Attrezzature tecniche e selezione di attrezzature per un bagno turco

Sezioni dell’articolo



Dall’articolo imparerai quali dispositivi e dispositivi sono necessari per il corretto funzionamento del bagno turco. Vi parleremo di ciò che è necessario e di come funziona ogni unità dell’attrezzatura tecnica del locale caldaia hamam. L’articolo contiene una tabella con i prezzi per l’elemento principale: un generatore di vapore.

Attrezzature tecniche e selezione di attrezzature per un bagno turco

L’azione del bagno turco si basa sul mantenimento di una temperatura elevata costante (30-40 ° C) con una piccola gamma di gocce di 10 ° C. In altre parole, dovrebbe essere moderatamente caldo nel bagno turco di hammam – in modo che qualsiasi persona, anche con cattive condizioni di salute, possa normalmente sopportare un lungo soggiorno lì. Per creare e supportare tale regime, è necessaria una serie di attrezzature speciali..

Pavimento, pareti, panche – riscaldamento per contorni

La condizione principale per il bagno turco è il costante calore uniforme (circa 40-42 ° C) in ogni punto della stanza. Si ottiene a condizione che tutti gli elementi del bagno turco siano uniformemente riscaldati, il che è praticamente impossibile con una singola fonte di calore (come in un bagno o sauna russo). Pertanto, ogni elemento di base – pavimento, pareti, panche – necessita di riscaldamento interno individuale..

È questa condizione più importante che, nella maggior parte dei casi, avvia la costruzione di hamam da zero. Di solito i costruttori hanno solo pareti nude a loro disposizione, che in seguito si trasformeranno in un interno chic del bagno..

Un’altra sfumatura è la forma della stanza. Il soffitto del bagno turco deve essere a cupola, almeno 2,8 m nel punto più alto. Le volte lisce delle pareti consentiranno alla condensa del vapore di defluire liberamente lungo le pareti. Quando decidi di costruire un hamam, assicurati di considerare questo fattore..

Apparecchiature di riscaldamento

Nella hamam, vengono sempre utilizzati solo interni in pietra ed elementi di arredo. Il motivo è semplice: la pietra mantiene bene la temperatura e ciò consente di mantenerla costantemente a un determinato livello con un consumo di energia relativamente basso.

Poiché il bagno è sempre associato alle procedure idriche e al consumo di acqua, è razionale eseguire il riscaldamento nascosto del bagno turco con riscaldamento dell’acqua ad alta capacità, che non differirà dal noto “pavimento caldo”.

Attrezzature tecniche e selezione di attrezzature per un bagno turco

Per installarlo avrai bisogno di:

  1. Tubo scambiatore di calore – in base alla parete e al pavimento, caratteristiche di design.
  2. Collettore (“pettine”) per la chiusura dei circuiti.
  3. Pompa di circolazione.

L’hamam è collegato al sistema di riscaldamento domestico (alla caldaia principale). Il riscaldamento di un tale bagno “da zero” richiederà un consumo di energia e può richiedere fino a 3 ore, ma ricorda che la pietra nella finitura ti permetterà di mantenere la temperatura “con poco sforzo” per lungo tempo.

Generatore di vapore – “cuore” dell’hamam

Ogni bagno ha il suo “reattore” – stufa, camino o solo un fuoco. Nell’antico hamam, era un’enorme vasca di acqua bollente che poteva trovarsi proprio nel mezzo di un bagno turco. I fuochisti di una tale caldaia sono stati preparati per anni.

Oggi questo elemento voluminoso sostituisce funzionalmente un dispositivo compatto: un generatore di vapore. Il principio di funzionamento rimane lo stesso: la creazione di vapore caldo dall’acqua bollente. Chiunque può ripararlo dopo l’installazione.

Attrezzature tecniche e selezione di attrezzature per un bagno turco

Qual è la differenza tra il riscaldamento a vapore di un hamam e altri tipi di bagni? La sauna prevede un riscaldamento “a secco”, senza vapore, il che significa che è incomparabile con l’hamam: si tratta di procedure fondamentalmente diverse. Il riscaldatore della sauna del bagno russo è lo stesso generatore di vapore, aperto solo, ma il vapore da esso attacca una persona con una temperatura di 80-110 ° C (contro 60–80 ° C all’hamam) – non tutti sono in grado di gestire una tale “pressione”.

Il generatore di vapore fornisce una temperatura uniforme e un’umidità elevata costante, il che significa che deve essere dotato di sensori di questi indicatori e di un pannello di controllo. L’unità stessa, come tutte le attrezzature tecniche, si trova nel locale caldaia (all’esterno del bagno turco). Un’altra sfumatura è che gli ugelli del vapore devono essere posizionati nella parte inferiore della panca, a 100 mm dal pavimento. Questo deve essere preso in considerazione quando si considera la costruzione di un bagno turco secondo il proprio progetto..

Esempio di calcolo nella scelta di un generatore di vapore

Potenza: l’indicatore principale del generatore di vapore, viene selezionato in base al volume della stanza. L’altezza richiesta del bagno turco è di almeno 2,8 m, con un’area minima di 2×2 m (4 m2) il volume dell’aria sarà di circa 12 m3. Per riparare tale stanza, la potenza minima del dispositivo è sufficiente – 2 kW. Di conseguenza, per ogni 1 m aggiuntivo3 dovrai aggiungere almeno 0,2 kW.

Va notato che stiamo parlando di dispositivi ad alte prestazioni: i generatori di vapore per le cabine doccia e le saune degli appartamenti potrebbero essere di potenza inferiore.

Tabella: prezzi per generatori di vapore

Modello fabbricante potenza, kWt Alimentazione, V Capacità dell’aroma Prezzo, cu e.
Generatore di vapore PGN Russia 2 220 non 330
UTH-170R Russia cinque 220 non 330
Generatore di vapore “Professional” Russia 4/6 220 opzione 430/460
Generatore di vapore “Professional” Russia 8 380 c’è 490
Helo HNS 47 T1 Finlandia 4.7 220 c’è 745
Helo HNS 60 T1 Finlandia 6.0 380 c’è 770
Helo HNS 77 T1 Finlandia 7,7 380 c’è 810
Helo HNS 95 T1 Finlandia 9.5 380 c’è 850
Harvia SS-20 Finlandia 2 220 c’è 925

Altre apparecchiature della caldaia

Caldaia. Quando si accende il riscaldamento dell’hamam nell’acqua calda sanitaria esistente o nel sistema di riscaldamento, sarà richiesto un ulteriore calcolo della potenza, e possibilmente l’installazione di una caldaia aggiuntiva. In media, un bagno turco di dimensioni minime (2x2x3 m) consuma 0,5-1 kW di energia termica nel sistema di manutenzione e 2-3 kW quando si visita un bagno turco. Ulteriori calcoli possono essere convertiti in consumo specifico per 1 m2 area riscaldata, 1 m3 il volume del bagno turco o 1 in funzione. m di conduttura di riscaldamento.

C’è un modello – per il riscaldamento ogni 1 m aggiuntivo3 10-15% in meno di energia viene spesa. Cioè, per 12 m3 hai bisogno di 1 kW, per 24 sarà sufficiente 1,8 kW, per 36 m3 – 2,3 kW, ecc..

Collettori e pompa di circolazione. Questa apparecchiatura ripete esattamente il sistema “pavimento caldo”:

  1. Collettore per un determinato numero di circuiti (con valvole di ritegno).
  2. Pompa di circolazione con capacità dipendente dalla lunghezza della tubazione e dal flusso d’acqua.
  3. Misuratori di portata per ciascun circuito – per regolare la temperatura del circuito.

filtri. Qui tutto è semplice: migliore è l’acqua preparata per il generatore di vapore, più a lungo durerà. I filtri grossolani sono sufficienti per la preparazione dell’acqua nei circuiti (se non sono disponibili nelle prime fasi della fornitura di acqua).

Automazione e controllo. I moderni generatori di vapore dispongono di manipolatori remoti o wireless che consentono di controllare la modalità operativa dal bagno turco. L’impostazione dei circuiti viene solitamente eseguita dal locale caldaia mediante valvole. Il sistema di controllo può anche essere computerizzato con il controllo vocale: la complessità dipende solo dalla quantità di investimento.

Attrezzature tecniche e selezione di attrezzature per un bagno turco

Illuminazione e ventilazione. Naturalmente, tutti gli apparecchi che entrano nel bagno turco devono essere resistenti al calore e all’umidità e avere un rivestimento di alta qualità. È ragionevole rendere automatizzato il sistema di ventilazione, poiché la cosa più preziosa nell’hammam è il vapore umido, con il quale “combatte” la ventilazione. Una cappa attiva aumenterà anche il consumo di energia per riscaldarsi. Pertanto, la circolazione dell’aria dovrebbe essere minima (1–2 m3/ ora ad una frequenza di almeno 1,5), ma allo stesso tempo è efficace rimuovere l’umidità dopo una procedura da bagno. Un deumidificatore per saune e bagni se ne occuperà.

È sempre piacevole avere a che fare con invenzioni antiche: in esse ogni cosa è pensata nei minimi dettagli e elaborata alla perfezione. L’hamam, o bagno turco, è un’eccellente illustrazione di questo argomento. Creato oltre 2000 anni fa, rimane un esempio dell’efficacia della medicina “alternativa” e del miglioramento della salute..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy