Il tempio principale di San Pietroburgo – Cattedrale di Kazan

Sezioni dell’articolo



Entrando per la prima volta in Vaticano sulla piazza di fronte alla Basilica di San Pietro, molti piemontesi provano la sensazione, spesso descritta dalla parola francese deja vu o in russo: “L’ho già visto da qualche parte”. E questo non sorprende: il colonnato che circonda l’edificio del famoso tempio di Roma assomiglia, seppur in modo molto remoto, alle sottili file di colonne della Cattedrale di Kazan a San Pietroburgo.

Questo tempio di San Pietroburgo è giustamente considerato la principale cattedrale ortodossa della capitale settentrionale, essendo anche uno dei più grandi e, secondo l’opinione di molti ospiti e residenti della città, il più bello.

Un esempio dello stile architettonico classico, un monumento alla gloria militare dei soldati russi, il luogo di sepoltura del feldmaresciallo Kutuzov, il luogo di deposito di trofei di guerra e chiavi delle città prese dalle truppe russe, la Cattedrale di San Pietroburgo e l’ex Museo di Storia della Religione e dell’ateismo – tutto questo è la Cattedrale di Kazan.

La sua influenza sulla storia di San Pietroburgo è così grande che il tempio ha dato il nome sia all’isola di Kazan nel delta della Neva, alla via Kazanskaya, sia al ponte omonimo, che collega le isole Spassky e Kazan attraverso il canale Griboedov nel quartiere centrale della città.

Il tempio principale di San Pietroburgo - Cattedrale di Kazan Vista della Cattedrale di Kazan dalla Prospettiva Nevsky

Un po ‘di storia

Qualsiasi residente di San Pietroburgo direbbe con grande piacere che fu la Cattedrale di Kazan a diventare il prototipo della Cattedrale di San Pietro a Roma, tuttavia, ovviamente, in realtà, tutto è successo esattamente il contrario..

La cattedrale di San Pietroburgo fu fondata nel 1801 sul sito dell’antica chiesa della Natività del Santissimo Theotokos, mentre la storia del tempio romano risale a più di quattrocento anni fa. A proposito, fu in questa chiesa di corte con una semplice cupola di legno, eretta nel 1737 in un magnifico stile barocco, che Tsarevich Pavel Petrovich si sposò nel 1773, questo tempio fu anche il luogo in cui furono celebrate molte vittorie dell’esercito russo, tanto che la Cattedrale di Kazan divenne una vera e propria successore della Chiesa della Natività della Beata Vergine.

L’imperatore Paolo I, che sperava di trasformare San Pietroburgo in un nuovo centro religioso mondiale organizzando un concorso per progetti per costruire una nuova cattedrale sul sito della chiesa di corte, sperava che il tempio sarebbe diventato una copia quasi esatta della Cattedrale di San Pietro, ma le speranze dell’autocrate non erano destinate a diventare realtà.

Sì, a prima vista c’è una somiglianza, ma la Cattedrale di Kazan, come nota l’egumeno Alexander (Fedorov), un discendente dell’architetto della cattedrale, apre in modo ospitale le sue “ali” – file di sottili colonne – di fronte a visitatori e pedoni che passano lungo la Prospettiva Nevsky, mentre il tempio romano, al contrario, si nasconde dietro il colonnato, una forma leggermente più arrotondata, quasi chiusa.

Il tempio principale di San Pietroburgo - Cattedrale di Kazan Colonnato della Basilica di San Pietro, Vaticano

Il concorso per progetti per la costruzione della chiesa di San Pietroburgo iniziò nel 1799; tali illustri maestri di quel tempo come gli architetti P. Gonzaga, D. Trombara, C. Cameron e J. Thomas de Thomon presentarono le loro opere. Tuttavia, Pavel Petrovich non ha approvato nessuno dei progetti proposti dai maestri..

Solo un anno dopo, il conte Alexander Sergeevich Stroganov portò all’imperatore Paolo I il progetto del suo ex servo, all’epoca poco noto architetto Andrei Nikiforovich Voronikhin. Di conseguenza, fu questo progetto che fu approvato e nel 1801, per volere e con la presenza personale di Alessandro I, che aveva già preso il trono di suo padre, ebbe luogo la posa della prima pietra della futura cattedrale..

La costruzione della chiesa sulla Prospettiva Nevsky è durata dieci anni, il che non è troppo lungo per strutture così grandi. Un ritmo di costruzione così rapido era in gran parte dovuto alla vigorosa attività di Andrei Voronikhin, che, secondo i contemporanei, viveva letteralmente in cantiere, sviluppando personalmente progetti di chiatte per la consegna della pietra e controllando tutte le fasi della costruzione. Per l’ex servo, che fino ad allora era impegnato solo nella decorazione d’interni del Palazzo Stroganov (che apparteneva al suo patrono e ora un ramo del Museo russo) e nella ricostruzione della dacia Stroganov, la costruzione della Cattedrale di Kazan divenne l’occasione per realizzare il suo progetto più ambizioso.

Il tempio principale di San Pietroburgo - Cattedrale di Kazan Palazzo Stroganov, vista dalla Prospettiva Nevsky

A proposito, molti credevano che Voronikhin fosse il figlio illegittimo del conte Stroganov. In effetti, perché altrimenti un nobile dovrebbe così patrocinare un giovane sconosciuto – mandarlo all’estero per studiare, assumere i migliori insegnanti di pittura di icone e, alla fine, dargli libertà? Il pro-pro-pro-pronipote di Voronikhin, padre Alexander, confuta tali assunzioni. Bene, il conte non poteva semplicemente discernere il talento del futuro architetto e non risparmiare denaro per il suo sviluppo??

Comunque sia, la Cattedrale di Kazan divenne il progetto più famoso di Andrei Voronikhin, che morì nel 1814. Dopo il completamento della costruzione, l’imperatore concesse personalmente all’architetto l’Ordine di San Vladimir di quarto grado, e dopo la consacrazione del tempio in onore della venerata lista dell’icona miracolosa e riverita della Madre di Dio di Kazan, Voronikhin ricevette l’Ordine di Sant’Anna di secondo grado e una pensione a vita.

La costruzione della cattedrale costò al tesoro 4,7 milioni di rubli e i lavori di rifinitura all’interno durarono fino al 1829, quando il tempio era già diventato un monumento di gloria militare e un luogo per conservare i trofei della guerra del 1812.

Le colonne e la facciata della Cattedrale di Kazan erano affrontate con la cosiddetta pietra di Pudozh, che fu estratta nella regione di Gatcina. Dicono che all’inizio era così morbido da poter essere facilmente tagliato con un normale coltello, ma col tempo si è indurito. Tuttavia, la pietra di Pudozh si è rivelata molto capricciosa per le tecnologie di restauro e ha causato molti disagi durante le riparazioni successive..

I primi lavori di riparazione furono eseguiti nella Cattedrale di Kazan nel 1844-1845, quindi nel 1862-1865 furono eseguiti lavori di restauro di dipinti murali e campioni.

Il 18 gennaio 1921, il metropolita Benjamin (Kazan) consacrò il cosiddetto altare laterale invernale “grotta”, che porta il nome del santo martire Hermogen, ex patriarca di Mosca. In generale, dopo la rivoluzione, la Cattedrale di Kazan, ovviamente, non sfuggì al destino di numerosi templi e chiese saccheggiati e divenne proprietà dello stato. Pertanto, l’interno dei locali della cattedrale fu gravemente danneggiato durante la requisizione di oggetti di valore effettuata nel 1922, e nel 1932 il tempio fu chiuso e ribattezzato Museo dell’ateismo e della religione.

Poiché la cattedrale di Kazan è stata gravemente danneggiata durante il blocco di Leningrado da incursioni aeree e bombardamenti, nel 1964-1968 furono eseguiti lavori di restauro su larga scala per rinnovare l’edificio.

I servizi divini non si svolsero nella Cattedrale di Kazan fino al 1991, solo nel 1994 la croce fu nuovamente sollevata sulla cupola e la piena consacrazione del tempio fu eseguita nel 1998.

Oggi la Cattedrale di Kazan è la cattedrale della diocesi di San Pietroburgo della Chiesa ortodossa russa, ha ricevuto questo status nel 2000.

Il tempio principale di San Pietroburgo - Cattedrale di Kazan Illuminazione della Cattedrale di Kazan

Fatti e leggende interessanti

Ci sono molti fatti e leggende interessanti nella storia della Cattedrale di Kazan. Alcuni di loro furono successivamente confermati, altri, al contrario, furono sfatati dagli storici.

Ad esempio, si ritiene che Voronikhin, creando un progetto per la costruzione della Cattedrale di Kazan, al fine di enfatizzare il carattere nazionale dell’edificio, abbia deciso di dare alla cupola la forma del famoso cappello Monomakh. Non è noto se questo sia così, ma la somiglianza esterna è certamente visibile..

Una delle leggende più “di alto profilo” dell’edificio è associata alla sepoltura di Kutuzov – poiché il feldmaresciallo morì improvvisamente, mentre su una delle strade militari in Slesia, nella piccola città di Bunzlau (ora la Boleslawiec polacca), le autorità dovevano risolvere urgentemente la questione del trasporto del corpo a casa … Il corpo di Mikhail Illarionovich fu immediatamente imbalsamato, la strada dalla Prussia impiegò quasi due mesi, Alessandro il Primo decise di dare al maresciallo di campo i più alti onori e di seppellirlo nella Cattedrale di Kazan. Dopo qualche tempo, è apparso la voce che il cuore di Kutuzov riposa separatamente – nel cimitero di Tillendorf, a soli tre chilometri da Bunzlau. Presumibilmente, morendo, Kutuzov ordinò di lasciare il suo cuore in Prussia in modo che i soldati russi che combatterono in Slesia sapessero che il feldmaresciallo era ancora con loro.

Il tempio principale di San Pietroburgo - Cattedrale di Kazan Ritratto del feldmaresciallo Kutuzov di R. M. Volkov

Questa voce fu così tenace che nel 1913, quando il paese celebrò il centenario della morte del principe Kutuzov, durante uno degli incontri della Società storico-militare di Mosca, si prese seriamente in considerazione la questione di riportare il cuore del maresciallo di campo nella sua terra natale. Per oltre un secolo e mezzo, questa versione fu supportata da fonti solide come la Grande Enciclopedia Sovietica.

Fu solo nel 1933 che le voci sulla sepoltura prussiana furono dissipate. Come sapete, il governo sovietico non si distinse per il grande rispetto per le tombe antiche e Sergei Kirov, che a quel tempo era il primo segretario del Comitato provinciale di Leningrado, incaricò una commissione appositamente creata di aprire il sarcofago e scoprire esattamente se il cuore del grande comandante fosse a posto. La commissione aprì il sarcofago e si scoprì che la voce aveva ancora dei motivi – il cuore del maresciallo di campo era sepolto qui, ma separatamente dal corpo – in una nave d’argento cilindrica. A proposito, come hanno testimoniato i presenti, a differenza del corpo completamente in decomposizione, il cuore imbalsamato era perfettamente preservato.

Il tempio principale di San Pietroburgo - Cattedrale di Kazan La tomba di M.I. Kutuzov nella cattedrale di Kazan

Un altro fatto interessante: poiché alle autorità dell’URSS piaceva nascondere le loro azioni al popolo, la scoperta della commissione non fu annunciata ufficialmente, e anche durante la seconda guerra mondiale, i soldati sovietici che si trovavano nelle vicinanze di Bunzlau decisero di dare il massimo dei voti al cuore di Kutuzov, credendo che fosse al cimitero locale.

Fu nella Cattedrale di Kazan nel 1913 che fu celebrato solennemente l’anniversario della dinastia dei Romanov – il 300 ° anniversario della famiglia – e fu celebrato un festoso servizio divino. Sfortunatamente, gli organizzatori delle celebrazioni non sono riusciti a prevedere che un tale numero di persone sarebbe arrivato e 34 persone sono morte nella fuga (solo secondo la versione ufficiale). Certo, la voce vide immediatamente questo come un brutto segno per la dinastia regnante, e questo è esattamente il raro caso in cui aveva ragione – prima degli eventi del 1917, i Romanov non avevano molto.

La leggenda è anche associata al santuario principale della Cattedrale di Kazan – la venerata copia dell’icona di Kazan della Madre di Dio. Precedentemente apparteneva alla zarina Praskovya Feodorovna, la vedova dello zar Ivan V, fratellastro di Pietro il Grande, poi ispirò la milizia popolare, guidata dal principe Pozharsky, e fu custodita nella chiesa di corte della Natività della Vergine. Dopo che il tempio fu chiuso nel 1932 e trasformato in museo, il santuario cambiò molte volte il suo “luogo di residenza” e tornò alla cattedrale solo nel 2001. Alcuni storici sostengono che le autorità sovietiche hanno venduto l’icona preziosa e quella attuale è una copia ordinaria con scarso valore. Furono nominati anche i luoghi possibili del santuario: il tempio di Uniate a Fatima (Portogallo) e persino la cappella della casa del Papa.

Solo numeri

L’altezza della Cattedrale di Kazan è di 71,5 metri, la larghezza è di 56,7 metri, la lunghezza totale è di 72,5 metri e la lunghezza di ciascuna delle maestose ali del colonnato è di 42,7 metri.

Il colonnato della facciata nord è composto da 96 colonne.

Altre 56 colonne, realizzate in granito rosa finlandese, estratte nel nord della Carelia, con capitelli dorati e ordini corinzi, sono installate all’interno del tempio. Il peso di ogni colonna è di circa 30 tonnellate e l’altezza è di 10,7 metri.

Il tempio principale di San Pietroburgo - Cattedrale di Kazan Interno della parte centrale della Cattedrale di Kazan

Il fronte dell’iconostasi della cappella principale prese 40 libbre di argento, che fu preso dai francesi e inviato a Pietroburgo dal Don Ataman M.I. Platov. Dopo la rivoluzione, l’iconostasi d’argento è andata perduta, ora il rivestimento è stato completamente restaurato..

Per costruire la cattedrale, furono demolite 11 case private, che rimasero sulla Prospettiva Nevsky fino al 1801.

Il tempio ha tre ingressi: il nord (dal lato della Prospettiva Nevsky), il principale ovest (dalla via Kazanskaya) e il sud. Di fronte all’ingresso principale della Cattedrale di Kazan, c’è una piccola piazza, che è delimitata da un semianello di un reticolo di ghisa lungo circa 171 metri.

Nel 1813-1814 furono esposti al pubblico 107 stendardi per trofei dell’esercito francese e gli standard dei reggimenti sconfitti dell’esercito di Napoleone, oltre a 93 chiavi di città, fortezze e castelli presi dall’esercito russo e il personale del maresciallo Davout. Nel 1914, la maggior parte della collezione militare fu trasferita al Museo storico di Mosca.

Nel 1837, in onore del 25 ° anniversario della vittoria nella guerra patriottica, i monumenti a Mikhail Kutuzov e Barclay de Tolly furono eretti davanti alla Cattedrale di Kazan e Alessandro il Primo annunciò il suo desiderio di immortalare l’immagine dei leader militari nel 1818.

Nel 1893, il servizio funebre per il compositore P.I.Tchaikovsky fu tenuto nella Cattedrale di Kazan.

Il tempio principale di San Pietroburgo - Cattedrale di Kazan Monumento a M.B. Barclay de Tolly di fronte alla Cattedrale di Kazan

E infine – una leggenda molto bella (anche se un po ‘pessimistica) è associata a piedistalli vuoti situati a destra e a sinistra del colonnato principale. In realtà, ciò è dovuto al fatto che il progetto di Andrei Voronikhin non fu mai completamente completato – secondo il suo piano, questi luoghi dovevano essere occupati da figure in bronzo di arcangeli (le loro copie in gesso furono realizzate, che furono completamente fatiscenti dopo alcuni anni). La gente credeva che fino a quando un politico saggio, ragionevole, giusto e onesto non apparisse in Russia, questi piedistalli saranno così vuoti. Come puoi vedere, non ce ne sono ancora nel nostro paese..

Ma la stessa Cattedrale di Kazan rimane uno degli ornamenti più belli della Prospettiva Nevsky e il tempio principale della capitale settentrionale, suscitando ammirazione per le sue graziose colonne, la sua imponenza e l’aura unica.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy