approccio responsabile. In particolare, è importante conoscere le cause della congestione aerea prima di procedere alla loro eliminazione..

Aria nel sistema di riscaldamento di una casa privata

Da dove viene l’aria e quali sono le conseguenze

A prima vista, i sistemi di riscaldamento sembrano circuiti chiusi riempiti a capacità con acqua. Esistono diversi modi in cui l’aria può entrare, con evidenti conseguenze negative..

Per capire in che modo un blocco dell’aria influisce sul funzionamento del sistema di riscaldamento, considerare il tubo più comune in sezione. Se è completamente riempito di refrigerante, la sua portata in quest’area sarà uguale a quella calcolata, il che significa che tutto funzionerà come previsto dal progetto. Tuttavia, quando l’aria appare nel sistema, l’immagine cambia radicalmente: i gas sono più leggeri dell’acqua e si accumulano nella parte superiore, quindi il passaggio nominale dei tubi si riduce. Quest’ultimo porta a una diminuzione della portata, a causa della quale i dispositivi di riscaldamento situati lungo il corso del movimento del refrigerante non ricevono abbastanza calore.

Tubazioni di riscaldamento

La principale fonte di aria in un sistema idraulico chiuso sono le connessioni filettate e sigillanti, che per qualche motivo hanno perso la loro tenuta. Le perdite in questi luoghi sono scarse, ma tali difetti rappresentano un grande pericolo: poiché l’intero circuito è sigillato, quindi non solo l’acqua scorre attraverso la fistola, ma viene aspirata anche una piccola porzione di aria. Visivamente, è difficile determinare i luoghi di tali perdite: l’acqua viene rilasciata in piccole porzioni ed evapora quasi immediatamente, ma l’aria che entra all’interno si accumula gradualmente. Nonostante il passaggio nominale dei tubi nei moderni sistemi di riscaldamento sia piuttosto piccolo, in pochi giorni può formarsi una spina.

Un’altra fonte di gas è il refrigerante stesso. Nei sistemi con reintegro automatico, l’acqua viene periodicamente sostituita da acqua dolce, satura di azoto e ossigeno. Questi gas vengono rilasciati dalle bolle quando riscaldati e agitati vigorosamente. Se si utilizzano radiatori in alluminio come dispositivi di riscaldamento, durante la reazione di superfici interne con acqua può essere rilasciato idrogeno. L’intensità della reazione aumenta in presenza di abrasivi nell’acqua, rimuovendo il film protettivo di idrossido, nonché nel caso di una forte deviazione del PH dal neutro.

Antigelo per un sistema di riscaldamento domestico

Infine, l’aria durante il riscaldamento può apparire durante un rifornimento totale o parziale dell’impianto durante i lavori di riparazione. Quindi, quando i radiatori, la pompa di circolazione o altri raccordi vengono installati di nuovo, c’è una certa quantità d’aria all’interno dei dispositivi, che inevitabilmente entra nel sistema. I tubi del riscaldamento a pavimento possono servire come un’altra fonte di gas: grazie alla loro notevole lunghezza e al piccolo spessore delle pareti, possono trascinare l’ossigeno contenuto nell’ambiente.

Determinazione della posizione dell’accumulo di gas

Per eliminare una sacca d’aria, devi prima determinare il luogo della sua formazione. In totale, si possono distinguere due sezioni del sistema in cui possono formarsi le prese d’aria: si tratta di condutture e radiatori orientati orizzontalmente..

In un sistema di riscaldamento progettato e installato correttamente, i radiatori possono essere l’unico posto in cui l’aria può accumularsi. La formazione di ingorghi in essi è accompagnata dalla comparsa di rumore – il mormorio dell’acqua che scorre. Un’altra prova è l’assenza di un gradiente corretto di calo di temperatura dalla zona superiore a quella inferiore: poiché l’aria si è accumulata nella parte superiore, l’acqua non viene a contatto con le pareti e non le riscalda, ma la parte inferiore è piuttosto calda.

Aria nel radiatore di riscaldamento

È più difficile determinare se l’aria è presente nei tubi. Poiché non ci sono vortici nella sezione diritta, la formazione di una spina non è accompagnata da rumore estraneo. L’unico modo per stabilire la presenza di aria è notare una diminuzione della portata del liquido di raffreddamento. In altre parole, il riscaldamento insufficiente dei radiatori situati nella direzione di movimento del refrigerante dopo l’area problematica servirà da conferma. In questo caso, la sovrapposizione dei radiatori posizionati prima della spina non porterà ad un aumento della portata e ad un aumento della temperatura dei rimanenti dispositivi di riscaldamento..

Il problema dei controcloni

Un errore tipico nell’installazione di condotte di riscaldamento è la formazione di una specie di gobba in un’area locale. È abbastanza ovvio che quando il sistema viene riempito con acqua, si formerà un tappo nella parte in aumento del tubo, che non può essere rimosso da lì. Anche negli impianti di riscaldamento aperti, dove è presente un’uscita libera per l’aria che è entrata nel circuito, questi posti sono sempre completamente o parzialmente bloccati..

Nella classica configurazione delle condotte di riscaldamento, la rete ha sempre una pendenza verso la direzione di movimento del refrigerante, che aiuta a ridurre la resistenza idrodinamica totale delle tubazioni. Pertanto, il modo migliore per sbarazzarsi di contro-pendenze è esaminare l’intera struttura e stabilire i luoghi in cui viene violata questa regola, quindi reinstallare i tubi in conformità con i requisiti.

Pendenza del tubo di riscaldamento

Tuttavia, non è sempre possibile farlo: le aperture possono interferire con la modifica della posizione dei tubi e tale lavoro è quasi sempre associato al rischio di danni ai rivestimenti di finitura. L’unico modo per sbarazzarsi dell’aria in queste aree è utilizzare un collegamento bagnato del ramo verticale. Questo viene fatto in questo modo: un morsetto con una valvola a sfera imballata sulla sua uscita è montato sul tubo. Quando il rubinetto è aperto, viene praticato un foro nel tubo, quindi lo strumento viene rimosso dal tubo e il rubinetto si chiude immediatamente.

Taglio del tubo

Valvole di sfiato automatiche

Nei sistemi con una posizione superiore della linea di alimentazione, esiste un punto più alto comune, a cui è diretta tutta l’aria generata in qualsiasi parte del sistema. L’installazione di una valvola automatica in questo posto aiuterà a risolvere il problema della congestione dell’aria una volta per tutte..

È necessario capire che tali valvole funzionano sotto pressione eccessiva e quindi ha senso installarle solo per sistemi di riscaldamento chiusi, mentre in quelle aperte il vaso di espansione fa un ottimo lavoro con questa funzione. Inoltre, un requisito obbligatorio per l’installazione di una valvola di spurgo è la corretta organizzazione della pendenza della tubazione: se c’è una contro-pendenza in qualsiasi punto della tubazione di alimentazione o di ritorno, l’aria semplicemente non raggiungerà il punto in cui viene automaticamente rimossa.

Presa d'aria automatica nell'impianto di riscaldamento

Le valvole di spurgo nascondono all’interno un meccanismo piuttosto delicato e sensibile. La loro installazione deve essere eseguita su un ramo verticale dal punto più alto, lungo circa 10-15 cm. Un filtro per fango deve essere installato davanti alla valvola di spurgo per impedire l’ingresso di piccoli detriti nel meccanismo. Possono esistere diversi dispositivi di sfiato automatico, ad esempio in sistemi con cablaggio a fascio, che sono installati su ciascun collettore, cioè in diversi punti più alti del sistema..

Presa d'aria sul collettore

Aria di spurgo dai radiatori

Per eliminare le chiusure d’aria nei radiatori, devono essere previsti raccordi speciali. I rubinetti manuali di Mayevsky per lo spurgo dell’aria sono installati in una delle prese del radiatore superiore. Se si utilizzano entrambi i rubinetti per collegare i tubi, una valvola di spurgo viene installata nel ramo attraverso un raccordo a T che punta verticalmente verso l’alto. In questo caso, la valvola deve essere installata nella direzione del flusso dopo il radiatore.

Gru Mayevsky

Per spurgare l’aria, è necessario aumentare la circolazione del liquido di raffreddamento, portando la pompa alla modalità di prestazione massima. Successivamente, la valvola viene leggermente aperta per 1-2 giri, il sibilo caratteristico indica il rilascio di aria. Dopo che il flusso d’aria si è asciugato, altri 100-150 ml di acqua vengono scaricati dal sistema e il rubinetto è chiuso.

Rimozione di aria dal radiatore di riscaldamento

In alcuni casi, accade che un airlock interferisca con l’uscita dell’altro. In questo caso, il radiatore si riscalda normalmente per un po ‘di tempo, ma nel tempo la portata del liquido di raffreddamento al suo interno è nuovamente limitata dal tappo appena formato. Il trattamento è semplice: ripetere l’operazione di sanguinamento a intervalli di diverse ore fino a quando un flusso diretto di liquido senza bolle inizia a fluire dal rubinetto.

Come prevenire gli ingorghi

L’aria può anche entrare nel sistema in modalità di ricarica completa o parziale. Se il liquido di raffreddamento è stato completamente scaricato dal sistema, deve essere riempito con una prevalenza minima. Allo stesso tempo, si consiglia di attendere fino a quando il livello dell’acqua nel sistema copre i radiatori e accendere la pompa di circolazione più volte per 5-10 secondi, fornendo un movimento limitato del liquido di raffreddamento, a causa del quale vengono eliminate le piccole sacche d’aria che si accumulano nella parte superiore dei tubi su aree piane. Nei sistemi di riscaldamento chiusi nel punto più alto, è necessario prevedere una valvola per l’uscita dell’aria, che viene sostituita dall’acqua..

Test di pressione del sistema di riscaldamento

Se qualche elemento del sistema: una pompa, un radiatore o una freccia idraulica, è stato temporaneamente smontato senza scaricare completamente il liquido di raffreddamento, è necessario reinstallarlo con un riempimento locale. In questo caso, uno dei tubi di connessione superiori non viene immediatamente sigillato, invece, il rubinetto si apre nel punto di connessione inferiore, il volume interno del dispositivo viene riempito di acqua e la maggior parte dell’aria fuoriesce dalla connessione superiore che perde.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy