Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Sezioni dell’articolo



Ti offriamo istruzioni dettagliate su come realizzare un tavolo scorrevole da solo senza accessori speciali. Il suo dispositivo è molto tecnologicamente avanzato; puoi montarlo in un paio d’ore, risultando in un tavolo da pranzo stabile e solido con un design estetico moderno..

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Descrizione della struttura della tabella

Per la fabbricazione del tavolo andranno i truciolari laminati di 16 mm di spessore di fabbrica. Puoi scegliere il colore e la trama come desideri; nella versione presentata, le aree scure sono realizzate in wengè testurizzato, quelle chiare in vaniglia liscia. Tutte le parti hanno incolla le estremità della carta ad eccezione del piano del tavolo: il bordo esterno è realizzato con nastro in PVC da 2 mm.

Le gambe del tavolo sono piuttosto voluminose e sono assemblate da quattro doghe che formano un astuccio vuoto. Le quattro gambe sono unite attraverso una cornice che nasconde i dettagli degli interni. All’interno, il telaio ha due montanti trasversali e longitudinali, che conferiscono ulteriore rigidità ed eseguono una serie di funzioni aggiuntive.

Il piano del tavolo è pieghevole e scorrevole. Una volta piegato, il piano di lavoro è quasi a filo con la scatola. Se si sposta il tavolo a parte e si aggiunge un inserto centrale, il piano del tavolo sporge 225 mm sopra la scatola lungo i bordi corti. Il design non utilizzava speciali dispositivi di sollevamento e scorrimento, le parti da tavolo sono installate su guide dei cassetti ad estensione completa, le parti sono unite mediante perni e chiavistelli a molla.

Analisi dettagliata di dettagli e accessori

Puoi saperne di più sul design del tavolo secondo il progetto PRO100. Nel frattempo, descriveremo l’elenco di parti e accessori che devono essere acquistati. Se il tavolo è realizzato in un unico colore, sarà necessario un po ‘meno di un foglio di truciolare laminato del formato 2750x1830x16 per tagliarlo. Per ora, diamo un’occhiata all’elenco delle parti:

  • 100×730 mm – 16 pezzi di assi per la realizzazione di gambe. Bordo su un lato lungo ed entrambi i lati corti.
  • 984×150 e 784×150 mm – due per ogni parte per formare una scatola. Solo un lato corto senza bordo.
  • 968×70 e 768×70 mm – anche due pezzi per i ponticelli della scatola. Bordi senza bordi.
  • 120×70 mm – quattro piccoli inserti per fissare il piano del tavolo alle guide. I bordi potrebbero non avere.

Avrai anche bisogno di tre coppie di parti 50×50 mm per installare i morsetti che tengono insieme le parti del piano del tavolo, ne parleremo durante la descrizione del processo di assemblaggio.

L’elenco dei raccordi è anche abbastanza modesto:

  1. Conferma 45mm – 54 pezzi;
  2. Angolo di collegamento in plastica con spina – 32 pezzi;
  3. Guide telescopiche a estensione completa 40 cm – 4 pezzi;
  4. Morsetti per porte a rulli – 6 pezzi;
  5. Tassello in legno – 6 pezzi;
  6. Perno per mensola – 6 pezzi;
  7. Vite autofilettante 3×13 mm – 100 pz.

Tavolo scorrevole Rally

Cominciamo ad assemblare la tabella dal piano del tavolo. I bordi dovrebbero convergere a filo senza il minimo accenno di spostamento. Al fine di escludere i turni, il posizionamento dei pannelli viene effettuato utilizzando i perni dei supporti dei ripiani. Seleziona una delle metà larghe (esterne) del piano del tavolo e sulla sua estremità interna, che ha un bordo di carta, segna il centro dei tre fori con un punteruolo e una pinza – 150 mm da ciascun bordo e esattamente al centro, posizionando 8 mm dal bordo dell’angolo.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Praticare fori 0,5 mm più piccoli del diametro dei perni.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Inserire i perni affondando completamente il colletto centrale. Per garantire che i perni non cadano, rivestire ciascuno di essi con colla per gomma.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Ora è necessario contrassegnare e praticare i controfori. Innanzitutto, uniamo le ampie parti del piano di lavoro. Per fare questo, adagiarli su una superficie piana e sostenerli sui lati con due doghe.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Premendo saldamente le sponde laterali, battere le due metà l’una contro l’altra con una piccola oscillazione, mentre le ammaccature dei perni rimarranno sul lato opposto. Premerli al centro con un punteruolo e praticare dei fori, il cui diametro sia esattamente uguale allo spessore dei perni.

Il pezzo centrale si adatta allo stesso modo. Da un lato, vengono trasferiti anche i segni dai pin. D’altra parte, il lavoro diventa più complicato: è necessario inserire temporaneamente i perni nei fori della seconda metà larga, trasferire i segni e praticare un foro di 0,5 mm in meno rispetto al diametro dei perni, quindi metterli sulla colla.

Per mantenere uniti i controsoffitti, è necessario installare i supporti delle porte. La difficoltà qui è che il chiavistello con rulli caricati a molla è fissato al piano di una delle parti da unire, mentre è necessario un elemento aggiuntivo per la linguetta. Pertanto, ai bordi confinanti di una metà del piano del tavolo e dell’inserto centrale, è necessario fissarlo sui tasselli con una distanza di 5 mm dal bordo lungo un piccolo blocco, al termine del quale viene avvitata la linguetta:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Installiamo tre lingue su ciascun lato.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Successivamente, uniamo le metà esterne del piano del tavolo il più strettamente possibile e fissiamo i fermi. In questo caso, è necessario tirare leggermente indietro il corpo del fermo (di 1,5-2 mm) in modo che nella posizione chiusa il piano del tavolo subisca una leggera tensione, dopodiché i punti per avvitare le viti sono contrassegnati da un punteruolo.

Dopo aver installato i fermi su due metà larghe, installiamo i fermi sul segmento centrale. Il risultato è il seguente schema di connessione:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Montare le gambe

È molto facile montare le gambe del tavolo. Le quattro assi sono semplicemente arrotolate in una scatola quadrata. Per facilitare l’attività, è possibile creare il seguente dispositivo:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

L’essenza qui è estremamente semplice: un fermo longitudinale è avvitato all’estremità di un foglio di truciolare, una barra di arresto incrociata viene premuta al centro. Una delle assi è distesa con l’estremità non tagliata verso se stessa, l’altra è posizionata sul bordo con l’estremità non ritagliata rivolta verso l’alto.

Usando una pinza, segnare 8 mm dal bordo del pezzo, 100 mm dai bordi e esattamente al centro della tavola posizionata verticalmente. Successivamente, con un trapano sotto la conferma, perforiamo l’assemblaggio risultante in tre punti e serriamo le piastre con conferma. È importante assicurarsi che ciascuna delle assi si sovrapponga all’estremità non tagliata dell’adiacente.

Innanzitutto, consigliamo di creare otto spazi vuoti a forma di L, quindi di collegarli a quattro gambe. Si noti che quando si utilizzano truciolari di diversi colori, le gambe assemblate secondo il motivo “zebra” sembrano molto impressionanti.

Telaio di base

La parte visibile della cornice è molto semplice. Posizioniamo le piastre laterali su un piano piatto e le ruotiamo con conferme ad angolo retto.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Di conseguenza, ottiene la seguente casella:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Ora puoi installare la cornice sul tavolo e posizionare le gambe negli angoli:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Installiamo lunghi distanziatori della scatola, premendoli saldamente contro le gambe. Per non rovinare il lato esterno della scatola, il fissaggio viene eseguito nascosto sugli angoli di plastica.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

È necessario garantire uno spazio minimo tra il distanziatore e il piano del tavolo, per il quale 2-3 strisce tagliate da una bottiglia di plastica sono posizionate sotto la guida.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Completiamo temporaneamente il montaggio del telaio installando entrambi i montanti longitudinali:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Dispositivo a meccanismo scorrevole

Le travi longitudinali della scatola sono progettate per il fissaggio delle guide da tavolo. Ne mettiamo uno piatto, poggiamo l’altro sopra il bordo e lo fissiamo con le viti alla barra longitudinale dall’interno. In questo caso, devi allungare completamente la guida e posizionarla in modo che il bordo esterno non raggiunga un po ‘l’angolo che contiene la scatola e la traversa:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Con questa disposizione, il fermo del binario incorporato eviterà che le parti del meccanismo si colpiscano. Quando la guida inferiore è fissa, estraiamo quella che è stata posizionata sotto di essa e la fissiamo dall’alto nello stesso modo, ma nella direzione opposta dell’apertura:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Ora devi fissare le guide scorrevoli al piano del tavolo. Lo faremo con schede 120×70 mm. Li avviciniamo alla barra di guida estesa e contrassegniamo una linea orizzontale.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Per avvitare la barra sulla parte scorrevole della guida, quest’ultima dovrà essere rimossa. Il binario viene dapprima attaccato ai fori di regolazione verticale ed è impostato esattamente secondo i segni applicati, quindi il fissaggio viene eseguito in tutti i punti rimanenti.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Quando le schede sono avvitate, riportiamo le guide al loro posto, senza confonderle tra loro. Il meccanismo è fissato al piano del tavolo con angoli di plastica, due per ogni piastra.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Completamento dell’assemblaggio

Riportiamo le gambe al loro posto e le colpiamo saldamente nell’angolo della scatola. Fissiamo i montanti trasversali usando angoli di plastica, dopo di che il telaio del tavolo assume un aspetto completo:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Rimane un problema. Il piano del tavolo è molto stretto e quando si tenta di tirare su una delle sue metà, l’intero gruppo scorrerà semplicemente lungo le guide. Per migliorare il meccanismo di lavoro, abbiamo bisogno di soste, le faremo tutte dagli stessi angoli di plastica. Ma prima devi smontare temporaneamente il telaio: svitiamo gli angoli che fissano i montanti longitudinali alla scatola e lo solleviamo facilmente. Esattamente al centro dei lati lunghi, fissare due angoli all’interno:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Successivamente, riportiamo la scatola al suo posto e la fissiamo con le strisce longitudinali. Attacchiamo altri due agli angoli al centro della scatola su entrambi i lati e li attacciamo, ma già al piano del tavolo stesso:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Ora devi assicurarti che il piano del tavolo non si sposti spontaneamente nella posizione aperta. Per fare questo, mettiamo in posizione l’inserto centrale, quindi fissiamo due angoli ad esso, premendoli agli angoli centrali dei fermi fissati sulle pareti della scatola. Si noti che gli angoli sul segmento centrale sono disposti su lati opposti:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Rimanevano piccole cose finali. Scarpiamo generosamente le gambe con tacchi di plastica:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Quindi li riportiamo al loro posto e li fissiamo al telaio. Basta un angolo, perché le gambe sono già saldamente serrate nelle scanalature quadrate tra i montanti del telaio.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Per evitare che le estremità superiori delle gambe sfreghino contro il piano del tavolo, è necessario fornire un piccolo spazio. In questo caso, abbiamo usato le spine dagli angoli:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Complimenti, il tavolo è completamente pronto per l’uso. Per facilitare il trasporto, le gambe possono essere temporaneamente rimosse svitando le viti dagli angoli. In modo che l’inserto del piano del tavolo non si perda quando il tavolo è piegato, può essere inserito all’interno delle parentesi graffe, si adatta in modo meraviglioso ed esce facilmente quando le metà sono allungate completamente.

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Tavolo da pranzo fai da te: esperienza personale
Nuoto per principianti: come respirare e stare sull’acqua con i video