Cremagliera fai-da-te in bagno

Sezioni dell’articolo



Grazie alle loro elevate qualità decorative e operative, i controsoffitti realizzati con materiali resistenti all’umidità sono il tipo più popolare di decorazione per il bagno. Ma quando si confrontano i vantaggi di diversi sistemi, si può distinguere un leader: i soffitti a cremagliera. Non ultimo ruolo è svolto dalla facilità di installazione con le tue mani..

Cremagliera fai-da-te in bagno

Vantaggi rispetto ad altri tipi di soffitti

L’elevata umidità (fino alla condensa) limita la scelta dei materiali per i rivestimenti del soffitto del bagno. In realtà, possono essere considerati quattro tipi:

  • colorazione classica con vernici resistenti all’umidità;
  • soffitto teso;
  • sistema di sospensione realizzato con rivestimento in PVC;
  • soffitto a cremagliera.

Il metodo di finitura più economico è la verniciatura. Ma questo è solo se la superficie del pavimento è perfettamente piana, nessuna differenza nei livelli delle lastre adiacenti. Se questa condizione non viene soddisfatta, il soffitto dovrà essere livellato con intonaco e mastice. Nonostante l’apparente semplicità, è piuttosto difficile farlo da soli. Ma questo non è il principale svantaggio: i cambiamenti di umidità e temperatura hanno un cattivo effetto su intonaco e stucco..

Cremagliera fai-da-te in bagno

I soffitti tesi (PVC e tessuto) resistono bene all’umidità elevata e non richiedono lavori bagnati. Ma per l’installazione di fogli di PVC con il metodo arpione, è necessaria una fase preparatoria nelle condizioni dell’officina (taglio e fissaggio precisi dell ‘”arpione”). Anche l’uso di fermagli o il serraggio a cuneo del nastro nel profilo di montaggio richiede comunque il riscaldamento del nastro con una pistola termica o un asciugacapelli industriale. È molto difficile installare un soffitto teso con le proprie mani senza esperienza e competenze professionali. Vale anche la pena aggiungere che i soffitti tesi escludono la ventilazione naturale dello spazio tra il soffitto e la tela, e questo può portare alla comparsa di funghi lì.

Cremagliera fai-da-te in bagno

Il controsoffitto realizzato con rivestimento in PVC ha una struttura piuttosto voluminosa. L’uso di una barra di legno come stecca per un bagno non è raccomandato e l’installazione di un profilo metallico e pannelli di fissaggio non è la procedura più semplice.

Cremagliera fai-da-te in bagno

I controsoffitti a cremagliera sono leggeri e dal design semplice. Non sono sensibili alla corrosione e all’attacco di funghi. La superficie lucida, che riflette la luce, aggiunge visivamente volume al bagno, spesso di piccole dimensioni e con soffitti bassi. La rotaia metallica si combina perfettamente con valvole idrauliche, accessori e materiali di qualsiasi tipo di apparecchio (mortasa e parete). E la semplice tecnologia di installazione semplifica il lavoro da soli.

Cremagliera fai-da-te in bagno

Scelta

Anche nella fase di scelta di un modello, è possibile ottimizzare i costi per l’acquisto di un limite del fiume. La lunghezza più comune è di 3 metri, ma ci sono altre opzioni. Pertanto, è meglio fermarsi a quello che darà la quantità minima di rifiuti. Ad esempio, se una delle dimensioni del bagno è inferiore a due metri e questo accade abbastanza spesso, allora dovresti prestare attenzione ai set con una lunghezza della guida di 4 metri..

Lo spessore dei pannelli influenza gli indicatori di resistenza e il costo dipende anche da esso. Per un bagno è sufficiente uno spessore di 0,4-0,5 mm.

Cremagliera fai-da-te in bagno

Consigli.Quando si sceglie un soffitto a doghe per un bagno, è meglio optare per modelli di tipo aperto. Forniscono un elevato livello di ventilazione naturale e sono consigliati per ambienti con elevati livelli di umidità. In alternativa, è possibile scegliere un soffitto a doghe di tipo chiuso con pannelli forati.

A seconda dell’altezza della stanza e del tipo di plafoniere, viene scelto un sistema di montaggio.

Se vengono forniti apparecchi da incasso, il soffitto a doghe è più facile da montare su traverse fissate a sospensioni regolabili..

Cremagliera fai-da-te in bagno

Gli apparecchi a plafone o sospensione consentono il montaggio diretto di traverse direttamente sulla soletta, riducendo al minimo la perdita di altezza del soffitto.

Preparazione per l’installazione

Un soffitto a doghe, come un soffitto teso, presenta un vantaggio significativo: il suo profilo di supporto è montato su pareti con un rivestimento di finitura. Ciò significa che l’installazione può essere eseguita in qualsiasi momento, non solo durante le riparazioni..

Nonostante il fatto che la superficie del pavimento non richieda il livellamento, sono necessari lavori preparatori:

  • togliere il vecchio rivestimento;
  • adottare misure preventive contro funghi e muffe;
  • sigillatura di fessure;
  • Primer.

Cremagliera fai-da-te in bagno

Consigli.È meglio scegliere un primer con un antisettico.

Prima di eseguire l’installazione dei profili di supporto, è necessario determinare il punto inferiore della sovrapposizione rispetto al pavimento (se, ovviamente, ha un livello comune). La profondità del futuro soffitto viene misurata da esso e si ottiene un punto di riferimento, da cui una linea viene rimbalzata lungo le pareti per fissare i profili angolari (supporti per doghe).

La direzione dei traversi e la posizione dei loro punti di attacco sul pavimento è perpendicolare alla direzione delle doghe, poiché i traversi svolgono lo stesso ruolo nel soffitto a doghe dei listelli per il rivestimento. La scelta della direzione delle doghe dipende dalla geometria del bagno, dalla fonte di luce naturale (se c’è una finestra), dalla porta d’ingresso e dalle soluzioni generali di design degli interni del bagno.

Cremagliera fai-da-te in bagno

La prima linea per il fissaggio delle traverse al pavimento è a 40 cm dal muro. Il passo dei punti di attacco è fino a 50 cm. La distanza tra le traverse non è superiore a 120 cm.

Consigli.La marcatura dei punti di attacco dei traversi sulla soletta del pavimento è pianificata in modo che siano distanziati in modo approssimativamente uniforme.

Alla fine della marcatura, vengono praticati dei fori (nelle pareti per i profili di supporto, nel soffitto per le traverse) e procedere con l’installazione.

Montaggio

I profili angolari vengono prima attaccati alle pareti: le doghe poggeranno su di esse durante il fissaggio ai traversi e la regolazione del livello.

Le dita sono montate. Regola il livello di ciascuno di essi lungo la linea di attacco e il livello generale l’uno rispetto all’altro.

Cremagliera fai-da-te in bagno

Il primo pannello viene quindi tagliato alla lunghezza. Dovrebbe essere leggermente più corto delle dimensioni del bagno e avere un piccolo spazio tra il bordo e la parete su ciascun lato (per compensare l’espansione termica del metallo).

Inserire la guida nei profili di supporto, agganciarli ai cosciali e, se necessario, regolare il livello con i ganci.

Cremagliera fai-da-te in bagno

Consigli.Se la geometria del bagno è semplice, le pareti sono allineate e gli angoli sono ridotti di 90 °, quindi è possibile effettuare un taglio professionale delle doghe (alcuni venditori offrono questo servizio).

Il resto del soffitto a doghe è montato allo stesso modo, controllando periodicamente il livello.

Gli apparecchi vengono installati durante l’installazione del soffitto del rack. Per gli apparecchi da incasso, viene praticato un foro, che si concentra sulla dimensione dell’anello decorativo e il suo centro dovrebbe essere sull’asse del binario. Incorporati per apparecchi a sospensione e a plafone sono disposti secondo lo stesso principio.

Cremagliera fai-da-te in bagno

L’ultimo pannello viene tagliato alla larghezza richiesta (tenendo conto dello spazio di espansione), il bordo tagliato viene inserito nel profilo angolare e agganciato alla traversa.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy